martedì - 29 Novembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

“La relazione speciale”: Come gli inglesi riconquistarono gli Stati Uniti e fondarono un impero anglo-americano

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

La Battaglia dei Bilanci

Ciascuno di quei missili ATACMS (molto precisi) costa oltre 1 milione di dollari ciascuno. È fantastico se sei un produttore di armi o un azionista. Non...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,820IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
"Né la sicura prevenzione della guerra, né il continuo aumento dell'organizzazione mondiale saranno raggiunti senza… una  relazione speciale tra il Commonwealth e l'Impero britannico e gli Stati Uniti… non solo la crescente amicizia e comprensione reciproca tra i nostri due vasti ma affini sistemi di società, ma la continuazione dell'intima relazione tra i nostri consiglieri militari”.
– Winston Churchill, 'Discorso sulla cortina di ferro', 1946
 
Questa suonerà come un'affermazione scandalosa per molti. Come avrebbero potuto gli inglesi riconquistare gli Stati Uniti?! Non hanno mai vinto nessuna guerra contro la Gran Bretagna e nel 20° secolo quest'ultima aveva sempre combattuto a fianco degli Stati Uniti come alleato fidato. E non è piuttosto il contrario, non sono gli Stati Uniti a dettare la politica estera britannica a questo punto? 
È vero, la Gran Bretagna non ha mai vinto una guerra contro gli Stati Uniti, e verso la metà del XIX secolo si era capito che gli inglesi non sarebbero mai riusciti a conquistare gli Stati Uniti esternamente. Invece, per riuscirci, sarebbe stato necessario conquistarli dall'interno, e questo articolo è dedicato a raccontare questa storia. 
Due sistemi opposti
Durante la guerra civile americana, il sostegno britannico all'esercito confederato aveva raggiunto un punto in cui la Gran Bretagna sarebbe certamente intervenuta militarmente in loro favore se non fosse stato per lo zar Alessandro II che aveva schierato la marina russa sulle coste sia orientali che occidentali dell'America per sette mesi a sostegno dell'Unione di Lincoln. La Russia era pronta ad entrare in guerra con la Gran Bretagna per mantenere integri gli Stati Uniti. 
Lo zar Alessandro II spiegò in un'intervista al banchiere americano pro-industriale Wharton Barker il 17 agosto 1879 perché riteneva importante che la Russia assumesse una posizione così forte nella guerra civile americana (pubblicata su The Independent il 24 marzo 1904): 
“…Tutto questo l'ho fatto per amore della mia cara Russia, piuttosto che per amore della Repubblica americana. Ho agito così  perché ho capito che la Russia avrebbe avuto un compito più serio da svolgere se la Repubblica americana, con uno sviluppo industriale avanzato, fosse stata sciolta e la Gran Bretagna fosse stata lasciata al controllo della maggior parte dei rami del moderno sviluppo industriale”. 
In altre parole, lo zar Alessandro II capì che gli Stati Uniti avevano creato l'unico sistema economico (noto come "Il sistema americano") in grado di competere e sconfiggere la politica economica del libero scambio basata sugli schiavi della Gran Bretagna. (Per una panoramica di cosa sia The American System fare riferimento qui e qui.) 
In netto contrasto con questo sentimento, Lord Robert Cecil, che in seguito divenne marchese di Salisbury, una posizione molto importante nella nobiltà britannica e che servì tre volte come Primo Ministro della Gran Bretagna, disse questo in Parlamento durante la guerra civile americana: 
“ Gli Stati del Nord d'America non potranno mai essere amici fidati perché siamo rivali, rivali politicamente, rivali commercialmente… Con gli Stati del Sud, il caso è completamente capovolto. La popolazione è fondamentalmente di tipo agricolo. Forniscono la materia prima per la nostra industria e consumano i prodotti che da essa produciamo. Con loro ogni interesse deve portarci a coltivare relazioni amichevoli, e  quando iniziò la guerra si rivolsero subito all'Inghilterra come loro naturale alleato.
In altre parole, le piantagioni di cotone che andavano avanti grazie al lavoro degli schiavi nel sud dell'America erano al servizio del commercio globale di cotone dell'Impero britannico, che gestiva anche il lavoro schiavo dall'India e conduceva un terribile sfruttamento dei suoi lavoratori del cotone britannici.
Tuttavia, l'Unione vinse la guerra civile e gli Stati Uniti riuscirono a mantenersi integri. Il Sud dovette porre fine al suo sistema schiavistico e gli Stati Uniti riuscirono a respingere la politica economica britannica basata sugli schiavi (per ulteriori informazioni su questa storia fare riferimento qui). 
In effetti, molti leader in tutto il mondo, durante questo periodo, stavano respingendo la politica economica britannica di libero scambio basata sugli schiavi, imposta dalla Compagnia britannica delle Indie orientali. Con le principali opposizioni provenienti da Germania, Russia, Giappone e Cina, oltre agli Stati Uniti. 
Nel 1879, Otto von Bismarck ruppe il sistema di libero scambio tedesco implementando una politica tariffaria in stile americano per la sua nazione. La parentela tra la Germania e gli Stati Uniti divenne così forte in questo momento che il discorso di Otto von Bismarck al parlamento (1879) fu citato da McKinley in aula al Congresso degli Stati Uniti: 
Un successo degli Stati Uniti nello sviluppo materiale è il più illustre dei tempi moderni. La nazione americana non solo ha dato vita e represso con successo la guerra più gigantesca e costosa di tutta la storia, ma subito dopo ha sciolto il suo esercito, ha trovato lavoro per tutti i suoi soldati e marines, ha saldato la maggior parte dei suoi debiti, ha dato lavoro e case a tutti i disoccupati in Europa il più velocemente possibile nel suo territorio e comunque con un sistema di tassazione così indiretto da non essere percepito, tanto meno sentito… Poiché è mio deliberato giudizio che la prosperità dell'America sia principalmente dovuta alle sue leggi protettive, ritengoo che la Germania sia ora giunta a quel punto, in cui è necessario imitare il sistema tariffario degli Stati Uniti”. 
Otto von Bismarck si stava organizzando pesantemente per la costruzione della ferrovia da Berlino a Baghdad, che dopo molte resistenze e ritardi sarebbe stata completata solo nel 1940. Se ciò fosse stato realizzato durante la vita di Otto von Bismarck, il Medio Oriente avrebbe potuto evitare di essere modellato dagli accordi di Sykes Picot.
Nel 1869, i modernizzatori giapponesi che lavoravano direttamente con gli strateghi Lincoln-Carey guidarono la Restaurazione Meiji che industrializzò il Giappone. 
Negli anni '80 e '90 dell'Ottocento, gli industriali Lincoln-Carey di Filadelfia furono incaricati di enormi infrastrutture e progetti di costruzione della nazione in Cina. Il missionario cristiano hawaiano Frank Damon, dopo aver partecipato alle strategie del gruppo Carey ad un livello molto alto, ha contribuito a istigare, plasmare e costruire l'organizzazione Sun Yat-sen che diede vita alla Cina moderna. 
Sun Yat-sen fece riferimento alla sua ammirazione per gli Stati Uniti di Lincoln come base per un nuovo sistema multipolare dicendo: 
Il mondo ha tratto grandi benefici dallo sviluppo dell'America come nazione industriale e commerciale. Quindi una Cina sviluppata, con i suoi quattrocento milioni di abitanti, sarà un altro Nuovo Mondo in senso economico. Le nazioni che prenderanno parte a questo sviluppo ne trarranno immensi vantaggi. Inoltre, una cooperazione internazionale di questo tipo non può che contribuire a rafforzare la Fratellanza dell'Uomo ”. 
  
I tre principi del popolo di Sun Yat-sen e Il sistema nazionale di economia politica di Friedrich List sono stati entrambi modellati sull'economia del sistema americano.
 
Era chiaro che la leadership del mondo aveva intrapreso un percorso comune ed era desiderosa di entrare in una nuova era in cui la schiavitù potesse davvero diventare un ricordo del passato; che l'individuo d'ora in poi doveva essere considerato sacrosanto, che dopo secoli di brutale guerra il mondo era finalmente pronto per la pace ed era disposto a difendere la libertà e l'indipendenza di tutti. 
Era solo un sogno?
No, non era solo un sogno, anche se fu altrettanto fugace. La ragione di ciò si trova nell'elenco dei nomi di seguito.
Questo elenco non è affatto completo, ci sono molti altri personaggi che sono stati assassinati o estromessi dalle loro posizioni in questa epurazione dei sostenitori del "Sistema americano".
Eppure, nemmeno questa continua epurazione fu considerata sufficiente a garantire che nulla sarebbe più risorto in opposizione al sistema dell'impero. Fu per questo motivo che il mondo fu trascinato in due guerre mondiali…
Libertà per tutti?
Due sistemi sono di fronte al mondo; l'uno mira ad aumentare la proporzione di persone e di capitale impegnati nel commercio e nei trasporti, e quindi a diminuire la proporzione impegnata nella produzione di merci con cui commerciare, con necessariamente un minor ritorno al lavoro di tutti; mentre l'altro cerca di aumentare la quota impegnata nel lavoro di produzione, e di diminuire quella impegnata nel commercio e nei trasporti, con un maggiore ritorno per tutti, dando al lavoratore buoni salari, e al proprietario del capitale buoni profitti… Uno guarda al pauperismo, all'ignoranza, allo spopolamento e alla barbarie; l'altro all'aumento della ricchezza, del comfort, dell'intelligenza, della combinazione di azioni e alla civiltà. Uno guarda alla guerra universale; l'altro alla pace universale. Uno è il sistema inglese; l'altro possiamo essere orgogliosi di chiamarlo il sistema americano, perché è l'unico mai ideato la cui tendenza era quella di elevare mentre eguagliava la condizione dell'uomo in tutto il mondo.
– Henry C. Carey, Armonia di interessi, 1851
 
Queste parole scritte da Henry C. Carey un tempo furono intese da molti come la differenza intrinseca tra il sistema economico inglese e quello americano. Tuttavia, oggi, abbiamo dimenticato molto di ciò che costituisce il sistema americano.
Anche i romani un tempo si trovarono di fronte a una simile circostanza esistenziale.
Lucio Giunio Bruto, conosciuto come l'uomo che salvò Roma, pose fine alla tirannia del governo di Re Tarquinio il Superbo durante l'Età dei Regni di Roma. Furono le azioni di Giunio Bruto a portare alla formazione della Repubblica Romana, e fu lui a far giurare al popolo romano che non avrebbe mai più accettato il governo arbitrario di un re.
Tuttavia, nel corso di quasi cinquecento anni, il popolo romano progressivamente dimenticò questa importante lezione e cosa significasse essere cittadino romano. Nel 49 aEV, Giulio Cesare attraversò il Rubicone portando alla guerra civile e il popolo romano gli offrì una corona per questo.
Il popolo romano aveva dimenticato cosa significasse essere cittadino romano. Aveva dimenticato che un popolo libero che difendeva la dignità e la libertà sopra ogni altra cosa non avrebbe mai accettato di servire sotto il governo arbitrario di un re, un imperatore. E dopo aver dimenticato una cosa del genere, si era spogliato di ogni valore che un tempo deteneva. I cittadini erano diventati dei meri sudditi, alla mercé di chi si era ritrovato per quel breve momento seduto sul trono (per saperne di più su questa storia fare riferimento qui).
Se non stiamo attenti, un momento del genere verrà anche per noi…
***
Le guerre mondiali furono combattute per dividere i partenariati che si stavano formando contro il sistema dell'impero. Germania e Stati Uniti si sarebbero affrontati in entrambe le guerre mondiali. Anche il Giappone si sarebbe contrapposto agli Stati Uniti nella Seconda guerra mondiale. Di conseguenza, le economie di Germania e Giappone furono fortemente arretrate e la loro sovranità era nulla. Dal secondo dopoguerra in poi, Germania e Giappone non hanno avuto altra scelta che rafforzare la volontà del neocostituito Impero anglo-americano (per la storia di come la Gran Bretagna ha creato entrambe le guerre mondiali, fare riferimento al libro di Carroll Quigley "The Anglo-American Establishmente al mio documento).
Russia e Cina erano tutto ciò che restava. Quindi, 76 anni di Guerra Fredda vanno forte…
Ma come hanno fatto gli Stati Uniti a essere attratti dalla Gran Bretagna in conseguenza delle guerre mondiali?
Sotto il circostante mare di dittatura
L'Europa occidentale ha di fronte solo da 20 a 30 anni in più di democrazia al suo interno; dopodiché scivolerà, senza motore e senza timone, sotto il circostante mare di dittatura, e se ciò provenga da un politburo o da una giunta non farà molta differenza."
– Willy Brandt (cancelliere federale tedesco, poco prima di dimettersi nel 1974)
 
Quanto Willy Brandt, che Samuel P. Huntington cita così affettuosamente sia nei suoi "The Crisis of Democracy“ che ”Disaffected Democracies", tralascia è che questo non era solo concepito come un'inevitabilità per l'Europa occidentale, ma anche per gli Stati Uniti.
Churchill aveva annunciato la cortina di ferro il 5 marzo 1946, dichiarando l'Unione Sovietica e la Cina come i prossimi obiettivi all'orizzonte. Se gli Stati Uniti avessero dovuto impegnarsi in questo stallo a lungo termine della guerra fredda, si capiva che era solo questione di tempo prima che vedessero sempre più la necessità di un impero, di una dittatura globale e abbandonassero i loro ideali costituzionali.
Nell'agosto 1946, dopo che le bombe nucleari furono sganciate su Hiroshima e Nagasaki, Bertrand Russell (membro della Fabian Society e grande stratega britannico) scrisse The Bomb and Civilization, chiedendo un governo mondiale unico:
O la guerra o la civiltà devono finire e se è la guerra che finisce, ci deve essere un'autorità internazionale, con il solo potere di fabbricare le nuove bombe… Ma temo che tutto questo sia utopico… Se l'America fosse più imperialista, ci sarebbe un'altra possibilità, meno utopica e meno desiderabile, ma comunque preferibile all'annullamento della vita civile. Sarebbe possibile per gli americani utilizzare la loro posizione di superiorità per insistere sul disarmo non solo in Germania e in Giappone, ma ovunque tranne che negli Stati Uniti, o comunque in ogni paese non disposto a stringere una stretta alleanza militare con gli Stati Uniti Stati… Nei prossimi anni, questa politica dovrebbe essere applicata. Se fossero necessarie una o due guerre, sarebbero brevi e presto si concluderebbero con una decisiva vittoria americana. In questo modo si potrebbe formare una nuova Società delle Nazioni sotto la guida americana e si potrebbe stabilire in modo sicuro la pace nel mondo. Ma temo che il rispetto per la giustizia internazionale impedisca a Washington di adottare questa 'politica'".
Solo pochi mesi dopo, nell'ottobre 1946, Russell scrive On the End of Nation-States pubblicato nel  Bulletin of Atomic Scientists :
C'è solo un modo in cui le grandi guerre possono essere prevenute in modo permanente, ed è l'istituzione di un governo internazionale… C'è un altro metodo con cui in teoria potrebbe essere assicurata la pace nel mondo, ed è la supremazia di una nazione o un gruppo di nazioni strettamente alleate. Con questo metodo, Roma assicurò la pace nell'area mediterranea per diversi secoli. L'America in questo momento, se fosse bellicosa e imperialista potrebbe costringere il resto del mondo a disarmarsi e stabilire un monopolio mondiale delle forze armate americane. Ma il paese non ha alcun desiderio per tali imprese. E in pochi anni, l'opportunità sarà svanita. Nel prossimo futuro una guerra mondiale, per quanto terribile, si sarebbe probabilmente conclusa con la vittoria americana senza la distruzione della civiltà nell'emisfero occidentale...” 
Incredibilmente, nell'anno 1946, poco più di un anno dopo la fine della Seconda guerra mondiale, Russell chiedeva l'ennesima guerra mondiale, una guerra che avrebbe messo fine agli ultimi due paesi che minacciavano l'egemonia globale anglo-americana, Russia e Cina.
Il motivo per cui Russell affermava che in pochi anni l'opportunità sarebbe svanita era in riferimento all'ottenimento della bomba da parte dell'Unione Sovietica e della Cina, per cui a quel punto il grande vantaggio strategico degli Stati Uniti con conseguenze apparentemente quasi nulle, questa finestra di “opportunità” per una colossale distruzione unilaterale sarebbe andata perduta.
Fu per questo motivo che nel novembre 1948 Russell, mentre si rivolgeva a un raduno alla Westminster School, sconvolse i suoi ascoltatori quando sostenne un attacco nucleare preventivo contro l'Unione Sovietica. Affermò che una guerra tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica era inevitabile. Sarebbe, quindi, un gesto umanitario per concludere una guerra nucleare in modo rapido e unilaterale.
Il 29 agosto, l'Unione Sovietica condusse con successo il suo primo test sulle armi. La cosiddetta finestra di "opportunità" per la formazione di un rapido dominio globale guidato dagli americani andò perduta.
I sovietici avevano scoperto come creare una bomba atomica diversi anni prima della data del 1953 prevista dalla CIA. Questo avvento è stato scoraggiante per coloro che avevano avuto speranze simili a quella di Russell, tuttavia, capirono non che tutte le speranze erano perse, ma che ora si sarebbe dovuto giocare una partita molto più lunga.
L'acquisizione della bomba atomica da parte dei sovietici fu usata come giustificazione per formare un complesso industriale militare all'interno degli Stati Uniti.
Il Joint Intelligence Committee presentò ai sovietici una stima della natura della minaccia nucleare. JIC-502, intitolato "Implicazioni del possesso sovietico di armi atomiche" e redatto il 20 gennaio 1950, affermava che una volta che i sovietici avessero avuto 200 bombe atomiche, avrebbero potuto lanciare un attacco a sorpresa e sconfiggere gli Stati Uniti.
Fu il JIC-502 il primo a presentare una giustificazione per il concetto di primo attacco preventivo, supportato da un massiccio accumulo militare con il pretesto di una guerra preventiva.
NSC-68  sarebbe stato redatto lo stesso anno, dichiarando che gli Stati Uniti erano nell'equivalente morale della guerra con l'Unione Sovietica e chiedeva che un massiccio accumulo militare fosse completato entro il 1954 soprannominato "l'anno del massimo pericolo", l'anno nel quale il JIC-502 sosteneva che i sovietici avrebbero raggiunto la superiorità militare e sarebbero stati in grado di avviare la guerra contro gli Stati Uniti. Questo potenziamento militare proposto avrebbe aumentato il budget della difesa da $10 miliardi a $40 miliardi nel periodo 1950-53. (Come ora sappiamo, questa decisione non era basata su alcuna effettiva osservazione della capacità o dell'intenzione sovietica, per ulteriori informazioni  fare riferimento qui .)
Nello stesso periodo è stata redatta un'altra dottrina sulla sicurezza, intitolata "NSC-75: A Report to the NSC by the Executive Secretary on British Military Commitments". Il rapporto concludeva che se l'Impero britannico fosse crollato e la Gran Bretagna non avesse potuto più svolgere questi schieramenti, nella difesa del "mondo libero" contro i sovietici, gli Stati Uniti non sarebbero stati in grado di portare avanti la loro attuale politica estera, incluso NSC-68.
Si è quindi concluso nel rapporto che sarebbe stato più conveniente aiutare la Gran Bretagna a salvare il suo impero!
Se vi siete mai chiesti perché la CIA è stata costantemente trovata in coppia con l'intelligence britannica, fin dal suo inizio, in una serie di colpi di stato in paesi in cui non avevano motivo di trovarsi, ora sapete perché (per ulteriori informazioni su questo fare riferimento qui).
Gli Stati Uniti erano passati da una missione esplicita di porre fine all'imperialismo mondiale sotto Roosevelt, all'aiutare e sostenere attivamente le colonie britanniche e gli stati vassalli sotto Truman.
Cesare aveva ricevuto la corona e il popolo americano non ne aveva idea.
Un secolo di guerre
Come conseguenza di questa decisione molto sciocca, gli Stati Uniti si trovarono a eseguire gli ordini dell'Impero britannico, e c'era molto da fare dopo la Seconda guerra mondiale per riassicurare gli interessi britannici.
Vedete, gran parte del mondo aveva capito che la Seconda guerra mondiale riguardava la sovranità degli stati-nazione contro la tirannia del fascismo e dell'impero. Dopotutto, gli imperialisti e i fascisti si trovavano spesso legati mano nella mano, come si è visto con Edoardo VIII (sebbene non fosse solo nella famiglia reale britannica nelle sue opinioni), il governo di Vichy in Francia, il re d'Italia Vittorio Emanuele III che nominò Benito Mussolini Primo Ministro nel 1922 (e depose Mussolini solo nel 1943 quando era chiaro che avrebbero perso la guerra) e il Giappone imperiale sotto l'imperatore Hirohito.
È per questo motivo che abbiamo visto, prima ancora che la Seconda guerra mondiale fosse finita, gli imperialisti e i fascisti che discutevano tra loro su cosa avrebbe formato il mondo del dopoguerra. È per questo motivo che i paesi scelti per supervisionare questa Grande Strategia del secondo dopoguerra furono Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania e Giappone, piuttosto che la scelta di Roosevelt di Stati Uniti, Russia, Gran Bretagna e Cina.
Tuttavia, i paesi di tutto il mondo iniziarono a ribellarsi contro i loro oppressori coloniali una volta che la Seconda guerra mondiale fu "vinta". Perché capivano che se la libertà e la sovranità per tutti avevano davvero vinto, non c'era più posto per il governo brutale del colonialismo. In fin dei conti, tutti i paesi avrebbero diritto all'autodeterminazione.
Ho Chi Minh, un alleato di Roosevelt che aveva combattuto contro gli imperialisti fascisti giapponesi durante la Seconda guerra mondiale, firmò la Dichiarazione di Indipendenza per una nuova nazione, la Repubblica Democratica del Vietnam, il 2 settembre 1945, affermando quanto segue:
"Un popolo che da più di ottant'anni si è opposto coraggiosamente alla dominazione francese, un popolo che ha combattuto fianco a fianco con gli Alleati contro i fascisti in questi ultimi anni, un tale popolo deve essere libero e indipendente".
Dopo una lunga e orribile battaglia contro gli spietati fascisti giapponesi, con il sostegno durante la guerra di Stati Uniti e Cina, Ho Chi Minh sperava che il Vietnam potesse tornare ai suoi primi giorni di pace con la sua ritrovata indipendenza dal colonialismo.
Invece, i francesi sarebbero rientrati in Vietnam per riassicurarsi la loro risorsa coloniale. Quando iniziarono a formarsi scintille di rivoluzione anche in Algeria, gli Stati Uniti accettarono di entrare in Vietnam a sostegno degli interessi coloniali francesi (per maggiori informazioni su questo fare riferimento qui).
C'era anche un altro motivo.
Nella bozza di memorandum del 3 novembre 1965 dal Segretario alla Difesa McNamara al Presidente Johnson, è scritto sotto "Corsi d'azione in Vietnam":
La decisione di febbraio di bombardare il Vietnam del Nord e l'approvazione di luglio degli schieramenti di Fase I hanno senso solo se sono a sostegno di una politica a lungo termine degli Stati Uniti per contenere la Cina comunista. La Cina – come la Germania nel 1917, come la Germania ad ovest e il Giappone ad est alla fine degli anni '30, e come l'URSS nel 1947 – si profila come una grande potenza che minaccia di minare la nostra importanza ed efficacia nel mondo e, più remotamente ma più minacciosamente, per organizzare tutta l'Asia contro di noi… Questa comprensione di una semplice minaccia alla sicurezza è intrecciata con un'altra percezione – vale a dire, che abbiamo la nostra visione del modo in cui gli Stati Uniti dovrebbero muoversi e della necessità che la maggior parte del resto del mondo si muova nella stessa direzione se vogliamo raggiungere il nostro obiettivo nazionale… il ruolo che abbiamo ereditato e abbiamo scelto per noi stessi per il futuro è estendere la nostra influenza e il nostro potere per contrastare le ideologie che sono ostili a questi obiettivi e per muovere il mondo, come meglio possiamo, nella direzione che preferiamoI nostri fini non possono essere raggiunti e il nostro ruolo di leadership non può essere svolto se a qualche nazione potente e virulenta – Germania, Giappone, Russia o Cina – è permesso di organizzare la propria parte del mondo secondo una filosofia contraria alla nostra”.
Una filosofia che si oppone a quella che è la supremazia anglo-americana.
Bandung: La voce del popolo
Nonostante gli americani abbiano avviato la guerra di Corea dal 1950 al 1953 e abbiano preso parte a un colpo di stato insieme all'MI6 britannico contro il primo ministro iraniano Mosaddegh e abbiano fatto deragliare la lotta iraniana per la sovranità di un secolo e mezzo, gran parte del mondo continuava a sperare che gli Stati Uniti non avessero ancora completamente ceduto al richiamo della sirena verso l'impero.
È per questo motivo che si tenne la Conferenza di Bandung, una conferenza di cui probabilmente non avete mai sentito parlare e in cui più della metà della popolazione mondiale era rappresentata nella loro richiesta di diritto all'autodeterminazione. La speranza di questi paesi era che gli Stati Uniti fossero favorevoli a questo, poiché capivano che era improbabile che avrebbero avuto successo nella loro sfida contro i sistemi imperiali senza il sostegno americano.
Capì anche che i principi fondanti degli Stati Uniti erano proprio per questo ed era la loro speranza che gli americani ricordassero la loro causa originale contro l'impero.
La conferenza di Bandung tenutasi nell'aprile 1955 fu la prima conferenza asiatico-africana su larga scala nella storia, i suoi cinque organizzatori erano Indonesia, India, Sri Lanka (ex colonia britannica Ceylon), Myanmar (ex colonia britannica Birmania) e Pakistan (tutto fresco di colonialismo britannico e olandese). La conferenza si svolse nell'arco di sei giorni e si tenne a Bandung, West Java, Indonesia. Parteciparono 29 paesi, che rappresentavano una popolazione totale di 1,5 miliardi di persone, il 54% della popolazione mondiale dell'epoca.
Gli obiettivi dichiarati della conferenza erano promuovere la cooperazione economica e culturale afroasiatica e opporsi al colonialismo o al neocolonialismo di qualsiasi nazione. La conferenza è stata un passo importante verso l'eventuale creazione del Movimento dei Non Allineati, che è fu un tentativo per evitare il mondo polarizzato della Guerra Fredda tra gli stati comunisti e capitalisti. Basandosi sui principi concordati alla Conferenza di Bandung nel 1955, il Movimento dei Non Allineati venne fondato nel 1961 a Belgrado, in Jugoslavia, su iniziativa del primo ministro indiano Jawaharlal Nehru, del presidente del Ghana Kwame Nkrumah, del presidente indonesiano Sukarno, del presidente egiziano Gamal Abdel Nasser e del presidente jugoslavo Josip Broz Tito.
Tutti questi uomini nell'immagine sopra erano leader eletti dei rispettivi paesi che erano aderenti al sistema americano e avevano ancora una grande speranza che gli Stati Uniti tornassero alle loro radici come forza antimperialista nel mondo (per ulteriori informazioni su questo fare riferimento qui.)
Questo era proprio ciò che costituiva lo spirito della Conferenza di Bandung, come si vede da questa dichiarazione di Sun Yat-sen, il primo presidente cinese della Repubblica cinese, nel suo libro A True Solution for the Chinese Question (1904):
“ Operare per la salvezza della Cina è esclusivamente nostro dovere, ma poiché il problema ha recentemente trovato un interesse mondiale, noi, per assicurarci del nostro successo… dobbiamo fare appello al popolo degli Stati Uniti in particolare per la vostra simpatia e sostegno, morale o materiale, perché voi siete i pionieri della civiltà occidentale in Giappone: perché intendiamo modellare il nostro governo sul vostro; Soprattutto perché voi siete i paladini della libertà e della democrazia. Speriamo di trovare molti Lafayette tra di voi”.
E nel suo trattato del 1919:
Durante il discorso di apertura alla Conferenza di Bandung (aprile 1955), il presidente Sukarno (uno dei suoi principali organizzatori) ha dichiarato:
“Oggi è un famoso anniversario di quella battaglia contro il colonialismo. Il 18 aprile 1775, appena 180 anni fa, Paul Revere cavalcò a mezzanotte attraverso la campagna del New England, avvertendo dell'avvicinarsi delle truppe britanniche e dell'inizio della Guerra d'Indipendenza americana, la prima guerra anticolonialista di successo nella storia. A proposito di questa corsa di mezzanotte il poeta Longfellow scrisse:
“Un urlo di sfida e non di paura,
“Una voce nell'oscurità, un bussare alla porta,
“E una parola che risuonerà per sempre…”
Sì, risuonerà per sempre. Quella battaglia iniziata 180 anni fa non è ancora del tutto vinta.
…Il colonialismo ha anche la sua veste moderna, sotto forma di controllo economico, controllo intellettuale, effettivo controllo fisico da parte di una piccola ma estranea comunità all'interno di una nazione… È necessario prestare particolare attenzione per garantire che il principio che di solito è chiamato 'vivi e lascia vivere' – notate, non dico il principio del laisser-faire, del laisser-passer, del liberalismo, che è obsoleto – è anzitutto da noi applicato nel modo più completo all'interno delle nostre frontiere asiatiche e africane".
Nell'aprile 1954, poco prima della Conferenza di Ginevra sul Vietnam, Zhou Enlai, Premier della Repubblica popolare cinese, avviò accordi bilaterali con l'India (sotto la guida di Nehru) e con il Myanmar (sotto la guida di U Nu) e stabilirono i Cinque Principi di pacifica convivenza. Questa iniziativa di Zhou, Nehru e U Nu sarebbe diventato un concetto centrale a motivazione dello Spirito di Bandung.
Panchsheel o Five Principles of Coexistence era un nuovo insieme di principi per la conduzione delle relazioni internazionali che rifletteva le aspirazioni di tutte le nazioni a coesistere e prosperare insieme in pace e armonia. Era un'offerta pacifica come alternativa alla dottrina guerrafondaia della Guerra Fredda.
Nel 2005 il Ministero degli Affari Esteri del governo indiano pubblicò un opuscolo per il 50° anniversario di Panchsheel:
L'importanza senza tempo di Panchsheel si basa sulle sue solide radici nelle tradizioni culturali dei suoi creatori, due delle civiltà più antiche del mondo. Il legame stabilito dalla diffusione del buddismo in Cina ha posto le basi storiche per la formulazione dei principi del Panchsheel da parte dell'India e della Cina.
Nel 50° anniversario di Panchsheel, possiamo senza esitazione affermare che la sua rilevanza, come incarnata nella Dichiarazione congiunta del 1954, risplende tanto oggi quanto quando fu concepita per la prima volta. Panchsheel è stato sviluppato nel contesto di un mondo postcoloniale in cui molti cercavano un'ideologia alternativa dedicata alla pace e allo sviluppo di tutti.
Cinquant'anni dopo, il mondo è ora alla ricerca di un'alternativa ai costrutti contraddittori che hanno dominato l'era della Guerra Fredda. I paesi di tutto il mondo si stanno concentrando sulla creazione di accordi estesi e di reciproco sostegno e sul tentativo di definire un nuovo ordine mondiale economico, sociale e politico nel contesto della globalizzazione, delle minacce alla sicurezza non tradizionali e della ricerca della multipolarizzazione.
Oggi, Panchsheel può aiutare il mondo ad allontanarsi dai concetti tradizionali di equilibrio di potere e sicurezza competitiva, la conseguente ricerca di un nemico e la predicazione delle attività sui conflitti piuttosto che sulla cooperazione.
…Quello che dovrebbe essere sottolineato oggi è che quelli di Panchsheel non sono solo principi che conferiscono potere, ma sono anche principi guida che sanciscono un certo codice di comportamento. La loro essenza è il non uso del potere, l'approccio alla tolleranza, 'di vivere la propria vita, imparando dagli altri ma senza interferire né subire interferenze' e l'obbligo di fare agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te. Potrebbe non essere fuori luogo in un mondo alla ricerca di certezze morali enfatizzare questo messaggio di Panchsheel”.
British Southeast Asia Command (SEAC) – alias Salva le colonie asiatiche dell'Inghilterra! (Save England’s Asian Colonies)
Prima ancora che la seconda guerra mondiale fosse finita, Churchill nel 1943 alla conferenza del Quebec fondò un British Southeast Asia Command (SEAC) con sede a Kandy British Ceylon (ora Sri Lanka) con l'ammiraglio Louis Mountbatten al comando.
Ciò che questo fece fu dividere il sud-est asiatico tra il comando del Pacifico del generale MacArthur e il SEAC di Mountbatten. Gli inglesi ottennero la Birmania (ora Myanmar) e la Malaya (ora Malesia), le loro precedenti colonie, così come Thailandia, Singapore e Sumatra. Ma non erano soddisfatti e continuarono a fare pressioni sugli Stati Uniti affinché concedessero la priorità britannica nella "liberazione" dell'intera regione.
L'intenzione degli Stati Uniti nell'accettare l'istituzione del SEAC era che gli inglesi avrebbero assunto un ruolo più importante nella sconfitta dei giapponesi in Birmania, aprendo così una rotta meridionale per il rifornimento alla Cina per aiutare i cinesi nella loro lotta contro i fascisti giapponesi.
 
Nel 1944, tuttavia, Mountbatten aveva sabotato con successo questo sforzo, tanto che il generale Stilwell, comandante delle forze statunitensi in Cina-Birmania-India, concluse:
"Limey" è un soprannome dispregiativo americano per un britannico. Alcuni membri del personale militare americano hanno scherzato sul fatto che SEAC in realtà stesse per Save England’s Asian Colonies.
 
Questo non era un grande sforzo di immaginazione considerando che il capo delle operazioni di intelligence britanniche in Cina era John Keswick, il presidente di Jardine Matheson, uno dei principali attori nel commercio di oppio imposto alla Cina contro la sua volontà, culminato con la perdita delle due Guerre dell'oppio contro la Gran Bretagna. Keswick e le sue operazioni speciali furono obbligate a lasciare la Cina nel 1942.
Il generale Wedemeyer, che era un comandante dell'esercito degli Stati Uniti che prestò servizio in Asia durante la Seconda guerra mondiale dall'ottobre 1943 alla fine della guerra, riconobbe uno dei motivi principali per cui il PCC e il Kuomintang non furono in grado di formare un'alleanza contro i giapponesi: era a causa del sabotaggio e dell'istigazione britannici. Gli inglesi stavano giocando lo stesso vecchio gioco imperiale di infiammare il cattivo sangue che si era già sviluppato tra i due gruppi, il vecchio gioco del divide et impera. Il PCC riconobbe che ciò alla fine avrebbe portato alla balcanizzazione della Cina, qualora l'unione della Cina contro gli imperialisti giapponesi non fosse stata proposta come priorità numero uno prima di tutto.
Il generale Wedemeyer dichiarò:

Il vero obiettivo di questa politica britannica fu rivelato in un articolo del London Daily Mail, ottobre 1945:
La psicologia anti-britannica non è stata scoraggiata dal nostro alleato americano. I propagandisti statunitensi hanno lavorato da Lanchow, porta del Tibet, al deserto del Gobi in Mongolia… Un grande piano per arginare lo Yangtze, noto come "Yangtze Valley Authority", sarà uno dei più grandi contratti di ingegneria dei tempi moderni… I loro geologi hanno arrancato lungo le antiche carovane ai margini del Tibet e dei selvaggi paesi tribali occidentali."
In altre parole, gli inglesi avevano già individuato oltre cinquant'anni fa la “minaccia” di una Cina indipendente che aveva già puntato su grandi progetti industriali come la diga dello Yangtze (ora completata come Diga delle Tre Gole) e la ricostruzione della vecchia Via della Seta (ora centro della politica di sviluppo della Cina sotto il nome di Eurasian Land-Bridge). E, oggi, c'è molta pressione affinché gli Stati Uniti non collaborino con la Cina su progetti così grandiosi. Così come oggi, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti considerano la Belt and Road una minaccia all'egemonia occidentale e sono persino arrivati a definire la BRI una minaccia alla sicurezza nazionale.
Progetti come il Mekong River Basin Survey modellato sulla Tennessee Valley Authority sono stati ritardati di decenni o non sono mai stati costruiti fino ad oggi, come il canale Kra o il canale tailandese, che collegherebbe il Golfo di Thailandia con il Mare delle Andamane attraverso l'istmo di Kra nel sud della Thailandia. Si prevede che un tale canale migliorerebbe i trasporti nella regione, in modo simile al Canale di Panama e al Canale di Suez, aumentando così notevolmente il tenore di vita e lo sviluppo nelle aree circostanti.
Questo espone la vera intenzione della dottrina della Guerra Fredda che continua ancora oggi, secondo cui la minaccia non è mai stata veramente considerata il comunismo, ma piuttosto la causa del nazionalismo (che i comunisti il ​​più delle volte sostenevano), poiché sotto il nazionalismo l'industrializzazione è considerata fondamentale per la liberazione del popolo. È la liberazione di un popolo e la creazione di Stati nazione sovrani ad essere considerata il vero nemico di un sistema imperialista, che è la realtà della struttura occidentale di oggi.
Tali osservazioni del generale Stilwell e del generale Wedemeyer mostrano ulteriormente come, alla morte del presidente Roosevelt, la politica estera americana sia stata dirottata dalla politica estera britannica .
Roosevelt morì il 12 aprile 1945. Due settimane dopo si tenne la prima conferenza delle Nazioni Unite (dal 25 aprile al 26 giugno 1945).
Alla prima conferenza delle Nazioni Unite, Lord Cranborne disse:



 

Con la morte di Roosevelt, gli inglesi riuscirono a convincere l'ingenuo presidente Truman a trasferire la responsabilità del dopoguerra per tutto il sud-est asiatico al SEAC britannico, sotto Mountbatten.
Gli inglesi (e in misura minore i francesi e gli olandesi) alla riconquista delle loro ex colonie, fecero promesse di buone intenzioni per decolonizzare; alla fine, tuttavia, una volta stabilito il loro potere militarmente, rinnegarono le loro promesse. La giustificazione è che queste colonie erano troppo deboli per difendersi dalla diffusione del comunismo dettato dalla Russia.
Persone come Sukarno, da un giorno all'altro, sono passate dall'essere criticate come sostenitrici del fascismo giapponese ad essere invece simpatizzanti comunisti. E così, gran parte dell'Asia e dell'Africa si sono trovate in un modo similmente degradato, non potevano essere individui, essere liberi di creare il proprio destino da qualcosa di nuovo. Non erano liberi di avere le proprie idee, le proprie scuole di pensiero; venivano invece trattati come bambini, senza altra possibilità che scegliere l'ideologia di un genitore o dell'altro. Tuttavia, questa era in gran parte un'ipocrisia occidentale, come si vedeva chiaramente dalla presenza assai invadente dell'imperialismo occidentale e dalla guerra sempre più clandestina.
Il motivo per cui così tanti leader nazionalisti erano disposti a lavorare con i comunisti all'interno del loro paese era perché anche i comunisti erano per il nazionalismo e contro l'imperialismo, e nulla si avvicinava neanche lontanamente al livello di distruzione che stava avvenendo a livello militare ed economico dall'Occidente. Imperialismo che frenava il progresso industriale a favore dell'arretratezza. Schierarsi con l'imperialismo occidentale equivaleva ad accettare una tirannia perpetua attraverso la povertà e la schiavitù.
Questo è il motivo per cui così tanti paesi hanno mantenuto un forte sentimento filoamericano, anche dopo il disastro della guerra di Corea, perché hanno riconosciuto che la scelta tra l'imperialismo occidentale e il comunismo sovietico era una costruzione artificiale e che esisteva una terza opzione molto chiara, quella di un sistema economico americano che si opponeva ai sistemi dell'imperialismo. Tuttavia, come abbiamo visto, questo sentimento pro-American System, pro-Roosevelt è stato completamente ignorato.
Al bivio
Siamo disposti a consegnare la corona a Cesare? Non ne sono così sicura, perché rimane un grande amore per la libertà e la ricerca della felicità, tuttavia dobbiamo ricordare a noi stessi che non si è mai trattato della libertà per pochi, ma piuttosto della libertà per tutti.
Se cadiamo nell'illusione di credere in una cosa come la libertà per pochi, e tu finisci col pensare di essere incluso fra tali pochi privilegiati, bada, perché domani chi può dire quale sarà il tuo rango?
Libertà per pochi è in realtà Libertà per nessuno. È accettare di essere governati da un Cesare, accontentarsi delle briciole della libertà e quindi non avere alcuna libertà. Se ci schieriamo con l'oppressore del mondo, anche noi saremo consumati nel processo.
E quindi, concluderò con gli ulteriori commenti del presidente Sukarno nel suo discorso di apertura a Bandung. Fate attenzione, perché il mondo è ancora in attesa: gli Stati Uniti si risveglieranno finalmente dal loro secolo di follia e torneranno ai propri principi fondanti?
Grandi divergenze sbadigliano tra nazioni e gruppi di nazioni. Il nostro mondo infelice è lacerato e torturato, e i popoli di tutti i paesi camminano temendo che, non per colpa loro, i cani da guerra vengano di nuovo sguinzagliati… Le nazioni dell'Asia e dell'Africa non possono, anche se lo desiderassero, evitare la loro parte nel trovare soluzioni a questi problemi… Abbiamo pesanti responsabilità verso noi stessi, verso il mondo e verso le generazioni non ancora nate.
'Viviamo in un mondo di paura… Forse questa paura è 'un pericolo più grande del pericolo stesso.' [citando il presidente Roosevelt]
… Tenete a mente le parole di uno dei più grandi figli dell'Asia [Sun Yat-sen]: 'Parlare è facile. Agire è difficile. Comprendere è più difficile. Una volta capito, l'azione è facile.'
…Lo scopo più alto dell'uomo è la liberazione dell'uomo dai suoi legami di paura, i suoi legami di degradazione umana, i suoi vincoli di povertà – la liberazione dell'uomo dai legami fisici, spirituali e intellettuali che per troppo tempo hanno ostacolato lo sviluppo di gran parte dell'umanità. E ricordiamoci, sorelle e fratelli, che per il bene di tutto questo, noi asiatici e africani dobbiamo essere uniti."
– estratto del discorso di apertura del presidente Sukarno alla conferenza di Bandung
 
[La Parte 2 discuterà l'orientamento asiatico-africano oggi e come questo si interfaccia con l'Anglo-America.] Questo articolo è stato originariamente pubblicato da The Saker.
Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

BASTA CON IL DEBITO! di Gianluigi Mucciaccio

Insediatosi, ormai, da qualche mese (17 maggio sottolineo per gli scaramantici), il nuovo governo di Romano Prodi sta dando segnali incontrovertibili su quelle che...

Cerchio della vita – Roma

 Acquista l'edizione 2013 in DVD de Il Cerchio della Vita  

432hz, una rivoluzione musicale?

432HZ, UNA RIVOLUZIONE MUSICALE? NUOVE STRADE PER LA RICERCA DI UNA INTONAZIONE NATURALE Al Voice Music Center si discute di intonazione naturaleMARTEDÌ 5 maggio - ore...

Altre conferme che il generatore di frequenze Hutchison- Lazaryan funziona – di D. Allan Sterling

Analisi scientifiche dei campioni d’acqua del Golfo, effettuate prima e dopo il trattamento con il generatore disegnato da John Hutchison e Nancy Lazaryan, mostrano...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube