venerdì - 2 Dicembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

La guerra USA contro Russia e Cina ora è un affare fatto: il capo acquirente di armamenti del Pentagono

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Il Grande Incendio di Londra – Cui prodest?

Sono passati ormai 353 anni dal Grande Incendio di Londra, un incendio che ha causato la distruzione di 436 acri di Londra, tra cui...

Sull’immigrazione

La guerra elettrica

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,850IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Bill LaPlante, il capo acquirente di armamenti del Pentagono (“Sotto Segretario alla Difesa per l’acquisizione e il sostegno”) ha parlato il 4 novembre alla neoconservatrice-neoliberista George Mason University, vicina al Pentagono, e ha annunciato che subito dopo che il prossimo Congresso verrà eletto l’8novembre, l’attuale Congresso voterà a stragrande maggioranza per concedere ai produttori di armi americani gli assegni in bianco che hanno chiesto affinché il governo degli Stati Uniti sconfigga sia il governo cinese (per quanto riguarda Taiwan) che il governo russo (per quanto riguarda l’Ucraina). Era accompagnato lì da James P. Woolsey, il Presidente della Defence Acquisition University, nell’Ufficio Acquisizioni presso l’Ufficio del Sottosegretario alla Difesa, che è anche intervenuto.

Nell’era moderna, l’America usa eserciti per procura e campi di battaglia, come le persone e il territorio di Taiwan e le persone e il territorio dell’Ucraina, invece di fare guerre nel proprio territorio e impiegare soldati statunitensi. Il governo degli Stati Uniti fornisce a questi delegati i prodotti e i servizi dei primi 100 appaltatori della “difesa” degli Stati Uniti, che traggono profitto da queste guerre vendendo al governo degli Stati Uniti e ai suoi governi alleati in tutto il mondo le armi e l’addestramento, per aiutarli a sconfiggere qualunque governo al quale il governo degli Stati Uniti si rivolge per cambiare regime. Questo è il modo in cui l’impero statunitense si diffonde in modo redditizio.

Le stesse truppe americane sono diventate relativamente irrilevanti: invece, sono i produttori di armi che sono il n. 1 – chiaramente il n. 1 – al Dipartimento della “Difesa” degli Stati Uniti. Ecco dove stanno i profitti.

Come ha titolato Joe Gould di Defense News il 7 novembre (poco prima del giorno delle elezioni), “Il Congresso è pronto a sostenere gli acquisti pluriennali di armi, dice LaPlante”, e ha riferito che:

Il principale acquirente di armamenti del Pentagono ha detto che si aspetta che il Congresso approvi nuove autorità e spenda per espandere la produzione di armi degli Stati Uniti in un modo mai visto dalla Guerra Fredda.

Per aiutare l’Ucraina a combattere la Russia e per rifornire gli arsenali statunitensi, il sottosegretario alla Difesa per l’acquisizione e il sostegno Bill LaPlante ha chiesto per diversi mesi al Pentagono di ricevere le amministrazioni aggiudicatrici pluriennali per le munizioni che sono generalmente riservate alle navi della Marina e ai grandi aerei.

In una discussione più ampia alla George Mason University la scorsa settimana, LaPlante ha affermato di ritenere che il Congresso concederà l’autorità e i dollari corrispondenti.

“Sono favorevoli a questo. Ci daranno un’autorità pluriennale e ci daranno finanziamenti per investire seriamente nella base industriale … per finanziare queste linee di produzione”, ha affermato LaPlante venerdì a proposito dei legislatori. “Questo, prevedo, accadrà e sta accadendo ora. E poi la gente dovrà dire: ‘Immagino che fossero seri al riguardo.’ Ma non lo facevamo dalla Guerra Fredda”.

Il mese scorso, i leader della commissione per i servizi armati del Senato hanno presentato un emendamento bipartisan che concederebbe al Pentagono poteri di approvvigionamento in tempo di guerra, consentendogli di acquistare enormi quantità di munizioni ad alta priorità. Il Senato dovrebbe votare il disegno di legge sottostante, il National Defense Authorization Act, questo mese.

Come redatto, l’emendamento consentirebbe al Pentagono di bloccare gli acquisti [con contratti pluriennali anziché solo annuali – spese in tempo di guerra indipendentemente dal fatto che la guerra sia già stata “vinta” o “persa” – profitti garantiti a lungo termine per i fabbricanti della ‘difesa’. …

Nonostante i miliardi di dollari in armi statunitensi inviate in Ucraina negli ultimi mesi, alcune società della difesa hanno affermato che i finanziamenti necessari per aumentare la produzione di armi non si sono concretizzati. LaPlante sembrava sostenere questo punto di vista, affermando che il segnale di partenza per l’industria sarà un’azione contrattuale formale da parte del governo. …

Il Congresso ha già dato il via libera a più di 60 miliardi di dollari in aiuti all’Ucraina, ma il continuo sostegno è diventato un problema nelle elezioni di medio termine negli Stati Uniti, previste per l’8 novembre.

In questo modo, indipendentemente dal fatto che i Democratici o i Repubblicani vincano il medio termine, o di quanto, la spesa per la “difesa” sarà già bloccata almeno per i prossimi anni, in modo che il governo degli Stati Uniti possa fornire alle sue forze per procura, sui campi di battaglia per procura in tutto il mondo, tutto ciò di cui potrebbero aver bisogno per sconfiggere sia la Russia che la Cina. La vittoria è implicitamente prevista contro Russia e Cina nei prossimi anni. Ma anche se per allora non accadrà, gli appaltatori della “Difesa” avranno registrato vendite vertiginose che avranno enormemente arricchito i miliardari americani.

In precedenza, il 17 ottobre, Gould e Bryant Harris, su Defense News, avevano scritto “I legislatori cercano poteri di emergenza per la guerra in Ucraina del Pentagono” e ha riferito che “la legislazione bipartisan introdotta al Senato concederebbe al Pentagono poteri di appalto da tempo di guerra, consentendogli di acquistare enormi quantità di munizioni ad alta priorità utilizzando contratti pluriennali per aiutare l’Ucraina a combattere la Russia e per rimpinguare le scorte statunitensi”. Ha affermato che un Congresso bipartisan stava spingendo il Dipartimento “Difesa” a fornire più armi più velocemente e più a lungo ai ‘procuratori’. “Se il frasario diventasse legge, il Dipartimento della Difesa sarebbe autorizzato a concedere premi non competitivi ai produttori di armi per contratti relativi all’Ucraina, un’idea guidata dalla senatrice Jeanne Shaheen, D-NH e altri 13 senatori. “Non competitivo quindi sarebbe più veloce. Un anonimo “aiutante” del Congresso è stato citato: “Non possiamo scherzare con acquisti a tasso minimo di sostentamento di queste munizioni. È difficile pensare a qualcosa in cima alla lista di tutti come l’acquisto di una tonnellata di munizioni per i prossimi anni, per i nostri piani operativi contro la Cina e continuare a rifornire l’Ucraina”. Ecco cos’è davvero il governo degli Stati Uniti. Tutto il resto è la ciliegina su quella torta. L’intera torta è molto dolce per ‘le persone giuste’.

Si dirà che la spesa interna ha una priorità inferiore rispetto alla “sicurezza nazionale”. Ciò richiederà la massima conformità dei media di “notizie” statunitensi e alleati al fine – nessun media debole, né altri che non siano con il programma – di “giustificare” la conquista straniera al di sopra di tutte le altre priorità del governo statunitense, come ridurre il debito federale, aiutare i poveri, migliorare i sistemi educativi, migliorare e ridurre i costi dell’assistenza sanitaria e così via. Non ci saranno ricompense per i media che non si conformano.

Secondo il dottor LaPlante, tutto questo era già stato cotto nella torta ben prima che fosse servito al pubblico americano per il voto dell’8 novembre. Dopotutto, “la sicurezza nazionale viene sempre prima di tutto”. È semplicemente la cosa “patriottica” da fare: “Proteggi la nazione”. È la cosa redditizia da fare, per le persone “giuste”. E i progetti di legge sono già stati preparati, per essere approvati, qualunque cosa accadrà. È un affare fatto.

La guerra non è stata dichiarata, ma è già stata condotta, nell’attuale modo americano, dalla parte dei miliardari americani, contro i loro obiettivi prescelti, non importa cosa gli elettori o i contribuenti possano pensare o volere.

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Il crescente movimento mondiale contro l’austerità

Amaia Engana non ha atteso di essere cacciata dalla sua casa. Il 9 novembre nella cittadina di Barakaldo, alla periferia di Bilbao nella regione...

Le mani sporche delle camicie bianche

L’ultima faccenda giudiziaria degli amministratori emiliani del PD indagati per mangerie (ma gli amministratori di tutti i partiti che contano sono mediamente così, l’abbiamo...

Trivelle false e botte vere – di Marco Cedolin

In Val di Susa dall’inizio dell’anno si dorme poco, spesso si mangia in piedi e ancor più spesso si vive all’aria aperta, anche...

RAFFICA DI BUFALE SUL CLIMA di Luca Angelini

Ancora proclami inusitati per quanto riguarda l'argomento clima. Qualcuno afferma che i ghiacci artici, alla fine dell'inverno, hanno perso in un solo colpo oltre...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube