lunedì - 30 Gennaio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

La riapertura del dossier Lockerbie della Libia

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,200IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Perché gli Stati Uniti stanno rilanciando un’accusa falsa da lungo tempo risolta?

Il rapimento da parte degli Stati Uniti del cittadino libico Muhammad Said Abu-Ageila e la sua incarcerazione sulla base del fatto che avrebbe fabbricato la bomba utilizzata nel 1986 nell’esplosione dell’aereo di linea Pan-Am su Lockerbie in Scozia è palese pirateria in violazione di accordi e impegni vincolanti. Non è ancora chiaro perché gli Stati Uniti abbiano deciso di riaprire questo fascicolo che venne chiuso in base ad accordi ratificati a livello internazionale. Ma è opinione diffusa che si tratti di un nuovo tentativo di estorsione che coinvolge la Libia in modi che non sono ancora evidenti.

Abu-Ageila, che era un ufficiale dell’intelligence durante il governo del colonnello Muammar al-Gaddafi, venne arrestato e incarcerato per volere degli Stati Uniti nel 2011. Dopo che il regime è stato abbattuto dai bombardamenti aerei della NATO, i successivi governi libici hanno rifiutato di estradarlo perché ciò violerebbe le leggi e la costituzione della Libia. Sarebbe stato impossibile rapirlo dalla sua cella pesantemente sorvegliata senza la collusione del governo a mandato scaduto di Abdelhamid Dbeiba come parte di un accordo con gli Stati Uniti, come ha accusato il deputato libico Misbah Douma. L’analista politico Muhammad Mahjoub è andato oltre, accusando il ministro degli Esteri Najla al-Mangoushof di aver avuto un ruolo nel passaggio di consegne data la sua posizione ufficiale e gli stretti legami con gli Stati Uniti.

Il caso Lockerbie è stato chiuso completamente il 14 agosto 2008 dopo un accordo definitivo tra Stati Uniti e Libia in base al quale quest’ultima ha abbandonato i suoi programmi nucleari e chimici e ha consegnato le attrezzature agli Stati Uniti. Il regime ha accettato la responsabilità formale dell’incidente e ha pagato 2,7 miliardi di dollari di risarcimento alle famiglie delle vittime, per un importo di circa 10 milioni di dollari ciascuna: circa dieci volte l’importo concordato a livello internazionale. Una disposizione chiave del memorandum depositato al Consiglio di sicurezza in cui la Libia ha accettato la responsabilità era che gli Stati Uniti non avrebbero intrapreso ulteriori azioni contro il paese o i suoi leader. Ma dopo che gli Stati Uniti si sono assicurati che la Libia fosse disarmata, come al solito hanno infranto le proprie promesse e hanno inviato aerei da guerra della NATO per bombardare il paese, rovesciare il suo regime e organizzare il brutale assassinio e la mutilazione del suo leader.

Tutte le prove indicano che accusare la Libia dell’attentato di Lockerbie fu uno stratagemma inventato per sbarazzarsi del regime libico – dopo averlo disarmato – imponendo un embargo soffocante e un blocco aereo per metterlo in ginocchio. L’industriale tedesco che sosteneva di aver fornito ai libici gli esplosivi ha ritrattato la sua testimonianza. Il negoziante maltese che aveva affermato di aver venduto i vestiti trovati in una delle valigie ad Abdelbaset al-Megrahi, uno dei due “sospetti” incriminati, ha ammesso dalla sua nuova sede in Australia di aver ricevuto diversi milioni di dollari in tangenti per aver collaborato con l’intelligence e gli investigatori degli Stati Uniti .

Per la cronaca storica, ho testimoniato personalmente la falsità delle affermazioni statunitensi secondo cui il regime di Gheddafi era dietro l’attentato di Lockerbie. Citerò due esperienze specifiche a sostegno di ciò.

In primo luogo, quando Megrahi mi contattò dalla sua cella appositamente costruita nella prigione di Barlinnie, nella città scozzese di Glasgow, poche settimane prima di essere rilasciato nell’agosto 2009, chiese un incontro per discutere una questione molto importante. Andai a trovarlo accompagnato dal suo avvocato algerino. Il direttore della prigione, che mi riconobbe dalle mie allora frequenti apparizioni alla TV britannica, ci concesse gentilmente l’uso della sala conferenze nel suo ufficio per condurre l’intervista, che durò tre ore. Megrahi scoppiò in un flusso incontrollabile di lacrime che non avevo mai visto in vita mia. Poi, spiegando che stava parlando per la cronaca storica, mi giurò che non aveva alcun ruolo nell’attentato di Lockerbie e che se l’avesse avuto lo avrebbe confessato. Gli era stato diagnosticato un cancro alla prostata avanzato, i medici gli avevano dato solo tre mesi di vita, quindi non aveva assolutamente nulla da guadagnare o da perdere.

In secondo luogo, un incontro che ebbi con l’ex ministro degli esteri libico Abderrahman Shalgam, un amico ed ex compagno di classe, al Dorchester Hotel di Londra. Era stato l’architetto dell’accordo di Lockerbie nonché capo negoziatore con l’amministrazione statunitense nell’agosto 2003. Insistette sul fatto che la Libia non fosse in alcun modo dietro l’attentato di Lockerbie. Gli chiesi: “Allora perché ti sei assunto la responsabilità e hai pagato 2,7 miliardi di dollari di risarcimento per un crimine che non avete commesso?” Ha risposto: “L’abbiamo fatto per acquisire sicurezza e stabilità per la Libia e far togliere l’embargo”. Ha aggiunto: “Pagare il risarcimento è stato saggio e coraggioso … ha servito interessi nazionali superiori”.

Quello che voglio dire è che il rapimento di Abu-Ageila dalla sua prigione in Libia e il suo trasferimento negli Stati Uniti non è solo una violazione di accordi e impegni. Ciò in ogni caso non sorprende da parte delle amministrazioni e delle agenzie statunitensi. È anche l’epitome dell’estorsione, dell’arroganza, della pirateria e del disprezzo per tutti gli arabi e i musulmani, siano essi alleati o nemici. Eppure ne rimangono alcuni nel mondo arabo e islamico che continuano a fidarsi e ad allinearsi con loro.

Gli Stati Uniti hanno invaso l’Iraq e la Libia, devastandole e rovesciando i loro regimi dopo essersi assicurati che non avessero armi di distruzione di massa come deterrenza contro la loro doppiezza e pugnalata alle spalle. Continuano ancora oggi a spennare la Libia e a portare avanti i loro piani per trasformarla in uno stato fallito, lacerato dall’anarchia e dai conflitti e dalle divisioni interne, più di dieci anni dopo aver promesso di trasformarla in un paradiso di democrazia, prosperità, stabilità e rispetto dei diritti umani.

Possa Dio far riposare in pace tutti i libici che sono stati martirizzati difendendo la loro libertà, sovranità e unità, resistendo alle cospirazioni statunitensi ed europee e preservando la loro identità araba e islamica.

Fonte: https://thealtworld.com/abdel_bari_atwan/reopening-libyas-lockerbie-file?utm_source=substack&utm_medium=email

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

AirNav radar: gli ultimi sviluppi di Straker

Come già dettagliatamente spiegato in un recente articolo, il radar della AirNav Systems ci ha permesso di confermare quanto era ben evidente agli occhi...

Omid Jazi: l’equilibrio tra impulsività e riflessione

Chi è Omid Jazi?«Un cantautore psichedelico»Con questo fulminante e deciso botta e risposta inizia l’intervista con uno dei personaggi più affascinanti del nostro panorama...

11 settembre: gli statunitensi prigionieri delle loro menzogne

Otto anni dopo gli attentati dell'11 settembre, Thierry Meyssan, che aveva avviato la sfida globale alla validità della versione di Bush dei fatti, riassume...

Space-Requiem for London

Ma gli Scienziati ed i Ricercatori ce l'hanno un cuore o no? In effetti, subito dopo il verificarsi di una grande tragedia la quale...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube