fbpx
domenica - 21 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

La fine di Bakhmut

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

“ROMANCE” (1986)

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

L’Ucraina è vicina alla ritirata da Bakhmut. Questo potrebbe accadere in qualsiasi momento ora, ma deve accadere abbastanza velocemente prima che le vie di uscita vengano chiuse. Le previsioni di un orario variano, ma gli ucraini dovrebbero evacuare Bakhmut non più tardi del fine settimana, ammesso che possano farlo.

Ci sono ancora un paio di strade aperte per uscire dalla città, rese in parte sicure dagli attacchi dell’esercito ucraino ai lati della città. Ma queste strade e questi campi non rimarranno disponibili se le forze della Wagner affluiranno rapidamente. 

Lunedì notte le forze della Wagner hanno preso d’assalto e conquistato le due parti più fortificate e difendibili dell’area della Cittadella della città, respingendo gli ucraini nell’ultima parte della Cittadella, che è principalmente costituita da edifici bassi. Questi saranno difficili da tenere.

Ci sono anche combattimenti intorno a una parte del settore nord-occidentale della città, dove gli ucraini stanno resistendo all’ospedale pediatrico (da tempo evacuato dai pazienti). Lo scopo delle forze ucraine è di conservare quest’area per mantenere aperta la strada fuori città in quella direzione e per distogliere le forze della Wagner dal prendere il controllo dell’intera Cittadella troppo velocemente.

Gli ucraini potrebbero negoziare un ritiro sicuro con i russi, ma è improbabile che il presidente Volodmyr Zelensky lo permetta. Inoltre, le cosiddette fughe di notizie sulle comunicazioni del boss della Wagner Yevgeny Prigozhin con l’intelligence ucraina – sebbene le abbia smentite accanitamente – rendono quasi impossibile per la Wagner fare accordi con i loro nemici ucraini.

L’oligarca russo Yevgeny Prigozhin fa il suo discorso di reclutamento Wagner ai criminali condannati. Immagine: screengrab / YouTube

La battaglia per Bakhmut è la battaglia di Zelensky, perché ha richiesto che il suo esercito rimanesse lì e combattesse anche dopo che i suoi comandanti gli avevano detto che era troppo costoso e non valeva la pena subire perdite inutili. La battaglia ha infuriato per otto o nove mesi e, in una certa misura, ha causato grosse perdite da entrambe le parti. Recentemente i suoi massimi comandanti hanno rilasciato dichiarazioni secondo cui ne è valsa la pena. È probabile che Zelensky abbia richiesto queste dichiarazioni di sostegno.

La grande domanda è: quale sarà la prossima mossa? I russi potrebbero usare le loro forze per spostarsi verso Chasiv Yar e respingere l’esercito ucraino verso il fiume Dnepr. Il Dnepr è assolutamente strategico per l’Ucraina. Se i russi riescono a raggiungere le sue sponde, l’Ucraina sarà tagliata a metà.

Gli ucraini devono stare attenti a montare la loro grande offensiva pianificata ma non ancora eseguita perché, se lasciano aperta la loro porta sul retro, i russi hanno forze sufficienti per gestire un’offensiva e per spostarsi verso Chasiv Yar e oltre. C’è il pericolo che l’esercito ucraino possa essere intrappolato da nord e da sud e non essere in grado di ottenere una svolta che potrebbe giustificare il tentativo di un’offensiva mirata alla regione di Kherson o alla regione di Zaporizhzhia o persino alla Crimea.

La risposta degli Stati Uniti e della NATO è quella di riempire l’Ucraina di tonnellate di armi moderne, alcune delle quali i russi stanno facendo esplodere prima ancora che si avvicinino a un campo di battaglia. Ma la forza lavoro rimane il tallone d’Achille dell’Ucraina. Sta diventando sempre più difficile per l’Ucraina reclutare soldati o giovani dragoni in servizio. Ciò si moltiplicherà non appena il pubblico ucraino conoscerà il pieno impatto della sconfitta di Bakhmut.

Il comandante in capo Valery Zaluzhny (a destra) con il colonnello generale Aleksandr Syrskyi. Foto: Forze armate ucraine

Anche la leadership dell’esercito ucraino è in dubbio. Il suo capo supremo, il generale Valery Zaluzhny, sembra essere scomparso. E così anche il generale Aleksandr Syrskyi, comandante delle forze di terra ucraine. Non ci sono risposte ma molte voci.

Si dice che Zelensky abbia intrapreso il suo tour europeo mentre l’opposizione militare veniva eliminata. Un’altra voce è che questi due generali fossero coinvolti nella corruzione e siano stati catturati. Una terza è che entrambi siano stati uccisi in un attacco missilistico.

Se l’offensiva pianificata viene ritardata perché i leader dell’esercito sono stati uccisi, per qualsiasi motivo, allora Zelenskyj dovrà affrontare problemi enormi.

Un problema chiave per comprendere la guerra in Ucraina è l’affidabilità delle fonti di informazione, un problema legato al fatto che entrambe le parti sono specializzate in disinformazione e fake news. Ciò detto, le informazioni finora giunte da Bakhmut sono confermate. Le voci sul destino dei generali ucraini non lo sono.

Fonte: https://asiatimes.com/2023/05/ukrainians-are-organizing-retreat-from-bakhmut/

L’autore: Stephen Bryen è senior fellow presso il Center for Security Policy e lo Yorktown Institute

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

DIAGNOSI CON BIO-SCANNER: IL FUTURO È GIÀ QUI

Come funziona il bio-scanner di ultima generazione ESO-MED 8G per la diagnosi delle neoplasie Per uno strano caso, a distanza di un giorno, ho accompagnato...

IL TEMPO È SCADUTO

“Sono tutte fandonie, queste! Bella verità! Come se qualcuno volesse sostenere che basta sussurrare una formula magica perché i fiumi tornino agili indietro, il...

Bush: quello che serviva all’America era una “nuova Pearl Harbour” di John Pilger

I suoi scopi dichiarati sono diventati spaventosamente realtà. ...

Mandibola di 110.000 anni fa

La scoperta in Cina di una mandibola umana di 110.000 anni sconvolge le attuali teorie. Una mandibola umana fossile scoperta nella Cina meridionale sta rivoluzionando...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube