fbpx
sabato - 25 Maggio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

L’autostrada della Morte: accadeva oggi 32 anni fa in Kuwait/Iraq

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

“Le persone che non prendono parte attiva alle ostilità, compresi i membri delle forze armate che hanno deposto le armi e coloro che sono stati messi fuori combattimento da malattia, ferita, detenzione o qualsiasi altra causa, devono in ogni circostanza essere trattati con umanità, senza alcuna distinzione sfavorevole fondata su razza, colore, religione o fede, sesso, nascita o ricchezza o qualsiasi altro criterio simile”. (Articolo 3 comune alle quattro Convenzioni di Ginevra del 1949 )

In alto sopra una palude, oltre 60 miglia della Autostrada 8 costiera dal Kuwait all’Iraq, una divisione della Guardia repubblicana irachena si ritirò il 26-27 febbraio 1991.

La radio di Baghdad aveva appena annunciato l’accettazione da parte dell’Iraq di una proposta di cessate il fuoco e, in conformità con la risoluzione 660 delle Nazioni Unite, alle truppe irachene in ritirata fu ordinato di spostarsi nelle posizioni occupate prima del 2 agosto 1990.

Tuttavia, il presidente George H.W. Bush definì in modo derisorio l’annuncio “un oltraggio” e “una bufala crudele”.

Sembra che La Casa dei Valorosi™ non fosse ancora pronta a fermare il massacro.

“Gli aerei statunitensi hanno intrappolato i lunghi convogli disabilitando i veicoli nella parte anteriore e posteriore, e poi hanno martellato gli ingorghi risultanti per ore”, afferma Joyce Chediac, giornalista libanese-americana.

“Era come sparare a un pesce in un barile”, ha detto un pilota statunitense.

Randall Richard del Providence Journal archiviò questo dispaccio dal ponte della U.S.S. Ranger: “Gli attacchi aerei contro le truppe irachene in ritirata dal Kuwait oggi sono stati lanciati così febbrilmente da questa portaerei che i piloti hanno detto di aver caricato qualunque bomba si trovasse più vicina al ponte di volo. Gli equipaggi, lavorando con in sottofondo la colonna sonora di Lone Ranger, spesso hanno rinunciato al proiettile preferito perché occorreva troppo tempo ad essere caricato.”

“Quando vedi il campo di battaglia disseminato di cadaveri a perdita d’occhio e c’è del fumo che turbina intorno, e l’odore dei cadaveri, delle munizioni, del carburante, delle esplosioni; è davvero opprimente”, ha affermato Paul Sullivan, un veterano del combattimento dell’operazione Desert Storm che ha continuato a creare il National Gulf War Resource Center.

Sullivan in seguito descrisse la cosiddetta “autostrada della morte” come “miglia e miglia e miglia di camion carbonizzati, carri armati, edifici fatti saltare in aria, pezzi di armi, pezzi di gambe in ogni direzione”.

“Molti di coloro che sono stati massacrati in fuga dal Kuwait non erano affatto soldati iracheni”, aggiunge il procuratore generale degli Stati Uniti diventato attivista per la pace, Ramsey Clark, “ma palestinesi, sudanesi, egiziani e altri lavoratori stranieri”.

“Ogni veicolo è stato mitragliato o bombardato, ogni parabrezza è andato in frantumi, ogni carro armato è bruciato, ogni camion è crivellato da frammenti di proiettili”, ha riferito Chediac dopo aver visitato la scena della “Highway of Death” nel 1991. “Nessun sopravvissuto è noto o probabile. Le cabine dei camion sono state bombardate così tanto che sono state sepolte nel terreno, ed è impossibile vedere se contengano conducenti o meno. I parabrezza si sono sciolti ed enormi carri armati sono stati ridotti in schegge.

“In un punto”, riferì Bob Drogin sul Los Angeles Times, “cani randagi ringhianti avevano smembrato due cadaveri esponendone le costole. Giganteschi avvoltoi passavano da un cadavere all’altro: erano riconoscibili solo un piede rivestito di stivali e un teschio senza occhi.

“Anche in Vietnam, non ho visto niente del genere. È sconsolante”, ha detto l’ufficiale dell’intelligence dell’esercito e testimone oculare, il maggiore Bob Nugent.

Quando parli dell’America, non è sconsolante… è politica.

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

“Donald” sta per finire come Virginia Raggi?

Il generale Flynn, consigliere di sicurezza nazionale, s’è dovuto dimettere: per una telefonata che ha fatto all’ambasciatore russo a Washington, troppo amichevole. Scoperta dai...

Ucraina: Poroshenko dichiara “guerra totale” alla Russia

È di oggi la notizia riportata dai quotidiani italiani delle dichiarazioni del presidente ucraino Petro Poroshenko, che parlando di "offensiva" dei separatisti filorussi delle...

L’energia elettrica era libera e senza fili

Finalmente la spiegazione semplice e comprensibile di come funzionavano i sistemi di illuminazione, riscaldamento e altro di cui parlo ormai da anni in riferimento...

L’esercito britannico si addestra in Danimarca. Sparando ai maiali (vivi)

Sparare ai maiali per addestrare i medici militari? Per il ministero della Difesa britannico è “una pratica necessaria”. Solo così, infatti, può capire come curare efficacemente le ferite di...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube