fbpx
domenica - 14 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Onu: Israele ha torturato e violentato 7mila bambini palestinesi

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

“ROMANCE” (1986)

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

La notizia è clamorosa, soprattutto perché proviene dall’ONU, che finora non aveva mai preso posizioni così forti nei confronti dei crimini israeliani. Numeri non esagerati, però, se si considera che uno studio israeliano di 5 anni fa, pubblicato sul quotidiano Haaretz, rendeva noto che in Israele una donna su sette e un uomo su undici sono stati vittime di incesti familiari. Fanno riflettere, purtroppo, anche i numerosi casi di pedofilia registrati all’interno delle scuole talmudiche. Da notare che si tratta dello stesso Israele che sostiene attualmente i ribelli dell’Esercito Libero Siriano (contro Assad), cioè quei ribelli che Vladimir Putin ha denunciato al G8 per aver addirittura mangiato gli organi di soldati siriani appena sventrati. A chi vogliamo continuare ad affidare le sorti del mondo?

Redazione

L’Onu contro Israele: violenta e tortura i bambini palestinesi

Un dossier del Consiglio per i Diritti Umani dell’Onu accusa lo stato d’Israele di torturare, violentare e minacciare i bambini palestinesi, tra le vittime preferite dell’esercito.

 Redazione– 25 giugno 2013 – Continuano a considerarla la “unica democrazia del Medio Oriente”, dimenticandosi di tutto il dolore che Israele infligge nei confronti di coloro che fanno parte del suo popolo. Africani fuggiti dalle guerre civili e sbarcati nei territori ebrei, ma, soprattutto, ovviamente, palestinesi.

È quasi possibile effettuare un elenco delle vessazioni e delle ingiustizie a cui i palestinesi sono quotidianamente sottoposti da parte di quel popolo che li ha scacciati dalla loro terra e che ora li segrega e punisce. Sono violenze così abituali che non fanno quasi più orrore; ce le si dimentica, le si sottovaluta. L’ultimo dossier delle Nazioni Unite, però, potrebbe riaccendere l’attenzione internazionale e permettere al mondo intero di comprendere ciò che i palestinesi, anche più piccoli, devono costantemente subire.

Nel dossier stilato dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite e pubblicato alcuni giorni fa, viene espressa infatti una “profonda preoccupazione circa i maltrattamenti e le torture ai bambini palestinesi arrestati, processati e detenuti da parte della polizia e dei militari israeliani”. Lo stato di Netanyahu si è macchiato di orribili crimini, abusando dei bambini con torture, isolamento carcerario, minacce di morte e violenze sessuali. Bambini che, nella stragrande maggioranza dei casi, non hanno raggiunto ancora neanche l’età adolescenziale.

I piccoli verrebbero arrestati durante incursioni notturne nei territori palestinesi. Bendati, ammanettati e rapiti, quando non sono utilizzati come scudi umani negli scontri a fuoco, vengono trasferiti in centri di detenzione senza che i genitori possano saper nulla sulla loro sorte. Nelle prigioni vengono stuprati e picchiati, sottoposti a violenze psicologiche senza fine, privati di cibo e acqua con l’unico intento di far loro confessare qualche crimine, seppur mai realmente compiuto. Così che, i piccoli, cedono, e ammettono qualsiasi reato, finendo, per tanto, condannati.

Nelle carceri israeliane, di minori palestinesi, ve ne sarebbero circa 7mila, dai 9 ai 17 anni. La media di arresti è di due al giorno.

Da quanto emerge dal dossier, la maggior parte dei prigionieri bimbi viene fermata con l’accusa di aver lanciato pietre alle vetture dei soldati israeliani o ai coloni, un reato, questo, punibile con vent’anni di carcere.

Fonte: articolotre.com

Il documento ufficiale delle Nazioni Unite si può leggere cliccando qui.

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Curiose sincronicità

Cose curiose capitano a volte. O forse spesso, se sapessimo accorgercene. Russia Today, la nota emittente televisiva e agenzia di stampa che è seguita in...

L’uomo nuovo secondo il nWo

Quando intorno alla metà del secolo scorso l’élite mondialista che di fatto gestisce le sorti del pianeta e dei suoi abitanti iniziò a strutturare...

È finito il tempo delle scuse

  Nella recente discussione sui militari in Afghanistan (che io ho definito “assassini prezzolati”), diversi utenti hanno espresso opinioni contrarie alla mia: “La colpa...

Francesco Carraro: verso “il mondo nuovo”

Francesco Carraro, avvocato e scrittore, presenta a Vox Italia TV l'articolo pubblicato su Nexus New Times N° 146: "Covid-19: masse e manipolazione" . Nel video, Carraro...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube