fbpx
lunedì - 17 Giugno, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

La BBC News filma ‘per errore’ un’irrorazione militare di scie chimiche

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La cronaca di Akakor

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Il prestigioso network televisivo BBC News, in un suo recente servizio sulla vicenda dell’aereo della Malaysian Airlines dirottato e scomparso, durante un’intervista condotta a bordo di un aereo militare impegnato nelle ricerche, ha ripreso, probabilmente non di proposito, un dispositivo che,applicato all’ala dell’aereo, emette una densa irrorazione bianca. Il video del servizio è consultabile su Youtube a questo indirizzo: http://youtu.be/_KEYzvUzMbI

Le riprese, piuttosto chiare ed eloquenti, hanno subito suscitato sul web una lunga serie di polemiche e di dibattiti, tutt’ora ampiamente in corso. Mentre gli osservatori più attenti e preparati hanno potuto rilevare nel filmato un classico dispositivo di irrorazione chimica durante la fase di pieno utilizzo, i soliti detrattori del fenomeno (sul quale non è superfluo ricordare che vige in Italia e in molti altri paesi dell’area NATO il Segreto di Stato) si sono prontamente arrampicati sugli specchi, avanzandole teorie più disparate pur di negare l’evidenza. E, fra queste ultime, la più utilizzata è quella del fuel dumping, un’operazione di rilascio del combustibile in eccesso. Secondo certi detrattori (in realtà disinformatori di professione che operano sul web a tempo pieno in qualità di influencers),quella mostrata dal video non sarebbe quindi che una banale operazione di fuel dumping.

Un’ipotesi che però non sta in piedi e che si smonta facilmente, come ha evidenziato Gianni Lannes, che del fuel dumping ci fornisce una spiegazione tecnica:

«Il fuel dumping è una manovra d’emergenza con la quale, in caso di necessità, può essere rilasciato il combustibile in eccesso prima di effettuare un atterraggio. La manovra non viene effettuata in nessun caso in condizioni ordinarie e viene utilizzata esclusivamente in situazioni di reale pericolo. In genere il fuel dumping viene effettuato immediatamente dopo il decollo nel caso l’aeromobile dovesse riatterrare qualora si fosse effettuato un guasto che non permettesse di proseguire la manovra di decollo. A pieno carico infatti in caso di un atterraggio da effettuare immediatamente dopo il decollo, quando i serbatoi del cherosene sono ancora pressoché pieni e il peso eccessivo dell’apparecchio potrebbe causare un cedimento strutturale dei carrelli, si effettua la manovra del fuel dumping. In genere gli aeromobili attrezzati per il fuel dumping sono di grandi dimensioni, mentre quelli di piccole e medie dimensioni, nei quali il peso massimo al decollo non differisce eccessivamente dal peso massimo all’atterraggio, non vengono dotati di un sistema di questo tipo. A partire dagli anni sessanta tutti gli aeromobili nei quali il peso massimo al decollo differisce per più del 5% da quello all’atterraggio devono essere dotati,secondo la vigente normativa rilasciata dal FAA, di un sistema per il rilascio del combustibile in volo».

Si può quindi escludere che quella evidenziata dal filmato sia stata una banale operazione di fuel dumping, che sarebbe stata del resto assurda per un volo militare in fase di ricognizione. Non esiste alcuna ragione, infatti, per cui un aereo militare debba disfarsi in volo del proprio carburante. E, in ogni caso, i dispositivi di fuel dumping non vengono posizionati sulle ali e il carburante non è di colore bianco!

Di cosa, quindi, si sarebbe trattato? Per usare le parole diGianni Lannes, dell’ennesimo caso di chemioterapia bellica di massa, a base di alluminio, bario, stronzio e polimeri artificiali.

Articolo di Nicola Bizzi

Fonte: signoraggio.it

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Netanyahu è andato in segreto a Mosca per poche ore

Il gabinetto del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha riconosciuto che ha visitato segretamente Mosca all’inizio di questa settimana. Inizialmente,...

Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente

VERSO LA GUERRA MONDIALE: CHI TACE ACCONSENTEdi Massimo Mazzucco www.luogocomune.net Se nel prossimo futuro il mondo sarà travolto da una guerra devastante, innescata dall’attuale “questione iraniana”,...

UNO SLAVO E IL SUO PRESIDENTE di Nikola Duper

Lettera aperta a Giorgio NapolitanoEgregio Signor Presidente, Il prossimo...

OBBLIGAZIONI E VASELLINA di Eugenio Benetazzo

Lo avevo già predetto nel Maggio del 2006, il miglior investimento per gli anni a venire sarebbe stato l'acquisto di azioni di società che...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube