domenica - 29 Gennaio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Jacques Vallée: alla ricerca di fenomeni aerei non identificati e “futuri impossibili”

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,200IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

IL 17 APRILE 2013, ai partecipanti a un evento TEDx organizzato in modo indipendente a Ginevra, in Svizzera, è stato offerto uno sguardo a un futuro apparentemente impossibile.

Presentato sotto il tema “eCulture 360° and Wikinomics”, l’evento ha offerto qualcosa di unico anche a un raduno di alcuni dei più rinomati relatori internazionali di scienza e tecnologia: gli organizzatori lo hanno definito un “TEDx con l’opportunità di incontrare Jacques Vallée , uno dei fondatori di ARPANET, la prima versione di Internet.”

La conferenza di Vallée all’evento, intitolata “The Age of Impossible: Anticipating Discontinuous Futures”, ha parlato di come la velocità con cui la tecnologia moderna accelera abbia portato a eventi che sarebbero sembrati impossibili a molte persone solo anni prima che si verificassero. Con esempi che vanno dal crollo della General Motors nel 2009 al ruolo di Bernie Madoff nella crisi finanziaria del 2007-2008, Vallee ha presentato quella che ha definito una “Tipologia dell’impossibile” imperniata su quattro tipi principali di scenari: eventi che si sono intensificati troppo rapidamente , convergenze di “scenari a bassa probabilità”, eventi che sembrano violare le attuali norme culturali e, infine, scenari che implicano la comparsa di un “concetto completamente alieno all’interno di una particolare cultura”.

“Ci sono molte cose nella nostra cultura odierna che si adattano a quel modello”, ha detto Vallée a un certo punto durante il discorso, mentre descriveva casi storici in cui cose che sembravano inimmaginabili in un momento successivo sono diventate norme tecnologiche. Tali cose, ha detto Vallee, “sono possibili, ma non possiamo immaginarle. Il pubblico non è consapevole che possono essere fatti. La storia fornisce molti esempi e Internet stesso è un esempio di qualcosa che era inimmaginabile”.

Dopo aver discusso il proprio ruolo nell’aiutare a creare ARPANET, Vallée ha continuato a condividere molti altri esempi della storia recente in cui si sono verificati progressi scientifici imprevisti, apparentemente inaspettati.

“E infine”, ha detto lo scienziato, senza mai mostrare un cambiamento nel suo tono misurato e nel suo comportamento, “il Pentagono non poteva immaginare che oggetti veloci, irregolari, mobili e ovali nel cielo fossero qualcosa di diverso da illusioni mentali, e loro…” Dopo una breve pausa, ha aggiunto Vallée in modo criptico, “e puoi compilare le risposte nei prossimi anni”.

Nonostante il suo successo come venture capitalist e “co-creatore di Internet”, la maggior parte dei partecipanti all’evento TEDx del 2013 a Ginevra era probabilmente a conoscenza di ciò per cui Vallée è meglio conosciuto: i suoi decenni di coinvolgimento nello studio di fenomeni aerei non identificati . Da giovane scienziato informatico e astronomo negli anni ’60, Vallee non solo ha lavorato al fianco dell’astronomo della Northwestern University J. Allen Hynek, il consulente scientifico ufficiale del Project Blue Book dell’aeronautica americana, ma è anche autore di Anatomy of a Phenomenon, uno dei primi libri popolari scritto sull’argomento UFO da uno scienziato professionista. Sebbene non abbia mai pronunciato nessuno dei nomi popolari o delle abbreviazioni per il fenomeno, era ovvio a cosa avesse alluso Vallee durante questo breve riferimento di sfuggita agli “oggetti ovali” durante il suo discorso.

Almeno a quel tempo, ciò che non era stato così ovvio era il motivo per cui Vallée si riferiva specificamente al rapporto del Pentagono con l’UAP, né perché una serie di eventi futuri apparentemente impossibili potessero verificarsi coinvolgendo questo argomento “nei prossimi anni”.

LA CHIAMATA DEL DR. VALLÉE è arrivato prima di quanto mi aspettassi.

La voce dello scienziato, addolcita dall’età ma ancora risonante con il francese che ha imparato da giovane a Pontoise prima di emigrare in America molti decenni fa, era inconfondibile per me, avendola ascoltata in molte interviste e documentari nel corso degli anni. Vallée, che ora ha 83 anni, è un uomo il cui lavoro nello studio di fenomeni aerei non identificati è solo un dito sul guanto del suo impressionante curriculum, che copre decenni di lavoro in astronomia, fisica, informatica e capitalismo di rischio.

Come dimostra la sua partecipazione all’evento TEDx nel 2013, si potrebbe effettivamente sostenere che Vallée sia in parte responsabile della creazione di Internet, anche se l’affabile francese è modesto su questo punto, quasi fino al midollo. Questo è stato evidente quasi subito, quando abbiamo iniziato la nostra discussione, e non ho perso tempo a parlare dell’intervento a Ginevra e di alcuni degli intriganti accenni che aveva fatto in quell’occasione.

“Ho assistito allo sviluppo e al dispiegarsi di numerose tecnologie”, mi ha detto Vallée durante la nostra telefonata. “Molto spesso succede che viene fatta una scoperta, tutti concordano sulla sua importanza, la gente scrive articoli e così via. E poi scompare”.

Vallée
Vallée con il collaboratore e collega autore Chris Aubeck (Credit: Chris Aubeck).

“Sapete, Arpanet è stato sostanzialmente morto per un po’ di tempo”, ricorda Vallée dopo aver lavorato al progetto decenni fa. “Finché [la] National Science Foundation non ha raccolto i finanziamenti, pensando che ci sarebbero state diverse Internet”. Inizialmente per una semplice questione di contabilità, la NSF ritenne che sarebbe stato più facile finanziare tre progetti distinti, che studiavano l’uso di reti attraverso le quali i computer potessero connettersi per comunicare.

Poi l’hanno ripresa dal Dipartimento della Difesa ed è diventata Internet, come la conosciamo ora”.

Vallée ha offerto diversi esempi simili di predecessori di Internet, non tutti innovazioni americane, un punto che Vallée ha sottolineato quando è tornato al nostro argomento di maggiore interesse reciproco: L’UAP.

“Quando di recente ho assistito alle riunioni del Congresso, si è parlato solo di casi americani”, ha detto Vallee. “E tra i casi americani, si parla solo di casi militari. Posso dirvi, avendo sviluppato molti database nel corso degli anni, che gli Stati Uniti sono meno del 2% della superficie abitabile della Terra”, ha detto Vallée.

“Quindi, se si tratta di extraterrestri, che ne sarà del restante 98%?”.

Il percorso che ha portato Vallée nella tempesta dello studio dei fenomeni aerei non identificati è lungo e risale ai suoi primi anni a Pontoise, quando il mondo era ancora in guerra.

“Ci sono cose che non si dimenticano”, ha detto Vallée durante la nostra telefonata, descrivendo i suoi ricordi di quando, all’età di cinque anni, vide gli aerei americani abbattuti sopra la sua città.

“Ricordo di aver visto l’equipaggio che si lanciava con il paracadute e i tedeschi che gli sparavano addosso”.

Nel 1945 la guerra era terminata, anche se il timore di un ritorno del conflitto era presente in alcune parti d’Europa. A nord, le segnalazioni di “razzi” fantasma su Paesi come la Svezia nell’estate del 1946 facevano supporre che i sovietici stessero conducendo dei test, magari con una nuova arma aerea segreta che avevano sottratto ai tedeschi. L’anno successivo, un nuovo tipo di paranoia sarebbe esploso oltreoceano, quando i giornali americani furono inondati da storie di “dischi volanti” visti sfrecciare nei cieli, soprattutto nello spazio aereo intorno a siti importanti per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Nell’autunno del 1954, mentre l’ondata di avvistamenti di strani oggetti stava raggiungendo il picco del Nord America, la Francia stava avendo il suo torrente di segnalazioni di fenomeni simili. Grandi giornali come L’Aurore e France-Soir pubblicavano quasi quotidianamente storie su oggetti volanti non identificati, e Vallée iniziò a raccogliere ritagli di storie come quelle di Marius Dewilde, un ferroviere che descrisse la sua osservazione di una coppia di minuscoli “robot” accanto a una macchina oscura appoggiata sui binari del treno.

I rapporti sembravano incredibili, e avrebbero potuto benissimo rimanere tali se non fosse stato per quello che accadde l’anno successivo nel maggio 1955, quando Vallée ebbe il suo avvistamento.

“Mia madre l’ha visto per prima”, ricorderà in seguito dell’incidente. Stava lavorando in giardino quando Vallée, allora sedicenne, la sentì urlare per lui e suo padre. Vallée si fece strada dalla soffitta dove si trovava la falegnameria di suo padre, e scese tre rampe di scale appena in tempo per osservare un oggetto metallico a forma di disco “con una bolla trasparente in cima” mentre si librava sopra la vicina chiesa di Saint- Malou.

Pontoise
Una veduta moderna di Pontoise con la Cathédrale Saint-Maclou visibile in lontananza (Credit: Rozinante/CC BY-SA 4.0).

Nonostante la disapprovazione del padre, Vallée mantenne il suo interesse per questi insoliti oggetti aerei. “Mi sono reso conto”, avrebbe scritto in seguito nel suo diario, “che mi sarei vergognato per sempre della razza umana se avessimo semplicemente ignorato la ‘loro’ presenza”. Il giovane francese iniziò a istruirsi sull’argomento leggendo le opere di Aimé Michel, uno dei primi seri ricercatori francesi a intraprendere lo studio di insoliti fenomeni aerei. È stato un interesse che ha mantenuto durante gli anni dell’università, completando la laurea in matematica all’Università di Parigi nel 1959 e ricevendo la laurea specialistica presso l’Università di Lille Nord de France due anni dopo. Nel 1961, Vallée era impiegato presso l’Osservatorio di Parigi come astronomo con il suo servizio satellitare artificiale, inseguendo oggetti spaziali attraverso i teodoliti di notte.

“Ingenuamente, ho iniziato a lavorare qui con grande entusiasmo, supponendo che saremmo stati impegnati in una vera ricerca”, ricordava Vallée dei suoi anni all’osservatorio. “Non è quello che ho trovato.” Nel luglio del 1961, lui e gli altri astronomi ricordarono alcuni casi in cui osservarono oggetti che passavano sopra di loro che non potevano identificare. “La mattina dopo”, ha ricordato di un incidente, il suo superiore “ha semplicemente confiscato il nastro e l’ha distrutto”. Vallée ha chiesto perché non avevano inviato queste informazioni apparentemente importanti insieme ai loro normali dispacci su nastro Telex agli ufficiali della Marina degli Stati Uniti a Parigi.

“Gli americani riderebbero di noi”, lo derise il suo superiore.

Dopo essersi stancato degli atteggiamenti prevalenti a Parigi, nel 1962 Vallée era emigrato negli Stati Uniti, lavorando prima presso l’Università del Texas, Austin, come ricercatore associato in astronomia, e successivamente per un breve periodo presso l’Osservatorio McDonald, dove ha contribuito a compilare la prima mappa informativa del pianeta Marte con il collega astronomo francese Gérard de Vaucouleurs. Tuttavia, nell’estate del 1963, Vallée guardava avanti a nuove opportunità, una delle quali arrivò in seguito a un incontro a settembre con l’astronomo J. Allen Hynek, presidente del dipartimento di astronomia della Northwestern University, che aiutò il giovane scienziato a trovare lavoro come analista di sistemi. nel campus. Hynek, all’epoca consulente scientifico dell’indagine sugli UFO del Progetto Blue Book della US Air Force, era un alleato naturale; non solo avrebbe servito come mentore per Vallée, che ha continuato a ricevere il suo dottorato di ricerca. dall’istituzione nel 1967, ma per anni i due rimarranno stretti colleghi nel perseguimento del reciproco interesse.

Una foto non datata dell’astronomo J. Allen Hynek e Jacques Vallée (di pubblico dominio).

Tuttavia, alla fine degli anni ’60, sembrava evidente che le opinioni scientifiche sull’argomento UFO negli Stati Uniti avessero finalmente cominciato a inasprirsi, nonostante gli sforzi di Hynek, Vallée e una fitta rete di scienziati affini che esaminavano il problema. Entro la fine del 1968, l’UFO Project dell’Università del Colorado, uno studio finanziato dall’aeronautica americana guidato dal fisico Edward U. Condon, aveva fornito i suoi risultati; in una sintesi introduttiva al lungo rapporto, Condon ha scritto che “nulla è venuto dallo studio degli UFO negli ultimi 21 anni che ha aggiunto alla conoscenza scientifica”, aggiungendo che “un ulteriore studio approfondito degli UFO probabilmente non può essere giustificato nell’aspettativa che la scienza sarà così avanzata”.

Vallée, riflettendo sullo studio di Condon durante la nostra telefonata, ha ricordato la sua incredulità quando ha sentito per la prima volta le sue conclusioni.

“È un capitolo interessante della scienza”, ha detto. “O del fallimento della scienza”.

A quel punto Vallee era già tornato in Francia. Mentre lui, sua moglie Janine e il loro figlio Oliver si stavano ambientando di nuovo in Europa, Vallée stava tranquillamente riadattando il suo approccio alla questione UFO.

“Una volta tornato in Francia, in un certo senso, è servito a darmi lo spazio per ripensare a ciò che avevamo fatto”, mi ha detto Vallée. “Insomma, sapevo che il Comitato Condon era uno scherzo… e che la scienza era da un’altra parte. Così mi ha costretto a pormi alcune domande fondamentali che non mi sarei posto se fossi rimasto alla Northwestern”.

“Così ho pensato: da dove viene tutto questo?”.

Vallée iniziò a frequentare le vecchie librerie parigine, acquistando rari testi storici e primi trattati di scienze. Una domanda interessante aveva cominciato a formarsi nella sua mente, come annotò in un diario il 29 ottobre 1967: What about the forgotten accounts of Little People, of Elementals, of Leprechauns? If these beings are part of the same phenomenon we see now, what does that mean for their nature? Are we necessarily dealing with extraterrestrials?

“Ho scoperto che il fenomeno è sempre stato lì”, dice Vallée dei suoi anni trascorsi a estrarre osservazioni di insoliti fenomeni aerei da testi che risalgono all’antichità classica. “Certo, lo stanno descrivendo nella lingua del tempo”, osserva, “ma stanno descrivendo qualcosa che è molto, molto simile a quello che ottengo dai testimoni oggi”.I frutti di tali riflessioni culminarono nel fondamentale lavoro di Vallée del 1969,  Passport to Magonia, ampiamente considerato come uno dei suoi primi lavori più influenti e, paradossalmente, lo sforzo che lo ha reso un paria agli occhi di molti dei suoi colleghi ufologici.

“All’inizio, è stato completamente rifiutato.” dice, ricordando una rivista di UFO che presentava la sua somiglianza poco dopo la pubblicazione di Magonia , accompagnata dal titolo “Vallée è andato fuori di testa”. Oggi Vallée ride dei rimproveri che ha ricevuto dai suoi coetanei, e noto un pizzico di nostalgia per quei primi lavori dietro la risatina secca che emerge. “Forse la verità era nel profondo.”

NEL CORSO DEI decenni successivi, Vallée avrebbe continuato a sfidare l’ipotesi extraterrestre favorita in particolare tra i ricercatori americani sugli UFO. Parallelamente a questo impegno, la sua carriera professionale lo ha portato a lavorare con l’Institute for the Future a metà degli anni ’70, dove ha lavorato come ricercatore principale al progetto di rete informatica della National Science Foundation che ha dato origine a una delle prime iterazioni di ARPANET sistema di conferenza. Nel decennio successivo, Vallée sarebbe stato coinvolto nel venture capital, prima come partner di Sofinnova, per poi passare a diventare un socio accomandatario in diversi fondi della Silicon Valley, compreso il suo coinvolgimento negli investimenti privati ​​oggi.

Con il fiorire della sua carriera professionale, Vallée non ha mai perso di vista il suo fascino per gli strani fenomeni aerei. È autore di una serie di follow-up di Magonia sul tema degli UFO negli anni ’70 e ’80, ognuno dei quali continua a basarsi sulla premessa che il fenomeno potrebbe essere molto più complesso di quanto offrirebbero le opinioni convenzionali sugli UFO. Il suo lavoro pionieristico ha continuato ad attirare l’attenzione lungo la strada, fungendo anche da ispirazione per Claude Lacombe, uno scienziato francese interpretato dall’attore François Truffaut nel film classico di Stephen Spielberg  Incontri ravvicinati del terzo tipo. 

Lacombe
L’attore François Truffaut in Incontri ravvicinati del terzo tipo di Stephen Spielberg (fair use).

Negli anni ’90, Vallée ha scritto una trilogia di libri incentrati sulle prospettive del contatto alieno. Tuttavia, ha sempre mantenuto una sana distanza dal trarre conclusioni su ciò che potrebbe rappresentare qualsiasi tecnologia esotica dietro gli UFO. Fu anche durante questo periodo che Vallée iniziò a lavorare con il National Institute for Discovery Science (NIDS) dello sviluppatore immobiliare Robert Bigelow, uno sforzo di ricerca scientifica finanziato privatamente che ha esaminato gli UFO e i fenomeni correlati.

Nel luglio 2014, Vallée ha presentato un documento al seminario internazionale GEIPAN a Parigi, Francia, intitolato “Fenomeni aerei non identificati: una strategia per la ricerca”, offrendo sia un’istantanea di ciò che aveva appreso sulla complessità del fenomeno in diversi decenni di studio , così come quello che credeva potesse essere un percorso verso una ricerca futura più fruttuosa.

“Dopo anni di argomentazioni ideologiche basate su dati aneddotici, il campo della ricerca sugli UAP sembra essere pronto a emergere in una fase più matura di studi affidabili”, ha scritto Vallée nell’abstract del documento. Citando il crescente interesse scientifico per gli UAP in tutto il mondo, basato in parte su documenti che trasmettono un interesse militare ufficiale per questi fenomeni, lo scienziato ha sostenuto che il percorso da seguire richiederà l’analisi di dati concreti, abbinati a studi teorici intelligentemente informati.

“Senza giudicare in anticipo l’origine e la natura dei fenomeni, si aprono una serie di opportunità di indagine”, ha scritto Vallée, avvertendo che “tali progetti devono generare nuove ipotesi e testarle in modo rigoroso rispetto ai rapporti accumulati da migliaia di osservatori”.

Il problema era che nel 2014, nonostante l’esistenza di diversi importanti cataloghi indipendenti contenenti informazioni su incidenti storici, non esisteva un’unica raccolta di rapporti UAP affidabili – un database centralizzato, in altre parole – su cui tali studi potessero fare affidamento. Questo era stato parte di ciò che aveva spinto Vallée a mettere insieme un tale database per NIDS, lavoro che sarebbe poi proseguito mentre gli sforzi di Bigelow si spostavano fuori dal settore privato e nel mondo ufficiale come parte del Programma di applicazione dei sistemi di armi aerospaziali avanzati della Defense Intelligence Agency ( AAWSAP).

Vallée
(Credito: Jacques Vallée/fair use)

“Negli Stati Uniti il ​​National Institute for Discovery Science (“NIDS”) e la Bigelow Aerospace Corporation hanno avviato una serie di cataloghi speciali per salvaguardare i propri rapporti da fonti pubbliche e dal proprio personale”, ha scritto Vallée nel suo articolo del 2014, aggiungendo che gli era stato chiesto di sviluppare un data warehouse UAP contenente 11 database individuali.

“Il progetto è noto come ‘Capella’”, ha affermato.

Secondo le diapositive che accompagnano la presentazione di Vallée del 2014, il progetto Capella si è concentrato su diverse aree che andavano dai modelli che emergono dai dati UAP alla possibile fisica alla base del fenomeno e del suo impatto sugli esseri umani.

Durante la nostra chiamata, Vallée ha parlato candidamente del progetto e di ciò che spera possa ancora essere utilizzato per raggiungere.

“Esiste un tale database. È quello che abbiamo costruito come parte del progetto AATIP/BAASS a Las Vegas”, mi ha detto Vallée. Comprendendo circa 260.000 casi provenienti da paesi di tutto il mondo, lo scienziato ha affermato durante la nostra chiamata che il database Capella è stato uno dei principali punti focali del programma.

“Contrariamente a quanto si crede, [Capella] è la parte più grande del budget che è stato speso per il progetto classificato”, ha detto Vallée. Ciò includeva il pagamento delle traduzioni dei rapporti sugli incidenti dal russo, spagnolo, portoghese e molte altre lingue in inglese e la fornitura di finanziamenti per i team che hanno condotto ulteriori ricerche in loco.

“È stato un grande sforzo per due anni”, ha detto Vallée, anche se ha aggiunto che in realtà “probabilmente sono stati inseriti nel database quasi cinquanta o sessant’anni di lavoro”. Sebbene Capella costituisca quello che è probabilmente il più vasto database contenente informazioni su UAP mai costruito, non aspettarti di vederlo presto; rimane classificato come parte dei dati sviluppati nell’ambito del programma AAWSAP della DIA gestito da James Lackatski tra il 2008 e il 2010.

“Il database è ancora classificato, per quanto ne so”, ha detto Vallée durante la nostra chiamata, spingendomi a chiedere se una così vasta quantità di informazioni storiche sull’argomento UAP non dovrebbe essere resa pubblica.

Parlando con The Debrief nel dicembre 2021, Mark Rodeghier, Ph.D., direttore del J. Allen Hynek Center for UFO Studies e collega di lunga data di Vallée, ha espresso frustrazione per le precedenti dichiarazioni fatte da Colm Kelleher, Ph.D., un altro degli scienziati che hanno lavorato al programma AAWSAP, che hanno notato che gran parte dei dati AAWSAP probabilmente rimarranno classificati.

“Voglio dire, non è scoraggiante, deludente e ridicolo?”, ha detto Rodeghier a The Debrief . “Non si tratta di come ottenere un missile ipersonico. Sono indagini sugli UFO. Come si può classificare a questo punto? E la risposta, ovviamente, è che non dovrebbe essere classificata adesso”.

Durante la nostra telefonata, Vallée ha espresso sentimenti simili a quelli di Rodeghier, sebbene abbia anche difeso l’attuale status segreto di Capella a causa di alcune delle informazioni che protegge.

“Hai ragione”, mi ha detto Vallée. “Questo è il genere di cose che dovrebbero essere accessibili alla scienza”, pur aggiungendo che “sarà accessibile a persone altamente competenti che possono continuare a guardarle sotto la corretta classificazione”.

“Penso che sia adeguatamente classificato”, ha aggiunto Vallée, “perché contiene molti dati medici che dovrebbero essere privati”. Tuttavia, ha affermato di ritenere che nel tempo forse alcune porzioni possano essere “sanificate” per il rilascio al pubblico, “in modo da non invadere la privacy delle persone che hanno segnalato tali cose, in particolare i loro dati medici. Non è classificato per nessun motivo militare o di intelligence, per quanto ne so”, ha detto Vallée. “Ma non faccio più parte del progetto.” Vallée ha notato che anche lui non ha più accesso a Capella, anche se diversi suoi colleghi di lunga data che lavorano ancora nel governo lo fanno.

“Sono molto orgoglioso di aver lavorato su questo”, ha detto Vallée. “Probabilmente è il punto più alto nello studio al computer degli UFO finora.”

“Ma come sappiamo, il ‘punto massimo di innalzamento‘ andrà ancora più in alto dopo questo.”

NONOSTANTE IL PROPRIO LIVELLO di coinvolgimento con gli studi governativi sull’UAP, così come il livello di interesse generato dai video di oggetti non identificati raccolti dall’esercito americano – la cui esistenza aveva accennato a Ginevra lo stesso Vallée già nel 2013 – l’83enne il vecchio scienziato non tiene ancora necessariamente i dati UAP militari in maggiore considerazione rispetto a quelli raccolti dai civili. “I casi militari nei database che conosco sono meno del dieci percento in ogni paese”, ha detto Vallee durante la nostra chiamata. “Sono davvero bravi perché i militari hanno il radar. Hanno, ovviamente, aerei che possono inseguire gli oggetti… piloti che sono molto ben addestrati e molto ben posizionati per dare una descrizione.

“Questi sono rapporti eccellenti”, ammette Vallée. “Ma che dire del contadino nel campo, che vede [un oggetto] vicino a sé, e ha tracce e materiali? Che ha avuto reazioni fisiologiche?”

“E quei casi?” lui chiede. “Sono pieni di informazioni.”

L’apprezzamento di Vallée per le informazioni UAP raccolte da fonti non governative è particolarmente evidente nel suo ultimo libro, Trinity: The Best-Kept Secret , scritto insieme alla giornalista italiana Paola Leopizzi Harris. In esso, svelano la storia di due uomini, Jose Padilla e Reme Baca, che affermano di aver assistito allo schianto di un aereo insolito vicino a San Antonito, nel New Mexico, nell’agosto del 1945. Padilla, che divenne un agente di polizia dello Stato in Rowland Heights, in California, sosteneva che da bambini lui e Baca avevano visto un grande oggetto grigio opaco a forma di avocado – insieme ai suoi frenetici occupanti – dove apparentemente si era schiantato vicino al ranch della sua famiglia. L’oggetto, dicono, è stato poi recuperato dai militari.

Vallée
Vallée mentre conduceva ricerche sul campo nel New Mexico prima della pubblicazione di Trinity: The Best-Kept Secret (Credit: Jacques Vallée).

In una seconda edizione del libro recentemente aggiornata, Vallée e Harris presentano ulteriori testimonianze che hanno raccolto sul presunto incidente, che include un’osservazione dell’incidente ricordata dalla famiglia del tenente colonnello William J. Brothy, che all’epoca aveva pilotato un B-25 in una missione di addestramento. Secondo Brothy, lui e il suo equipaggio avevano sorvolato il sito e hanno ricordato: “C’erano molti pezzi”.

In Trinity, Vallée sottolinea quelle che ritiene siano innegabili somiglianze tra le descrizioni dell’incidente del 1945 e l’ atterraggio di un UAP nel New Mexico osservato dall’ufficiale di polizia Lonnie Zamora nel 1964. Poi, l’anno successivo, un altro incidente sorprendentemente simile si verificò vicino a Valensole, in Francia, coinvolgendo il osservazione ravvicinata di un’imbarcazione atterrata e del suo apparente pilota o occupante.

“C’è un caso a Valensole, in Francia, e il caso a Socorro. L’oggetto è identico all’oggetto Trinity”, ha detto Vallée. “E gli [occupanti] sono identici alle creature che il signor Padilla mi sta descrivendo al Trinity, che ha visto.”

“Sono stato coinvolto in Socorro e sono stato coinvolto in Valensole. Questi sono casi che conosco molto bene”, ha detto Vallée, aggiungendo che Trinity contiene nuove informazioni sul caso Socorro, una volta indicato da Hector Quintanilla , direttore del Project Blue Book dell’US Air Force al momento dell’incidente, come “il miglior caso documentato mai registrato.

Oggi, gran parte della ricerca di Vallée si concentra sulla raccolta e lo studio di campioni di materiale che si ritiene siano stati raccolti da UAP. Rispetto al suo lavoro precedente, che sfidava le nozioni popolari sugli extraterrestri associati all’UAP, questo potrebbe sorprendere i seguaci di lunga data del lavoro dello scienziato. Per Vallée, tuttavia, è solo la fase successiva nei molti decenni che ha trascorso lavorando per risolvere il mistero.

“È tutta una cosa”, ha detto Vallée durante la nostra chiamata. “Il primo libro che ho scritto è stato Anatomy of a Phenomenon, che… ho preso come uno studio dell’intelligenza extraterrestre in generale, e pensavo che gli UFO illustrassero l’idea della vita altrove e dell’intelligenza altrove… questo è sicuramente il punto da cui siamo partiti .”

“Poi, quando ho iniziato a lavorare con il dottor Hynek, e ho iniziato a lavorare con—a quei tempi si chiamavano solo ‘cataloghi di computer’, non era degno di database o data warehouse—ma quei cataloghi contenevano migliaia di casi. Il mio primo catalogo completo è stato donato al Comitato Condon dell’Università del Colorado, quando hanno realizzato lo studio finanziato dall’Air Force.

“Il che”, fa notare Vallée, “con mia sorpresa, ha concluso che il problema non esisteva. Quindi, abbiamo fatto molta strada da quello. Dato il suo livello di coinvolgimento nel lavoro per risolvere la questione dell’UAP – uno sforzo che ora abbraccia più di sei decenni, compreso il suo coinvolgimento nelle indagini ufficiali sull’UAP del governo in diversi paesi e l’aver scritto alcuni dei libri più popolari mai scritti sull’argomento – forse il La cosa più sorprendente espressa da Vallée durante la nostra discussione sono state le sue previsioni su come pensa che il suo lavoro sarà ricordato dalle generazioni future.

“Penso che tutto ciò che ho fatto, e tutto ciò che hanno fatto i miei contemporanei, sarà dimenticato”, ha detto, rispecchiando le sue osservazioni sull’invenzione, e la successiva reinvenzione, di tante altre innovazioni scientifiche nel corso del tempo, non da ultimo tra loro il World Wide Web.

“E poi, tra qualche anno, sarà reinventato da, sai, persone fantastiche a Stanford e Harvard in un modo nuovo”, mi dice, accompagnato dalla caratteristica risata che ormai mi aspettavo dopo uno dei suoi risposte spiritose.

“È sempre così che funziona la scienza.”

 

 

 

Micah Hanks

Da The Debrief

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

L’inaspettato interesse di Carl Gustav Jung per il fenomeno UFO

Pare che Carl Gustav Jung, il celebre psicanalista svizzero allievo di Sigmund Freud, fosse molto interessato al fenomeno UFO dal punto di vista professionale,...

Le e-mail trapelate di Podesta e gli UFO: l’urgenza di divulgare la verità

Un estratto dell'articolo di Linda Moulton Howe pubblicato su NEXUS New Times n. 125 (disponibile in edicola o nel nostro shop). Buona lettura.Domenica 16...

GLI UFO E IL BLACKOUT DEL 1965 SULLA COSTA ORIENTALE

Nel novembre del 1965, la costa orientale degli Stati Uniti fu colpita da un misterioso blackout elettrico. Milioni di persone rimasero al buio per...

Alcune riflessioni sulla teoria del superspettro di John Keel

In questo articolo prenderemo in considerazione la teoria del superspettro di John Keel, il fondatore insieme a Jacques Vallée della “new ufology”. In tale...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube