fbpx
sabato - 20 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Passi verso il dominio mondiale: innanzitutto, distruggere l’umanità

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La grande Tartaria

“ROMANCE” (1986)

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

È sempre stato sorprendente per me che le persone pensino anche solo per un secondo che il loro governo prenda decisioni per aiutare le persone, non è mai stato così.
Se la decisione di un governo aiuta qualcuno, è sempre un effetto collaterale… o un ripensamento o un beneficio collaterale non intenzionale.

L’intento principale è il potere, il controllo e il denaro… per soddisfare le attività individuali e gli obiettivi dell’élite globale narcisistica/complesso di Dio.

Chiunque (che risulta essere la maggior parte di tutti) sostiene questo e pensa che il proprio governo, o la propria nazione, stia operando nell’interesse del popolo sta firmando la propria condanna a morte.

“Non sia così negativo, dottor Todd, ci sono anche cose belle nella vita!”

Oh sì, ci sono: neonati, tramonti, oceani, arte, musica, foreste, cascate, sesso con il/la tuo/a amante, cani… milioni di cose. Ma non è di questo che sto scrivendo in questo momento. Sto scrivendo della cosa, e del gruppo di cose, che cancellerà tutta quella roba buona dalla faccia della terra. Certo, certo, certo, non sarà per sempre. Il bene prevarrà, ma potrebbero volerci un milione di anni prima che tutto ritorni se lo lasciamo andare adesso. E penso che valga la pena lottare per preservare ciò che abbiamo.

Inutile dire che le persone hanno sempre seguito i leader. Non sono un antropologo, ma suppongo che anche nei tempi primitivi esistessero capi tribù, comandanti, re, regine o qualsiasi altra cosa. Immagino anche che questa disposizione probabilmente abbia funzionato bene il più delle volte. Le società erano molto unite; se un leader impazziva, probabilmente era più semplice spingerlo giù da un dirupo da qualche parte. E considerando quanto fossero diverse le cose allora, probabilmente non c’era tanto incentivo a essere egoisti, assetati di potere, affamati di grana o strani in altri modi. Immagino anche che questo tipo di cultura compiacente, se mai è esistita una cosa del genere, non sia durata molto a lungo.

Sono sicuro che le tribù adiacenti avevano alcune cose che i vicini volevano, e sicuramente il tratto fin troppo umano di volere il potere sugli altri non ha impiegato molto a manifestarsi. Essere il Pezzo Grosso di molte persone doveva avere lo stesso fascino che ha oggi. Sono scoppiate le guerre, la discriminazione ha sicuramente alzato la sua brutta testa (“quella tribù laggiù ha il collo più lungo del nostro, uccidiamoli!”), e ovviamente questioni veramente importanti hanno causato conflitti, come il bisogno di cibo, acqua, ecc.

Le cose erano molto peggiori nella storia rispetto ad oggi in molti modi. Ma le cose in questo senso sono effettivamente migliorate, a mio modesto parere, durante un breve periodo in Occidente. La creazione di un nuovo paese con nuovi ideali era uno spettacolo per gli occhi alla fine del 1700. Non credo che nulla di simile, su quella particolare scala, fosse stato tentato nell’esperienza umana post antichità (di cui noi, indipendentemente da ciò che ci è stato detto, sappiamo molto poco). Fu davvero un grande esperimento: le nuove colonie del Nord America si liberarono delle catene della tirannia del re Giorgio III d’Inghilterra.

Il nuovo paese alle prime armi creò una Costituzione che all’epoca era davvero stimolante. Anche i controlli e gli equilibri incorporati in quel governo sono stati stimolanti e si sono tenuti insieme abbastanza bene per un bel po’ di tempo. Ovviamente ci sono sempre problemi, come ci sarebbero con qualsiasi cosa coraggiosa e nuova. Ma tutto ha funzionato abbastanza bene per un po’ di tempo.

Mi fermerò qui con la lezione di storia, che potrebbe non essere poi così accurata, ma penso che abbiate capito. Anche se non siete d’accordo sul fatto che i nuovi Stati Uniti d’America siano stati un lavoro entusiasmante, probabilmente potete essere d’accordo sul fatto che mettere un uomo, o una donna, a capo di molte persone, non è mai andato troppo bene. Prima della presidenza degli Stati Uniti, c’erano ovviamente re e regine. Anche gli Stati Uniti erano preoccupati di avere una sola persona a capo del ramo esecutivo del governo, per paura che fosse troppo simile a una monarchia. Alcuni continuano (molti in realtà) a credere che la forma di governo degli Stati Uniti sia ancora la migliore, e se certe cose verranno riadattate, gli Stati Uniti continueranno ad essere il più grande paese del mondo.

Sto divagando.

Ovunque voi siate in quel recinto, sarete d’accordo sul fatto che le cose sono piuttosto diverse ora rispetto a ciò che i padri fondatori immaginavano. Perché? Ci vorrebbe un libro, o più, per affrontare l’argomento. Il punto qui è che non possiamo più fidarci che questo sistema sia obiettivo, compassionevole, giusto, benevolo e non egoista e distruttivo. In effetti, sembra che il sistema stesso si stia svendendo agli interessi stranieri, e l’effettiva sovranità della nazione sia minacciata, e questa minaccia provenga in gran parte dall’interno.

Lo vediamo anche con altre nazioni, che sostanzialmente cedono i loro diritti sovrani ad artisti del calibro dell’OMS, delle Nazioni Unite o persino del WEF. Quello che vediamo è molto simile a guardare un film di fantascienza in cui i cattivi stanno spogliando una nazione di tutto ciò che la rende la “rappresentazione del popolo” in uno schiavo personale egoista che risponde a poteri non eletti.

Cosa significa questo? Bene, se ci pensate davvero, non c’è modo che questo tipo di conquista globale possa mai essere nel migliore interesse degli altri esseri umani che vivono sul pianeta. Anche se si potesse avere una potenza mondiale benevola (che è un ossimoro, secondo me) dovrebbe, proprio per sua natura, governare a grandi linee, cioè tutto ciò che ha implementato dovrebbe esserlo per il bene della maggioranza. Ciò lascia fuori un bel po’ di persone. Le centinaia di culture diverse e i miliardi di esseri umani che le compongono dovrebbero essere ridotti ad attributi gestibili, diventando sempre più simili tra loro.

Come suona? Se pensate a “prigione” vincete il premio. Guardate a culture come la Corea del Nord e avrete un’idea di cosa accadrebbe. Ed è peggio di così, perché la Corea del Nord non è nata come una cultura diversa, a differenza della diversità dell’intero globo.

E tutto ciò presupponendo che questo sistema mondiale sia benevolo, cosa che sicuramente non è. Ovviamente si presentano come benevoli e, proprio come tutti i leader malvagi immaginari (così come quelli reali nel corso della storia), possono persino credere di essere benevoli. Ma qualsiasi leader mondiale dovrà concentrarsi sulla distruzione dell’umanità prima di poter ottenere qualsiasi tipo di controllo mondiale sui suoi abitanti. Questa è semplicemente la natura della bestia. Lo ripeto: qualsiasi leader mondiale dovrà concentrarsi sulla distruzione dell’umanità prima di poter ottenere qualsiasi tipo di controllo mondiale sui suoi abitanti. Non ci sono due modi per farlo.

E, naturalmente, nella nostra epoca moderna, questa distruzione dell’umanità è un po’ più complessa che costringere letteralmente le persone a conformarsi come facevano ai vecchi tempi. In questo momento (e ciò probabilmente cambierà) la maggior parte delle psyop si ottiene attraverso l’adescamento con la carota e poi governando con il bastone, o attraverso la paura (prima il bastone, la carota come ricompensa per la conformità).

È lo stesso gioco.

Fonte: https://www.zerohedge.com/political/steps-world-rule-first-destroy-humanity

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Un tentativo di assassinare Putin per provocare un’escalation furiosa… a beneficio di chi?

Proprio mentre il pubblico occidentale sta diventando sempre più scettico nei confronti della guerra per procura guidata dagli Stati Uniti contro la Russia e...

Nuove enormi crepe appaiono nell’edificio dell’Impero

Le fondamenta stesse dell'"Ordine Globale basato sulle Regole" sembrano crollare Come occidentali sappiamo che la nostra forza risiede nell’unità cementata dai nostri valori condivisi. Ma in...

Il Papa nero tra noi

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. L’essermi ritirato dal mondo in un luogo recondito della Toscana, tra colline vestite di ulivi e cipressi, non mi vieta di...

Steve Bannon e il Deep State Cinese

“Considero Xi Jinping il nemico più pericoloso al mondo per le società aperte." – George Soros, 2021 "La Cina è emersa come la più grande minaccia...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube