giovedì - 8 Dicembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

L’assassinio dell’arciduca Shinzo Abe: quando i globalisti attraversarono il Rubicone

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Nuove enormi crepe appaiono nell’edificio dell’Impero

Le fondamenta stesse dell'"Ordine Globale basato sulle Regole" sembrano crollareCome occidentali sappiamo che la nostra forza risiede nell’unità cementata dai nostri valori condivisi. Ma in...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,900IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
L'8 luglio è stata una giornata afosa nell'antica capitale del Giappone. Shinzo Abe, la figura più potente della politica giapponese, stava pronunciando un discorso monco per un candidato del Partito Liberal Democratico locale davanti alla stazione ferroviaria di Nara Kintetsu quando all'improvviso risuonò un forte scoppio, seguito da una strana nuvola di fumo.
La reazione fu incredibile. Tra coloro che si erano radunati nella folla insolitamente numerosa, nessuna persona corse ai ripari o cadde a terra terrorizzata.
Le guardie del corpo di Abe, che erano insolitamente lontane da lui durante il discorso, lo guardavano impassibili, senza fare alcuno sforzo per proteggerlo o per portarlo in un luogo sicuro.
Pochi secondi dopo, Abe si accasciò e crollò a terra, sdraiato impassibile con la sua classica giacca blu, camicia bianca, ora macchiata di sangue, e il distintivo blu di solidarietà con i giapponesi rapiti in Corea del Nord. Molto probabilmente rimase ucciso all'istante.
Solo allora le guardie del corpo catturarono il sospetto, Yamagami Toruya, che era in piedi dietro Abe. La rissa con Yamagami prese la forma di una coreografia per il pubblico televisivo, non di una rimozione professionale.
Yamagami venne immediatamente identificato dai media come un ex membro della Forza di autodifesa marittima di 41 anni che aveva delle lamentele personali nei confronti di Abe.
Yamagami ha raccontato tutto alla polizia senza esitazione. Non ha nemmeno provato a scappare dalla scena e stava ancora impugnando la stupida pistola fatta a mano quando le guardie del corpo lo hanno afferrato.
Anche dopo che Abe era sdraiato sul marciapiede, nessuna persona nella folla è corsa al riparo, e nemmeno si è guardata intorno per determinare da dove provenissero gli spari. Tutti sembravano sapere, magicamente, che la sparatoria era finita.
Poi è iniziata la commedia. Invece di caricare Abe su una limousine e portarlo via, quelli che gli stavano intorno si limitavano a chiamare i passanti, chiedendo se qualcuno fosse un dottore.
I media hanno immediatamente accolto la conclusione del "pistolero solitario" per questo attacco, ripetendo la divertente storia di come Yamagami fosse associato a Toitsu Kyokai, una nuova religione fondata dal carismatico sciamano Kawase Kayo, e perché incolpava Abe, che aveva rapporti con quel gruppo, per i guai di sua madre.
Poiché Toitsu Kyokai ha seguaci della Chiesa dell'Unificazione fondata dal reverendo Moon Sun Myung, il giornalista Michael Penn è giunto alla conclusione che la cospirazione che ha portato alla morte di Abe è stata il risultato della sua collaborazione con i "Moonies".  
Sebbene i media mainstream abbiano accettato questa storia fantastica, la polizia e l'apparato di sicurezza giapponesi non sono riusciti a reprimere interpretazioni alternative. Il blogger Takashi Kitagawa il 10 luglio ha pubblicato materiale che suggeriva che Abe fosse stato colpito da davanti, non da dietro dove si trovava Yamagami, e che i colpi dovevano essere stati sparati ad angolo dalla cima di uno, o entrambi, gli alti edifici su entrambi i lati dell'incrocio di fronte alla piazza della stazione ferroviaria.
 
I messaggi di Takahashi Kitakawa:
L'analisi di Kitagawa dei percorsi dei proiettili era più scientifica di qualsiasi cosa offerta dai media che avevano affermato, senza fondamento, che Abe fosse stato colpito solo una volta fino a quando il chirurgo quella sera annunciò che c'erano stati due proiettili. 
Le possibilità che un uomo con in mano una strana pistola fatta in casa, in piedi a più di cinque metri di distanza in mezzo alla folla, riesca a colpire Abe due volte sono basse. Il personaggio televisivo Kozono Hiromi, che è lui stesso un esperto di armi, ha osservato nel suo programma "Sukkiri" (il 12 luglio) che un'impresa del genere sarebbe incredibile.
Un'attenta visione dei video suggerisce che più colpi siano stati sparati da un fucile con silenziatore dalla cima di un edificio vicino.
 
Il messaggio al mondo
Per una figura come Shinzo Abe, il più potente attore politico del Giappone e la persona attorno a cui i politici e i burocrati giapponesi si sono radunati in risposta all'incertezza senza precedenti nata dall'attuale crisi geopolitica, essere ucciso a colpi di arma da fuoco senza una seria scorta di sicurezza nelle vicinanze non ha senso.   
Forse il messaggio è stato perso dai telespettatori a casa, ma è stato chiarissimo per gli altri politici giapponesi. Del resto, il messaggio era chiaro per Boris Johnson, che è stato costretto a lasciare il potere quasi esattamente nello stesso momento in cui Abe è stato ucciso, o per Emanuel Macron, che è stato improvvisamente accusato di favoreggiamento per Uber, e deve affrontare mozioni per la sua rimozione dall'incarico, l'11 luglio, dopo che mesi di massicce proteste non erano riuscite a influenzarlo in alcun modo.
Il messaggio è stato scritto in rosso su tutta la camicia bianca di Abe: entrare nel sistema globalista e promuovere il regime COVID-19 non basta a garantire sicurezza, anche per il leader di una nazione del G7.  
Finora Abe è stato la vittima di più alto rango del cancro nascosto che ha divorato la governance negli stati nazionali di tutto il mondo, una malattia istituzionale che sposta il processo decisionale dai governi nazionali a una rete privata di supercomputer di banche, gruppi azionari privati, aziende di intelligence a noleggio a Tel Aviv, Londra e Reston, e gli intellettuali strategici impiegati dai miliardari al World Economic Forum, alla NATO, alla Banca Mondiale e ad altre istituzioni altrettanto straordinarie.
La quarta rivoluzione industriale è stata la scusa utilizzata per trasferire il controllo di tutte le informazioni in entrata e in uscita per i governi centrali a Facebook, Amazon, Oracle, Google, SAP e altri in nome dell'efficienza. Come osservò JP Morgan, "Tutto ha due ragioni: una buona ragione e una vera ragione".
Con l'assassinio di Abe, questi tiranni della tecnologia, e i loro padroni, hanno attraversato il Rubicone, dichiarando che coloro che sono vestiti con i simboli dell'autorità statale possono essere falciati impunemente se non eseguono gli ordini.
 
Il problema con il Giappone
Il Giappone viene sbandierato come l'unica nazione asiatica sufficientemente avanzata per entrare a far parte dell'"Occidente", per essere un membro dell'esclusivo club del G7 e per essere qualificata ad entrare in collaborazione (e forse aderire) al principale programma di condivisione di informazioni, il "Cinque Occhi". Tuttavia, il Giappone ha continuato a sfidare le aspettative e le richieste dei finanziatori globali e dei pianificatori all'interno della cerchia e a Wall Street per il Nuovo Ordine Mondiale.
Sebbene sia stata la Corea del Sud in Asia ad essere costantemente rimproverata a Washington come un alleato non del tutto all'altezza del Giappone, la verità è che i super ricchi occupati a conquistare il Pentagono e l'intera economia globale stavano iniziando a nutrire dubbi sull'affidabilità di quest'ultimo.
Il sistema globalista presso la Banca Mondiale, Goldman Sachs o il Belfer Center for Science and International Affairs dell'Università di Harvard ha un percorso prestabilito per i migliori e i più brillanti delle "nazioni avanzate". 
Èlite provenienti da Australia, Francia, Germania, Norvegia o Italia, imparano a parlare correntemente l'inglese, trascorrono del tempo a Washington, Londra o Ginevra in un think tank o in un'università, si assicurano una tranquilla sinecura presso una banca, un istituto governativo o un istituto di ricerca che garantisca loro un buon reddito e adottano la prospettiva ​​di buon senso, pro-finanza, propalata dall'Economist Magazine come il vangelo.
Il Giappone, tuttavia, sebbene disponga di un proprio sistema bancario avanzato, sebbene la sua padronanza di tecnologie avanzate lo renda l'unico rivale della Germania nelle macchine utensili e sebbene disponga di un sofisticato sistema educativo in grado di produrre numerosi premi Nobel, non produce leader che seguano questo modello per la nazione “sviluppata”.
L'élite giapponese per la maggior parte non studia all'estero e il Giappone ha circoli intellettuali sofisticati che non fanno affidamento su informazioni provenienti da fonti accademiche o giornalistiche estere. 
A differenza di altre nazioni, i giapponesi scrivono sofisticati articoli di giornale interamente in giapponese, citando solo esperti giapponesi. Di fatto, in campi come la botanica e la biologia cellulare, il Giappone ha riviste di livello mondiale scritte interamente in giapponese.
Allo stesso modo, il Giappone ha un'economia interna sofisticata che non è facilmente penetrata dalle multinazionali – a prescindere da quanto ci provino.
La massiccia concentrazione di ricchezza nell'ultimo decennio ha consentito ai super ricchi di creare reti invisibili per un governo globale segreto, rappresentate al meglio dal programma Young Global Leaders del World Economic Forum e dal programma Schwarzman Scholars. Queste figure in aumento nella politica si infiltrano nei governi, nelle industrie e negli istituti di ricerca delle nazioni per assicurarsi che l'agenda globalista prosegua senza ostacoli.
Il Giappone è stato colpito da questa forma subdola di governance globale. Eppure, i giapponesi che parlano bene l'inglese, o che studiano ad Harvard, non sono necessariamente sulla corsia preferenziale nella società giapponese.
C'è un'indipendenza ostinata nella diplomazia e nell'economia del Giappone, qualcosa che ha sollevato preoccupazioni tra il gruppo di Davos durante le campagne COVID-19.
Sebbene l'amministrazione Abe (e la successiva amministrazione Kishida) abbia seguito le direttive del World Economic Forum e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per i vaccini e il distanziamento sociale, il governo giapponese è stato meno invadente nella vita dei cittadini rispetto alla maggior parte delle nazioni e ha avuto meno successo nel costringere le organizzazioni a richiedere la vaccinazione.
In Giappone l'uso dei codici QR per bloccare il servizio ai non vaccinati è stato limitato nella sua implementazione rispetto ad altre nazioni "avanzate".   
Inoltre, il governo giapponese si rifiuta di attuare pienamente l'agenda di digitalizzazione richiesta, negando così alle multinazionali della tecnologia il controllo sul Giappone che esercitano altrove. Questo ritardo nella digitalizzazione del Giappone ha portato il Wilson Center di Washington DC a invitare Karen Makishima, ministro dell'Agenzia digitale giapponese (lanciata sotto la pressione della finanza globale nel settembre 2021) in modo che potesse spiegare perché il Giappone è stato così lento nella digitalizzazione (13 luglio).   
I giapponesi sono sempre più consapevoli che la loro resistenza alla digitalizzazione, all'esternalizzazione su vasta scala delle funzioni di governo e università a giganti della tecnologia multinazionali e alla privatizzazione dell'informazione non è nel loro interesse.
Il Giappone continua a gestire istituzioni in lingua giapponese che seguono vecchie usanze, compreso l'uso di documenti scritti. I giapponesi leggono ancora libri e non sono così innamorati dell'IA come i coreani e i cinesi.    
La resistenza del Giappone può essere fatta risalire alla restaurazione Meiji del 1867. Il Giappone si proponeva di creare un sistema governativo in cui le idee occidentali venissero tradotte in giapponese, combinate con concetti giapponesi, per creare un complesso dibattito interno. Il sistema di governo istituito nella restaurazione Meiji rimane in vigore in larga misura, utilizzando modelli di governo basati su principi premoderni dal passato del Giappone e della Cina nonché tratti dalla Prussia e dall'Inghilterra del XIX secolo.
Il risultato è un approccio feudale al governo in cui i ministri sovrintendono ai feudi di burocrati che custodiscono attentamente i propri bilanci e che mantengono le proprie catene di comando interne.
 
Il problema con Abe
Shinzo Abe è stato uno dei politici più sofisticati della nostra epoca, sempre aperto a fare accordi con gli Stati Uniti, o altre istituzioni globali, ma sempre cauto quando si trattava di fare del Giappone il soggetto dei dettami globalisti.  
Abe nutriva il sogno di riportare il Giappone al suo status di impero e immaginava di essere la reincarnazione dell'imperatore Meiji.
Abe era diverso da Johnson o Macron, in quanto non era interessato ad apparire in TV quanto a controllare l'effettivo processo decisionale in Giappone.
Non c'è bisogno di glorificare il regno di Abe, come alcuni hanno cercato di fare. Era un insider corrotto che spingeva per la pericolosa privatizzazione del governo, lo svuotamento dell'istruzione e che sosteneva un massiccio trasferimento di beni dalla classe media ai ricchi.
Il suo uso del forum di estrema destra Nihon Kaigi per promuovere un'agenda ultranazionalista e per glorificare gli aspetti più offensivi del passato imperiale del Giappone è stato profondamente inquietante. Abe ha dato il suo risoluto sostegno per tutte le spese militari, non importa quanto sciocche, ed era disposto a sostenere qualsiasi fregatura americana.   
Detto questo, in quanto nipote del primo ministro Nobusuke Kishi e figlio del ministro degli esteri Shintaro Abe, Shinzo Abe si è dimostrato un politico astuto fin dall'infanzia. Era creativo nell'uso di un'ampia gamma di strumenti politici per portare avanti la sua agenda e poteva chiamare i leader aziendali e di governo di tutto il mondo con una facilità di cui nessun altro politico asiatico avrebbe goduto.
Ricordo vividamente l'impressione che ebbi di Abe nelle due occasioni in cui l'ho incontrato di persona. Qualunque politica cinica avesse promosso, irradiava al suo pubblico una purezza e semplicità, ciò che i giapponesi chiamano "sunao", che era accattivante. I suoi modi suggerivano una ricettività e un'apertura che ispiravano lealtà tra i suoi seguaci e che potevano ammansire coloro che erano ostili alle sue politiche.
In sintesi, Abe era una figura politica sofisticata che era in grado di spingere una parte contro l'altra all'interno del Partito Liberal Democratico e all'interno della comunità internazionale, mentre appariva un leader premuroso e benevolo. 
Per questo motivo, i giapponesi ostili al nazionalismo etnico di Abe erano ancora disposti a sostenerlo perché era l'unico politico che pensavano in grado di ripristinare in Giappone la sua leadership politica globale.
Diplomatici e ufficiali militari giapponesi si preoccupano continuamente della mancanza di visione del Giappone. Sebbene il Paese abbia tutte le qualifiche per essere una grande potenza, ragionano, è gestito da una serie di insignificanti laureati dell'Università di Tokyo; uomini che sono bravi a sostenere gli esami, ma non sono disposti a correre rischi.
Il Giappone non produce nessuno come Putin o Xi, e nemmeno un Macron o un Johnson.
Abe voleva essere un leader e aveva le connessioni, il talento e la spregiudicatezza necessari per svolgere quel ruolo sulla scena globale. Era già stato il primo ministro in carica più longevo nella storia giapponese e aveva in programma una terza candidatura come primo ministro, quando fu colpito.
Inutile dire che i poteri dietro il World Economic Forum non vogliono leader nazionali come Abe, anche se conformi all'agenda globale, perché sono in grado di organizzare la resistenza all'interno del proprio stato nazionale.
 
Che cosa è andato storto?
Abe è stato in grado di gestire, utilizzando gli strumenti tradizionali dell'arte di governo, l'impossibile dilemma affrontato dal Giappone nell'ultimo decennio con l'aumento dei suoi legami economici con Cina e Russia, sebbene la sua integrazione politica e di sicurezza con gli Stati Uniti, Israele e il blocco della NATO sia proseguita di buon passo.
Era impossibile per il Giappone essere così vicino agli Stati Uniti e ai suoi alleati mantenendo nel contempo relazioni amichevoli con Russia e Cina. Eppure Abe quasi ci riuscì. 
Abe rimase concentrato e calmo. Sfruttò tutte le sue abilità e connessioni mentre si proponeva di ritagliarsi uno spazio unico per il Giappone. Lungo il percorso, Abe fece appello alla sofisticata diplomazia del suo pensatore strategico Shotaro Yachi del Ministero degli Affari Esteri per assicurarsi che il Giappone trovasse il suo posto sotto il sole.
Abe e Yachi hanno utilizzato strategie geopolitiche contraddittorie, ma efficaci, per coinvolgere sia l'Est che l'Ovest, facendo ampio uso della diplomazia segreta per siglare accordi a lungo termine che riportassero il Giappone nel gioco delle grandi potenze.
Da un lato, Abe presentò a Obama e Trump un Giappone disposto ad andare oltre la Corea del Sud, l'Australia o l'India nel sostenere la posizione di Washington. Abe era disposto a subire tremende critiche interne per la sua spinta a una rimilitarizzazione che si adattasse ai piani degli Stati Uniti per l'Asia orientale.
Nello stesso momento in cui impressionava i politici di Washington con la sua retorica filo-americana, accompagnata dall'acquisto di sistemi d'arma, Abe ha anche coinvolto Cina e Russia ai massimi livelli. Non è stata un'impresa da poco e ha comportato sofisticate attività diplomatiche all'interno della "cerchia", a Pechino e a Mosca.  
Nel caso della Russia, nel 2019 Abe negoziò con successo un complesso trattato di pace con quest'ultima, che avrebbe normalizzato le relazioni e risolto la controversia riguardante i Territori del Nord (le Isole Curili in russo). È stato in grado di assicurarsi contratti energetici per aziende giapponesi e di trovare opportunità di investimento in Russia anche se Washington ha aumentato la pressione su Tokyo per le sanzioni.
Il giornalista Tanaka Sakai osserva che ad Abe non è stato vietato l'ingresso in Russia dopo che il governo russo ha vietato l'ingresso a tutti gli altri rappresentanti del governo giapponese.
Abe ha anche impegnato seriamente la Cina, consolidando legami istituzionali a lungo termine e portando avanti negoziati per accordi di libero scambio che hanno raggiunto una svolta nel quindicesimo round di colloqui (9-12 aprile 2019). Abe aveva facilmente accesso ai principali politici cinesi ed era considerato da loro affidabile e prevedibile, anche se la sua retorica era aspramente anti-cinese.
L'evento critico che probabilmente ha innescato il processo che ha portato all'assassinio di Abe è stato il vertice della NATO a Madrid (28-30 giugno).
Il vertice della NATO è stato un momento in cui gli attori nascosti dietro le quinte hanno stabilito la legge per il nuovo ordine globale. La NATO è sulla buona strada per evolversi oltre un'alleanza per difendere l'Europa e diventare una potenza militare irresponsabile, lavorando con il Global Economic Forum, i miliardari e i banchieri di tutto il mondo, come un "esercito mondiale", funzionando proprio come La Compagnia delle Indie Orientali fece in un'altra epoca per gli inglesi.
La decisione di invitare al vertice della NATO i leader di Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda è stata una parte fondamentale di questa trasformazione della NATO.
Queste quattro nazioni sono state invitate a unirsi ad un livello di integrazione nella sicurezza senza precedenti, inclusa la condivisione dell'intelligence (esternalizzazione a grandi multinazionali tecnologiche), l'uso di sistemi d'arma avanzati (che devono essere amministrati dal personale di multinazionali come Lockheed Martin), esercitazioni congiunte (il che costituisce un precedente per un processo decisionale oppressivo) e altri approcci “collaborativi” che minano la catena di comando all'interno dello stato nazione.
Quando Kishida è tornato a Tokyo il primo luglio, non c'è dubbio che uno dei suoi primi incontri sia stato con Abe. Kishida spiegò ad Abe le condizioni inaccettabili che l'amministrazione Biden aveva chiesto al Giappone.
La Casa Bianca, tra l'altro, è ormai interamente lo strumento di globalisti come Victoria Nuland (sottosegretario di Stato per gli affari politici) e altri formati dal clan Bush.
Le richieste fatte al Giappone erano di natura suicida. Il Giappone doveva aumentare le sanzioni economiche alla Russia, prepararsi a una possibile guerra con la Russia e prepararsi a una guerra con la Cina. Le funzioni militari, di intelligence e diplomatiche del Giappone dovevano essere trasferite alla massa emergente di appaltatori privati ​​che si riunivano intorno alla NATO per la festa.
Non sappiamo cosa abbia fatto Abe durante la settimana prima della sua morte. Molto probabilmente si è lanciato in un sofisticato gioco politico, utilizzando tutte le sue risorse a Washington DC, Pechino e Mosca, così come a Gerusalemme, Berlino e Londra, per trovare una risposta a più livelli che avrebbe dato al mondo il impressione che il Giappone fosse dietro a Biden fino in fondo, mentre cercava una distensione con Cina e Russia attraverso la porta sul retro.
Il problema con questa risposta era che, poiché altre nazioni erano state "disattivate", un gioco così sofisticato del Giappone ne fece l'unica grande nazione con un ramo esecutivo semi-funzionale.
La morte di Abe è strettamente parallela a quella del sindaco di Seoul Park Won Sun, scomparso il 9 luglio 2020, esattamente due anni prima dell'assassinio di Abe. Park aveva preso provvedimenti nel municipio di Seoul per respingere le politiche di distanziamento sociale COVID-19 imposte dal governo centrale. Il suo corpo è stato ritrovato il giorno successivo e la morte è stata immediatamente dichiarata un suicidio a causa della sua angoscia per le accuse di molestie sessuali da parte di un collega.
 
Cosa fare adesso?
Il pericolo della situazione attuale non è da sottovalutare. Se un numero crescente di giapponesi arrivasse a percepire, come suggerisce il giornalista Tanaka Sakai, che gli Stati Uniti hanno distrutto la loro migliore speranza di leadership e che i globalisti vogliono che il Giappone si accontenti di una serie infinita di primi ministri dalla mentalità debole che dipendono da Washington e altri attori nascosti della classe dei parassiti, un tale sviluppo potrebbe portare a una rottura completa tra Giappone e Stati Uniti, portando a un conflitto politico o militare.
È significativo che Michael Green, la migliore mano giapponese a Washington DC, non abbia scritto l'omaggio iniziale ad Abe che è stato pubblicato sulla homepage del CSIS (Center for Strategic and International Studies), il suo istituto di origine.
Green, veterano del Consiglio di sicurezza nazionale di Bush e presidente dell'Asia Program di Henry A. Kissinger al CSIS, è l'autore di Line of Advantage:Japan's Grand Strategy in the Era of Abe Shinzo. 
Green era uno stretto collaboratore di Abe, forse il più stretto di qualsiasi americano.  
Il tributo ad Abe è stato redatto da Christopher Johnstone (il presidente giapponese del CSIS ed ex ufficiale della CIA). La strana scelta suggerisce che l'assassinio è così delicato che Green ha istintivamente voluto evitare di scrivere la risposta iniziale, lasciandola a un funzionario professionista.
Per intellettuali e cittadini responsabili a Washington, Tokyo o altrove, c'è solo una risposta praticabile a questo oscuro assassinio: la richiesta di un'indagine forense internazionale.
Per quanto doloroso possa essere tale processo, ci costringerà ad affrontare la realtà di come i nostri governi sono stati sopraffatti da poteri invisibili.
Se non riusciamo a identificare i veri attori dietro le quinte, tuttavia, potremmo essere trascinati in un conflitto in cui la colpa viene proiettata sui capi di stato e i paesi sono costretti a conflitti per nascondere i crimini della finanza globale.
L'ultima volta, la perdita di controllo del governo giapponese sulle forze armate può essere attribuita in parte all'assassinio del primo ministro Inukai Tsuyoshi il 15 maggio 1932 e del primo ministro Saito Makoto il 26 febbraio 1936.
Ma per la comunità internazionale, il caso più rilevante è come le manipolazioni di un'economia globale integrata da parte di Rothschild, Warburg e altri interessi bancari abbiano creato un ambiente in cui le tensioni prodotte dall'assassinio dell'arciduca Francesco Ferdinando d'Austria-Ungheria il 28 giugno 1914, furono incanalate verso la Guerra Mondiale.  
 

Arciduca Francesco Ferdinando d'Austria           (18 dicembre 1863-28 giugno 1914)

Shinzo Abe del Giappone                                           (21 settembre 1954-8 luglio 2022)

 
Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

UNIONE EUROPEA,GOLPE PERMANENTE di Maurizio Blondet

Maurizio Blondet23/10/2007Tutti contenti, i capi-bastone europoidi, per il «bel colpo» che hanno messo a segno al vertice di Lisbona del 19 ottobre: hanno fatto...

Contro la Ue nasce la rivolta. Pret-à-porter

Sabato notte, 9 aprile: in Francia, “Nuit Debout” in oltre 60 città, immense folle, disordini a Parigi. Nuit Debout (notte in piedi) è un...

Clima: cosa ne pensano davvero gli scienziati?

In occasione della strillata attenzione mediatica sui "cambienti climatici" di presunta origine antropica, in seguito alla decisione dell'amministrazione Trump di recedere dagli accordi sul...

Le e-mail trapelate di Podesta e gli UFO: l’urgenza di divulgare la verità

Un estratto dell'articolo di Linda Moulton Howe pubblicato su NEXUS New Times n. 125 (disponibile in edicola o nel nostro shop). Buona lettura.Domenica 16...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
A causa di motivi organizzativi ci vediamo costretti a posticipare la data del seminario con il dott. Tancredi Militano prevista per domenica 11/12/22. Le...

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube