fbpx
sabato - 20 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Lo studio Lancet sulle autopsie del vaccino Covid rileva che il 74% è stato causato dal vaccino – Lo studio viene rimosso entro 24 ore

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

“ROMANCE” (1986)

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Una revisione di Lancet su 325 autopsie dopo la vaccinazione Covid ha rilevato che il 74% dei decessi è stato causato dal vaccino, ma lo studio è stato rimosso entro 24 ore.

Il documento, una pre-stampa che era in attesa di revisione paritaria, è stato scritto dall’eminente cardiologo Dr. Peter McCullough, dall’epidemiologo di Yale Dr. Harvey Risch e dai loro colleghi della Wellness Company ed è stato pubblicato online mercoledì sul sito di prestampa di la prestigiosa rivista medica.

Tuttavia, meno di 24 ore dopo, lo studio è stato rimosso ed è apparsa una nota che affermava: “Questa prestampa è stata rimossa da Preprints with the Lancet perché le conclusioni dello studio non sono supportate dalla sua metodologia”. Sebbene lo studio non abbia subito alcuna parte del processo di revisione paritaria, la nota implica che non rispettava i “criteri di selezione”.

L’abstract originale dello studio può essere trovato nell’Internet Archive. Si legge (con la mia enfasi aggiunta):

Contesto: il rapido sviluppo e l’ampia diffusione dei vaccini COVID-19, combinati con un numero elevato di segnalazioni di eventi avversi, hanno portato a preoccupazioni sui possibili meccanismi di lesione tra cui la nanoparticella lipidica sistemica (LNP) e la distribuzione dell’mRNA, il danno tissutale associato alla proteina spike , trombogenicità, disfunzione del sistema immunitario e cancerogenicità. Lo scopo di questa revisione sistematica è indagare sui possibili collegamenti causali tra la somministrazione del vaccino COVID-19 e la morte utilizzando autopsie e analisi post mortem. 

Metodi: Abbiamo cercato tutti i rapporti di autopsia e necropsia pubblicati relativi alla vaccinazione COVID-19 fino al 18 maggio 2023. Inizialmente abbiamo identificato 678 studi e, dopo lo screening per i nostri criteri di inclusione, abbiamo incluso 44 documenti che contenevano 325 casi di autopsia e un caso di necropsia. Tre medici hanno esaminato in modo indipendente tutti i decessi e determinato se la vaccinazione COVID-19 fosse la causa diretta o avesse contribuito in modo significativo alla morte.

Risultati: Il sistema di organi più implicato nella morte associata al vaccino COVID-19 è stato il sistema cardiovascolare (53%), seguito dal sistema ematologico (17%), dal sistema respiratorio (8%) e da più sistemi di organi (7%). Tre o più sistemi di organi sono stati colpiti in 21 casi. Il tempo medio dalla vaccinazione alla morte è stato di 14,3 giorni. La maggior parte dei decessi si è verificata entro una settimana dall’ultima somministrazione del vaccino. Un totale di 240 decessi (73,9%) è stato giudicato in modo indipendente come direttamente dovuto o significativamente contribuito alla vaccinazione COVID-19.

Interpretazione: la coerenza osservata tra i casi in questa revisione con eventi avversi noti del vaccino COVID-19, i loro meccanismi e il relativo numero di decessi in eccesso, insieme alla conferma dell’autopsia e alla valutazione della morte guidata dal medico, suggerisce che esiste un’alta probabilità di un nesso causale tra COVID- 19 vaccini e morte nella maggior parte dei casi. Sono necessarie ulteriori indagini urgenti allo scopo di chiarire i nostri risultati.

Lo studio completo non sembra essere stato salvato nell’Internet Archive, ma può essere letto qui.

Senza ulteriori dettagli da Preprints con lo staff di Lancet che ha rimosso il documento, è difficile sapere quale sostanza abbia realmente l’affermazione secondo cui le conclusioni non sono supportate dalla metodologia. Un certo numero di autori dell’articolo sono ai vertici dei loro campi, quindi è difficile immaginare che la metodologia della loro revisione fosse davvero così scadente da giustificare la rimozione allo screening iniziale piuttosto che essere soggetta a una valutazione critica completa. Puzza invece di cruda censura di un giornale che non è riuscito a seguire la linea ufficiale. Tenete presente che il CDC non ha ancora riconosciuto un singolo decesso causato dai vaccini Covid mRNA. Le prove dell’autopsia che dimostrano il contrario chiaramente non sono ciò che l’establishment della sanità pubblica statunitense vuole sentire.

La dottoressa Clare Craig, patologa e co-presidente del gruppo di consulenza sulla pandemia HART, afferma che a suo avviso l’approccio adottato nello studio è valido. Ha detto al Daily Skeptic:

Il sistema VAERS [di segnalazione degli eventi avversi da vaccino] è progettato per avvisare di potenziali danni senza essere necessariamente il modo migliore per misurare l’entità di tali danni.

La quantificazione dell’impatto dei decessi può essere effettuata osservando i tassi di mortalità complessivi in ​​un paese.

Tuttavia, questo è imperfetto in quanto ci si aspetterebbe un deficit di decessi dopo un periodo di decessi in eccesso, rendendo dubbia l’accuratezza di qualsiasi linea di base.

Un approccio alternativo per controllare tali morti attraverso l’autopsia è valido.

Potrebbe esserci un pregiudizio [nello studio] verso la segnalazione delle autopsie dei decessi in cui c’erano prove di causalità e la probabilità di causalità potrebbe essere esagerata da tale pregiudizio. Ad esempio, 19 dei 325 decessi erano dovuti a trombocitopenia e trombosi immunitarie indotte da vaccino (VITT), ma questi rapporti potrebbero essere sovrarappresentati a causa della volontà delle autorità di regolamentazione di riconoscere tali decessi.

Tuttavia, è importante che vengano fatti tentativi per quantificare il rischio di danno e la censura di questi tentativi, piuttosto che un’aperta critica scientifica, non aiuta a rassicurare le persone.

Il dottor Harvey Risch, uno degli autori dello studio, ha dichiarato al Daily Skeptic di considerarla “pura censura diretta dal governo, anche dopo l’ingiunzione Missouri contro Biden”. 

«Intanto i miei colleghi stanno studiando quello che chiamano ‘Long Vax‘, che è il danno causato dal vaccino. Ma ovviamente questo è un risultato raro, raro, raro, tranne per il fatto che sembrano non avere problemi a trovare tali individui da iscrivere al loro studio “, ha aggiunto.

Fonte

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Davide Cervia ed il progetto RFMP di Zret

{mosimage}  Pubblichiamo un articolo-inchiesta relativo a Davide Cervia, esperto sanremese di guerra elettronica, probabilmente tra coloro che elaborarono il sistema noto come RFMP, un sistema...

Il concetto di alieno nell’ufologia religiosa

L’ufologia religiosa nasce dai messaggi e dall’attività dei contattisti: essi sono degli uomini che sostengono di aver incontrato gli alieni in più di un’occasione...

Uccidere la speranza: Laura Boldrini, Eritrea e Libia

Il rovesciamento della Jamahiriya Libica e l’assassinio del suo leader non avevano nulla a che fare con i diritti umani e altra spazzatura ideologica....

Vaccini, guerra biologica e tradimento

Gli enti governativi investono nei vaccini, e ne traggono profitto. È dunque etico che i governi regolamentino i loro stessi prodotti? di Catherine O'Driscoll Negli anni...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube