mercoledì - 1 Febbraio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

L’Isis vince, ma solo su Internet

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Elettrificazione terrestre e 5G: i pericoli spirituali

Fino ad oggi gli autori di controinformazione ben poco si sono occupati del significato “occulto” della tecnologia 5G, cioè dei suoi effetti (o forse...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,210IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Roma, 9 apr – Per carità, ormai la situazione era evidente a chiunque, ma le cronache recenti ci offrono un ulteriore conferma sulla reale forza del sedicente stato islamico. Notizie recenti ci mostrano infatti un ISIS forte sul web, ma decisamente meno negli scenari operativi, specialmente se in presenza di truppe regolari.

Sul fronte siriano infatti i principali obiettivi dell’Isis nei pressi di Raqqa, considerata la capitale dello stato islamico in Siria, sono soggetti di massicci bombardamenti da parte dei cacciabombardieri CF-18 dell’aeronautica canadese. Lo riferisce il sito Global News riferendo di un bombardamento presso un’ex base militare siriana occupata dai jihadisti. Il ministro della Difesa canadese, Jason Kenney, ha confermato la notizia dichiarando, in un tweet: “Assieme a partner della coalizione hanno compiuto con successo il loro primo raid aereo contro un obiettivo dell’Isis in Siria”.

Gravi perdite anche in Iraq dove, secondo quanto riportato dalla stampa tedesca, i miliziani hanno perso almeno tre grandi pozzi petroliferi. Secondo quanto riferito da Afp, l’Isis manterrebbe al massimo il 5% delle capacità estrattive che deteneva al momento della sua massima espansione in Iraq. I campi di Himrin ed Ajil sono stati incendiati e quello ancora sotto il loro controllo, il campo di Qayara, garantisce al massimo 2 mila barili giornalieri.
I campi controllati in Siria, dalla capacità teorica totale di 15 mila barili giornalieri, sono fortemente danneggiati e non riescono a compensare le perdite. Se si aggiunge la forte mancanza di personale qualificato per mantenere e sfruttare appieno gli impianti è facile intuire che il califfato è “a malapena in grado di vendere del petrolio”. L’Isis sta quindi perdendo progressivamente la sua principale risorsa di finanziamento.

Fonte: ilprimatonazionale.it


Per approfondire l'argomento, possono esserti utili gli articoli Terrrorismo for Dummies di Gabriele Sannino e Tra Sacro e Profano. Un'altra storia possibile di Jacopo Castellini, pubblicati sull'ultimo numero di PuntoZero (puoi sfogliarne l'anteprima qui sotto):

 

 

 


Vedi anche:
Spia canadese confessa: reclutavo giovani per l'ISIS
Sostegno britannico al Califfato Islamico: il Parlamento iracheno chiede spiegazioni a Londra

Arrestati agenti USA e israeliani che aiutavano l'ISIS 


 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Pedine in cerca di libertà

Non esistono le pillole della libertà. La libertà si costruisce tutti i giorni, appena svegliati. La libertà è fatica giornaliera, non fatevi imbrogliare da...

L’uranio impoverito restera’ in Iraq per generazioni del prof. Rocke

in Afghanistan nel 1994, 1995, 1999 e 2000. l’uso che gli USA fanno dell’uranio impoverito non si limita alla distruzione totale degli obiettivi, ma si estende...

SIMBOLOGIA DELLA NATIVITÀ

I Simboli della Teofanìa o Manifestazione Divina“Ora, mentre essi si trovano in quel luogo, venne per lei il momento del parto e diede alla...

IL BILDERBERG SI SPACCA SULL’IRAN di Maurizio Blondet

Così almeno sostiene James Tucker, l’unico giornalista al mondo che - da fuori - riesca a sapere qualcosa su quel che si dice nelle...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube