mercoledì - 1 Febbraio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Moria di banchieri?

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Elettrificazione terrestre e 5G: i pericoli spirituali

Fino ad oggi gli autori di controinformazione ben poco si sono occupati del significato “occulto” della tecnologia 5G, cioè dei suoi effetti (o forse...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,210IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Sono ormai passati due anni da quando abbiamo iniziato ad occuparci delle stranezze improvvise che accadevano ai vertici dell'alta finanza internazionale, con particolare riguardo alle dimissioni massive di suoi esponenti in ogni angolo del pianeta (vedi l'articolo La follia di Marzo). Oggi assistiamo ad un fenomeno altrettanto anomalo e forse ancora più serio, come… la moria di banchieri. Un'epidemia? Una casualità? A voi le considerazioni, intanto eccovi le notizie.
[Redazione]


Parigi. Si suicida una banchiera francese dopo un litigio con i superiori
È la quattordicesima morte nell'alta finanza negli ultimi mesi. La prima donna

Ieri vi avevamo documentato come con quella di Li Jianhua, le morti nell'alta finanza nell'ultimo periodo erano arrivate a 13 e con la novità della prima di un cinese.

Ma il conto va subito aggiornato con la quattordicesima vittima e un'ulteriore novità: la prima donna.  Si tratta di una banchiera francese della Bred-Banque-Populaire. Le Parisien, che ha fornito solo il nome Lydia ma non il cognome, riporta come si sia buttata dal 14° piano del quartier generale parigino della banca – a quai de la Rapee a 200 metri dal ministero delle finanze – alle 10 di mattina di giovedì. Secondo fonti citate da France Tv, la banchiera avrebbe avuto una lite con i suoi superiori prima di suicidarsi. Ma la direzione della Banca ha negato categoricamente.

Si tratta del 14° suicidio negli ultimi mesi tra gli executive nei servizi finanziari come aggiorna Zero Hedge:
 
Karl Slym,51 anni amministratore delegato Tata Motors è stato trovato morto al quarto piano dell’hotel Shangri-La a Bangkok il 27 gennaio.
 
Gabriel Magee, 39 anni, dipendente di JP Morgan, è morto dopo essere caduto dal tetto del quartier generale di JP Morgan europea a Londra il 27 gennaio.
 
Mike Dueker, 50 anni, capo economista di una banca di investimento statunitense è stato trovato morto nei pressi del ponte di Tacoma nello Stato di Washington.
 
Richard Talley, 57 anni, fondatore dell’American Title Services in Centennial, in Colorado, è stato trovato morto all’inizio di questo mese dopo essersi apparentemente sparato con una pistola sparachiodi.
 
Tim Dickenson, responsabile della comunicazione della società Swiss Re AG con sede nel Regno Unito è morto il mese scorso, ma le circostanze della sua morte sono ancora sconosciute.
 
Ryan Henry Crane, un dirigente di 37 anni della JP Morgan è morto in un presunto suicidio solo poche settimane fa. Nessun dettaglio è stato rilasciato sulla sua morte.
 
Li Junjie, 33 anni, banchiere di Hong Kong saltato dalla sede della JP Morgan nel quartier generale a Hong Kong questa settimana.
 
James Stuart Jr, ex Ceo della National Bank of Commerce,  trovato morto a cottsdale, Ariz., il 19 febbraio.
 
Edmund Reilly, 47 anni, trader della Vertical Group si è gettato sotto un treno della linea LIRR
 
Kenneth Bellando, 28 anni, trader a Levy Capital, ex investment banking analyst a JPMorgan.
 
William Broeksmit, un ex dirigente di Deutsche Bank trovato morto nella sua casa dopo un apparente suicidio a South Kensington il 26 gennaio.
 
Jan Peter Schmittmann, 57 anni, ex amministratore delegato della banca olandese ABN Amro  

Li Jianhua, direttore del Banking Regulatory Commission cinese (CBRC), è morto la scorsa mattina a causa di "un improvviso attacco di cuore" – a meno di 49 anni .  

Notizia del: 25/04/2014

Fonte: lantidiplomatico.it


Moria di banchieri: l’ex amministratore delegato dell’ABN Amro trovato morto con la moglie e la figlia

Bisognerà presto aprire una rubrica speciale sulla morte dei banchieri? È diventato un lavoro rischioso. Jan Peter Schmittmann, ex-capo della grande banca ABN Amro, è stato trovato morto con la moglie e una figlia nella loro casa a Laren, in Olanda. I giornalisti lo definiscono (prudentemente o pudicamente) dramma familiare. Drammatico, naturalmente, e famigliare anche. Ma non ci dice cos’è successo. Ciò non non impedirà a una mente contorta di collegare questa morte alla serie di recenti morti nel mondo bancario e finanziario. È il 13.mo, quest’anno. Si è quasi tentati di dire un altro, ma questo non è cinismo. Suicidi, incidenti e “drammi familiari” ce ne sono ogni giorno. Ma 13 in 3 mesi e nello stesso campo, cominciano ad essere molti. Che succede in tale ambiente? Coloro che lavorano nel mondo bancario e finanziario sono forse i più fragili? Ne dubito. Ricordiamo che Schmittmann fu il CEO del colosso olandese ABN Amro, quando la banca fu acquistata per poco più di 100 miliardi dollari dal consorzio bancario formato da Royal Bank of Scotland, Fortis e Santander nel 2007. Prima del suo licenziamento nel 2009, vide la banca Fortis sull’orlo del fallimento per via della crisi e la serie di salvataggi della banca da parte del governo olandese. Prima della morte, possedeva l’azienda 2 Phase 2, una società di investimento e transazioni finanziarie. Fu anche co-fondatore di 5 Park Lane BV e membro del Consiglio di vigilanza della Delta Lloyd Bank.

Avic – Reseau International
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora
Fonte: aurorasito.wordpress.com


Fonte dell'immagine in apertura: My Daily Informer

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Food ReLOVution – tutto cio’ che mangi ha una conseguenza

NEXUS EVENTI in collaborazione con Un altro mondo e Promoviespresenta la proiezione del film di THOMAS TORELLIFOOD RELOVUTION Tutto ciò che mangi ha una conseguenzaGIOVEDI' 15...

Lettera aperta a Milena Gabanelli – di Tom Bosco

Cara Milena,ero già rimasto assai perplesso dal vostro servizio sul CICAP andato in onda il 14/03/2010, nel quale un argomento assai importante e controverso...

Haiti e l’arma sismica

La polemica aperta dalla pubblicazione sul nostro sito di un articolo che evocava la possibile origine artificiale del terremoto ad Haiti richiede qualche precisazione.Sì,...

FEUDALESIMO, OGGI di Paolo Cortesi

Si tratta dell’analisi dei partiti politici italiani, la loro attuale struttura, il loro rapporto con la società. I risultati dell’indagine sono preoccupanti.Gli iscritti ai...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube