fbpx
giovedì - 18 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

La madre di tutte le crisi economiche

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Nudità velate

La cronaca di Akakor

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Nouriel Roubini, ex consigliere del Fondo monetario internazionale e membro del Consiglio dei consulenti economici del presidente Clinton, è stato uno dei pochi economisti “mainstream” a prevedere il collasso della bolla immobiliare. Ora Roubini avverte che l’incredibile quantità di debito detenuto da individui, imprese e governo porterà presto alla “madre di tutte le crisi economiche”.

Roubini attribuisce giustamente la creazione di un’economia basata sul debito al tasso di interesse vicino o allo zero e alle politiche di allentamento quantitativo perseguite dalla Federal Reserve e da altre banche centrali. Il risultato inevitabile delle politiche a tasso zero e di allentamento quantitativo è l’aumento dei prezzi che provoca il caos sul popolo americano.

La Fed ha cercato di eliminare l’inflazione dei prezzi con una serie di aumenti dei tassi di interesse. Finora, questi aumenti dei tassi non hanno ridotto significativamente l’aumento dei prezzi. Questo perché i tassi restano ai minimi storici. Eppure gli aumenti dei tassi hanno avuto effetti economici negativi, compreso un calo della domanda di nuove abitazioni. L’aumento dei tassi di interesse rende impossibile per molti americani della classe media e operaia sostenere un mutuo mensile anche per una casa relativamente economica.

Il motivo principale per cui la Fed non può alzare i tassi neanche lontanamente vicino a quello che sarebbe in un mercato libero è l’effetto che avrebbe sulla capacità del governo federale di gestire il proprio debito. Secondo il Congressional Budget Office (CBO), gli interessi sul debito nazionale sono già sulla buona strada per consumare il 40% del bilancio federale entro il 2052 e supereranno la spesa per la difesa entro il 2029! Un piccolo aumento del tasso di interesse può elevare di molti miliardi di dollari i pagamenti annuali del tasso di interesse del debito federale, aumentando l’importo del bilancio federale dedicato esclusivamente al servizio del debito.

Il quadro fiscale del governo federale è peggiorato dal fatto che il “Fondo fiduciario” della previdenza sociale inizierà a registrare deficit entro il 2035, mentre il Fondo fiduciario Medicare inizierà a registrare deficit entro il 2028. L’incombente fallimento dei due principali programmi di assistenza, combinato con la riluttanza della maggior parte del Congresso a ridurre la spesa per il welfare o per la guerra, mette la Fed in difficoltà. Se aumenta i tassi ai livelli necessari per combattere davvero l’aumento dei prezzi, l’aumento dei pagamenti degli interessi imporrà difficoltà a individui e imprese, oltre a portare i pagamenti degli interessi federali a livelli insostenibili. Ciò causerà una grave crisi economica, incluso un default del governo sul proprio debito, che causerà il rifiuto dello status di valuta di riserva mondiale del dollaro. Inoltre, se la Fed continua ad agevolare i deficit federali monetizzando il debito, il risultato sarà una crisi economica causata dal crollo del valore del dollaro e dal rifiuto del suo status di riserva mondiale.

La crisi porterà a disordini sociali e violenza, nonché a una maggiore popolarità dei movimenti autoritari sia a sinistra che a destra. Ciò porterà a repressioni governative sulle libertà civili e a un maggiore controllo del governo sulla nostra economia. L’unico punto positivo è che questa crisi alimenterà anche l’interesse per le idee di libertà e potrebbe persino contribuire a realizzare un ritorno a un governo costituzionale limitato, mercati liberi, libertà individuale e una politica estera di commercio pacifico con tutti. Quelli di noi che conoscono la verità hanno due responsabilità. Il primo è elaborare i piani necessari per garantire che le nostre famiglie possano sopravvivere ai disordini imminenti. Il secondo è fare tutto il possibile per far conoscere al maggior numero possibile di persone le idee di libertà.

Seguiteci su Instagram e Twitter e iscrivetevi al nostro canale Telegram. Sentitevi liberi di ripubblicare e condividere ampiamente gli articoli di Global Research.

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

L’Europa rivela la mappa per frammentare la Russia in 41 nuovi paesi

Gunther Fehlinger, presidente dell'organizzazione non governativa (ONG) austriaca della NATO, ha rivelato pubblicamente oggi il "piano" dell'Occidente per la Russia: suddividerla in 41 nuovi...

La Gran Bretagna puó uscire dal feudalesimo o il grande reset di re Carlo resterá incontrastato?

“London Bridge is Down” sono le parole in codice consegnate dal segretario privato della Regina Edward Young ad alti funzionari alla morte della Regina...

Bitcoin: una moneta che sfida le banche

Bitcoin: una moneta online che sfida banche e governidi Jerry Brito, techland.time.comSul finire dell'anno scorso, quando WikiLeaks cominciò a rilasciare le scottanti comunicazioni di...

Ci inganniamo sul valore dei vaccini

L’analisi dei dati statistici conferma che i tassi di mortalità di malattie diffuse come morbillo, difterite e pertosse erano già in forte declino ben...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube