fbpx
martedì - 27 Febbraio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

LA MENTE ‘MALATA’ e la cura repressiva della diversità

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Le derive sanitarie di UE, WEF e OMS

A VISO SCOPERTO con Martina Pastorelli, Alberto Contri e Giovanni Frajese Conduce Matteo Demicheli Le derive sanitarie di UE, WEF (World Economic Forum) e OMS (Organizzazione...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Nexus New Times # 161

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,500IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

LA MENTE 'MALATA'
e la cura repressiva della diversità

Domenica 23 febbraio 2020
Dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 17:45
AUDITORIUM Collegio Don Mazzi
Via Savonarola 176 (Ingresso da Via Campagnola) – PADOVA

Presentazione del libro LA MENTE 'MALATA' e la cura repressiva della diversità

Libro scritto auspicando rinnovati saperi e nuove consapevolezze nelle scienze cliniche della psiche, come nelle loro pratiche e identità professionali.

LE RAGIONI DEL LIBRO
Chiunque può essere sospettato di malattia mentale se la sua ‘diversità’, inadeguatezza o devianza nel modo di essere, agire e dire, contrasta con i giudizi normativi dalle scienze cliniche della psiche tradizionali. Per tale ragione può essere sottoposto a un processo diagnostico, spesso infondato e senza appello, subendone un’etichetta che trasforma un giudizio attribuito ad un comportamento in una caratteristica della mente. Con la possibilità’ che qualsiasi persona possa essere definita un ‘malato mentale’ e divenire un paziente, con il risultato di attribuire alla sua ‘mente’ le stesse proprietà reali di un organo corporeo malato. Fatto che giustifica il suo essere sottoposto, senza consenso, a pratiche, chiamate cure, spesso repressive, segregative, violente. Pratiche che possono rivelarsi, com’è ampiamente noto ma non ammesso, lesive della sua salute fisica, dell’identità e dei diritti personali. Da oltre due secoli un fitto reticolo nosografico/diagnostico – pur essendo scientificamente vario, controverso e discutibile – è stato esteso progressivamente in tutte le direzioni, rivendicando la sua non imparziale competenza su ogni modo di essere e di agire, facendone una pratica totalizzante impropriamente definita sanitaria.
Questo libro scritto da esperti del settore, considera in modo analitico le ‘aporie,’ per non dire le infondatezze scientifiche delle credenze tecniche, ma anche normativo-ideologiche, che legittimano gran parte di queste pratiche e di questi saperi. Spesso delegati a certi ruoli  professionali con funzione di controllo sociale punitivo e di legittimazione dei propri criteri valutativi.


GLI AUTORI

ALESSANDRO SALVINI, già professore ordinario all’Università di Padova, dove ha insegnato psicologia clinica e psicopatologia. Negli anni, dal 1972 ha svolto un’intensa attività operativa e di ricerca nei vari ambiti delle scienze del comportamento e della mente, da cui le numerose pubblicazioni. È stato anche Presidente del Collegio dei professori di psicologia clinica delle Università Italiane. È attualmente direttore scientifico della rivista Scienze dell’Interazione. L’Università di Padova gli ha conferito il titolo di Studioso senior dello Studium patavinum.

ANTONIO IUDICI, è docente incaricato di Psicologia Clinica all’Università di Padova, dove attualmente insegna Metodi e Tecniche in Ambito Costruttivista e Interazionista e docente a contratto presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ha svolto un’intensa attività operativa e di ricerca nei vari ambiti delle scienze del comportamento e della mente. Da cui un ampio numero di pubblicazioni scientifiche nazionali e internazionali. Fa parte di vari comitati scientifici ed è direttore della Scuola di specializzazione in psicoterapia interattivo-cognitiva di Padova. Gli è stata riconosciuta l’Idoneità universitaria per professore di seconda fascia, per l’insegnamento delle discipline afferenti al settore della psicologia clinica.


INGRESSO LIBERO CON PRENOTAZIONE
[email protected]
 

 

La Mente 'malata' E la cura repressiva della diversità
Disponibile nel nostro shop online

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Cancro e anima: guarigioni possibili

          Un serio confronto  sul rapporto tra malattia, fede e psicologia. Le tesi dei  ricercatori per un messaggio di speranza. Per informazioni e prenotazione: Tel.: 02 72080619 www.animaeventi.com Si...

Guillame Faye: l’imperativo del meticciato

Vi segnaliamo questo articolo decisamente interessante, in tema di società multi-razziale, tratto dal libro di Guillame Faye "Sex and Deviance", tradotto in italiano da...

Storie di Stra(ker)ordinaria follia

L'altra sera mi sono fatto una lunga chiacchierata col mio fraterno amico e gestore del forum di NEXUS, Andrea Rampado, allo scopo di fare...

Circomassimo: poche luci e tanta ombra di Marco Cedolin

Sarebbe facile liquidare la grande manifestazione del PD al Circo Massimo, semplicemente ironizzando sul fatto che questa adunata dell’opposizione ombra, con il suo corredo...
Nexus Eventi