fbpx
giovedì - 25 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

La guerra per procura in Sudan

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Chi è, cosa ha fatto e cosa sta facendo Donald Trump

Adesso è il momento giusto per tutti di capire cosa sta facendo Donald Trump e di provare a decifrare l'ambiguità di come lo sta...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Mentre la guerra nello Yemen finisce o comincia a finire, una nuova guerra sta iniziando in Sudan. Ciò che accomuna i due conflitti sulle sponde opposte del Mar Rosso è che entrambi sono in gran parte guerre per procura, in cui l’intervento esterno (soprattutto dal Golfo) gioca un ruolo importante.

È stato all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti che il segretario di Stato americano Anthony Blinked si è rivolto per sollecitare maggiori sforzi per riportare la calma e fermare la guerra scoppiata sabato tra i due acerrimi alleati: il generale Abdelfattah al-Burhan e il suo vice generale Mohamed Hamdan Dagalo (Hemedti). Quest’ultimo ha raggiunto il suo grado elevato senza frequentare alcuna accademia militare o civile, ma grazie alla sua leadership dei 100.000 elementi dell’RSF, forze di supporto rapido (milizia) – note per il loro record di omicidi e repressioni (in Darfur) – e la sua acquisizione di enormi quantità d’oro rubato.

Ci sono stati diversi indizi sulle alleanze delle parti che si contendono il potere in Sudan e sull’identità dei loro sostenitori esterni.

In primo luogo, l’attacco delle RSF al personale egiziano di stanza alla base militare di Merowe, nella quale molti elementi delle RSFerano stati detenuti, implica che l’Egitto sia accusato di sostenere Burhan e l’esercito regolare che comanda.

In secondo luogo, i forti legami tra Hemedti, che controlla il commercio e le miniere d’oro del Sudan, e il gruppo russo Wagner. Gli Stati Uniti hanno fatto pressioni su Burhan per espellere il gruppo sulla base del fatto che è un partner nell’estrazione e nella vendita di questo oro utilizzandone i proventi per finanziare la guerra della Russia in Ucraina, e che è una punta di diamante dell’influenza russa in Africa ponendo le basi per l’istituzione di una base militare russa in Sudan.

In terzo luogo, gli Emirati Arabi Uniti sono diventati il ​​più grande investitore esterno in Sudan. Pochi giorni fa ha acquistato oro sudanese per un valore di 1,5 miliardi di dollari, che Hemedti controlla, oltre a milioni di ettari di terreno agricolo. Le due parti sono evidentemente molto vicine. L’RSF di Hemedti ha combattuto a fianco degli Emirati Arabi Uniti e dell’Arabia Saudita nella guerra in Yemen, inviandovi migliaia dei suoi combattenti.

In quarto luogo, la posizione saudita rimane poco chiara e oscillante tra le due parti. Un fattore complicato è che i rapporti dell’Arabia Saudita sono tesi sia con l’Egitto che con gli Emirati Arabi Uniti, i principali sostenitori delle parti rivali in guerra. È stato notato che gli Emirati Arabi Uniti hanno inviato un consigliere presidenziale, piuttosto che il suo ministro degli Esteri, alla recente conferenza ministeriale di Jeddah sulla Siria richiesta dal principe ereditario saudita Muhmmad Bin Salman. Anche le relazioni con l’Egitto non sono in ottima forma. Il presidente Abdelfattah as-Sisi ha fallito nella sua breve visita di Ramadan a Jeddah per assicurarsi il rapido pacchetto di aiuti finanziari che stava cercando. Dimostrando la sua neutralità verso l’esterno, per ora, l’Arabia Saudita ha esortato Hemedti e Burhan a incontrarsi a Riyadh e negoziare la fine della loro guerra.

Sulla carta, l’esercito regolare del Sudan è il 75° più potente al mondo, con 205.000 effettivi, 191 aerei da guerra (vecchi) e 170 carri armati. In teoria ciò significa che ha il vantaggio ed è più probabile che sconfigga le forze ribelli di Hemedti. Ma questo è tutt’altro che garantito a fronte del crescente intervento esterno.

Questa guerra può concludersi solo quando una parte batte e schiaccia l’altra, non attraverso mediazioni o appelli eloquenti per un immediato cessate il fuoco. Tutti i segnali indicano che potrebbe prolungarsi e trasformarsi in una guerra civile o interregionale che porterà l’anarchia armata nel Paese.

Se la guerra nello Yemen, che doveva essere risolta in tre mesi, è durata otto anni e la guerra civile libanese si è protratta per quindici, per quanto tempo potrebbe continuare una guerra civile sudanese se scoppiasse?

Sarebbe una prospettiva terribile. Sono già 100 le persone uccise e centinaia i feriti nei combattimenti, molti dei quali civili. C’è da sperare che venga rapidamente concordato un cessate il fuoco. Ma l’allarme e il pessimismo sono giustificati dall’ingerenza degli attori esterni che hanno cospirato per scatenare questa guerra e continuano ad alimentare il fuoco, e dall’aggravarsi dei litigi tra di loro.

L’unico aspetto positivo tra i rapporti contrastanti sull’andamento della guerra è che la brava gente del Sudan non sostiene nessuna delle due parti. Ritengono entrambi responsabili del collasso economico, del crollo della sicurezza, della crescente carestia (un terzo dei sudanesi è al di sotto della soglia della malnutrizione secondo il World Food Programme), e soprattutto della mancata accettazione dell’accordo per trasferire il potere ai gruppi civili che promuovevano la rivoluzione contro il regime militare e i suoi colpi di stato seriali.

Il Sudan è vittima di una grande cospirazione che potrebbe portare a qualsiasi risultato, compresa la partizione o la guerra civile. L’establishment militare è indiscutibilmente responsabile di aver svolto il ruolo più importante nel causare questa calamità. Le lotte di potere tra i suoi generali e comandanti sono guidate da motivi puramente egoistici, senza alcun riguardo per l’unità territoriale del paese o per gli interessi e il benessere della sua popolazione.

Questo è ciò che deriva dalla normalizzazione, e dal grande e truffaldino inganno americano che ha promesso al popolo sudanese prosperità e generosità se Burhan stringe la mano a Benjamin Netanyahu, e Hemedti va strisciante a Tel Aviv e si rivolge ad essa come a uno stato amico che risolverà tutti i problemi del Sudan.

In breve, siamo di fronte a un altro grande disastro architettato da Stati Uniti e Israele con la collusione, consapevole o inconsapevole, dei regimi arabi.

Fonte originale: https://thealtworld.com/abdel_bari_atwan/the-proxy-war-in-sudan?utm_source=substack&utm_medium=email

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Il vento della storia: dal muro di Berlino a Donald J. Trump

La caduta del Muro di Berlino segnava l’alba della Globalizzazione e la fine delle garanzie sociali. Ventisette anni dopo, significativamente nello stesso giorno d’allora,...

La coscienza malata della psichiatria

Fondamenti storici dell’infamia   “Se non la smetti di pensare ti sbattiamo dentro”(1) (V.I. Buzin)   Il potere, da sempre, ha usufruito degli stregoni della psiche per differenziare i...

Zika: analisi di una propaganda

L’allarme dato dall’OMS sulla perniciosità e diffusività del virus Zika, deve destare sospetto negli osservatori più smaliziati e dotati di normali capacità mnemoniche. Non...

Il controllo politico con le armi a energia diretta

Questo testo era stato inizialmente scritto per un webinar del Carnicom Institute tenutosi martedì 31 marzo 2011. (1) Mentre il complesso militare-industriale continua a creare...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube