venerdì - 2 Dicembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

La Finlandia riporta che quasi il 40% dei “decessi per Covid” era fraudolento

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Il Grande Incendio di Londra – Cui prodest?

Sono passati ormai 353 anni dal Grande Incendio di Londra, un incendio che ha causato la distruzione di 436 acri di Londra, tra cui...

Sull’immigrazione

La guerra elettrica

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,850IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

La Finlandia è diventata uno dei primi paesi a scoprire prove che le agenzie statali di tutto il mondo hanno commesso frodi nella denuncia dei decessi Covid durante la pandemia.

Il travolgente rapporto fa luce su come le agenzie di salute pubblica di tutto il mondo abbiano gonfiato i “decessi correlati al Covid” al fine di promuovere l’isteria di massa.

Secondo Sirkka Goebeler, specialista capo presso l’Istituto finlandese per la salute e il benessere (THL), il Covid-19 non è stata la vera causa di morte fino al 40% dei decessi attribuiti alla malattia in Finlandia. Di conseguenza, non verranno inseriti nei dati ufficiali di Statistics Finland come decessi per coronavirus.

Come afferma il rapporto finlandese, “l’unità di Goebeler esamina tutti i certificati di morte finlandesi prima che vengano inoltrati all’ufficio statistico statale. L’unità si concentra sui certificati di morte correlati al coronavirus in cui il medico curante ha elencato Covid come causa di morte primaria o contribuente”.

“Martedì il conteggio THL dei decessi correlati al Covid era di 6.407, ma tale cifra include tutti i decessi che si sono verificati entro 30 giorni da un test positivo per il coronavirus”, continua il rapporto. “Secondo Goebeler, in quasi 4.000 di questi casi, il Covid è elencato come causa di morte primaria o immediata. In quasi 1.600 casi, il coronavirus è elencato come un fattore che contribuisce”.

“In circa 900 casi inizialmente registrati come decessi correlati al Covid, i certificati di morte effettivi non contengono alcuna indicazione di infezione da coronavirus “, aggiunge il rapporto.

Il rapporto finlandese conferma inoltre le denunce degli analisti statistici e degli esperti di salute pubblica secondo cui durante la pandemia non c’è stata la dovuta differenziazione tra i decessi per Covid e i decessi con Covid. Ci sono prove che negli Stati Uniti la fusione sia stata deliberata al fine di promuovere e perpetuare uno stato di preoccupazione pubblica.

I più evidenti segnali di allarme erano che circa il 95% dei decessi per Covid presentava molteplici comorbidità gravi e l’età media della morte era intorno all’aspettativa di vita. Le statistiche del CDC mostrano che il 95% dei decessi correlati al Covid elenca una media di 4 comorbidità, mentre il 5% elenca il Covid come l’unica causa nota di morte. Tali comorbidità includono malattie cardiovascolari (10,5%), diabete (7,3%) e cancro (5,6%). L’età media dei decessi correlati al Covid è di 77 anni.

Anche con la massiccia confluenza, ora in fase di correzione in Finlandia, i decessi legati al Covid si attestano solo allo 0,084% della popolazione mondiale, che è relativamente lieve rispetto ad altre grandi pandemie globali. Gli statistici finlandesi hanno spiegato perché la modalità ufficiale comune di riportare i decessi per Covid era altamente imperfetta.

“Le cifre che finiscono come parte dei confronti internazionali possono includere, ad esempio, casi in cui un paziente ha avuto un grave infarto prima o dopo essere stato infettato dal coronavirus e alla fine muore a causa di insufficienza cardiaca”, osserva il rapporto. “La malattia di accompagnamento del Covid può essere molto lieve e quindi non elencata come causa di morte”.

Nelle prime fasi della pandemia, la metrica basata sull’intervallo di tempo di 30 giorni era più utile, secondo Goebeler. Anche allora, c’erano relativamente pochi falsi positivi. L’età media dei deceduti dopo i test positivi al coronavirus è salita dalla scorsa primavera da 84 a 85. L’età media per gli uomini è di 81 anni, mentre per le donne è di 87.

“La maggior parte dei decessi ora si verifica alla fine del ciclo di vita naturale”, ha affermato Goebeler. “Si possono contare sulle dita di una mano il numero di pazienti sotto i 60 anni che sono morti esclusivamente di Covid dallo scorso marzo”, ha aggiunto.

Come riportato in precedenza, la coordinatrice della pandemia di Covid sotto l’amministrazione Trump, la dott.ssa Deborah Birx, ha ammesso nel suo libro “Silent Invasion: The Untold Story of the Trump Administration, Covid-19, and Preventing the Next Pandemic Before It’s Too Late” che avrebbe “nascosto” i dati che venivano inviati agli stati per guidare le loro risposte al Covid.

“La nostra routine di scrittura di rapporti del sabato e della domenica è diventata presto: scrivi, invia, rivedi, nascondi, invia nuovamente”, scrive Birx. “Fortunatamente, questo trucchetto strategico ha funzionato.”

In un lampante esempio del nascondere dati fraudolenti alla luce del sole, la dott.ssa Birx ha effettivamente ammesso che gli Stati Uniti stavano esagerando i tassi di mortalità legati al Covid.

“Quindi, penso che in questo paese abbiamo adottato un approccio molto liberale alla mortalità”, ha affermato Birx in una conferenza stampa dell’aprile 2020. “Ci sono altri paesi che se si ha una condizione preesistente e, diciamo, il virus ti fa ricoverare in terapia intensiva e poi si manifesta un problema al cuore o ai reni, alcuni paesi lo registrano come un problema al cuore o ai reni e non una morte COVID-19. In questo momento lo stiamo ancora registrando. E noi, voglio dire, la cosa grandiosa è di avere forme che arrivano e una forma che ha la capacità di contrassegnarla come infezione da COVID 19. L’intento in questo momento  che, se qualcuno muore con COVID 19, lo consideriamo come una morte a causa del COVID 19″.

Un giornalista ha giustamente obiettato: “Può esserne sicura? Voglio dire, ha sentito dai coroner che non è necessariamente così o è sicura? Come può esserne sicura?”

Era una domanda appropriata all’epoca. La risposta è semplice: gli esperti di salute pubblica stavano intenzionalmente cercando di favorire uno stato di panico durante la pandemia di Covid. Gli “esperti” hanno truccato il dibattito sul Covid e il pubblico americano ora chiede trasparenza.

 

Fonte originale: elamerican.com

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

La cura definitiva – di Davis Fiore

Lo studio di Cameron era una bottega degli orrori. Era solito operare così: dava un po' di anestetico e il paziente cadeva nel torpore,...

Salute e alimentazione for Dummies

Dopo la serie di articoli "for dummies" di Gabriele Sannino pubblicati su PuntoZero, Economia for dummies, Terrorismo for dummies e Alieni for dummies, volti...

Tremate, tremate, i vaccini sono tornati!

La recente campagna di intimidazione nei donfronti dei medici che criticano o quanto meno obiettano una maggiore prudenza nei confronti delle vaccinazioni pediatriche ha...

Psichiatria al veleno

Le diagnosi di disturbi mentali si affidano a criteri discutibili, e in genere i trattamenti richiedono l’uso di almeno un pericoloso psicofarmaco, per il...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube