fbpx
lunedì - 17 Giugno, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

La follia di marzo

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La cronaca di Akakor

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

La Febbre di Febbraio diventa la Follia di Marzo: le dimissioni di massa dei banchieri continuano senza sosta

Articolo di Madison Ruppert per Wake Up World [http://wakeup-world.com]
Traduzione e riadattamento di Jacopo Castellini

Il mese scorso, avevo fatto qualche considerazione in merito al crescente numero di dimissioni dai vertici di istituzioni finanziarie in tutto il mondo e, con mia sorpresa, il fenomeno non è affatto cessato.
All'epoca, pubblicammo una lista di 40 dimissioni, ma ora il numero è schizzato incredibilmente a ben 450. La lista include i principali ruoli dirigenziali in ogni istituzione finanziaria, dai fondi di risparmio ai fondi pensione, fondi azionari, fondi sovrani, banche, organi d'investimento.
La grande domanda, tuttora sospesa, è: perché?

Ad oggi nessuno è in grado di fornire una risposta, se non a livello di semplici speculazioni.
Una delle dimissioni più recenti è quella di Tarek Amer, amministratore delegato della Banca Nazionale dell'Egitto. Amer ha annunciato che lascerà il suo attuale incarico alla fine del 2012, secondo il settimanale egiziano Al Ahram. Degno di interesse il fatto che non abbia ricevuto offerte da nessun altra banca ed abbia rifiutato di rivelare le motivazioni delle sue dimissioni. Sembra che Amer avesse rassegnato le proprie dimissioni per iscritto nel Febbraio 2011 ma non sarebbero state accolte.
Negli stessi giorni, anche Jonathan Moulds, del ramo britannico della Bank of America Corporation, annunciava le proprie dimissioni. Oltre a Moulds, anche Andrea Orcel ha dato le dimissioni dal medesimo istituto, per approdare ai vertici della svizzera UBS.
Moulds si occupava del controllo del debito e di vendite di capitali e commerciali in Europa e in Asia, oltre ad avere un ruolo importante nella creazione di pratiche di negoziazione dei derivati e nella loro vendita nel mondo. Anche in questo caso, non vi sono chiare motivazioni che giustifichino la sua scelta.
Lo stesso giorno in cui Moulds annunciava le dimissioni, lasciava il suo incarico anche Bert Tippen, capo dell'ufficio investimenti del Fondo Pensione Nedlloyd
Sempre nello stesso giorno, il 22 Marzo 2012, prendeva la stessa decisione anche Neil Rogan, capo dell'azionariato globale alla Henderson Investors.
Il 21 marzo, ugualmente, non si erano avute meno di cinque dimissioni. Tra queste, il capo dei servizi azionari globali del Royal Bank of Scotland Group, Gregory Wagner; Mike Muller, dirigente regionale per l'Ontario e l'Antartico della National Bank Financial canadese; John Botham, il capo dell'azionariato europeo di Arviva Investors; Eric Dean, il capo del servizio informativo della Liquidity Services Inc.; e Wolfgang Hammes, co-presidente di Deutsche Bank AG.

La natura misteriosa e repentina di queste dimissioni è molto interessante e ci spinge a chiederci che cosa ci sia sotto. Forse sanno qualcosa che noi non sappiamo? Stanno preparando qualcosa o cercando di limitare le proprie perdite? Sfortunatamente, ne sappiamo così poco che è difficile fare delle ipotesi e se affermassi di conoscere la reale motivazione di questi accadimenti, affermerei il falso.
Esiste una pagina Facebook che sta seguendo le dimissioni di massa, che io vi incoraggio a visitare per seguire in modo aggiornato la lista di dimissioni delle principali figure all'interno di istituzioni finanziarie, governi e grandi aziende. [http://www.facebook.com/MassResignations]

L'Autore
Madison Ruppert è autore e redattore del sito di informazione alternativa End The Lie [http://endthelie.com] e non ha alcuna affiliazione con ONG, partiti politici, dottrine economiche o altre organizzazioni e cause. È disponibile per interviste in podcast e via radio. Se avete domande, commenti od accorgimenti, sentitevi liberi di contattarle all'indirizzo [email protected]

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

CARTOLINE DAL FUTURO – IV CONVEGNO DI NEXUS 2007

NEXUS New Times presenta CARTOLINE DAL FUTURO  Etica, scienza e tecnologiadel Rinascimento prossimo venturo IV Convegno Nazionale Domenica 18 Novembre 2007 Abano Terme (PD) Teatro Congressi Pietro D'Abano Largo Marconi, 16 www.abanocongressi.com Tel. 049...

L’analisi dei risultati delle elezioni europee in Italia

A circa una settimana dal voto per l’elezione dei deputati al parlamento europeo riflettiamo su questi risultati. È stato detto tutto? I media di...

POPULISMO O LEGITTIMA DIFESA? di Paolo Cortesi

Non avevo mai visto la gente fare la coda per firmare una proposta di legge. Ho visto, molte volte, sparuti gruppetti di militanti...

Tra Hillary e Trump vincerà… Mike Pence

I media occidentali sono talmente ingolfati nel seguire l'altalenante vicenda di Donald Trump, che si sono dimenticati di dare un'occhiata da vicino al suo...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube