martedì - 29 Novembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

La scuola materna che insegna fin da piccoli a coltivare il proprio cibo

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

La Battaglia dei Bilanci

Ciascuno di quei missili ATACMS (molto precisi) costa oltre 1 milione di dollari ciascuno. È fantastico se sei un produttore di armi o un azionista. Non...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,820IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Può l’agricoltura entrare a scuola? Certo che sì, e lo dimostrano alcuni studiosi italiani che recentemente hanno vinto il concorso di idee AWR International Ideas Competition con “Nursery Fields Forever”, una proposta che fonde l'agricoltura urbana con l'istruzione materna. 

Loro sono Edoardo Capuzzo Dolcetta, Gabriele Capobianco, Davide Troiani e Jonathan Lazar e hanno in testa un’unica idea: se solo si vuole, i bambini si possono avvicinare alla natura eccome, mettendo al bando quel costante contatto digitale con cui li bombardiamo.

E non solo: scopo del team che opera a Roma è quello di far intendere che la “agricoltura prescolare” serve a far capire ai bambini da dove proviene il loro cibo e come coltivarlo. Secondo il progetto, infatti, si potrà insegnare ai bambini come coltivare e raccogliere il proprio cibo, come interagire con gli animali, conoscere le energie rinnovabili dalle turbine eoliche e dai pannelli solari che saranno installati in loco.

In parte fattoria e in parte scuola, la “Nursery Fields Forever” segue per l’apprendimento tre tipi di approccio: imparare dalla natura, imparare dalla tecnica e imparare dalla pratica.

“Pensiamo che i bambini dovrebbero stare a contatto con la natura – spiega Edoardo Capuzzo Dolcetta – così abbiamo progettato questa strana scuola: niente aule, ma spazi aperti dove le verdure crescono e gli animali possono stare liberi. Si tratta di una miscelazione delle due cose, la scuola e la natura”.

La scuola è stata progettata come un gruppo di edifici a due spioventi che si affacciano su una grande varietà di orti e recinti per il bestiame.

Alla base di questa struttura, dunque, c'è l'obiettivo di avvicinare i bambini all'ambiente rurale facendoli interagire quotidianamente con l'elemento natura. Un’idea che in un certo senso in Italia ha alcuni proseliti e che potrebbe aiutare i bambini a migliorare le loro abilità sociali attraverso il lavoro di squadra, incoraggiare la loro autostima e promuovere stili di vita sani.

* * *

Articolo tratto da GreenMe.it


 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

L’intelligence degli dei: Luigi Baratiri racconta il suo libro, parte #2

Pubblichiamo la seconda parte della conferenza tenuta da Luigi Baratiri sul suo libro L'intelligence degli Dei. Insieme a lui Marco Zagni, già autore di...

Il linguaggio perduto delle piante

Imparando a ritrovare il legame con la natura e con le altre forme di vita, possiamo scoprire la saggezza delle piante. La loro chimica...

Padoan: un economista fallito alla guida dell’economia italiana?

I giornali, tolti alcuni più fedeli a Renzi e alla Merkel, si diffondono in esempi di clamorosi fallimenti del nuovo ministro dell'economia come economista....

L’etica di BitTorrent: si vuole punire la pirateria o criminalizzare la condivisione?

Per coloro che vivono in una moderna città densamente popolata, c'è una forte possibilità di ritrovarsi, proprio in questo momento, in prossimità di una...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube