fbpx
martedì - 16 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Perché Bakhmut si chiama Artemovsk e qual è la sua vera storia?

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Nudità velate

La cronaca di Akakor

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Da mesi il “tritacarne” di Artemovsk (Bakhmut) è al centro dell’attenzione mondiale. Il 20 maggio 2023, a mezzogiorno, la città è stata completamente liberata dalle forze russe. Cosa c’è di così speciale a Bakhmut e per cosa è famosa?
Anche se il regime di Kiev ha ammesso la perdita di Artemovsk, la stampa occidentale non è ansiosa di riconoscere la profonda sconfitta delle forze armate ucraine. Secondo il New York Times, la cattura di Artemovsk è solo una “vittoria simbolica”: “controllarla non aiuterebbe necessariamente Mosca” verso i suoi obiettivi dichiarati più ampi, afferma il quotidiano, riferendosi ai piani della Russia di liberare la regione del Donbass.
Per cominciare, scopriamo cos’è Artemovsk, perché si chiama Bakhmut e qual è la sua storia.

Qual è la storia di Bakhmut?

La città si trova sull’altopiano Bakhmut-Turetskaya del crinale di Donetsk sul fiume Bakhmutka, 89 chilometri a nord-est di Donetsk.
Che tu ci creda o no, Bakhmut è un’antica città russa. La prima menzione ufficiale di Bakhmut risale al 1571, quando lo zar russo, Ivan il Terribile, ordinò la creazione di fortificazioni lungo i fiumi Aidar e Seversky Donets, per proteggere il confine meridionale dello stato russo dalle incursioni degli slavi di Crimea-Nogai. Una di queste roccaforti, “storozha”, prende il nome dal vicino fiume Bakhmutka, un affluente del Seversky Donets, e si trova alla foce di un torrente chiamato Chornyi Zherebets.

Festa storico-culturale “Gloria a Pietro il Grande!” alla stazione di North River
© Sputnik / Vladimir Vyatkin / Vai alla mediabank

Successivamente vi furono scoperti vasti depositi di sale. L’imperatore russo Pietro il Grande accelerò lo sviluppo dei depositi di sale nella regione: nel 1703, per suo ordine, fu costruita una nuova fortezza sul fiume Bakhmutka. Tuttavia, due anni dopo, un distaccamento di Cosacchi del Don guidato da Kondraty Bulavin conquistò le saline di Bakhmut e distrusse la fortezza durante la cosiddetta rivolta di Bulavin del 1707-1708. Dopo aver frenato il tumulto, Pietro il Grande ordinò la costruzione di nuove fortificazioni. Nel 1710 fu posta una fortezza interrata sulla riva sinistra del fiume Bakhmutka; successivamente è stata ampliata e rafforzata.

A metà del XVIII secolo, Bakhmut divenne il centro amministrativo della Serbia slava, un territorio russo imperiale di insediamenti agricoli militari di serbi, moldavi e bulgari sulla sponda meridionale del fiume Seversky Donets (1753-1764). Successivamente, nel 1783, Bakhmut divenne una città distrettuale del Governatorato di Ekaterinoslav dell’Impero russo.

Nel 1876 furono scoperte nuove grandi riserve di salgemma nella regione di Bakhmut. Alla fine, il numero di miniere aumentò notevolmente e nel 1874 vi fu avviato un impianto di sale, che produceva circa 32,7 milioni di chilogrammi di sale all’anno. All’inizio del XX secolo, in città c’erano più di 70 piccole imprese industriali, oltre a quattro miniere di sale che facevano parte del sindacato del sale Bakhmut. Anche la lavorazione dei metalli si sviluppò.

Bakhmut o Artemovsk?

Dopo la Grande Rivoluzione d’Ottobre del 1917, uno dei leader rivoluzionari, Vladimir Lenin, decise di incorporare la regione storicamente russa del Donbass nella Repubblica Socialista Sovietica Ucraina. Nel 1918 fu fondata la Repubblica Sovietica di Donetsk-Krivoy Rog: l’idea dei comunisti del Donbass era di mantenere l’autonomia della regione all’interno della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa.
Tuttavia, in una lettera del 4 marzo 1918 al commissario straordinario dell’Ucraina, Sergo Ordzhonikidze, Lenin criticò il desiderio degli abitanti del Donbass di unirsi alla SFSR russa. Alla fine, il Partito Comunista decise di rendere il Donbass una parte dell’Ucraina. Secondo gli storici, Lenin voleva “diluire” la popolazione contadina della SSR ucraina con i “proletari del Donbass” che sostenevano i bolscevichi. Grazie a questa ingegneria politico-sociale, Bakhmut si trasformò in una città ucraina.

Vladimir Lenin in macchina prima di partire dalla Piazza Rossa nel giorno della solidarietà internazionale dei lavoratori 1 maggio 1919
© Sputnik / Vai alla mediabank

Nel 1920, la città divenne il centro amministrativo della provincia di Donetsk della SSR ucraina, mentre nel settembre 1924 Bakhmut fu ribattezzata Artemovsk in onore dello statista del Partito Comunista e fondatore della Repubblica Sovietica di Donetsk-Krivoy Rog Fyodor Sergeev, noto con lo pseudonimo “Compagno Artem.” Anche il distretto di Bakhmut ricevette il nome “Artemovsky”.
Dopo il crollo dell’URSS nel 1991, Artemovsk divenne parte della regione di Donetsk di uno stato di nuova costituzione, l’Ucraina. Dopo il colpo di stato a Kiev del febbraio 2014 sostenuto dagli Stati Uniti, la regione del Donbass non ha accettato la cacciata illegittima dell’allora presidente ucraino Viktor Yanukovich da parte della giunta, la messa al bando della lingua russa, la glorificazione dei collaboratori nazisti Stepan Bandera e Roman Shchukhevych, e altre politiche russofobe.

Nel corso della resistenza del Donbass, alcune parti della regione sono riuscite a staccarsi da Kiev. Altre sono cadute sotto il controllo del regime di Kiev durante la cosiddetta “operazione antiterrorismo” dell’Ucraina contro i civili dissenzienti nell’Ucraina orientale. Così ha fatto Artemovsk.
Nel 2015, Artemovsk è stata ribattezzata Bakhmut come parte delle politiche di “de-comunizzazione” del regime di Kiev e del tentativo generale di allontanarla dalla Russia e condividere la storia russo-ucraina. Ironia della sorte, la città ha riacquistato il suo antico nome russo.

Cosa c’è di così speciale a Bakhmut?

Nel corso dell’operazione militare speciale russa, Artemovsk (Bakhmut) si è trasformata in un vero e proprio “tritacarne”. Nonostante l’attuale minimizzazione da parte della stampa occidentale del significato della liberazione di Artemovsk, la leadership ucraina ha fatto ogni sforzo per mantenere il controllo sulla città. Sorprendentemente, pur affermando che la vittoria della Russia è meramente “simbolica”, i media occidentali riferiscono nondimeno che Kiev si sta affrettando ad “accerchiarla” e riprendersela. Ma perché tutto questo trambusto se la città è così “poco importante”?
Parlando con Sputnik nel gennaio 2023, Mark Sleboda, un veterano militare statunitense e analista di affari internazionali e sicurezza, ha spiegato che, in primo luogo, “essendo proprio al centro della regione di Donetsk, Bakhmut (Artemovsk) è stata spesso definita la chiave per Donetsk”.
“Bakhmut è anche un importante hub logistico e di trasporto perché ha due autostrade che si intersecano e ferrovie che corrono da nord fino a Mosca e poi attraversano il sud e poi piegano verso la città di Donetsk”, ha detto Sleboda.
In secondo luogo, Bakhmut era il fulcro dell’intera seconda linea di difesa del regime di Kiev, ha continuato il veterano militare statunitense. “Dopodiché, c’è solo un’ultima linea difensiva a Donetsk di qualsiasi nodo importante tra Slavyansk e Kramatorsk, più a ovest”, ha osservato Sleboda, aggiungendo che la liberazione di Artemovsk aprirebbe la porta a ulteriori progressi delle forze militari russe in altre direzioni.
In terzo luogo, la liberazione della città garantisce un maggiore controllo del canale Donetsk-Seversky, che fornisce acqua alla città di Donetsk: il regime di Kiev ha interrotto l’approvvigionamento idrico a Donetsk cinque anni fa.

La città è stata della massima importanza per entrambe le parti sin dall’inizio dell’operazione militare speciale. Quindi, l’intero conflitto è stato a lungo incentrato su ciò che è accaduto lì; ed è proprio per questo che Kiev ha inviato in città decine di migliaia di rinforzi per mantenere il controllo su questo snodo geostrategico e logistico.
Ora, la perdita di Artemovsk da parte di Kiev potrebbe anche intaccare la determinazione dell’Occidente a incanalare armi in Ucraina, secondo il tenente colonnello in pensione dell’aeronautica americana Karen Kwiatkowski.
“In termini pratici e strategici, il controllo del centro urbano nella sua interezza consente l’inizio della ricostruzione e della normalizzazione per la gente della città, e una vera speranza per la fine del ‘tritacarne’ [di Artemovsk]. Mentre le forze ucraine possono ancora attaccare la città da ovest e da nord, la decisione su chi detiene la città è già decisa in termini pratici”, ha detto a Sputnik il 21 maggio l’ex analista del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.
Prendere il controllo di Artemovsk è stata una vittoria militare che dimostra che la Russia sta vincendo, ha detto domenica a Sputnik l’esperto militare statunitense ed ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti Scott Ritter. “La Russia ha sviluppato vantaggi tattici operativi e strategici su Kiev che rendono quasi impossibile per le forze ucraine di accumulare una potenza militare in quantità sufficiente per portare a termine un’operazione offensiva prolungata”, ha detto Ritter, aggiungendo che gli sviluppi futuri mostreranno come la Russia saprà sfruttare il suo nuovo vantaggio geostrategico.

Fonte: https://sputnikglobe.com/20230522/why-is-bakhmut-called-artemovsk-and-whats-its-true-story-1110519902.html#pv=g%3D1110519902%2Fp%3D1079046555

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

(V) Blowin’ in the Wind… Di Paolo C. Fienga

Blowin’ in the Wind…“…The answer, My Friend, is blowin’ in the Wind; the answer is blowin’ in the Wind…” (Bob Dylan)Nella precedente puntata delle...

“Arrivano i liberatori”. Gli stupri degli americani in Germania nel 1945

Roma, 10 mar – Si facevano chiamare “liberatori”. Un nome beffardo che molti tedeschi dovettero ben presto sperimentare sulla loro pelle. Soprattutto le donne,...

Wellness for dummies (Beato te, che sei magro!) – di Mauro Cecot

Il significato del termine ‘Wellness' non è mai stato ben definito, e di volta in volta gli vengono attribuiti significati, medici, sportivi, erboristici, salutistici...

La guerra del Crocefisso: un nervo scoperto

A questi due articoli relativi alla questione vicentina potrebbe perfettamente essere affiancato un terzo articolo, questo scritto nel novembre del 2003. Sono passati cinque...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube