lunedì - 30 Gennaio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Morte e reincarnazione secondo Giuseppe Mazzini

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,200IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

«Noi crediamo in una serie indefinita di reincarnazioni dell’anima, di vita in vita, di mondo in mondo, di cui ciascuna costituisce un progresso sulla precedente; noi possiamo ricominciare l’apprendistato quando non abbiamo meritato di passare ad un grado superiore, ma non possiamo retrocedere né estinguere spiritualmente».

«La Vita è Progresso; come l’Umanità trapassa migliorando, d’Epoca in Epoca, l’io migliora a seconda delle opere trapassando d’esistenza in esistenza».

«Il perfezionamento dello spirito è frutto del suo personale lavoro; non potendo acquistare tutte le qualità morali ed intellettuali, necessarie al raggiungimento del fine ultimo, in una e sola esistenza corporea, egli vi arriverà attraverso una successione di incarnazioni e in ognuna di esse farà qualche passo avanti sulla via della perfezione».

«Può l’uomo nelle sue nuove esistenze discendere più in basso di quella che era? Per condizione sociale sì, come spirito no».

Allan Kardek e Giuseppe Mazzini

Se non fossero graficamente distinte dalle virgolette, queste quattro affermazioni sembrerebbero di un solo autore, mentre invece le prime due furono scritte da Giuseppe Mazzini (1805-1872), le altre da Allan Kardec, ovvero il lionese Hippolite Léon Denizard Rivail (1804-1869), fondatore e codificatore dello spiritismo. […] Mazzini conobbe lo spiritismo delle origini che, come ogni nuova rivelazione, era proclamato e diffuso con la frenetica passione dei neofiti. Mazzini, del resto, era la persona più adatta a sentire il fascino della nuova filosofia spiritista: da sempre sostenitore di una legge morale superiore, da sempre religiosissimo, egli fu il più spiritualista fra i padri del Risorgimento, il "Mosè dell’Unità d’Italia", come lo chiamò De Sanctis. […]

«Dio è l’unico Legislatore della razza umana. La sua legge è l’unica alla quale voi dovete ubbidire. Chi meglio spiega e applica ai casi umani la legge di Dio è vostro capo legittimo: amatelo e seguitelo».

[…] Mazzini, scrivendo all’amico Saffi, nel 1855: «La morte non esiste, non può nemmeno concepirsi; la vita è vita, immortalità. Se immortalità, segue la legge della vita, progresso». La morte, per Mazzini come per Kardec, è una specie di dissoluzione chimica risolutiva, un passaggio obbligato per entrare in dimensioni più piene e vere, eterne e perfette; Mazzini scrive: «la Morte (la maiuscola è sua) è la culla di una vita nuova, più pura e felice». […] E se non ricordiamo le nostre vite precedenti, è solo perché non siamo ancora giunti ad un livello sufficiente di purificazione, dunque : «La Morte è sacra»; ne è convinto. Mazzini ricordava almeno una sua vita precedente: in una lettera a Marie d’Agoult, nel luglio 1865, a proposito della Svizzera, scrisse: «la mia Svizzera, poiché ho vissuto lì prima di nascere in Italia». Non ci si può esimere dal chiedersi se questa certezza avesse qualcosa a che fare con l’entusiasmo con cui Mazzini favoriva o consentiva tentativi rivoluzionari armati che non avevano la minima possibilità di riuscire ed anzi erano certamente destinati al fallimento, cioè alla morte dei partecipanti…

Continua su…

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU'

 

 

 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Intelligenza e artificio

Ho provato a giocare con un videogame che simula le partite di calcio, e ne sono rimasto affascinato. Il fascino non deriva dal gioco del...

Ri-sincronizzazione Inter-ormonale

Primo Corso introduttivo alla Medicina dei pazienti felici del Dr. PierpaoliFANO 11-16 MAGGIO 2015 Palazzo Martinozzi, Via Arco di Augusto 40, 61032 FanoDagli studi ed esperimenti...

La bolla dei derivati

Nessuno ne parla; nessun media a livello mondiale parla della bolla dei derivati. La bolla dei derivati sta crescendo e prima o poi esploderà....

Golpe senza fine

Prima di essere ucciso da Prima Linea nel 1979, il giudice Emilio Alessandrini aveva già scoperto le connessioni tra terrorismo e gruppo Bilderberg, da...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube