fbpx
lunedì - 4 Marzo, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

POVERI, ELEMOSINE E RICCHI di Paolo Cortesi

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Le derive sanitarie di UE, WEF e OMS

A VISO SCOPERTO con Martina Pastorelli, Alberto Contri e Giovanni Frajese Conduce Matteo Demicheli Le derive sanitarie di UE, WEF (World Economic Forum) e OMS (Organizzazione...

Articoli più letti

Quanto è riproducile oggi la Scienza?

  La riproducibilità è un parametro fondamentale nella scienza. Se un risultato non può essere replicato, non può considerarsi scientifico. Eppure negli ultimi anni, si...

Sull’immigrazione

Nexus New Times # 161

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,500IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
Il governo del multimilionario Berlusconi ha deciso di aiutare i poveri. E lo ha fatto nel modo, invero molto prevedibile, dettato dalla sua visione della società. I ricchi del XXI secolo sono straordinariamente simili a quelli dei due secoli scorsi. Intendo simili nella mentalità, nella visione della società e della storia, nelle formule politiche fondamentali. Come i loro "colleghi" della metà dell'Ottocento, i ricchi d'oggi pensano  che chi non è ricco è un incapace, un eliminato da una sorta di selezione artificiale in cui sopravvivono solo i più abili, i più smaliziati, i più intraprendenti.
La pseudocultura dell'arrivismo e della sgomitata ha prodotto una classe che identifica la ricchezza con la moralità, e che disegna un codice etico per giustificare la sua preminenza. Libera iniziativa è il nome nobile con cui si indica la lotta senza quartiere per possedere sempre di più e per mantenere ben nette le differenze di classe.
Ora, l'attuale crisi – di cui ogni giorno viene ingigantita la portata – ha creato una ampia fascia di nuovi poveri; chi si trovava prima nella media-piccola borghesia sta scivolando verso l'anticamera dell'indigenza. Su questa marea di nuovi poveri, svetta la minoranza di coloro che non si danno alcun pensiero della crisi: la loro ricchezza li mette al riparo da ogni eventualità, e possono continuare la loro vita di lussi e di sprechi senza neppure doversi informare di quanti disgraziati stanno perdendo lavoro o la casa.
Il solo intervento sociale che il ricco sa concepire è l'elemosina. Il ricco non è culturalmente capace di comprendere la povertà in altri termini che non siano quelli fatalistici: sei povero? beh di certo non è colpa mia… Il ricco non può e soprattutto non vuole farsi venire l'emicrania meditando sugli orrori della infame distribuzione della ricchezza, sulle vergogne dello sfruttamento, sulle bassezze dell'ingiustizia. No: il ricco ama credere – e far credere – che il sistema sia perfetto, equo e sano come la bilancia dell'arcangelo Michele e a lui non si può rimproverare nulla; semmai lui è un fulgido modello per tutti i pezzenti: se anche voi, miserabili, aveste fatto come me, ora sareste ricchi (quasi) come me.
Davanti ad una crisi di cui il ricco non vorrà mai sentirsi minimamente responsabile, cosa fa per i poveri? L'elemosina. E allora il governo fatto a immagine e somiglianza del multimilionario Berlusconi ha pensato bene di affrontare l'emergenza sociale realizzando una tessera che regala 40 euro mensili a coloro che vivono nella povertà. La cifra è irrisoria, talmente minuscola che non si capisce bene quale efficacia le possa essere attribuita. Insomma, è un po' come regalare un cerottino al mese a chi necessita di cure antitumorali.
E dunque, perché questa carta-elemosina? Per due motivi: il primo, dimostrare a chi ha votato il multimilionario, e vuole votarlo ancora, che il suo governo è socialmente impegnato. Oltre al fine ufficiale ve n'è un altro, ancora più pressante: istituzionalizzare lo status di povero.
Nella nuova allucinante società che i ricchi stanno imponendo, è necessario che il povero sia ben consapevole di esserlo e sia legato a tale stato non solo da una sensazione, che potrebbe mutare, ma da un documento, da una pratica burocratica, insomma: deve essere ufficializzato il rapporto di forza. E' un po' come se il ricco, dando la carta-elemosina al povero, gli dicesse: eccoti questo obolo, tu mi devi riconoscenza e obbedienza.
I ricchi stanno rispolverando, nel XXI secolo!, le teorie e le pratiche sociali del XIX secolo. Come evolverà questo scenario inquietante?
Per alcuni anni, i ricchi potranno dispiegare le tante forze di repressione e controllo di cui dispongono. Ci saranno sporadici, ma crescenti, fenomeni di furto, di evasione di tasse e gabelle (la mancata assicurazione auto è in vertiginoso aumento, le bollette sono pagate con ritardo ormai costante), tutto questo verrà punito fino a quando diventerà ambientale: dopo sarà così diffuso che il governo dei ricchi dovrà tenerne conto e prevedere aggiustamenti.
Il divario tra poveri e ricchi aumenterà senza alcuna correzione: ricchi sempre più ricchi si isoleranno in un mondo esclusivo e paradisiaco, da cui allontaneranno tutti gli altri, non solo con la forza, ma con leggi apposite, tali da giustificare il maggior rigore con cui difenderanno il loro status sociale di ricchi.
I poveri saranno sottomessi con tutte le forme di controllo: non solo le classiche (carcere, censura, ricatti sul lavoro, ecc.) ma anche con strumenti di manipolazione psicologica di massa, a partire da un'informazione falsata e strumentale,
Tutto questo cambierà solo in seguito ad un evento catastrofico che scatenerà la furia dei poveri. Ma non si tratterà della classica rivoluzione, cioè del cambiamento rapido e violento del sistema; non si ripeterà mai più una Rivoluzione Francese o una Rivoluzione Russa. Sarà un evento naturale a sconvolgere dalle basi la società umana e a spingere i poveri (consapevoli di non aver più nulla da perdere) a ribellarsi e a combattere i governi dei ricchi.
Potrebbero essere la mancanza d'acqua, una carestia gigantesca, un fenomeno di inquinamento epocale a dar fuoco alle polveri accumulate da decenni.
Sarà un'ecatombe che si avvicinerà all'estinzione del genere umano. A questa non seguirà una radiosa epoca di fratellanza e di saggezza, ma i nostri discendenti potranno ricostruire la società su basi migliori, finalmente.
Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

La Chiesa cattolica è morta, ma non lo sa

Con il video-choc della BBC sui preti pedofili, che coinvolge Ratzinger, il più visto su Google. Irreversibile Finisecclesia di Ennio Montesi La fossa capiente dove seppellire...

Yes we can

Questa notte ho avuto un incubo. È stato un incubo orribile. Vivevo in un paese strano, circondato da gente che non aveva la faccia. Avevano...

Quando la vita è chip

Il sistema Rfid diventa popolare tra i giovani americani Chip sotto pelle, crescono i fan negli Usa In Rete testimonianze, foto e video di quanti si...

ECONOMIA: DISASTRO IMMINENTE? di Maurizio Blondet

Certo è che la fuga dalle azioni denuncia una improvvisa "avversione al rischio", per non dire panico, fra speculatori e investitori. Tale fuga ha provocato...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube