fbpx
domenica - 21 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Le riflessioni di Macron sulla “autonomia strategica” dell’Europa… Molto rumore per nulla, ma l’insicurezza degli Stati Uniti è palpabile

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

“ROMANCE” (1986)

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Il presidente francese Emmanuel Macron ha messo in agitazione gli americani con i suoi commenti a favore di una maggiore autonomia strategica europea e affinché il vecchio continente eviti di essere coinvolto in uno scontro USA-Cina su Taiwan.

Macron ha fatto le sue osservazioni mentre tornava dalla Cina, dove sembrava essere stato ben accolto dal presidente Xi Jinping. Secondo quanto riferito, il viaggio ha raccolto diversi lucrosi accordi commerciali per le imprese francesi in un momento in cui il Palazzo dell’Eliseo è assalito da proteste pubbliche a livello nazionale e scioperi per problemi economici.

Il disappunto americano per le riflessioni di Macron sull’autonomia strategica europea si sta rivelando in almeno due modi.

Il New York Times ha accusato con sdegno Macron di giocare la “carta gollista”, mentre il Wall Street Journal ha censurato il leader francese per “aver commesso un errore su Taiwan”, aggiungendo: “Indebolisce la deterrenza contro l’aggressione cinese e mina il sostegno degli Stati Uniti all’Europa”.

Il senatore repubblicano Marco Rubio era palesemente irritato e ha chiesto a Macron di chiarire “rapidamente” se stesse parlando per l’Europa nel suo insieme o per la sola Francia. Sbuffando, Rubio ha detto: “Voi ragazzi [leader europei] gestite l’Ucraina” perché d’ora in poi gli Stati Uniti concentreranno la loro attenzione sulle “minacce della Cina”.

C’è da ridere del senso malriposto della cavalleria americana. Questo è il solito cliché americano di credere che stiano ancora una volta salvando l’Europa dal conflitto, come nella Prima e nella Seconda guerra mondiale. Lo zio Sam, come suggerisce Rubio, abbandonerà l’Europa ai suoi sanguinosi litigi mentre continua a “fronteggiare” la presunta “aggressione cinese”.

La realtà è diametralmente opposta. L’Europa è coinvolta nella peggiore guerra dalla Seconda guerra mondiale proprio perché i suoi leader supini stanno seguendo pedissequamente l’agenda di Washington nell’intraprendere una guerra per procura contro la Russia e distruggere il commercio energetico strategico russo-europeo. L’espansionismo della NATO guidato dagli Stati Uniti per decenni – con il pretesto di “proteggere l’Europa – ha prodotto questa pericolosa congiuntura. La guerra in Ucraina è guidata dalla necessità di Washington di sostenere le sue ingombranti ambizioni egemoniche. Il confronto con Russia e Cina è parte integrante del gioco imperiale di Washington, così come la necessità americana di subordinare l’Europa come colonia di vassalli.

È un’audace affettazione da parte dei politici e dei media americani proiettare che stanno facendo all’Europa una sorta di nobile favore nei confronti dell’Ucraina e salvando le damigelle europee dai “barbari russi”. È così banale e falso, ma grazie al lavaggio del cervello dei media occidentali il vecchio cliché funziona ancora.

Ciò che mostra il clamore per i commenti di Macron è quanto siano sotto il controllo americano (diciamo il tallone) i leader europei. Per un presidente europeo affermare che il suo paese e gli altri membri dell’Unione europea dovrebbero fare dei loro interessi una priorità nel perseguire relazioni indipendenti con la Cina e in particolare per evitare un conflitto su Taiwan è, si potrebbe pensare, una questione di buon senso, ragionevolezza e normale prerogativa piuttosto banali. Il fatto che la classe politica americana abbia reagito in modo così furioso dimostra, ironicamente, quanto siano in realtà abiettamente subordinati gli europei. Macron parla in un raro momento di chiarezza e il contraccolpo americano è istintivo e sgradevole… perché come osano quei vassalli europei uscire dalle righe!

Ancora più importante, la rabbia americana può essere prepotente e arrogante, ma rivela comunque quanto sia fragile il senso di insicurezza a Washington.

L’establishment americano avverte sempre più che esiste una crisi sistemica cronica nel potere globale degli Stati Uniti. Il presunto ordine unipolare americano sta tramontando e sta inevitabilmente emergendo un mondo multipolare. Il potente dollaro statunitense non offre più la sicurezza di una volta. La Cina, la Russia e il Sud del mondo stanno spingendo sempre più energicamente per un ordine multipolare che renda superflui il dollaro americano e i suoi privilegi unici e arbitrari. Quando ciò accadrà del tutto, l’economia capitalista statunitense strangolata dai debiti e il suo precedente dominio globale crolleranno come tanti imperi prima di essa.

Questo è il motivo per cui Washington è così apoplettica per lo sfogo “insolente” di Macron. Il potere americano si basa sulla sottomissione e l’adesione al suo diktat. I borbottii dei vassalli sull’indipendenza devono essere repressi spietatamente, in modo che l’idea non si diffonda o forse venga addirittura adottata.

Emmanuel Macron però non è Charles De Gaulle. De Gaulle ha mostrato un’autentica indipendenza francese durante i primi decenni della Guerra Fredda, portando la Francia temporaneamente fuori dall’alleanza militare della NATO. L’indipendenza di De Gaulle ha portato a complotti assassini che avevano una strana somiglianza con quello che alla fine uccise John F. Kennedy, il quale aveva anche sfidato il complesso militare-industriale degli Stati Uniti e lo stato imperiale.

Quasi quattro anni fa, Macron etichettò il blocco NATO come “cerebralmente morto”. I suoi commenti allora scatenarono una controversia simile a quella che adesso ha suscitato riguardo al suo appello per relazioni europee indipendenti con la Cina.

Nonostante il suo disprezzante “cerebralmente morto” sulla NATO, Macron non ha fatto assolutamente nulla per esercitare l’indipendenza europea. Come gli altri cosiddetti leader dell’UE, Macron ha pateticamente seguito il percorso di guerra di Washington contro la Russia in Ucraina. Macron ha alimentato quella guerra con le armi francesi in completa obbedienza alle esigenze geopolitiche di Washington.

Quindi, tutto il trambusto sulle ultime aspirazioni di Macron sull’autonomia strategica è tanto rumore per nulla. Macron è un personaggio marionetta a cui piace spacconare ma che è una pallida imitazione di De Gaulle. Non farà nulla di sostanziale per minare le ambizioni egemoniche americane. Durante il suo volo di ritorno dalla Cina, forse è stato sopraffatto da un senso di (futile) grande desiderio all’indomani dello splendore dello stato cinese.

Tuttavia, nonostante la sua impotenza geopolitica e il suo affidabile vassallaggio, la furia americana per i commenti di Macron è istruttiva. Questa è la vera storia. Il semplice sentore di dissenso è sufficiente a mandare Washington quasi nel panico, perché sa quanto sia diventato fragile il suo potere imperiale.

Macron è irrilevante, ma la torrida reazione americana è notevole.

Fonte originale: https://strategic-culture.org/news/2023/04/12/macron-musings-europe-strategic-autonomy-much-ado-about-nothing-but-us-insecurity-palpable/

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Processo alla relatività – Parte 2

Proseguiamo la pubblicazione dell'articolo a firma di Daniele Russo dedicato alla Relatività einsteiniana, a cui vi abbiamo introdotto qualche settimana fa. Un suggerimento: tenetevi forte......

UNO STATO IMMORALE di Michael Melchior

Il gruppo di ragazzi che s'erano radunati attorno a noi sembravano divertirsi. Alcuni di loro tenevano in mano siringhe appena raccolte...

MEDICINA AMICA: I BENEFICI DELLA MELATONINA

Vi presentiamo di seguito un'intervista realizzata dall'emittente televisiva locale Telecolor al Dott. Walter Pierpaoli, scopritore degli incredibili benefici della Melatonina. Di lui e della...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube