venerdì - 9 Dicembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

L’Eni sotto attacco in Libia?

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Nuove enormi crepe appaiono nell’edificio dell’Impero

Le fondamenta stesse dell'"Ordine Globale basato sulle Regole" sembrano crollareCome occidentali sappiamo che la nostra forza risiede nell’unità cementata dai nostri valori condivisi. Ma in...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,940IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Un'autobomba esplode nelle vicinanze del quartier generale di una joint venture tra l'ENI e la National Oil Corporation libica. A poche ore dall'annuncio del ritrovamento del più grande giacimento di gas in Egitto da parte dell'ENI. Rivendicazioni dell'ISIS. Ma anche, manifestazioni a favore di Gheddafi in Libia. A voi la lettura. [Redazione]


ENI SOTTO ATTACCO IN LIBIA

Tripoli, 1 sett – Nella giornata di ieri una autobomba è esplosa nelle vicinanze del quartier generale della Mellitah Oil and Gas company, una joint venture tra la libica National Oil Corporation e l’Eni, a Tripoli.

Secondo quando riporta il quotidiano Libya Herald l’autobomba è esplosa nel quartiere di Dahra causando l’esplosione successiva di altre due vetture parcheggiate e, al contrario delle prime notizie giunte, non ci sarebbero feriti come anche confermato dal portavoce dell’Eni.

L’attentato che cade all’indomani dell’anniversario della presa del potere da parte di Gheddafi è stato rivendicato dall’IS su Twitter che scrive come i suoi “impavidi soldati” abbiano punito “gli apostati”.
Nella giornata di oggi invece l’attacco contro gli impianti di trasformazione di Mellitah, sempre della medesima joint venture a partecipazione Eni, sembra non aver avuto luogo a dispetto delle prime informazioni giunte in mattinata che indicavano l’occupazione dello stesso da parte di un sedicente gruppo armato chiamato “I rivoluzionari dell’area occidentale”.

L’autobomba di Tripoli è esplosa a poche ore dall’annuncio della società di San Donato Milanese della scoperta di un importante giacimento di gas naturale al largo delle coste egiziane che sarà in grado di modificare gli equilibri energetici, e quindi geopolitici, della regione. Sebbene non vi siano elementi per ritenere collegati i due fatti, anzi risulterebbe essere più plausibile un attacco in occasione dell’anniversario dell’ascesa al potere di Gheddafi, non è comunque da escludere che l’IS abbia voluto dare un segnale all’Eni (e all’Italia) soprattutto considerando l’impegno che l’Egitto ha profuso nella lotta contro lo Stato Islamico in Libia.

Ricordiamo che l’Italia, tramite l’Eni che almeno sino alla caduta di Gheddafi era partner preferenziale nella ricerca e produzione di idrocarburi, importa ancora gas (9% del totale) e petrolio (7%) dalla Libia pertanto un eventuale attacco dell’IS agli impianti di distribuzione, produzione e stoccaggio rappresenterebbe un messaggio politico forte da mandare a Roma.

Paolo Mauri

Fonte: ilprimatonazionale.it


LIBIA: MANIFESTAZIONI PRO-GHEDDAFI A BENGASI

Bengasi, 6 ago – Dopo quattro anni dalla caduta e uccisione del colonnello Muammar Gheddafi, tornano a farsi sentire i suoi fedelissimi.

Nei giorni scorsi nel cuore di Bengasi, la città da cui è partita la ribellione contro il governo di Tripoli nel marzo del 2011, hanno manifestato per la prima volta dalla caduta del regime i sostenitori dell’ex leader libico. Secondo l’emittente Al Araiya i manifestanti hanno scandito gli slogan “Muammar, Muammar e Dio” e “Muammar, Libia e Basta” sventolando le bandiere verdi e le foto di Gheddafi. Pare che la manifestazione non sia durata a lungo perchè vi è stato l’intervento di alcuni residenti che hanno reagito con un lancio di sassi e sparando alcuni colpi che non hanno causato vittime.

I manifestanti filo Gheddafi hanno chiesto la scarcerazione del figlio dell’ex raìs, Saif al Islam che è stato condannato a morte per i crimini commessi durante la ribellione scoppiata nel 2011. La sentenza emessa dal tribunale di Tripoli non è stata riconosciuta dal governo di Tobruk, il secondogenito di Gheddafi al momento è detenuto a Zintan da un gruppo di ex ribelli.

Guido Bruno

Fonte: ilprimatonazionale.it


Forse ti potrebbe interessare anche l'articolo

Libia: ora tuoni e fulmini, poi sarà tempesta

di Alberto Roccatano


 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Banche, imprese, Ue e Liga: tutti contro la Catalogna indipendente

Del percorso di indipendenza della Catalogna dalla Spagna vi abbiamo già parlato sia su questo sito, sia negli ultimi numeri di PuntoZero, negli articoli...

Plimpton 332: The Babylonian tablet that has revolutionized (Really?) the History of Science

The deciphering of Plimpton 332: a Babylonian trigonometry tablet dated to approx. 1800 B.C. has revolutionized the history of mathematics and science.  We asked the...

Facebook ammette che il “fact-check” è pura opinione

Abbiamo a lungo sospettato che le organizzazioni di fact-checking non siano altro che un bieco meccanismo di censura più interessato a manipolare le opinioni che...

Peres a Roma dall’amico Letta

Quale sarà la politica estera del nuovo governo italiano? Le dichiarazioni di John Kerry e la prontezza con Simon Peres giunge in Italia non...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
A causa di motivi organizzativi ci vediamo costretti a posticipare la data del seminario con il dott. Tancredi Militano prevista per domenica 11/12/22. Le...

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube