fbpx
sabato - 15 Giugno, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

L’insabbiamento del Nord Stream di Biden entra in una nuova fase evasiva

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La cronaca di Akakor

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Sono passate sei settimane da quando ho pubblicato un rapporto, basato su fonti anonime, che nomina il presidente Joe Biden come il funzionario che ha ordinato la misteriosa distruzione lo scorso settembre del Nord Stream 2, un nuovo gasdotto da 11 miliardi di dollari che avrebbe dovuto raddoppiare il volume di gas naturale consegnato dalla Russia alla Germania.

La storia ha preso piede in Germania e nell’Europa occidentale, ma è stata soggetta a un quasi blackout dei media negli Stati Uniti. Due settimane fa, dopo una visita del cancelliere tedesco Olaf Scholz a Washington, le agenzie di intelligence statunitensi e tedesche hanno tentato di aggravare il blackout fornendo al New York Times e al settimanale tedesco Die Zeit false storie di copertura per contrastare il rapporto secondo cui Biden e agenti statunitensi erano responsabili della distruzione degli oleodotti.

Gli assistenti stampa della Casa Bianca e della Central Intelligence Agency (CIA) hanno costantemente negato che l’America fosse responsabile dell’esplosione degli oleodotti, e quelle smentite pro forma erano più che sufficienti per il corpo della stampa della Casa Bianca.

Non ci sono prove che un giornalista assegnato lì debba ancora chiedere all’addetto stampa della Casa Bianca se Biden abbia fatto ciò che qualsiasi leader serio farebbe: formalmente “incaricare” la comunità dell’intelligence americana di condurre un’indagine approfondita, con tutte le sue risorse, e scoprire semplicemente chi aveva compiuto l’atto nel Mar Baltico.

Un operaio controlla le apparecchiature di monitoraggio presso la stazione di compressione di Slavyanskaya, il punto di partenza del gasdotto russo Nord Stream 2. Foto: TASS

Secondo una fonte all’interno della comunità dell’intelligence, il presidente non l’ha fatto, né lo farà. Perché no? Perché conosce la risposta.

Sarah Miller – un’esperta di energia e redattrice presso Energy Intelligence, che pubblica le principali riviste di settore, la quale scrive un blog su Medium – mi ha spiegato in un’intervista perché la storia dell’oleodotto è stata una grande notizia in Germania e nell’Europa occidentale:

La distruzione dei gasdotti Nord Stream a settembre ha portato a un’ulteriore impennata dei prezzi del gas naturale che erano già sei o più volte i livelli pre-crisi. Il Nord Stream è stato fatto saltare in aria alla fine di settembre. Le importazioni tedesche di gas hanno raggiunto il picco un mese dopo, in ottobre, a 10 volte i livelli pre-crisi. I prezzi dell’elettricità in tutta Europa sono aumentati e, secondo alcune stime, i governi hanno speso fino a 800 miliardi di euro, proteggendo le famiglie e le imprese dall’impatto.

I prezzi del gas, che riflettono l’inverno mite in Europa, sono ora scesi a circa un quarto del picco di ottobre, ma sono ancora tra due e tre volte i livelli pre-crisi e sono più di tre volte i tassi attuali degli Stati Uniti. Nell’ultimo anno, i produttori tedeschi e altri produttori europei hanno chiuso le loro attività a più alta intensità energetica, come la produzione di fertilizzanti e vetro, e non è chiaro se e quando quegli impianti riapriranno. L’Europa sta lottando per mettere in atto la capacità solare ed eolica, ma potrebbe non arrivare abbastanza presto per salvare grandi pezzi dell’industria tedesca.

All’inizio di marzo, il presidente Biden ha ospitato a Washington il cancelliere tedesco Olaf Scholz. Il viaggio includeva solo due eventi pubblici: un breve scambio di complimenti pro forma tra Biden e Scholz davanti al corpo della stampa della Casa Bianca, senza domande consentite; e un’intervista alla CNN con Scholz di Fareed Zakaria, che non ha toccato le accuse sull’oleodotto.

Il cancelliere era volato a Washington senza membri della stampa tedesca a bordo, senza cena formale in programma, e non era previsto che i due leader mondiali tenessero una conferenza stampa, come accade abitualmente in riunioni di così alto profilo.

Il presidente Joe Biden incontra il cancelliere tedesco Olaf Scholz nello Studio Ovale, 3 marzo 2023. Foto: Casa Bianca/Adam Schultz

Invece, è stato successivamente riferito che Biden e Scholz hanno avuto un incontro di 80 minuti, senza assistenti presenti per la maggior parte del tempo. Da allora non ci sono state dichiarazioni o intese scritte rese pubbliche da nessuno dei due governi.

Ma mi è stato detto da qualcuno con accesso all’intelligence diplomatica che c’è stata una discussione sul reportage relativo all’oleodotto e, di conseguenza, ad alcuni elementi della Central Intelligence Agency è stato chiesto di preparare una storia di copertura in collaborazione con l’intelligence tedesca, con la quale avrebbero fornito alla stampa tedesca e statunitense una versione alternativa della distruzione del Nord Stream 2.

Nelle parole della comunità dell’intelligence, l’agenzia avrebbe dovuto “pulsare il sistema” nel tentativo di smentire l’affermazione secondo cui Biden aveva ordinato la distruzione degli oleodotti.

 

L’autore:

Seymour Hersh è un giornalista investigativo e scrittore politico americano. Ha ottenuto il riconoscimento nel 1969 per aver denunciato il massacro di My Lai e il suo insabbiamento durante la guerra del Vietnam, per il quale ha ricevuto nel 1970 il Premio Pulitzer per i reportage internazionali.

Fonte originale: https://thealtworld.com/thealtworld/bidens-nord-stream-cover-up-enters-new-slippery-phase?utm_source=substack&utm_medium=email

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

CAPRICCIO DI RE, SFARZO DI REGINA di Paolo Cortesi

La storia ci offre curiosi esempi di prevaricazione e sopruso da parte del potere. (Mi rendo conto che è un pleonasmo: potere è sempre...

Quale sarà il prossimo Paese che dovrà vendersi l’oro?

Ricordate che fine fecero le riserve auree della Banca Centrale Libica? Sottratte dai colonizzatori occidentali, che mossero guerra alla Jamahiriya ormai due anni fa....

NEXUS NEW TIMES #151

Cari lettori, vi presentiamo l’attesissimo Nr. 151 di NEXUS New Times. Un numero all’insegna del disinganno e dello svelamento delle narrazioni fabbricate dal Potere. La...

USARE IL CLIMA COME STRUMENTO DI GUERRA a cura di Alessandro Boggian

Pare impossibile, eppure il governo americano sta conducendo degli studi per una nuova arma di distruzione di massa: la meteorologia e il clima. Si...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube