fbpx
lunedì - 20 Maggio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Manifestanti francesi usano armi occidentali fornite a Kiev

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

La Russia ha ripetutamente messo in guardia i paesi occidentali contro la fornitura di armi al regime di Kiev, rilevando che alcuni dei prodotti avrebbero potuto finire sul mercato nero.
Le armi fornite dai paesi occidentali all’Ucraina vengono utilizzate dai manifestanti in Francia, ha detto giovedì la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.
“Le armi consegnate a Kiev [dall’Occidente, dalla NATO e dalla Francia] finiscono nelle mani dei manifestanti e vengono usate contro la polizia in Francia”, ha detto Zakharova ai giornalisti.
Ha sottolineato che le armi fornite a “nazionalisti, nazisti e fascisti sul territorio ucraino si ritorcono contro e non solo finiscono nei loro paesi [paesi occidentali], ma vengono anche usate contro la loro stessa gente”.
I paesi occidentali hanno fornito attrezzature militari all’Ucraina dall’inizio delle ostilità nel febbraio 2022. L’assistenza si è evoluta da munizioni e addestramento di artiglieria più leggeri nel 2022 ad armi più pesanti, compresi i carri armati, nello stesso anno e nel 2023. Negli ultimi mesi l’Ucraina ha spinto per ricevere aerei da combattimento.

I funzionari russi avevano ripetutamente espresso la preoccupazione che le armi fornite all’Ucraina finisero sul mercato nero e cadessero nelle mani di terroristi o organizzazioni criminali, mettendo così a repentaglio la sicurezza dell’intera Europa e aumentando il rischio di uno scontro diretto tra Russia e NATO.
Parlando dei piani dell’Ucraina di commettere un atto di sabotaggio alla centrale nucleare di Zaporozhye (ZNPP), Zakharova ha affermato che non ci sono state reazioni da parte delle Nazioni Unite alle preoccupazioni della Russia sulla sicurezza dell’impianto.
“Apparentemente, il Segretariato delle Nazioni Unite è completamente indifferente al fatto che le autorità ucraine non stiano abbandonando i loro tentativi di commettere sabotaggi contro lo ZNPP”, ha detto Zakharova in un briefing.

La cuccagna delle armi nel mercato nero

Da quando i paesi occidentali hanno iniziato a nutrire l’insaziabile fame di armi del regime di Kiev per alimentare ulteriormente il conflitto, la Russia ha avvertito che tali consegne non solo lo prolungheranno, ma sono foriere di altri rischi. In particolare, Mosca ha avvertito che la mancanza di controllo sulle armi porterebbe enormi quantità di sofisticate armi occidentali a finire sul mercato nero internazionale.
L’Ucraina aveva la reputazione di essere presumibilmente uno dei più grandi mercati del traffico di armi in Europa già prima dell’escalation del conflitto nel 2022, secondo il Global Organized Crime Index 2021 finanziato dagli Stati Uniti. Ad esempio, delle oltre 300.000 armi leggere scomparse dall’Ucraina tra il 2013 e il 2015, solo il 13% circa è stato recuperato, secondo un briefing del 2017 della Small Arms Survey, un progetto di ricerca indipendente con sede a Ginevra. Il problema del traffico illegale e incontrollato di armi si è intensificato dopo l’inizio delle forniture di armi occidentali al regime di Kiev.
Sebbene i funzionari statunitensi ed europei abbiano ampiamente cercato di minimizzare la portata del problema, già l’anno scorso un servizio dei media americani citava funzionari di Washington e del Pentagono che si lamentavano del fatto che le armi stavano svanendo nella “nebbia” del conflitto ucraino. Il media ha citato fonti che affermano che “gli Stati Uniti hanno pochi modi per rintracciare la sostanziale fornitura di armi anticarro, antiaeree e di altro tipo che hanno inviato oltre confine in Ucraina”.
Inutile dire che ci sono persone alquanto felici di trarre profitto dal contrabbando di armi della NATO.
Ad aprile, il giornalista vincitore del Premio Pulitzer Seymour Hersh aveva affermato che l’Occidente sa benissimo che le armi che consegnano alle autorità di Kiev vengono vendute sul mercato nero. Hersh ha detto ai media russi che “molto presto, Polonia, Romania, [e] altri paesi al confine verranno inondati di armi che avevamo spedito per la guerra in Ucraina”, dove è in corso l’operazione militare speciale russa.
Inoltre, non si può trascurare l’impressionante numero di armi statunitensi che cadono nelle mani sbagliate, con la Siria, l’Iraq e l’Afghanistan che sono solo alcuni degli esempi.
A marzo, l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov aveva detto ai giornalisti che Mosca avesse “serie preoccupazioni” che parte delle forniture militari statunitensi all’Ucraina finissero sul mercato nero.
“Dove appariranno le armi? Chi si assumerà la responsabilità quando il materiale cadrà nelle mani di alcuni gruppi terroristici e organizzazioni criminali?”, ha detto Antonov, aggiungendo che una tale politica mette a rischio la sicurezza di tutta l’Europa e aumenta il rischio di uno scontro diretto tra Russia e Nato.

In una riunione dei ministri della Difesa a New Delhi in aprile, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha sottolineato che le armi trasferite da Kiev finiscono nelle mani di terroristi di tutto il mondo e si stanno già diffondendo nella regione del Medio Oriente.
Anche Denis Pushilin, capo ad interim della Repubblica popolare di Donetsk (DPR), che è entrata a far parte della Russia lo scorso anno, ha dichiarato a Sputnik che le armi straniere fornite all’Ucraina, compresi i sistemi anticarro Javelin, vengono ora vendute sul mercato nero. Ha aggiunto che “questo tipo di armi viene trasferito in grandi quantità anche nei paesi africani”.
Per quanto riguarda l’infinita fornitura di assistenza militare ancora incanalata a Kiev, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha ripetutamente sottolineato che qualsiasi carico contenente armi per l’Ucraina diventerà un obiettivo legittimo per la Russia.
Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Golfo del Messico, tra disastri procurati e atomiche “salvifiche”

  Nel golfo del Messico è di recente sucesso un evento terrificante, ufficialmente avvenuto solo a...

IL POTERE CORROMPE di Paolo Cortesi

“Il potere tende a corrompere, e il potere assoluto corrompe in modo assoluto. I grandi uomini sono quasi sempre uomini cattivi, anche se esercitano...

Chi compone l’«emirato islamico»?

Mentre l'opinione pubblica occidentale viene imbevuta di informazioni sulla costituzione di una presunta coalizione internazionale volta a combattere l'«Emirato islamico», quest'ultimo cambia forma con...

Guerre silenziose con armi micidiali

Gurdijeff, celebre mago ed alchimista russo, amava raccontare una storia emblematica. C’era una volta un mago che possedeva molti montoni. Egli non recintava i pascoli...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube