fbpx
lunedì - 17 Giugno, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

La Casa Bianca ha rilasciato 935 dichiarazioni false in due anni da News.com

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La cronaca di Akakor

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

209334575_175628d7ed_oDA NEWS.COM

Secondo uno studio di due organizzazioni no profit, il presidente Usa George Bush e altri alti funzionari hanno rilasciato quasi 1000 dichiarazioni false sulla minaccia alla sicurezza nazionale rappresentata dall'Iraq dopo gli attacchi dell'11 settembre.

La Associated Press ha riferito che lo studio, pubblicato sul sito Web del Centre for Public Integrity, ha concluso che le dichiarazioni “erano parte di una campagna orchestrata che ha efficacemente galvanizzato l'opinione pubblica e, con ciò, portato la nazione in guerra con dei pretesti palesemente falsi”.

Secondo lo studio 935 false dichiarazioni sono state rilasciate dalla Casa Bianca nei due anni successivi agli attacchi dell'11 settembre 2001.

In discorsi, briefing e interviste, il presidente Bush e altri funzionari hanno affermato “inequivocabilmente” in almeno 532 occasioni che l’Iraq aveva legami con al Qaeda, o aveva armi di distruzione di massa o stava cercando di ottenerle.

“È ormai fuori discussione che l'Iraq non possedesse alcuna arma di distruzione di massa o avesse significativi legami con al Qaeda”, hanno scritto gli autori dello studio Charles Lewis e Mark Reading-Smith.

“In breve, l'amministrazione Bush ha portato la nazione in guerra sulla base di informazioni erronee che sono state metodicamente propagate e che sono culminate in una azione militare contro l'Iraq il 19 marzo 2003”.

Lo studio ha scoperto che il solo presidente Bush ha reso 259 dichiarazioni false– 231 sulle armi di distruzione di massa e 28 sui legami dell'Iraq con al Qaeda.

Gli altri funzionari citati nello studio sono il vicepresidente Dick Cheney, l'allora consigliere per la sicurezza nazionale Condoleezza Rice, l'allora segretario alla difesa Donald Rumsfeld, l'allora segretario di Stato Colin Powell, il vice segretario alla difesa Paul Wolfowitz i portavoce della Casa Bianca Ari Fleischer e Scott McClellan.

 

dod0405

 

 

 

WarCardChart

 

[Sopra: Powell e Rumsfeld. Sotto: il numero di dichiarazioni false per mese tra l' Ottobre 2001 e l'Agosto 2003 (cliccare per ingrandire)]
“L'effetto cumulativo di queste false dichiarazioni–amplificato da migliaia di servizi giornalistici e trasmissioni–è stato enorme, e la copertura mediatica ha generato un muro di suono praticamente impenetrabile per molti dei mesi critici nell'avvicinamento alla guerra”, conclude lo studio.

“Alcuni giornalisti–e di fatto persino alcune organizzazioni giornalistiche–hanno poi riconosciuto che la loro copertura durante quei mesi precedenti alla guerra era sin troppo acritica e deferente. Nonostante questi mea culpa, gran parte della onnicomprensiva copertura mediatica ha fornito un'addizionale convalida ‘indipendente’ delle false affermazioni dell'amministrazione Bush sull’Iraq”

Titolo originale: " George Bush and White House issued 935 false statements after September 11"

Fonte: http://www.news.com.au/
Link
23.01.2008

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da ALCENERO

Fonte: comedonchisciotte.net

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

La nuova dittatura spegne la tv di stato greca

Nell'immagine sotto: una dipendente dell’emittente pubblica greca Ert ad Atene, l’11 giugno 2013. Sul balcone c’è scritto: “Via la giunta, Ert non chiude”. (Yorgos...

I grandi boss digitali si preparano alla grande politica

Facebook e Youtube, i due grandi Social Network che “autodichiarano” di aver superato la mitica soglia del miliardo di membri, stanno ovviamente modificando alcuni...

Come Larry Fink di Blackrock ha creato la crisi energetica globale

La maggior parte delle persone è sconcertata da quella che è una crisi energetica globale, con i prezzi del petrolio, del gas e del...

Bad Cat: il nuovo libro per ragazzi di Philip Osbourne

Bad Cat, il nuovo libro per ragazzi di Philip Osbourne edito da Nexus Edizioni, sta per uscire... Nella trepidante attesa proponiamo ai futuri lettori un...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube