fbpx
mercoledì - 29 Maggio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Perché non mi riconosco nel documento sui vaccini: la posizione del dottor Dario Miedico

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La grande Tartaria

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

È notizia della settimana scorsa la presa di posizione della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo) sul tema delle vaccinazioni, che negli ultimi anni si sono ridotte enormemente a causa, secondo la Fnomceo e il Ministero della Salute, di disinformazione diffusa in ambito medico e non, o forse invece proprio grazie ad una informazione più completa in materia, come quella che sin dalla nascita di una realtà come NEXUS ci ha contraddistinti.

La Fnomceo, in un documento che potete leggere qui, sostiene la campagna di adesione alle vaccinazioni rivolta principalmente a personalità della medicina e della scienza, promossa dal Ministero della Salute, e propone addirittura la possibilità di procedimenti disciplinari contro i medici che sconsigliano i vaccini, fino anche alla loro radiazione dall'Ordine dei Medici. Contestualmente, è di queste settimane anche la decisione della Regione Emilia Romagna di introdurre l'obbligatorietà del vaccino come prerequisito obbligatorio per l'iscrizione dei bimbi all'asilo nido.

Proprio su questo verte la lettera che segue, scritta dal Dr. Dario Miedico, che si rivolge direttamente alla Fnomceo per spiegare perché da medico non si riconosce nel documento sui vaccini. [Redazione]


Il sottoscritto, impegnato da ormai più di trent’anni a sostegno di famiglie di soggetti danneggiati da vaccinazione, ribadendo ancora una volta l’uso scorretto del termine antivaccinatori utilizzato dalla stampa, poiché non vi è alcuno che non riconosca i benefici introdotti dalla pratica vaccinale, ritiene che il recente documento prodotto dalla FNOMCEO nazionale a proposito di vaccinazioni sia un documento ascientifico, generico, scorretto e pericoloso, ma soprattutto denuncia il fatto che sia stato accompagnato da dichiarazioni fuorvianti e presentato dai media in modo talmente sedizioso da far pensare ad un uso terroristico dello stesso nei confronti dei medici “non allineati”.

Ascientifico perché non tiene conto dei dubbi, delle ricerche scientifiche e dei risultati di queste nell’evidenziare i possibili danni delle vaccinazioni. Un conto è sostenere che anche attualmente e nei paesi industrialmente avanzati i benefici siano tutt’ora maggiori dei rischi, opinione da dimostrare ma comunque legittima, un conto è fornire falsi elementi tranquillizzanti sostenendo che non vi possono essere reazioni avverse (la frase riportata esattamente è: “ne rendono sicura la somministrazione”), affermazione impossibile da sostenere quando qualunque scienziato sa che ogni farmaco (e quindi anche i vaccini) può provocare reazioni avverse anche gravi e perfino mortali.

Non solo, ma questo documento ignora altresì i numerosissimi casi di reazione avversa documentati, accertati come tali e in parte (purtroppo minima ma comunque significativa) anche risarciti.

Generico perché non differenzia tra vaccinazioni obbligatorie e facoltative, non distingue tra vaccinazioni della prima infanzia e vaccinazioni di tipo diverso (antinfluenzale o antimeningococcica, ad esempio) e banalizza il problema del crescente numero di vaccinazioni cui la popolazione è continuamente chiamata o quello delle molte vaccinazioni eseguite contemporaneamente su bimbi appena nati.

Scorretto perché accusa genericamente chiunque sia critico sulla prassi delle vaccinazioni di massa così come vengono applicate attualmente, di essere un ciarlatano, un guaritore improvvisato, un truffatore, un imbonitore, inserendo in un unico calderone sia chi effettivamente può essere annoverato in queste categorie sia chiunque segua forme di medicina non convenzionale (ma non per questo priva di scientificità) e spesso frutto di culture millenarie.

Pericoloso perché conduce a passi da gigante nel solco del pensiero unico, contrario al pluralismo che è indispensabile in una società democratica che si confronta su tesi plurime ed anche antitetiche su qualsiasi argomento, compresa la scienza che necessita di dubbi per proseguire nell’innovazione, ma soprattutto perché invita la magistratura, impegnata nei tribunali a pronunciarsi in specifici casi individuali ed alla luce di una Legge di natura previdenziale, la 210/92, ad esprimere sentenze non basate sul merito della reale possibilità che vi sia stata una reazione avversa ma in modo ideologico e generalizzante.

Anche nei confronti dei medici, tenuti per etica e per codice deontologico prima ancora che per legge a fornire tutte le informazioni necessarie al paziente prima di ogni prassi sanitaria, quindi ad informare sui possibili rischi connessi a quella prassi, questo documento invita alla superficialità, all’adeguamento acritico e quindi ad un atteggiamento contrario alla propria professionalità, con grave rischio per la salute dei propri pazienti e irrisione della completezza del consenso informato.

Ho usato infine il termine sedizioso perché nella presentazione del documento alla stampa sono state adombrate possibili radiazioni (che il documento non richiama in alcun modo) che non sono previste nel caso di comportamenti che, pur non coincidenti con le prese di posizione dell’Ordine, rientrano nella libertà individuale, nell’esercizio libero della professione e nei principi di libera scelta della proposta terapeutica, concetti che comunque il documento mortifica.

Per tutti questi motivi il sottoscritto dichiara di non identificarsi nel documento firmato dal proprio Ordine Nazionale.

Dr. Miedico Dario, medico legale fra i fondatori di Medicina Democratica Movimento di Lotta per la Salute.


Fonte: http://www.assis.it/perche-non-mi-riconosco-nel-documento-sui-vaccini-la-posizione-del-dottor-dario-miedico/


Sullo stesso argomento: 


 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Obama firma i preparativi per la legge marziale?

Il 16 marzo scorso, il presidente Obama, nel silenzio mediatico generale, ha firmato un ordine esecutivo che suona come un campanello d'allarme per tutti...

SPACE ODDITY di Paolo C. Fienga

Space OddityLa coppia di frame che proveremo ad esaminare in questa circostanza la riteniamo semplicemente straordinaria poichè essa potrebbe essere una nuova (ed importante)...

ANNO ZERO: PROVE TECNICHE DI CENSURA di Elia Banelli

Lucia Annunziata abbandona a sorpresa lo studio di Anno Zero. Un gesto personale e poco giustificabile, che offre però l’ennesima occasione per un grave assalto...

La Cina sta costruendo una megalopoli vicino a Pechino grande sei volte New York

La Cina sta progettando una nuova megalopoli che avrà le dimensioni del Kansas con una popolazione sei volte più grande di quella dell'area metropolitana...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube