lunedì - 30 Gennaio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

L’arte di essere e il linguaggio del cuore

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,200IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

 

Il cuore comincia a battere molto prima che il cervello si sia completamente formato, il primo battito avviene il 25° giorno dal concepimento. Raramente è poi aggredibile da tumori maligni.

Nelle malattie e nei decessi cardiaci solo una parte delle persone soffrivano dei classici fattori di rischio e per questo viene da chiedersi se ci siano altri fattori che favoriscono la nostra salute e vitalità. Gli antichi parlavano di eudaimonia (quella che oggi chiamiamo felicità), virtu, sapienza, tranquillitas, otium.

Il cuore nelle culture sapienziali antiche era considerato il centro dell'Essere, il ponte fra l'uomo e Dio, e – molto spesso – il luogo ove "dimorava" Dio stesso. Questi riferimenti nel corso dei secoli si sono persi e hanno lasciato spazio all'idea che il cuore fosse una semplice pompa, un muscolo.

La scienza contemporanea ha invece evidenziato che il cuore è una ghiandola endocrina che produce importanti ormoni come ossitocina e dopamina responsabili della gestione dello stress.

Sin dai primi trapianti di cuore si era notato che la persona trapiantata tendeva ad assumere nuovi atteggiamenti e comportamenti rispetto a prima del trapianto stesso. Il trapiantato/a aveva modificato i propri gusti e le proprie abitudini, i propri interessi, emozioni e ricordi a partire da quelli del donatore.

Il cuore ha un proprio cervello ed un campo elettromagnetico superiore ad ogni altro organo del corpo, 5.000 volte superiore a quello del cervello.

Grazie a queste caratteristiche se il cuore viene portato in coerenza cardiaca diventa il "direttore d'orchestra" dell'intero organismo e ne determina il pieno benessere psicofisico. Le strategie del reincanto, le tecniche di trasformazione dell'ansia e dello stress ci permettono di lasciare andare il passato e dare sempre più spazio al perdono, alla gratitudine e alla gentilezza. Nello stesso tempo si contribuisce a creare una "nuova banca dati emozionale" (nell'amigdala) che ci fa essere – sempre più – protagonisti della nostra vita e maggiormente proattivi piuttosto che reattivi.

* * *

Graziano Pini Sociologo della salute, sarà presente domenica 20 dicembre a Lo specchio delle  relazioni

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

L’Inghilterra, i mille e la Russia

La storia dietro le quinte di uno sbarco trasversaleCentocinquant'anni fa lo sbarco dei mille in Sicilia che determinerà le sorti dell'Italia. Cosa c'entra la...

GIORNALISTI E “BLACK OPS” di Tom Bosco

aggiungere nulla alla questione. Concordo però sull’ipotesi secondo la quale potrebbe essere stata rapita nell’ambito di quelle operazioni “antiguerriglia” messe in piedi dal Pentagono, in quanto avrebbe potuto...

ALTRI AEREI CHE CADONO di Alessandro Lattanzio

Per la precisione due: un cargo militare Lockheed C-130 Hercules della IIAF (Islamic Iranian Air Force) carico di giornalisti che partecipavano alle manovre militari...

Climategate, il meteoscandalo difficile da insabbiare – di ERREQU

  Colpo di scena metereologico! Ignoti hackers hanno rubato un archivio di emails di scienziati impegnati della diffusione della tesi del riscaldamento globale causato...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube