fbpx
lunedì - 26 Febbraio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Immaginate se tutti i funzionari fossero interrogati dai giornalisti in questo modo

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Le derive sanitarie di UE, WEF e OMS

A VISO SCOPERTO con Martina Pastorelli, Alberto Contri e Giovanni Frajese Conduce Matteo Demicheli Le derive sanitarie di UE, WEF (World Economic Forum) e OMS (Organizzazione...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,500IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Un affascinante scambio ha avuto luogo l’altro giorno, durante una conferenza stampa delle Nazioni Unite, tra Xu Dezhi della China Global Television Network e Farhan Haq, vice portavoce delle Nazioni Unite per il Segretario generale, sull’occupazione militare statunitense della Siria. Lo scambio è interessante, sia per il selvaggio pregiudizio pro-USA mostrato da un funzionario delle Nazioni Unite, sia per il modo in cui illustra quanta verità può essere esposta quando i giornalisti fanno quello che dovrebbero fare nella tribuna stampa.

Xu, che in passato ha svolto reportage sul campo in Siria, ha posto ad Haq alcune domande impegnative su un attacco a una base militare statunitense nella Siria orientale la scorsa settimana, che ha ferito diverse truppe americane e ucciso un appaltatore americano. Nella sua risposta, Haq ha affermato in modo estremamente errato che non ci sono forze armate statunitensi in Siria e si è rifiutato di dire se l’occupazione militare statunitense di una parte del paese sia illegale.

Ecco la trascrizione delle Nazioni Unite della  parte fondamentale di questo scambio (grassetto aggiunto da me):

Xu:  Non esorta tutti a rispettare la sovranità e l’integrità territoriale della Siria?

Haq: Certo, questo è un dato di fatto, e ovviamente è importante che la sovranità e l’integrità territoriale della Siria siano rispettate. D’altra parte siete consapevoli della complessità della situazione delle forze straniere, ma chiediamo loro di esercitare moderazione.

Xu: Ma ritiene che la presenza dell’esercito americano in Siria sia illegale o no?

Haq: Non è un problema che stiamo affrontando in questa fase. C’è stata una guerra.

Xu: Ma è così… perché suona molto familiare questa settimana. Si parla molto della Carta delle Nazioni Unite, del diritto internazionale e delle relative risoluzioni. Tuttavia, una presenza basata sul ministero degli Esteri in un altro paese senza invito mi suona come qualcos’altro.

Haq: Lascio a lei la sua analisi. Che c’è… In questa fase non c’è…

XuQual è la differenza tra la situazione in Siria e la situazione in Ucraina?

Haq: Non ci sono  forze armate statunitensi all’interno della Siria. E quindi non ho una… Non è una situazione parallela ad alcune delle altre.

Xu: È sicuro che non ci sia personale militare americano in Siria?

Haq: Credo ci sia attività militare. Ma, in termini di presenza sul terreno in Siria, non ne sono a conoscenza.

Xu: Ok. Cinque membri del servizio americano sono rimasti feriti in quell’attacco. Se non ci fossero membri del servizio americano in Siria, come potrebbero essere feriti? È strano, vero? Dovrei chiederglielo? E a proposito, se sta parlando della risoluzione, il diritto internazionale in questo caso è la risoluzione del Consiglio di Sicurezza 2254 (2015), credo, la quale dice nel suo paragrafo dell’AP [preambolo], “riaffermando il suo forte impegno per la sovranità, l’indipendenza, l’unità e l’integrità territoriale della Repubblica Araba di Siria e per gli scopi e principi della Carta delle Nazioni Unite”.

Haq: Sì. Ne sono consapevole. E come vede, questo è accettato dai membri del Consiglio di sicurezza stesso.

Xu: Sì. Quindi, ancora una volta, tornando alla mia domanda, è illegale avere una presenza in Siria per la base statunitense, secondo la relativa risoluzione che ho appena letto?

Haq: La relativa risoluzione lo richiede e chiediamo a tutti i paesi di rispettarlo. Non andrei oltre in questa fase.

Per essere assolutamente chiari, si tratta di un funzionario delle Nazioni Unite. Haq ha ricoperto la sua attuale posizione di vice portavoce per quasi un decenniorisponde regolarmente alle domande sulla Siria come parte della sua capacità in quella posizione.

Non è un oscuro segreto esoterico che ci sia personale militare statunitense in Siria; è costantemente nelle notizie mainstream. Proprio l’altro giorno il New York Times ha riferito che “l’America ha ancora più di 900 soldati e centinaia di altri appaltatori in Siria”.

Haq o ignorava questo elemento di conoscenza comune estremamente importante e rilevante, o fingeva disonestamente di esserlo. L’interpretazione più caritatevole delle sue azioni in questa conferenza stampa è che sinceramente non sapeva che gli Stati Uniti avessero forze armate in Siria.

Per darvi un’idea, è come essere un funzionario delle Nazioni Unite e rispondere regolarmente alle domande sull’Ucraina da parte della stampa, ma non sapere che la Russia ha invaso l’Ucraina e vi sta combattendo una guerra dall’anno scorso.

Haq è il figlio di un politico pakistano ma parla con un impeccabile accento americano, e le sue acrobazie nell’eludere le domande critiche di Xu sugli Stati Uniti impressionerebbero persino Jen Psaki. La mia parte preferita è quando dice “Lascio a lei la sua analisi”, perché è una deflessione così brillante che può essere usata su qualsiasi domanda scomoda tu possa immaginare (“Signore, come mai in questo momento tiene tra le mani una testa umana mozzata?” “Senta, lascio a lei la sua analisi.”)

Le domande dirette e intellettualmente oneste di Xu sono state tutto ciò che è servito per far sì che Haq si smascherasse come un lacchè svampito dell’impero, e non posso fare a meno di fantasticare su quanto sarebbe meraviglioso il mondo se ciò accadesse di continuo.

Voglio dire, confrontate questo interrogatorio di opposizione con lo spettacolo di merda scoppiato nella tribuna stampa della Casa Bianca all’inizio di questo mese quando Simon Ateba di Today News Africa ha interrotto una stupida apparizione pubblicitaria del cast di Ted Lasso per lamentarsi del fatto che il segretario stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre non lo sollecitava da sette mesi.

L’intero corpo di stampa si è subito lanciato in difesa del funzionario della Casa Bianca nel modo più servile che si possa immaginare, rivoltandosi contro il collega giornalista e dicendo paternalisticamente ad Ateba di stare zitto e di badare alle sue maniere quando ha accusato Jean-Pierre di “prendersi gioco del Primo emendamento.”

Reporter di piattaforme immensamente influenti come Reuters, AP e CNN hanno gridato ad Ateba urlandogli “Abbi rispetto!” e “Attento alle buone maniere”, con una donna che ha persino gridato “Decoro!” a squarciagola come un bambino sconvolto. Zeke Miller di AP si è persino scusato per lo “spettacolo” di Ateba, dicendo: “Voglio solo esprimere a nome della stampa le nostre scuse alle persone che guardano da casa per lo spettacolo che abbiamo visto prima”.

Quelli sono il tipo di servili leccapiedi che isolano l’addetto stampa dell’ufficio governativo più potente di questo pianeta. Immaginate cosa accadrebbe se la stampa si opponesse a Jean-Pierre come Xu Dezhi lo ha fatto con Farhan Haq delle Nazioni Unite. Immaginate quali contraddizioni potrebbero essere esposte, quali ipocrisie illuminate, quali domande scomode ripetute fino ad ottenere una risposta utile.

Invece abbiamo il governo più potente del mondo rappresentato da persone le cui uniche caratteristiche sono la capacità di evitare abilmente di fornire risposte significative, ricevendo bavose leccate di culo da compari adoratori del potere che non vogliono altro che essere loro amici. Questo è l’esatto opposto di una sana dinamica e l’esatto opposto di una stampa libera che funziona.

Non dovrebbe essere necessario un giornalista dei media statali cinesi per fare domande scomode sul governo più potente e distruttivo della terra; i giornalisti occidentali dovrebbero fare di tutto per fare queste domande, perché è quello che dovrebbe essere il loro lavoro. Il fatto che ciò non avvenga dimostra che la stampa libera è stata sostituita dalla propaganda e la responsabilità è stata sostituita dal cieco servizio del potere.

L’autore:

Fonte originale: https://caitlinjohnstone.substack.com/p/imagine-if-all-officials-were-interrogated

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

India: orme di antichi ‘dei’ venuti dal cielo?

India: orme di antichi ‘dei’ venuti dal cielo? Ne è convinto un geologo indiano La mitologia indiana tramanda che le divinità Rama e Lakshmana, trascorsero...

Ambasciatori Usa convocati

Tutti gli ambasciatori a WashingtonPosted: 8 febbraio 2011 by neovitruvian in Ambasciatori, Hillary Clinton, QDDR 4A quanto pare, con una mossa senza precedenti, quasi tutti gli ambasciatori degli Stati Uniti delle varie...

CONDIZIONI DI VITA IN IRAQ: UNA TRAGEDIA CRIMINALE di Ghali Hassan

alla tragedia in corso del popolo iracheno. In aggiunta, la storia dovrà riconoscere che il popolo iracheno, da solo, ha resistito alle sanzioni da genocidio e...

Stato di polizia ad alta produttività

​“Non possiamo consentire alla piazza di fare delle scelte che deve fare la politica “ esclama il ministro Cancellieri durante il proprio intervento al...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube