fbpx
sabato - 2 Marzo, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Nessun genocidio. La Corte di giustizia Onu assolve la Serbia.

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Le derive sanitarie di UE, WEF e OMS

A VISO SCOPERTO con Martina Pastorelli, Alberto Contri e Giovanni Frajese Conduce Matteo Demicheli Le derive sanitarie di UE, WEF (World Economic Forum) e OMS (Organizzazione...

Articoli più letti

Quanto è riproducile oggi la Scienza?

  La riproducibilità è un parametro fondamentale nella scienza. Se un risultato non può essere replicato, non può considerarsi scientifico. Eppure negli ultimi anni, si...

Sull’immigrazione

Nexus New Times # 161

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,500IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Belgrado, 4 feb – La violenza non fu ordinata dallo stato Serbo, le responsabilità sono personali e ricadono su chi materialmente commise le stragi. Questo il centro della motivazione con cui il tribunale internazionale dall’Aia ha assolto la nazione serba dalle tristi vicende della guerra nei Balcani. A vent’anni dalle tragedie di Vukovar e delle altre città popolate dalle minoranze croate con questa decisione i giudici all’Aja hanno respinto le accuse avanzate dal governo di Zagabria.

Circa 20.000 persone morirono nel conflitto croato dal 1991 al 1995, e la Croazia aveva inviato alla Serbia una richiesta di risarcimento per i danni “a persone e cose oltre che all’economia croata e all’ambiente”.  Lo stesso aveva fatto Belgrado ricordando l’espulsione forzata di oltre duecentotrentamila serbi da quelle zone.

“Credo che con ciò è stata chiusa una triste pagina del nostro passato, e ne è stata aperta un’altra sul nostro futuro”: così il ministro della giustizia serbo Nikola Selakovic ha commentato il verdetto.

“Per la prima volta è stato constatato a livello internazionale che l’esodo delle migliaia di serbi dalla Croazia non fu qualcosa di concordato ma la conseguenza dell’azione militare croata decisa dalla dirigenza di Zagabria, che aveva come obiettivo di ripulire la Croazia dalla popolazione serba. La nostra contro accusa è stata la conseguenza dell’iniziativa croata”,

ha affermato Selakovic.

Fonte: ilprimatonazionale.it


– Sullo stesso argomento, vedi anche: La guerra del crocefisso: un nervo scoperto


 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

La furia del potere

La furia normativa è una grave sindrome della nevrosi del potere. Si manifesta con la paranoica pretesa di regolare ogni espressione della vita individuale e...

Brzezinski piu’ saggio di Obama?

Ricordate la discussione su Obama-burattino? Abbiamo sbagliato tutti, a quanto pare, su un fronte come sull’altro.Abbiamo dedicato notevoli energie, nei mesi scorsi, per cercare...

Gli “effetti” Lince in Afghanistan – di Giancarlo Chetoni

Quando i pneumatici scorrono su un terreno sterrato di montagna segnato da solchi profondi, e succede con frequenza perché ad ogni primavera quando si...

Intervista a Fabio Mini

Enzo Pennetta di Critica Scietifica intervista Fabio Mini, Generale di Corpo d’Armata, capo di Stato Maggiore della NATO, capo del Comando Interforze delle Operazioni...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube