fbpx
domenica - 3 Marzo, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

La mappa dell’Apocalisse di Isaac Newton

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Le derive sanitarie di UE, WEF e OMS

A VISO SCOPERTO con Martina Pastorelli, Alberto Contri e Giovanni Frajese Conduce Matteo Demicheli Le derive sanitarie di UE, WEF (World Economic Forum) e OMS (Organizzazione...

Articoli più letti

Quanto è riproducile oggi la Scienza?

  La riproducibilità è un parametro fondamentale nella scienza. Se un risultato non può essere replicato, non può considerarsi scientifico. Eppure negli ultimi anni, si...

Sull’immigrazione

Nexus New Times # 161

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,500IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Dunque il mistero di questa restaurazione di tutte le cose si trova in tutti i Profeti: il che mi fa meravigliare con grande ammirazione che così pochi cristiani del nostro tempo possano trovarvelo.  Perché non capiscono che il  ritorno finale dalla prigionia degli ebrei e la loro conquista delle nazioni  ( delle quattro Monarchie ) e  l’istituzione di un Regno pacifico, giusto e fiorente nel giorno del giudizio, è questo mistero. 

—Isaac Newton, Del giorno del giudizio e del mondo a venire

Come si fa a colmare il divario tra scienza e fede? Nel 1795, il poeta e artista inglese William Blake creò uno dei suoi dipinti più iconici. Il suo soggetto era il fisico e matematico inglese Isaac Newton (1642-1727), uno dei più grandi scienziati di tutta la storia. Blake definì Newton come uno dei padri del pensiero razionale. Tuttavia, non commettere errori, il dipinto non era lusinghiero del suo soggetto. Blake ha dipinto Newton sul fondo dell’oceano, immerso in misurazioni e calcoli e ignorando il mondo che lo circonda.

L’immagine moderna di Newton forse non è così lontana dalla rappresentazione un po’ beffarda di Blake. Dopotutto, la prima immagine che generalmente viene in mente quando si menziona il nome “Newton”, è quella di uno scienziato razionalista così preso dalle sue riflessioni teoriche che ci volle una mela che gli cadeva in testa per ricordargli senza mezzi termini che c’era davvero un mondo reale e tangibile con cui confrontarsi. Nell’immaginario popolare, la mela di Newton era responsabile dell’avvio della sua missione di formulare le leggi fisiche dell’universo.

Nonostante questo stigma, sembra che pochi, incluso Blake, conoscessero gli scritti mistici ed esoterici di Newton. Il collezionista Abraham Shalom Yahuda acquistò questi manoscritti nel 1936, che furono depositati, insieme al resto della sua collezione, presso la Biblioteca Nazionale di Israele nel 1969. Molti degli scritti sono accessibili digitalmente attraverso il sito web della Biblioteca , e rivelano un lato completamente diverso del mondo di Newton.

Isaac Newton di William Blake (1795)

Nella tradizione ebraica, la fine dei giorni non è generalmente un argomento comune di discussione o studio. In effetti, il Giorno del Giudizio è menzionato solo brevemente in alcuni dei libri apocrifi (testi antichi che non erano inclusi nella Bibbia), anche se nel corso della storia ebraica la questione è emersa occasionalmente durante periodi più bui, che hanno portato con sé episodi di rinascita messianica. Tuttavia, la credenza nella distruzione del mondo esistente e nella creazione di uno nuovo al suo posto non occupa un posto centrale all’interno del giudaismo. Al contrario, agli ebrei è comandato di preservare il mondo esistente. Nel Cristianesimo, invece, la visione apocalittica del Nuovo Testamento descrive la Fine dei Giorni con agghiacciante accuratezza. Il Libro dell’Apocalisse (chiamato anche l’Apocalisse di Giovanni), l’ultimo libro del Nuovo Testamento, descrive l’esatta posizione geografica in cui si svolgerà l’ultima e decisiva guerra della storia, nota come Armageddon. Mi scuso per lo spoiler.

Newton credeva nell’inequivocabile origine divina della Bibbia. Ha dedicato il suo tempo non solo a chiarire le leggi della natura, ma anche alla ricerca dell’essenza dietro di esse. La motivazione scientifica per comprendere il mondo e spiegarlo è stata anche ciò che lo ha spinto a cercare la comprensione dei segreti più esoterici della realtà, così come qualsiasi significato religioso che si cela dietro di essi.

Una delle attività principali di Newton a questo riguardo era calcolare l’ora e il luogo esatti della fine del mondo. Tra i capitoli apparentemente vaghi della Bibbia ebraica e del Nuovo Testamento, Newton cercava profezie accurate per il futuro del mondo e la redenzione delle anime umane che vi abitavano. È importante capire che all’epoca in cui Newton formulò le sue grandi teorie scientifiche, la scienza moderna non aveva ancora del tutto abbandonato le fonti esoteriche e religiose da cui si era sviluppata.

Già nei suoi primi scritti teologici, Newton investì molta energia interpretativa nel decifrare la rivelazione apocalittica di Giovanni. Tra le altre cose, sperava di scoprire il luogo esatto in cui sarebbero iniziati gli eventi che avrebbero portato alla Fine dei Giorni. Non soddisfatto della ricerca teorica e dell’interpretazione scritta, lo scienziato ha persino allegato a uno dei suoi saggi sull’argomento una mappa che indica con precisione l’area che dovrebbe essere al centro del Giorno del Giudizio. Torneremo su questa mappa, creata circa 300 anni fa, e sulle numerose note scarabocchiate ai suoi margini, che contengono un’abbondanza di informazioni multidisciplinari.

La mappa dell’apocalisse di Newton. Clicca per uno sguardo più da vicino. Visualizza il manoscritto completo qui .

L’Apocalisse di Giovanni racconta del suono di sette trombe, ognuna delle quali annuncia un diverso evento apocalittico. Poiché Newton non credeva che la fine del mondo sarebbe arrivata durante la sua vita, non ha definito il luogo del settimo e ultimo suono di tromba. Ciò che ha segnato sulla mappa sono stati gli eventi che hanno portato alla fine dei giorni; cioè, il suono della quinta e della sesta tromba (Apocalisse 9). Newton capì che la quinta tromba rappresentava l’ascesa dell’Islam arabo. E il sesto: l’ascesa dell’Impero Ottomano, che Newton credeva fosse stato inviato da Dio per punire i cristiani peccatori e infine distruggere i resti del corrotto Impero Romano, cioè l’Impero Bizantino.

E dove, secondo Newton, hanno luogo gli eventi del tempo della fine? Perché, proprio qui, nel nostro piccolo e accogliente quartiere noto come Medio Oriente, dove altro? Con grande precisione, Newton identificò quattro province: Asia (la città di Konya, nell’odierna Turchia), Siria (la città di Damasco), Mosul (in Iraq) e Meyafarikîn (oggi la città di Silvan, anch’essa nell’odierna Turchia). . A ciascuno assegnò uno dei quattro angeli dell’Apocalisse liberati dal fiume Eufrate durante l’evento della sesta tromba (Apocalisse 9:14). Secondo la visione di Giovanni, la partenza dei quattro angeli dell’apocalisse per seminare distruzione e devastazione in tutto il mondo precede la venuta della bestia misteriosa – menzionata nel libro come uno degli iniziatori del giorno del giudizio – e simboleggia la battaglia finale.

Dato il punto di partenza degli angeli dell’apocalisse secondo Newton, un’area spicca per la sua assenza dalla sua mappa. Questo è il Monte Megiddo, che nella traduzione greca divenne Armageddon, mettendo poi radici nella tradizione cristiana come nome dell’evento stesso del Giorno del Giudizio. Meghiddo è citata più volte nella Bibbia, spesso nel contesto di un’importante battaglia (ricordate la storia di Yael e Sisera? Accadde lì vicino), ma solo nel cristianesimo è incorporata nella visione della fine dei giorni. Secondo l’Apocalisse, la battaglia finale tra le forze del male, guidate dalla bestia, e le forze del bene comandate da Dio, avrà luogo sul monte Megiddo. In questa battaglia, i malvagi saranno sconfitti, dopodiché il regno dei cieli regnerà sulla terra.

Newton fornisce un esempio storico della connessione tra le forze del male e la divina provvidenza. In una nota scarabocchiata ai margini della mappa, Newton parla di due capi militari delle forze del male: uno è Saladino (1138-1193), che espulse l’ultimo dei crociati dalla Terra Santa, e l’altro è Gengis Khan (1162-1193). 1227), le cui orde mongole apparvero dall’Oriente e seminarono distruzione e devastazione in gran parte del mondo. Newton percepì l’ascesa dei due conquistatori come l’intervento della divina provvidenza.

La prima pagina del saggio di Newton a cui ha aggiunto la mappa del Giorno del Giudizio. Clicca qui per uno sguardo più da vicino.

I manoscritti di Newton conservati presso la Biblioteca Nazionale d’Israele offrono uno sguardo intrigante su aspetti non molto conosciuti di questo venerato scienziato, in particolare il suo interesse per l’alchimia e il suo tentativo sistematico di ricreare la profezia divina che era andata perduta fin dai tempi biblici; cioè comprendere le profezie tramandate dai profeti ebrei. Albert Einstein sostenne chiaramente il significato di questi documenti in una lettera al suo amico, il collezionista ed esperto di Medio Oriente Abraham Shalom Yahuda, nel 1940. Einstein spiegò a Yahuda l’importanza di raccogliere e rendere disponibili per lo studio gli scritti teologici e alchemici di Newton. , sottolineando che questi scritti aprono una finestra senza precedenti sull’opera dell’uomo. Einstein ha scritto:

Mentre lo sviluppo formativo delle durature opere di fisica di Newton deve rimanere avvolto nell’oscurità, perché Newton apparentemente distrusse le sue opere preparatorie, abbiamo in questo dominio delle sue opere sulle bozze della Bibbia e le loro ripetute modifiche; questi scritti, per lo più inediti, permettono quindi uno spaccato di grande interesse nell’officina mentale di questo singolare pensatore.

Dai documenti teologici conservati nella Biblioteca, è chiaro che, come molti commentatori protestanti del XVII secolo, anche Newton credeva che la fine del mondo fosse codificata nel testo della Bibbia. Le migliaia di pagine accuratamente scritte a mano sono la prova della devozione di una delle più grandi menti della storia umana alla soluzione di questo enigma. Come accennato nella citazione che appare all’inizio di questo articolo, il ritorno degli ebrei a Sion era una parte centrale della visione newtoniana.

Chen Malul

Tratto da The Librarians

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

“Non sapeva che cosa aspettava…”

I trent’anni di internet in Italia che si festeggiano in questi giorni non sono soltanto un avvenimento tecnologico, ma anche neurologico. È una specie di...

Un fottuto omicidio, Inc: la battaglia di Kennedy contro il Leviatano

Come discusso nella seconda parte di questa serie, la guerra in Vietnam non iniziò nella sua data ufficiale, il 1 novembre 1955, ma piuttosto...

Inghilterra: scoperte impronte umane di 800 mila anni fa! Le più antiche d’Europa

Sono state rinvenute in Inghilterra le più antiche impronte umane mai scoperte in Europa. Si tratta delle prime orme umane al di fuori dell'Africa....

I COSTI DELLA POLITICA di Paolo Cortesi

I mass media scoprono che la politica è un metodo per arricchire, per continuare ad essere ricchi, per assicurarsi un’esistenza dorata, al riparo da...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube

Articolo precedente
Articolo successivo