fbpx
venerdì - 19 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

L’ADL rilascia una dichiarazione in cui dichiara che il battaglione Azov dell’Ucraina non è più “di estrema destra”

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La cronaca di Akakor

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

L’Anti-Defamation League (ADL) ha inviato a The Grayzone una difesa del battaglione Azov e si è rifiutata di condannare il Pentagono per aver onorato un veterano del gruppo che sfoggia tatuaggi di ispirazione nazista.

Un’e-mail del 9 novembre dell’Anti-Defamation League a The Grayzone ha fornito una contorta difesa del battaglione Azov dell’Ucraina. Nonostante la sua autoproclamata missione “anti-odio”, l’ADL ha insistito nell’e-mail che “non” considera Azov come il “gruppo di estrema destra che era una volta”.

Il battaglione Azov è un’unità neonazista formalmente integrata nell’esercito ucraino sostenuto dal governo degli Stati Uniti. Fondato da Andriy Biletsky, che ha notoriamente giurato di “guidare le razze bianche del mondo in una crociata finale… contro gli untermenschen guidati dai semiti”, tempo fa Azov veniva ampiamente condannato dai media aziendali occidentali e dall’industria dei diritti umani per la sua associazione con il nazismo. Poi è arrivata l’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022.

Nei mesi immediatamente successivi, Azov guidò la difesa dell’esercito ucraino di Mariupol, la roccaforte di lunga data del gruppo. Mentre la milizia assumeva un ruolo di prima linea nella guerra contro la Russia, i media occidentali hanno condotto una campagna per ribattezzare Azov come combattenti per la libertà fraintesi, accusando i suoi critici di fare eco alle tesi del Cremlino. Il New York Times ha persino definito l’unità il “celebre battaglione Azov”.

Come il Washington Post e altri media mainstream, l’ADL ha ignorato le atrocità di Azov questo aprile a Mariupol, dove i locali hanno accusato il gruppo di usare i civili come scudi umani e di giustiziare coloro che tentavano di fuggire. Un video da Mariupol mostrava i combattenti dell’Azov che dichiaravano con orgoglio il collaboratore nazista e assassino di massa di ebrei, Stepan Bandera, come loro “padre”.

Il battaglione Azov è stato a lungo una calamita per il movimento suprematista bianco internazionale, attirando reclute dalla divisione terroristica Atomwaffen a uno specialista dell’esercito americano arrestato con l’accusa di aver distribuito istruzioni per fabbricare bombe.

Nel marzo 2022, appena un mese prima della battaglia di Mariupol, la stessa ADL pubblicò un rapporto in cui riconosceva che i nazionalisti bianchi vedevano Azov “come un percorso per la creazione di uno stato nazionalsocialista in Ucraina”.

Otto mesi dopo, tuttavia, l’ADL ha cambiato tono, affermando in questo comunicato che Azov ha sradicato i fascisti dai suoi ranghi. Quindi Azov ha cambiato i suoi modi nazisti oppure l’ADL ha semplicemente cambiato i suoi messaggi per conformarsi agli imperativi di un’amministrazione Biden ancora intenta a inviare miliardi in aiuti militari all’Ucraina?

L’ADL risponde al rapporto Grayzone con la difesa dell’Azov

La difesa del battaglione Azov da parte dell’ADL è stata innescata da un incidente di settembre, quando questo giornalista ha presentato un rapporto di “incidente di odio” attraverso il sito Web dell’ADL che descriveva in dettaglio i contenuti di una denuncia di Grayzone su una competizione sportiva sponsorizzata dal Pentagono. Tenutosi a Disney World, il concorso di una settimana ha ospitato e onorato Ihor Halushka, un veterano ucraino di Azov marchiato con un tatuaggio nazista Sonnenrad – un simbolo di odio, secondo nientemeno che l’ADL.

The Grayzone ha presentato un breve riassunto di questi fatti ed eventi all’ADL, ha fornito fotografie di supporto e ha incluso un collegamento all’intero rapporto. Alla domanda su cosa potrebbe fare l’ADL per aiutare, questo giornalista ha chiesto di condannare il Pentagono per aver ospitato un neonazista. Dopo aver presentato il rapporto, mi è stato immediatamente assegnato un numero di caso automatico e sono stato inserito nella mailing list di massa dell’organizzazione.

Circa 60 giorni dopo, l’ADL ha risposto, scusandosi per il ritardo ma astenendosi dal riconoscere qualsiasi segnalazione di The Grayzone. Invece, l’ADL ha offerto una difesa in due paragrafi del battaglione Azov. Non c’è stata, ovviamente, alcuna condanna per l’accoglienza di Halushka da parte dei Warrior Games, e l’evento non è stato incluso nell’elenco pubblico degli incidenti di odio dell’ADL.

“Quando è stata creata nel 2014, la Brigata Azov era un gruppo militare privato che combatteva l’annessione della Crimea allora in corso”, ha scritto l’ADL a The Grayzone. “Durante questo periodo, era un gruppo che aveva una chiara influenza di estrema destra. Alla fine del 2014, il gruppo è stato introdotto come parte della Guardia nazionale ucraina e ribattezzato Reggimento Azov. Quando ciò è accaduto, il governo ucraino ha indagato sul gruppo e afferma di averlo purgato da questi membri di estrema destra. Inoltre, è stato durante questo periodo che il suo fondatore Andriy Biletsky ha lasciato AZOV e da allora ha lavorato nel grande movimento Azov, inclusa la fondazione di un partito politico di estrema destra, il National Corps. In sostanza, c’è stata una scissione tra l’unità militare AZOV e gli obiettivi politici dei suoi membri fondatori. Naturalmente, questo non vuol dire che abbiano rimosso con successo tutti gli elementi di estrema destra dai loro ranghi, ma anche il nostro Center on Extremism non vede il regime di Azov come il gruppo di estrema destra che era una volta”.

La stupefacente difesa di Azov come unità combattente ampiamente depoliticizzata da parte dell’ADL è fortemente compromessa dal materiale di ricerca della stessa.

L’ADL ha condannato duramente Azov prima di legittimarlo

Nel 2019, l’organizzazione pubblicò un rapporto su “L’interiorizzazione della supremazia bianca”, che ha abbandonato il nome Azov 18 volte e lo ha definito “un gruppo e una milizia di estrema destra”, “l’organizzazione e la milizia di estrema destra” e “un Gruppo e milizia estremisti ucraini”.

Il rapporto affermava anche che Azov “ha legami con neonazisti in Ucraina”, “ha contattato estremisti americani che la pensano allo stesso modo” e “secondo quanto riferito ha collegamenti con Atomwaffen (AWD), un gruppo neonazista americano presumibilmente legato a cinque omicidi”.

Nello stesso anno, l’ADL ha notato che uno specialista neonazista dell’esercito americano che si è dichiarato colpevole di aver distribuito illegalmente istruzioni per fabbricare bombe aveva “espresso il desiderio di trovare più ‘radicali’ e recarsi in Ucraina per combattere con il gruppo paramilitare del battaglione Azov”.

Un rapporto ADL più recente dipinge Azov in una luce altrettanto poco lusinghiera. Questo marzo, sette giorni dopo che la Russia ha lanciato la sua operazione militare in Ucraina, l’ADL pubblicava un post sul blog intitolato “I suprematisti bianchi, altri estremisti rispondono all’invasione russa dell’Ucraina”. L’articolo si riferiva ad Azov come “l’unità della guardia nazionale ucraina con espliciti legami neonazisti” e osservava che i suprematisti bianchi “vedono Azov come un percorso verso la creazione di uno stato nazionalsocialista in Ucraina”.

A novembre, tuttavia, l’ADL ha dichiarato di “non vedere il reggimento Azov come il gruppo di estrema destra che era una volta”. Per giustificare la sua improvvisa svolta, la presunta organizzazione anti-estremismo ha indicato una presunta divisione tra l’estremista di destra Andriy Biletsky e la base dell’Azov.

La “scissione” tra Biletsky e Azov equivale a un vero e proprio divisorio dell’ufficio

Nella sua e-mail a The Grayzone, l’ADL ha affermato che “l’unità militare AZOV e gli obiettivi politici dei suoi membri fondatori” sono stati “divisi” nel 2014, insistendo sul fatto che Biletsky “ha lasciato Azov e da allora ha lavorato nel grande movimento Azov, inclusa la fondazione un partito politico di estrema destra, il Corpo Nazionale”.

L’ADL non ha notato tale “scissione” nel 2019, quando ha caratterizzato il Corpo Nazionale semplicemente come “l’ala politica di Azov”.

In effetti, la stretta associazione di Azov con il Corpo Nazionale è stata ampiamente riconosciuta sia nei media che nei gruppi di riflessione finanziati dal governo degli Stati Uniti.

“Il centro di reclutamento di Kiev e l’accademia militare di Azov condividono la stessa posizione con gli uffici del Corpo nazionale”, ha spiegato un ricercatore dell’outlet Bellingcat sponsorizzato dal governo degli Stati Uniti al Consiglio Atlantico affiliato alla NATO nel 2020. Il ricercatore ha aggiunto che Azov “ospita regolarmente Biletsky (e altri ex comandanti) nelle sue basi e accoglie con favore la sua partecipazione alle cerimonie, salutandolo come un leader”.

Infatti, il 26 ottobre 2022 – appena due settimane prima che l’ADL affermasse una “scissione” tra il Battaglione Azov e gli “obiettivi politici” del suo fondatore – Biletsky ha tenuto un discorso durante una cerimonia a Kiev per celebrare la ridenominazione di una strada, intitolandola ad Azov in commemorazione del loro combattimento a Mariupol lo scorso aprile.

Il fondatore del battaglione Azov Andriy Biletsky in onore degli “eroi di Azov” il 26 ottobre 2022

“C’è un sacco di imbiancatura liberale quando si tratta di fascisti in Ucraina”

Mentre l’ADL ha affermato a The Grayzone che il governo ucraino ha presieduto l’epurazione dei neonazisti dai ranghi dell’Azov, le apparizioni mediatiche dei membri dell’Azov quest’anno raccontano una storia decisamente diversa.

Come riportato da The Grayzone , lo scorso novembre le autorità italiane hanno emesso un mandato d’arresto per Anton Radomsky, un combattente dell’Azov, per aver pianificato un attacco a un centro commerciale vicino a Napoli.

Sempre a novembre, il tour di pubbliche relazioni di un fotografo di Azov negli Stati Uniti orientali è stato interrotto dalle proteste dopo che è venuta alla luce la sua storia di pubblicazione di immagini naziste sui social media.

E contrariamente alla versione dell’ADL, le interviste con i combattenti stranieri integrati con l’Azov dipingono l’immagine di un gruppo combattente che è ancora alveolato di neonazisti irriducibili.

“Il battaglione Azov ha ancora molta della sua presenza neonazista”, ha affermato in un’intervista pubblicata l’8 ottobre un americano di nome Justin, che ha combattuto con Azov a Mariupol. Secondo l’ex volontario, il suo comandante di battaglione era un “fottuto nazista” che conservava una fotografia di Adolf Hitler come sfondo del desktop sul suo computer. L’americano ha spiegato che lui ei suoi commilitoni si sarebbero salutati con ‘sieg heil’.

Un’intervista altrettanto rivelatrice apparsa il 12 novembre conteneva i commenti di un volontario americano del battaglione Azov di nome Kent “Boneface” McLellan.

Kent “Boneface” McLellan

“Boneface” vanta un lungo elenco di arresti negli Stati Uniti, incluso un incidente in cui è stato filmato da un informatore governativo sotto copertura mentre partecipava all’addestramento paramilitare con l’organizzazione neonazista del Fronte americano. Secondo i pubblici ministeri, il gruppo stava progettando di “uccidere ebrei, immigrati e altre minoranze”.

Nell’intervista di novembre, Boneface ha ammesso di aver scattato fotografie di combattenti ucraini “in posa con i cadaveri di una donna incinta linciata e di un uomo che dicevano fosse suo marito” per un video intitolato “Kikes get the rope”. Ha anche affermato di essere apparso in un video raffigurante una crocifissione fallita.

Ma i commenti di Boneface sulla prevalenza di neonazisti all’interno dei ranghi dell’Azov offrono la più chiara confutazione dell’affermazione dell’ADL secondo cui il battaglione “non è più il gruppo di estrema destra che era una volta”.

“C’è un sacco di imbiancatura liberale quando si tratta di fascisti in Ucraina”, ha detto McLellan, snocciolando punti di discussione popolari: “I nazisti non esistono”; “Il battaglione Azov e il reggimento Azov sono diversi”; “Hanno buttato fuori tutti i nazisti da Azov.”

“Parlo contro l’imbiancatura dei nazionalisti da parte dei media”, ha aggiunto. “Uso Twitter principalmente per trollare la sinistra (occidentale), perché crede che l’esercito ucraino non sia pieno di ideali nazionalisti”.

L’ADL è credulona come il resto dell’America liberale che sventola bandiera ucraina quando afferma che Azov è stato deradicalizzato? O stanno solo trollando anche noi?

 

 

 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Cambio di frequenza

NEXUS EVENTI in collaborazione con il Gruppo The X-Plan presenta CAMBIO DI FREQUENZA Pre-conferenza Giovedì 06 settembre 2018 – dalle 18:30 alle 20:00 Sala degli Emblemi Palazzo del Comune,...

Operazione rottamazione

Come risolvere il problema logistico costituito dai veicoli e dagli altri equipaggiamenti militari accumulati, in dodici anni di presenza in Afghanistan? Nel momento in cui...

Psicopatici e potere

Ogni essere umano porta in sé una dote di pregi e di difetti, la sua anima è il risultato di una particolare alchimia in...

Anche la Turchia va alla guerra di Russia

Dopo le crescenti tensioni sia all'interno della Turchia sia tra la Turchia e la Siria, che hanno visto schierarsi gli Stati Uniti d'America al...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube