lunedì - 30 Gennaio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Pacificazione: la scioccante verità sull’accordo di Monaco del 1938 (parte 1 di 3)

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,200IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

(Video report e articolo in 3 parti) Con l’escalation delle tensioni tra la Russia e l’occidente, continuiamo a sentir parlare di Monaco e della pacificazione che ha portato alla Seconda guerra mondiale. Ma la verità di quegli eventi è rimasta ampiamente fraintesa. Come dice un meme che gira sui social media: “Se le notizie sono false, immagina quanto sia brutta la storia!” Per evitare il sonnambulismo in un’altra grande guerra, è essenziale capire cosa accadde realmente nel 1938. Preparati, non è niente di quello che ci hanno insegnato a scuola.

I tamburi di guerra tra la Russia e l’occidente suonano sempre più forte. Ecco solo le notizie delle ultime settimane:

  • Venerdì 12 novembre 2021 il ministro della difesa polacco Mariusz Blasczak ha annunciato che il Regno Unito ha dispiegato una squadra di soldati britannici in Polonia, dove avrebbero aiutato a riparare e fortificare le barriere di confine violate dai migranti mediorientali e avrebbero fornito attività di ricognizione e monitoraggio.
  • Lo stesso giorno, due membri del Congresso degli Stati Uniti hanno esortato il presidente Joe Biden a fornire armi avanzate all’Ucraina e a “dispiegare una presenza militare statunitense nel Mar Nero”.
  • Solo due giorni dopo il capo di Stato Maggiore della Difesa del Regno Unito, il generale Sir Nick Carter, ha dichiarato che l’esercito britannico avrebbe dovuto essere pronto per la guerra con la Russia.
  • Quindi il Regno Unito ha annunciato che l’esercito britannico avrebbe rafforzato la sua presenza permanente di truppe e carri armati in Germania per affrontare “la minaccia russa”. Centinaia di veicoli, tra cui carri armati e droni, saranno rischierati in Germania.
  • Più truppe e circa 250 veicoli militari potrebbero essere dispiegati in Estonia, dove il Regno Unito ha guidato un gruppo da combattimento di 1.000 persone in missione per scoraggiare l’aggressione russa.

Molti falchi della guerra in occidente hanno cercato di intensificare la retorica tracciando parallelismi con gli eventi del 1938. Riferendosi a Vladimir Putin, il membro del Congresso degli Stati Uniti Adam Kinzinger (RINO-IL) ha detto: “Possiamo ritirarci dai Sudeti e sperare che non intenda ricostruire l’intera Unione Sovietica”. L’insinuazione non così sottile era che oggi l’Ucraina è la regione dei Sudeti, che Vladimir Putin è Hitler e che l’Occidente deve affrontarlo con decisione e con la forza se necessario. L’analogia è del tutto fuori luogo, ma dal momento che ora viene lanciata in modo casuale, dovremmo essere chiari su cosa accadde esattamente alla fine degli anni ’30.

1939: l’ultima volta che la Gran Bretagna ha aiutato la sicurezza della Polonia

Le tensioni odierne fanno seguito ad anni di deterioramento delle relazioni tra la Russia e le potenze occidentali, ma è stato il dispiegamento delle truppe britanniche in Polonia e in Germania a evocare i parallelismi più sconcertanti con gli eventi che hanno portato alla Seconda guerra mondiale. Quello che stiamo per esplorare è in gran parte basato su Tragedy and Hope di Carroll Quigley, pubblicato nel 1966, uno dei libri di storia più importanti mai pubblicati in quanto rivela i poteri nascosti che hanno plasmato la storia del mondo tra il 1895 e 1965. Tragedy and Hope è forse meglio esemplificato dal passaggio oggi citato abbastanza frequentemente:

I poteri del capitalismo finanziario avevano un altro obiettivo di vasta portata, niente di meno che quello di creare un sistema mondiale di controllo finanziario in mani private in grado di dominare il sistema politico di ogni paese e l’economia del mondo nel suo insieme. … La crescita del capitalismo finanziario rese possibile una centralizzazione del controllo economico mondiale e l’uso di questo potere a beneficio diretto dei finanzieri e a danno diretto di tutti gli altri gruppi economici.

Nelle sue 1311 pagine, il professor Quigley traccia meticolosamente eventi storici che corroborano abbondantemente quell’allarmante affermazione.

Oggi vedremo la vera storia prima e dopo la pacificazione del 1938. Mentre lo facciamo, vi preghiamo di tenere presente che negli anni ’30 la Gran Bretagna era la potenza dominante nella diplomazia mondiale, esercitando un’influenza politica sproporzionata in Europa e in gran parte del mondo. Controllava le rotte commerciali marittime e il flusso di capitali attraverso Londra, che regnava sovrana come capitale finanziaria mondiale. Quasi tutti i governi in Europa conducevano la politica estera in consultazione con Londra e, come ha scritto Quigley, “in generale, la chiave di tutto era la posizione della Gran Bretagna”. Poiché la Polonia potrebbe oggi diventare uno dei principali punti critici geopolitici, inizieremo la nostra storia con la garanzia della Polonia del 1939 da parte della Gran Bretagna, per poi risalire all’accordo di Monaco del 1938, risultato della politica di pacificazione della Gran Bretagna.

Dopo la distruzione della Cecoslovacchia nel settembre 1938, la Germania rivolse la sua attenzione alla Polonia. All’inizio era solo diplomazia: i colloqui con la Polonia iniziarono il 21 ottobre 1938. Come previsto, i rappresentanti tedeschi chiesero al governo polacco la città di Danzica e una striscia larga un chilometro attraverso il corridoio polacco per ospitare un’autostrada e una ferrovia a quattro binari sotto la sovranità tedesca. Queste erano richieste moderate e furono fatte all’alleato polacco in un’atmosfera relativamente cordiale. I territori in questione erano parti che la Germania aveva perso con il trattato di Versailles dopo la Prima guerra mondiale, quindi le richieste tedesche non sembravano oltraggiose. A quel tempo Hitler non intendeva invadere la Polonia, ma piuttosto coinvolgerla nell’imminente assalto contro la Russia. Se le sue richieste fossero state accolte, La Germania era pronta a ricambiare con alcune concessioni alla Polonia. Tuttavia, il governo polacco non cedette alle richieste tedesche.

Pochi mesi dopo, il 21 marzo 1939, Hitler ribadisce le sue richieste, questa volta con più forza. Quando la notizia giunse a Londra, il primo ministro britannico Neville Chamberlain emise improvvisamente e unilateralmente una garanzia di sicurezza formulata in modo strano per la Polonia:

Alcune consultazioni stanno ora procedendo con altri governi. Al fine di chiarire perfettamente la posizione del governo di Sua Maestà nel frattempo, prima che tali consultazioni siano concluse, devo ora informare la Camera [dei Comuni] che durante tale periodo, in caso di qualsiasi azione che minacciasse chiaramente l’indipendenza polacca e a cui il governo polacco considerasse di conseguenza vitale resistere con le proprie forze nazionali, il governo di Sua Maestà si sentirebbe obbligato a prestare immediatamente al governo polacco tutto l’appoggio in suo potere.

Questa fu la prima volta che la Gran Bretagna assunse un simile impegno nei confronti di un’altra nazione dal 1918. Non solo il governo britannico si era impegnato a garantire una nazione straniera, ma diede anche a quella nazione il privilegio di decidere quando la garanzia sarebbe entrata in vigore, senza chiedere nulla in cambio. È importante sottolineare che gli inglesi garantivano solo l’indipendenza della Polonia, non la sua integrità territoriale. Con questo, lasciarono alla Germania la porta spalancata onde continuare a fare pressioni sulla Polonia per concessioni territoriali.

Il tradimento della Gran Bretagna nei confronti della Polonia

La garanzia della Gran Bretagna incoraggiò la leadership polacca a rafforzare la propria posizione nei confronti della Germania nell’errata convinzione che la Gran Bretagna e la Francia avrebbero scatenato un’offensiva su vasta scala contro la Germania se Hitler avesse deciso di colpire la Polonia. All’inizio ignaro della garanzia britannica, Hitler fu sorpreso dall’improvvisa sfida della Polonia. Ma se l’intenzione della garanzia britannica era quella di scoraggiare la Germania, il suo effetto fu esattamente l’opposto. Quando Hitler ne venne a conoscenza, decise immediatamente di attaccare la Polonia. Durante una conferenza segreta con i suoi generali il 23 maggio 1939, Hitler disse che “Il problema polacco è inseparabile dal conflitto con l’Occidente. … La Polonia vede il pericolo di una vittoria tedesca in Occidente e tenterà di derubarci di una vittoria lì. Non si tratta quindi di risparmiare la Polonia, e ci resta la decisione: attaccare la Polonia alla prima occasione utile”. Il piano era di lanciare l’attacco prima del settembre 1939.

Ma al di là della garanzia verbale, la Gran Bretagna non fece quasi nulla per garantire la sicurezza della Polonia: non fece alcuno sforzo reale per costruire un fronte di difesa con la Polonia e non vennero presi accordi militari su come la Gran Bretagna e la Polonia avrebbero cooperato in una guerra. Gli aiuti della Gran Bretagna per riarmare la Polonia furono consegnati in ritardo, in quantità inadeguate e in una forma impraticabile. Allo stesso tempo, continuò a fornire un sostegno molto consistente alla Germania.

Nel maggio 1939, quando Chamberlain emise la sua garanzia, si parlò di un prestito di 100 milioni di sterline alla Polonia, ma gli inglesi temporeggiarono e ritardarono, consegnando troppo poco e troppo tardi: la Polonia ottenne finalmente un piccolo credito di 8.163.300 dollari solo un mese prima dell’invasione tedesca. Allo stesso tempo, come scrive Quigley, “tutta Londra parlava di un prestito segreto di 1.000.000.000 di sterline dalla Gran Bretagna alla Germania“, più di cento volte il magro credito concesso alla Polonia. Le voci furono infatti confermate dallo stesso Hitler. Parlando di questi eventi nell’agosto 1942, disse:

Schacht mi aveva detto che avevamo a nostra disposizione un credito di millecinquecento milioni di marchi all’estero, ed è su questa base che ho pianificato il mio piano quadriennale, che non mi ha mai causato la minima ansia… Ed è così che vanno le cose oggi, e non ci ritroviamo mai bloccati per soldi”.

Lo Schacht a cui si riferiva Hitler era il suo allora ministro dell’Economia, Hjalmar Schacht, ex banchiere di Wall Street, capo della Reichsbank e stretto collaboratore del capo della Banca d’Inghilterra Montagu Norman.

Lungi dallo scoraggiare l’aggressione tedesca, le azioni britanniche avevano solo rafforzato Hitler nella sua determinazione. Durante una conferenza segreta con i suoi generali tenutasi il 22 agosto 1939, Hitler disse:

Quanto segue è caratteristico dell’Inghilterra. La Polonia voleva un prestito dall’Inghilterra per il riarmo. L’Inghilterra, tuttavia, ha concesso un credito solo per assicurarsi che la Polonia comprasse in Inghilterra, sebbene l’Inghilterra non possa consegnare. Ciò significa che l’Inghilterra non vuole davvero sostenere la Polonia”.

In effetti, Hitler aveva ragione: la Gran Bretagna firmò un’alleanza formale con la Polonia solo il 25 agosto 1939, lo stesso giorno in cui Hitler ordinò l’invasione della Polonia e decisamente troppo tardi per cambiare il corso degli eventi. In un momento in cui l’opinione pubblica britannica era profondamente contraria alla Germania nazista, quella mossa era intesa più a placare l’opinione pubblica britannica che a fornire un sostegno significativo alla Polonia. Ma il fatto che la Gran Bretagna avesse l’influenza per cambiare il corso degli eventi divenne evidente: dopo aver appreso dell’alleanza anglo-polacca, l’ostinato e inarrestabile Hitler annullò immediatamente i suoi ordini di invadere la Polonia (solo poche ore dopo averli impartiti ). Tuttavia, la pausa non fu utilizzata per chiedere la pace e l’invasione andò avanti dopo solo una settimana di ritardo il 1 settembre 1939.

Tutti questi eventi sollevano la domanda: perché la Gran Bretagna ha mancato così sistematicamente ogni possibilità di preservare la pace nel continente e frenare Hitler? Perché le corporazioni e i banchieri britannici e americani hanno fornito un così ampio sostegno alla Germania nazista anche quando era abbondantemente chiaro che la maggior parte di questo sostegno veniva utilizzato per il riarmo? Possiamo raccogliere le risposte a queste domande nell’agenda più ampia dietro la loro geopolitica.

L’agenda più ampia: una parola a tre blocchi

Mantenere l’apparenza di tentare di trattenere Hitler mentre lo aiutava e lo incoraggiava segretamente fu il tratto distintivo della diplomazia segreta britannica per gran parte degli anni ’30. Il sostegno segreto a Hitler faceva infatti parte del più ampio programma del “mondo dei tre blocchi”. Dopo la conferenza di Monaco del settembre 1938, Lord Halifax, uno dei principali attori della politica estera britannica, rivelò come l’establishment al potere immaginava questi tre blocchi:

  1. “La Germania [come] potenza dominante nel continente con diritti predominanti nell’Europa sud-orientale”,
  2. La Gran Bretagna domina l’ovest euro-atlantico in alleanza con gli Stati Uniti, e
  3. Assicurarsi i domini dell’Estremo Oriente in alleanza con il Giappone.

La politica in sette punti della Gran Bretagna nei confronti della Germania

In questa visione di un nuovo ordine globale, la Germania sarebbe stata costruita e sostenuta non solo come potenza dominante nell’Europa centrale e orientale, ma anche come randello da brandire contro la Russia. Con questo obiettivo in mente, l’establishment della politica estera britannica aveva formulato una politica in sette punti nei confronti della Germania che fu comunicata ai funzionari tedeschi da vari portavoce dal 1937 in poi:

  1. La Germania di Hitler era il baluardo in prima linea contro la diffusione del comunismo in Europa
  2. Un patto a quattro potenze di Gran Bretagna, Francia, Italia e Germania per impedire tutta l’influenza russa in Europa era l’obiettivo finale; di conseguenza, la Gran Bretagna non desiderava indebolire l’asse Roma-Berlino
  3. La Gran Bretagna non aveva obiezioni all’acquisizione tedesca di Austria, Cecoslovacchia e Danzica.
  4. La Germania non deve usare la forza per raggiungere i suoi obiettivi in ​​Europa poiché ciò potrebbe far precipitare una guerra in cui la Gran Bretagna dovrebbe intervenire a causa della pressione dell’opinione pubblica britannica e del sistema di alleanze francese; con pazienza, la Germania potrebbe ottenere i suoi obiettivi senza usare la forza.
  5. La Gran Bretagna voleva un accordo con la Germania che limitasse il numero e l’uso di aerei da bombardamento
  6. La Gran Bretagna era pronta – condizionatamente – a cedere alla Germania aree coloniali nell’Africa centro-meridionale, tra cui il Congo belga e l’Angola portoghese.
  7. La Gran Bretagna avrebbe esercitato pressioni sulla Cecoslovacchia e sulla Polonia per negoziare con la Germania e per essere conciliante con i desideri della Germania.

Dopo la crisi di Monaco e lo smembramento della Cecoslovacchia, al programma fu aggiunto un ottavo punto, che prevedeva un sostegno economico alla Germania. Pertanto, il sostegno britannico all’annessione dell’Austria da parte della Germania, la distruzione della Cecoslovacchia e l’invasione della Polonia furono il risultato di una politica segreta che creò deliberatamente un mostro nel cuore dell’Europa. Tuttavia, la vera storia del sacrificio della Cecoslovacchia a questo mostro suggerisce che la diplomazia segreta britannica non solo sostenne Hitler, ma di fatto diresse gli eventi da dietro le quinte.

(Nella parte 2 esamineremo il vergognoso ruolo della diplomazia segreta britannica che portò alla spartizione della Cecoslovacchia e all’accordo di Monaco del 1938.)

Alex Krainer  –  @NakedHedgie  è un ex gestore di hedge fund, fondatore di KRAINER ANALYTICS ed editore dei rapporti giornalieri TrendCompass. I-System TrendCompass fornisce segnali CTA giornalieri su oltre 200 mercati finanziari e delle materie prime in modo da poter navigare tra le tendenze in modo redditizio, con fiducia e tranquillità. Per saperne di più, visitate la pagina TrendCompass  o inviateci un’e-mail a  [email protected]. Per gli investitori qualificati, possiamo anche proporre soluzioni di portafoglio chiavi in ​​mano superbamente ingegnerizzate, tra cui portafogli di copertura dall’inflazione ad alto numero di ottani . 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Anche la Turchia va alla guerra di Russia

Dopo le crescenti tensioni sia all'interno della Turchia sia tra la Turchia e la Siria, che hanno visto schierarsi gli Stati Uniti d'America al...

Referendum 2 giugno 1946, aveva vinto la monarchia?

Nella giornata del 2 e nella mattinata del 3 giugno 1946 si tenne in Italia il Referendum per scegliere la forma istituzionale dello Stato,...

Mosca propone all’Europa di stracciare il Ttip ed aderire all’Unione eurasiatica

La "sorprendente" proposta della Russia all'Ue: stracciate il TTIP e unitevi all'Unione EurasiaticaDeciderà l'Europa di averne avuto abbastanza dell'eutanasia economica imposta dalle sanzioni a...

«FALSE FLAG» IL 3 NOVEMBRE? di Maurizio Blondet

Il messaggio è apparso sul sito http://iraqwar.mirror-world.ru/article/107147, e può essere naturalmente un falso.Speriamo che lo sia.In ogni caso sentiamo il dovere di diffonderlo, perché...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube