fbpx
domenica - 21 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

La riorganizzazione degli eserciti russi

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Nel bel mezzo del conflitto ucraino, la Federazione Russa ha deciso di completare la riorganizzazione dei suoi eserciti. È un compito gigantesco che è stato portato a termine dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica e dalla completa anarchia che ne è seguita. Tuttavia, nonostante i gravissimi problemi emersi lo scorso anno, prima con l’invio al fronte di giovani privi di addestramento militare, poi con ritardi nella fornitura di alcune unità, è già ben visibile una professionalizzazione del sistema. La riforma annunciata mira non solo a omogeneizzare le Forze Armate verso l’alto, ma anche a trasformare radicalmente le modalità di comando.

Il presidente Vladimir Putin ha supervisionato personalmente la trasformazione degli eserciti russi da quando è salito al potere. Questi erano in uno stato deplorevole. La maggior parte del personale era composta da alcolisti che sottoponevano le giovani reclute a sporchi episodi di nonnismo.

Come primo passo, ha licenziato 150.000 sottufficiali e ufficiali, innescando una profonda crisi dirigenziale. Ha poi creato il primo esercito spaziale, una ventina d’anni prima degli Stati Uniti, tanto per sperimentare nuove forme di comando quanto per entrare in un nuovo teatro di operazioni. Soprattutto, ha affidato ad Anatoly Serdyukov la lotta alla corruzione, cosa che ha fatto con il pugno di ferro, ma a scapito degli eserciti.

Quindi, per un decennio, Vladimir Putin ha inviato i suoi soldati in Siria per sei mesi di addestramento al combattimento. Infine, ha creato sperimentalmente un esercito privato, il Gruppo Wagner, dove ha potuto testare varie forme di organizzazione.

Negli ultimi due anni, Wagner è stato comandato dietro le quinte dal colonnello Dmitri Outkin, mentre il co-fondatore della compagnia, il comunicatore Yevgeny Prigozhin, è stato al centro dell’attenzione e delle critiche.

Gli eserciti sono enormi strutture la cui organizzazione deve essere costantemente ripensata.
A titolo di confronto, negli anni ’90, gli Stati Uniti si sono resi conto che l’aumento della spesa militare non migliorava più i propri risultati. Così hanno nominato Donald Rumsfeld Segretario alla Difesa. Rumsfeld aveva eccezionali capacità di gestione aziendale. Nel 2001 ha incoraggiato la creazione di compagnie militari private (tra cui la famosa Blackwater) per sperimentare nuove modalità operative. Ma l’esperimento fallì, poiché i gruppi formati erano più interessati a svolgere operazioni segrete per la CIA che a soddisfare le richieste del Pentagono. Agli Stati Uniti resta un esercito la cui efficacia continua a diminuire, come abbiamo visto quando Kabul è caduta nel 2021.

Il presidente Vladimir Putin sta attuando oggi una riorganizzazione generale delle forze armate, con la creazione di un secondo esercito regolare di cinque divisioni e 26 brigate. Questo esercito metterà in pratica alcuni dei metodi sperimentati da Wagner per raggiungere un alto livello di efficienza.

Il generale Yevgeny Burdinsky, vice capo di stato maggiore delle forze armate della Federazione, supervisionerà il nuovo esercito. È un apprezzato specialista di comando.

Questa riorganizzazione del personale andrà di pari passo con una revisione della struttura geografica. L’adesione della Crimea e, in parte, della Novorossia alla Federazione Russa ha portato alla creazione di un distretto navale per il Mar d’Azov. Il ritorno della minaccia terroristica rappresentata dai “nazionalisti integralisti” ucraini, i “banderisti”, ha portato alla creazione di speciali distretti militari a protezione di Mosca e San Pietroburgo.

L’obiettivo è completare il processo di trasformazione delle forze armate, conservando solo ciò che ha dimostrato di valere. La Russia ha già le migliori armi del mondo e una notevole dottrina strategica e tattica. Nei prossimi anni intende possedere il miglior esercito del mondo.

Il presidente Vladimir Putin sta procedendo a questa trasformazione nel bel mezzo di un’operazione militare speciale in Ucraina, con tutti i gravi rischi che ciò comporta. Sembra scommettere che questo conflitto stia per finire.

Fonte: https://www.voltairenet.org/article219420.html

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Il legame tra BP, geoingegneria e ingegneria genetica – di Jim Thomas

La BP non si fermerà alla pericolosa trivellazione in alto mare: la compagnia è incline a progetti ancora più rischiosi, inclusa la manipolazione genetica...

Norma antiblogger nel ddl sicurezza

Blogger e internauti sono avvertiti. Se il cosiddetto pacchetto sicurezza, appena approvato in Senato, diventerà legge dovranno fare molta attenzione a ciò che scriveranno...

Alla vigilia della svolta – di Alessandro Lattanzio

Aynak e Haji Gak sono due miniere: Aynak è la seconda miniera di rame più grande del mondo, mentre Haji Gak è una miniera...

Petizione per le LENR alla Sapienza di Roma

Petizione per le LENR alla Sapienza di Roma La presente petizione viene contemporaneamente lanciata sul blog 22 passi d'amore e dintorni sul forum EnergeticAmbiente, sui...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube