venerdì - 2 Dicembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Putin a Valdai ha spiegato la sua ideologia

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Il Grande Incendio di Londra – Cui prodest?

Sono passati ormai 353 anni dal Grande Incendio di Londra, un incendio che ha causato la distruzione di 436 acri di Londra, tra cui...

Sull’immigrazione

La guerra elettrica

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,850IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Il Presidente russo Vladimir Putin, intervenendo alla riunione del Valdai International Discussion Club il 27 ottobre, ha tenuto un discorso che ha descritto la sua ideologia e ha risposto alle domande del pubblico su una serie di questioni molto importanti. Tutto ciò che ha detto in quell’occasione è coerente con quanto affermato in precedenza, ma questo evento è stato forse la più completa esposizione delle sue vedute ideologiche, che io, come storico americano, ho sempre trovato notevolmente simili a quelle che il Presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Roosevelt (FDR) ha dichiarato, soprattutto in privato, e che hanno guidato le sue azioni sia a livello nazionale che soprattutto negli affari internazionali.

Roosevelt era appassionatamente anti-imperialista e riteneva che entrambe le guerre mondiali fossero il risultato di scontri tra potenze imperialiste e che l’obiettivo principale per il mondo del secondo dopoguerra dovesse essere quello di mettere al bando tutti gli imperi e sostituirli con un’Organizzazione delle Nazioni Unite (a cui diede anche il nome) che sarebbe stata una federazione globale di tutte le nazioni e nella cui Assemblea Generale ogni nazione avrebbe avuto un voto, ma che avrebbe avuto anche un Consiglio di Sicurezza in cui ciascuna delle maggiori potenze mondiali negozierà le differenze reciproche in modo che nessuna grande potenza mondiale possa violare la sovranità nazionale di un’altra grande potenza mondiale – e questo includerebbe la possibilità (come JFK negoziò con Kruscev durante la Crisi dei Missili di Cuba del 1962) di impedire a qualsiasi altra grande potenza mondiale di usare qualsiasi nazione che confina con un’altra grande potenza  (come Cuba vicino all’America), per allearsi (specialmente militarmente) contro quella. (Questo principio limiterebbe allo stesso modo la completa sovranità dell’Ucraina e di Taiwan – e di qualsiasi altra nazione che confina con una grande potenza mondiale).

FDR riteneva inoltre che l’ONU dovesse avere il controllo monopolistico globale su tutti gli armamenti geostrategici, come ulteriore mezzo per mettere al bando l’imperialismo e le guerre che l’imperialismo produce. (Harry S. Truman castrò il piano dell’ONU di FDR, che disprezzava).

Gli storici hanno prestato troppa poca attenzione all’ideologia di Roosevelt, che in realtà prendeva molto da quella di Abraham Lincoln, che a sua volta attingeva molto dagli autori della Dichiarazione d’Indipendenza e della Costituzione degli Stati Uniti, in particolare da Thomas Jefferson e James Wilson. Di conseguenza, i lettori che conoscono gli scritti di quegli autori (le persone che hanno scritto quei due documenti) troveranno qui una versione del XXI secolo di quell’ideologia, proveniente da una prospettiva storica e culturale russa. Questi sono solo i punti salienti del discorso di Putin e delle sue risposte alle domande che gli sono state poste dopo il discorso:

“Valdai International Discussion Club meeting”

27 ottobre 2022

Signore e signori, amici. …

Abbiamo usato la piattaforma del Valdai Club per discutere, più di una volta, dei grandi e gravi cambiamenti che sono già avvenuti e stanno avvenendo nel mondo, dei rischi posti dal degrado delle istituzioni globali, dell’erosione dei principi di sicurezza collettiva e della sostituzione delle “regole” al diritto internazionale. Sono stato tentato di dire “abbiamo ben chiaro chi ha elaborato queste regole”, ma forse non sarebbe un’affermazione corretta. Non abbiamo la minima idea di chi abbia elaborato queste regole, su cosa si basino o cosa contengano. …

Il cosiddetto Occidente, che naturalmente è un costrutto teorico poiché non è unito e chiaramente è un conglomerato molto complesso, ma dirò comunque che negli ultimi anni e soprattutto negli ultimi mesi l’Occidente ha compiuto una serie di passi volti a inasprire la situazione. In realtà, cercano sempre di aggravare la situazione, il che non è una novità. Tra questi, il fomento della guerra in Ucraina, le provocazioni intorno a Taiwan e la destabilizzazione dei mercati alimentari ed energetici globali. Quest’ultima, ovviamente, non è stata fatta di proposito, non c’è dubbio. La destabilizzazione del mercato dell’energia è stata il risultato di una serie di passi falsi sistemici compiuti dalle autorità occidentali che ho citato in precedenza. Come possiamo vedere, la situazione è stata ulteriormente aggravata dalla distruzione dei gasdotti paneuropei. Si tratta di qualcosa di assolutamente ultraterreno, ma siamo comunque testimoni di questi tristi sviluppi.

Il potere globale è esattamente ciò che il cosiddetto Occidente ha in gioco nel suo gioco. Ma questo gioco è certamente pericoloso, sanguinoso e, direi, sporco. Nega la sovranità di Paesi e popoli, la loro identità e unicità, e calpesta gli interessi di altri Stati. In ogni caso, anche se la negazione non è la parola usata, lo stanno facendo nella vita reale. Nessuno, tranne coloro che creano le regole che ho citato, ha il diritto di mantenere la propria identità: tutti gli altri devono rispettare queste regole. …

Credere nella propria infallibilità è molto pericoloso; è solo un passo dal desiderio degli infallibili di distruggere chi non gli piace, o come dicono loro, di cancellarlo. Pensate al significato di questa parola.

Anche al culmine della Guerra Fredda, al culmine del confronto tra i due sistemi, le due ideologie e la rivalità militare, non è venuto in mente a nessuno di negare l’esistenza stessa della cultura, dell’arte e della scienza di altri popoli, i loro avversari. …

Un tempo i nazisti arrivarono a bruciare i libri, e ora i “guardiani del liberalismo e del progresso” occidentali sono arrivati al punto di mettere al bando Dostoevskij e Čajkovskij. La cosiddetta “cancellazione della cultura” e in realtà – come abbiamo detto più volte – la vera cancellazione della cultura consiste nell’estirpare tutto ciò che è vivo e creativo e nel soffocare il libero pensiero in tutti i settori, che si tratti di economia, politica o cultura.

Oggi la stessa ideologia liberale è cambiata in modo irriconoscibile. Se inizialmente il liberalismo classico era inteso come libertà di ogni persona di fare e dire ciò che voleva, nel XX secolo i liberali hanno iniziato a dire che la cosiddetta società aperta aveva dei nemici e che la libertà di questi nemici poteva e doveva essere limitata, se non cancellata. …

Ma Dostoevskij continuerà a vivere, così come Tchaikovsky, Pushkin, per quanto avrebbero voluto il contrario.

La standardizzazione, il monopolio finanziario e tecnologico, la cancellazione di tutte le differenze sono alla base del modello occidentale di globalizzazione, che è di natura neocoloniale. Il loro obiettivo era chiaro: stabilire il dominio incondizionato dell’Occidente nell’economia e nella politica globale. Per farlo, l’Occidente ha messo al suo servizio le risorse naturali e finanziarie dell’intero pianeta, nonché tutte le capacità intellettuali, umane ed economiche, sostenendo che si trattava di una caratteristica naturale della cosiddetta nuova interdipendenza globale.

Non appena i Paesi non occidentali hanno iniziato a trarre qualche beneficio dalla globalizzazione, soprattutto le grandi nazioni asiatiche, l’Occidente ha immediatamente cambiato o abolito del tutto molte di queste regole. E i cosiddetti sacri principi del libero scambio, dell’apertura economica, della concorrenza paritaria, persino dei diritti di proprietà sono stati improvvisamente dimenticati, completamente. Cambiano le regole in corsa, sul posto, ovunque vedano un’opportunità per loro stessi. …

Attualmente, quindi, la stragrande maggioranza della comunità internazionale chiede democrazia negli affari internazionali e rifiuta ogni forma di dittatura autoritaria da parte di singoli Paesi o gruppi di Paesi. Che cos’è questo se non l’applicazione diretta dei principi democratici alle relazioni internazionali?

Quale posizione ha assunto l’Occidente “civilizzato”? Se siete democratici, dovreste accogliere il naturale desiderio di libertà espresso da miliardi di persone, ma no. L’Occidente chiama in causa l’ordine liberale basato sulle regole. Ricorre a guerre economiche e commerciali, sanzioni, boicottaggi e rivoluzioni colorate, e prepara e attua ogni sorta di colpo di Stato.

Uno di questi ha portato a conseguenze tragiche in Ucraina nel 2014. L’hanno sostenuto e hanno persino specificato la quantità di denaro che hanno speso per questo colpo di Stato. Hanno la faccia tosta di agire come vogliono e non si fanno scrupoli su nulla. Hanno ucciso Soleimani, un generale iraniano. Potete pensare quello che volete su Soleimani, ma era un funzionario di uno Stato estero. Lo hanno ucciso in un Paese terzo e se ne sono assunti la responsabilità. Cosa dovrebbe significare, per l’amor del cielo? In che razza di mondo viviamo? …

Nel corso di mille anni, la Russia ha sviluppato una cultura unica di interazione tra tutte le religioni del mondo. Non c’è bisogno di cancellare nulla, che si tratti di valori cristiani, islamici o ebraici. Abbiamo anche altre religioni mondiali. L’unica cosa da fare è rispettarsi a vicenda. In alcune delle nostre regioni – lo so per esperienza diretta – le persone celebrano insieme le festività cristiane, islamiche, buddiste ed ebraiche, e lo fanno con piacere, congratulandosi e rallegrandosi a vicenda. …

Sono convinto che la vera democrazia in un mondo multipolare riguardi innanzitutto la capacità di ogni nazione – sottolineo – di ogni società o civiltà di seguire la propria strada e di organizzare il proprio sistema socio-politico. …

Il mondo è diverso per natura e i tentativi occidentali di comprimere tutti nello stesso schema sono chiaramente condannati. Non ne uscirà nulla.

La presuntuosa aspirazione a raggiungere la supremazia globale e, essenzialmente, a imporre o mantenere la leadership attraverso l’imposizione, sta realmente riducendo il prestigio internazionale dei leader del mondo occidentale, compresi gli Stati Uniti, e aumentando la sfiducia nella loro capacità di negoziare in generale. Dicono una cosa oggi e un’altra domani; firmano documenti e li rinnegano, fanno quello che vogliono. Non c’è stabilità in nulla. Come vengono firmati i documenti, di cosa si è discusso, cosa si può sperare: tutto questo è completamente oscuro.

Prima solo pochi Paesi osavano discutere con l’America e la cosa appariva quasi sensazionale, mentre ora è diventata una routine per tutti i tipi di Stati respingere le richieste infondate di Washington, nonostante i suoi continui tentativi di esercitare pressioni su tutti.

Come civiltà indipendente e distinta, la Russia non si è mai considerata e non si considera un nemico dell’Occidente. L’americofobia, l’anglofobia, la francofobia e la germanofobia sono le stesse forme di razzismo della russofobia o dell’antisemitismo e, per inciso, della xenofobia in tutte le sue forme.

Nel 2000, dopo la mia elezione a Presidente, ricorderò sempre ciò che ho affrontato: Ricorderò il prezzo che abbiamo pagato per distruggere il covo del terrorismo nel Caucaso settentrionale, che all’epoca l’Occidente sosteneva quasi apertamente.

Inoltre, non solo l’Occidente ha sostenuto attivamente i terroristi in territorio russo, ma in molti modi ha alimentato questa minaccia. Questo lo sappiamo. Tuttavia, dopo che la situazione si è stabilizzata, quando le principali bande terroristiche sono state sconfitte, anche grazie al coraggio del popolo ceceno, abbiamo deciso di non tornare indietro, di non fare gli offesi, ma di andare avanti, di costruire relazioni anche con coloro che hanno effettivamente agito contro di noi, di stabilire e sviluppare relazioni con tutti coloro che le volevano, basate sul mutuo vantaggio e sul rispetto reciproco.

La Russia non sta sfidando le élite occidentali. La Russia sta semplicemente sostenendo il suo diritto di esistere e di svilupparsi liberamente. È importante sottolineare che non diventeremo noi stessi un nuovo egemone. La Russia non sta suggerendo di sostituire un mondo unipolare con uno bipolare, tripolare o con un altro ordine dominante, né di sostituire la dominazione occidentale con quella orientale, settentrionale o meridionale. Questo porterebbe inevitabilmente a un’altra impasse. …

Sono convinto che la dittatura possa essere contrastata solo attraverso il libero sviluppo dei Paesi e dei popoli; la degradazione dell’individuo può essere messa in atto dall’amore per la persona come creatore; la semplificazione primitiva e la proibizione possono essere sostituite dalla fiorente complessità della cultura e della tradizione.

Il significato del momento storico odierno risiede nelle opportunità di sviluppo democratico e distinto per tutti, che si aprono davanti a tutte le civiltà, gli Stati e le associazioni di integrazione. Crediamo soprattutto che il nuovo ordine mondiale debba essere basato sul diritto e sulla legalità, e che debba essere libero, distintivo ed equo.

Anche l’economia e il commercio mondiale devono diventare più equi e aperti. La Russia ritiene inevitabile la creazione di nuove piattaforme finanziarie internazionali, tra cui le transazioni internazionali. Queste piattaforme dovrebbero essere al di sopra delle giurisdizioni nazionali. Dovrebbero essere sicure, depoliticizzate e automatizzate e non dovrebbero dipendere da un singolo centro di controllo. È possibile farlo o no? Certamente è possibile. Richiederà un grande sforzo. Molti Paesi dovranno unire i loro sforzi, ma è possibile.

È chiaro che abbiamo un interesse comune e molto pragmatico nello scambio scientifico e tecnologico libero e aperto. Uniti, possiamo vincere di più che se agissimo separatamente. La maggioranza dovrebbe beneficiare di questi scambi, non le singole società super-ricche.

Come stanno andando le cose oggi? Se l’Occidente vende farmaci o sementi ad altri Paesi, dice loro di uccidere le loro industrie farmaceutiche nazionali e la loro selezione. In realtà, tutto si riduce a questo: le sue forniture di macchine utensili e attrezzature distruggono l’industria ingegneristica locale. Me ne sono reso conto quando sono stato Primo Ministro. Una volta aperto il mercato a un certo gruppo di prodotti, il produttore locale va immediatamente in crisi ed è quasi impossibile per lui rialzare la testa. È così che costruiscono relazioni. È così che si impadroniscono di mercati e risorse e i Paesi perdono il loro potenziale tecnologico e scientifico. Questo non è progresso, è schiavitù e riduzione delle economie a livelli primitivi.

Lo sviluppo tecnologico non dovrebbe aumentare la disuguaglianza globale, ma piuttosto ridurla.

Vorrei sottolineare ancora una volta che la sovranità e un percorso di sviluppo unico non significano affatto isolamento o autarchia. Al contrario, si tratta di una cooperazione energica e reciprocamente vantaggiosa, basata sui principi di equità e uguaglianza.

L’unità tra gli uomini non può essere creata impartendo comandi come “fai come me” o “sii come noi”. Si crea tenendo conto dell’opinione di tutti e con un approccio attento all’identità di ogni società e di ogni nazione. Questo è il principio che può essere alla base della cooperazione a lungo termine in un mondo multipolare.

Grazie mille

 

Fëdor Lukyanov: La ringrazio molto, signor Presidente, per questo discorso così completo.Non posso che cogliere spontaneamente la conclusione, visto che ha parlato della situazione rivoluzionaria, di chi sta in alto e di chi sta in basso. Noi che siamo un po’ più grandi abbiamo studiato tutto questo a scuola. A chi si associa, a chi sta in alto o a chi sta in basso?

Vladimir Putin: Con la base, naturalmente, io vengo dalla base.

Mia madre era… Come sapete, ho detto molte volte che provengo da una famiglia di lavoratori. Mio padre era un caporeparto, si è diplomato in una scuola professionale. Mia madre non ha ricevuto un’istruzione, nemmeno secondaria, era una semplice operaia e ha fatto molti lavori: ha lavorato come infermiera in un ospedale, come inserviente e come guardiana notturna. Non voleva lasciarmi all’asilo o alla scuola materna.

Perciò sono naturalmente molto sensibile – grazie a Dio è stato così fino ad ora e, spero, continuerà ad esserlo – al polso di ciò che vive una persona comune.

Fyodor Lukyanov: Quindi, a livello globale, lei è tra coloro che “non vogliono [vivere nel vecchio modo]”?

Vladimir Putin: A livello globale, naturalmente, è una delle mie responsabilità monitorare ciò che accade a livello globale. Sono a favore di ciò che ho appena detto, di relazioni democratiche che tengano conto degli interessi di tutti i partecipanti alla comunicazione internazionale, non solo degli interessi del cosiddetto miliardo d’oro. …

Fyodor Lukyanov: Eccellente.

Signor Presidente, la sua decisione di avviare un’operazione militare speciale a febbraio è stata una grande sorpresa per tutti, compresa la maggioranza dei cittadini russi. Sappiamo che lei ha descritto più volte la logica e le ragioni di questa decisione. Tuttavia, difficilmente decisioni di questa importanza vengono prese senza un motivo particolare. Cosa è successo prima di prendere questa decisione?

Vladimir Putin: L’ho detto molte volte, e difficilmente sentirete qualcosa di nuovo oggi. Che cosa è successo? Non parlerò dell’espansione della NATO in Ucraina, che per noi era assolutamente inaccettabile, e tutti lo sapevano, ma hanno semplicemente ignorato i nostri interessi di sicurezza… Ho detto fin dall’inizio, il giorno dell’inizio dell’operazione, che la cosa più importante per noi è aiutare il Donbass. L’ho già detto, e se avessimo agito diversamente, non saremmo stati in grado di dispiegare le nostre Forze armate su entrambi i lati del Donbass.

Ivan Safranchuk: Ivan Safranchuk, Università MGIMO.

… È vero che il mondo è sull’orlo di un possibile uso di armi nucleari? Come si comporterà la Russia in queste circostanze? …

Vladimir Putin: Le provocazioni nucleari e l’infiammarsi della possibilità che la Russia possa teoricamente usare le armi nucleari vengono utilizzate per raggiungere questi obiettivi: influenzare i nostri amici, i nostri alleati e gli Stati neutrali dicendo loro: guardate chi sostenete; la Russia è un Paese così spaventoso, non sostenetelo, non collaborate con esso, non commerciate con esso. Questo è, di fatto, un obiettivo primitivo.

Cosa succede nella realtà? Dopo tutto, non abbiamo mai detto nulla di proattivo sul potenziale uso di armi nucleari da parte della Russia. Abbiamo solo accennato in risposta alle dichiarazioni dei leader occidentali. …

Infine, riguardo all’uso o meno [delle armi nucleari]. L’unico Paese al mondo che ha usato armi nucleari contro uno Stato non nucleare sono stati gli Stati Uniti d’America, che le hanno usate due volte contro il Giappone. Qual era l’obiettivo? Non c’era alcuna necessità militare. Qual era la praticabilità militare dell’uso di armi nucleari contro Hiroshima e Nagasaki, contro i civili? C’era una minaccia all’integrità territoriale degli Stati Uniti? Ovviamente no. Non era pratico nemmeno dal punto di vista militare, perché la macchina da guerra del Giappone era già stata distrutta, non era in grado di resistere, quindi che senso aveva dare il colpo di grazia con le armi nucleari?

A proposito, nei libri di testo giapponesi di solito si dice che furono gli Alleati a sferrare un colpo nucleare al Giappone. Hanno una presa così salda sul Giappone che i giapponesi non possono nemmeno scrivere la verità nei loro testi scolastici. … Per quanto riguarda la Russia… abbiamo la Dottrina militare e dovrebbero leggerla. Uno dei suoi articoli spiega i casi in cui, perché, in relazione a cosa e come la Russia ritiene possibile utilizzare armi di distruzione di massa sotto forma di armi nucleari per proteggere la propria sovranità, l’integrità territoriale e per garantire la sicurezza del popolo russo. …

Fyodor Lukyanov: Va bene. E qual è il ruolo di un leader che deve prendere una decisione su questo tema?

Vladimir Putin: Siamo pronti a risolvere qualsiasi questione. Non ci rifiutiamo. Lo scorso dicembre abbiamo proposto agli Stati Uniti di continuare il dialogo sulla stabilità strategica, ma non abbiamo ricevuto alcuna risposta. Era il dicembre dell’anno scorso. Silenzio. …

Fyodor Lukyanov: Due anni fa, in occasione della riunione del Valdai Club, lei ha parlato bene del Presidente Erdogan, affermando che non si è rimangiato le parole, ma ha fatto ciò che aveva detto che avrebbe fatto. Negli ultimi due anni sono successe molte cose. La sua opinione su di lui è cambiata?

Vladimir Putin: No. È un leader competente e forte, guidato soprattutto, e forse esclusivamente, dagli interessi della Turchia, del suo popolo e della sua economia. Questo spiega in gran parte la sua posizione sulle questioni energetiche e, ad esempio, sulla costruzione di TurkStream.

Abbiamo proposto di costruire un hub del gas in Turchia per i consumatori europei. La Turchia ha appoggiato questa idea, ovviamente, prima di tutto, sulla base dei propri interessi. Abbiamo molti interessi comuni nel turismo, nel settore delle costruzioni e nell’agricoltura. Ci sono molte aree in cui abbiamo interessi comuni.

Il Presidente Erdogan non permette mai a nessuno di fare un giro gratis o di agire nell’interesse di Paesi terzi. Egli difende soprattutto gli interessi della Turchia, anche nel dialogo con noi. In questo senso, la Turchia nel suo complesso e il Presidente Erdogan in persona non sono partner facili; molte delle nostre decisioni nascono in mezzo a dibattiti e negoziati lunghi e difficili.

Ma da entrambe le parti c’è il desiderio di raggiungere un accordo, e di solito ci riusciamo. In questo senso, il Presidente Erdogan è un partner coerente e affidabile. Questa è probabilmente la sua caratteristica più importante, quella di essere un partner affidabile. …

Kubat Rakhimov: Sono Kubat Rakhimov, della Repubblica del Kirghizistan.

… Cosa pensa della possibilità di trasferire la capitale della Federazione Russa al centro del Paese, cioè al centro del continente eurasiatico, in modo da essere più vicina ai Paesi dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai?

Grazie.

Vladimir Putin: … Sì, ne abbiamo parlato. La capitale russa è stata spostata diverse volte nella storia dello Stato russo. Storicamente e mentalmente, il centro della Russia è sempre associato a Mosca e, a mio avviso, non ce n’è bisogno.

Ci sono problemi nello sviluppo della capitale come area metropolitana, ma devo dire che, con la squadra del sindaco Sobyanin, questi problemi vengono affrontati e risolti molto meglio che in molti altri Paesi e aree metropolitane. …

Alexander Prokhanov: Signor Presidente, molto spesso gli stranieri ci chiedono: “Cosa potete offrire voi russi al mondo moderno? Dove sono i vostri premi Nobel? Dove sono le vostre grandi scoperte, le conquiste industriali e scientifiche?”. I miei colleghi spesso rispondono: “Beh, e la grande cultura russa? Pushkin? Rublev? Le icone russe? La meravigliosa architettura russa?”. E loro: “Ma tutto questo era nel passato. E oggi?”

Quando vi ho ascoltato oggi, ho capito cosa la Russia può offrire al mondo: La Russia può offrire una religione della giustizia, perché questa religione, questo sentimento è al centro di tutta la cultura russa e dell’abnegazione russa. E oggi la Russia sta compiendo questo sacrificio, essenzialmente, sta affrontando da sola il resto del mondo, il crudele mondo occidentale, portando avanti questa lotta per la giustizia. … Forse dovremmo fare dell’attuale ideologia russa una religione della giustizia?

Vladimir Putin: Lei ha appena detto che stiamo facendo sacrifici per il bene di altri popoli. Mi permetto di contraddirla. Non stiamo sacrificando nulla. Stiamo lavorando per rafforzare la nostra sovranità, ed è nel nostro stesso interesse. Innanzitutto, il rafforzamento della nostra sovranità finanziaria ed economica getterà le basi per la nostra crescita futura – crescita tecnologica, educativa e scientifica.

Che si tratti di premi Nobel o meno. Quando Alferov ha fatto la sua invenzione? Il premio Nobel gli è stato assegnato dopo 30 anni – o quanti? È solo questo che conta? L’ex presidente degli Stati Uniti ha ricevuto un premio Nobel. È questo un indicatore di reali risultati? Con tutto il rispetto per il Comitato Nobel e per il vincitore di questo straordinario premio, è questo l’unico indicatore?

 

 

 

NOTA:

Eric Zuesse, è uno stroico investigativo, il suo ultimo saggio AMERICA’S EMPIRE OF EVIL: Hitler’s Posthumous Victory, and Why the Social Sciences Need to Change (‘L’impero del male: la vittoria postuma di Hitler e perché le scienze sociali devono cambiare’), parla di come l’America si sia impadronita del mondo dopo la Seconda Guerra Mondiale per asservirlo ai miliardari statunitensi e alleati. I loro cartelli estraggono la ricchezza del mondo controllando non solo i media, ma anche le scienze sociali, ingannando il pubblico.

 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Libia, cosa aveva raggiunto e cosa è stato distrutto

“Non c’è un domani” sotto la ribellione di Al Qaeda sponsorizzata dalla NATO.Mentre si insediava un governo ribelle “a favore della democrazia”, il paese...

Cambiamento degli equilibri strategici nel Medio-Oriente

 L'insuccesso del rimodellamento Medio-Orientale, ha lasciato il campo libero ad una nuova alleanza, quella del triangolo Tehran-Damasco-Ankara. La Natura ha orrore del vuoto, e...

Siete pronti per la guerra contro il tanto demonizzato IRAN? – di Paul Craig Roberts

Quanta attenzione ricevono dai media americani le elezioni in paesi come Giappone, India e Argentina? Quanti cittadini e giornalisti americani conoscono i capi di...

L’insider dei cattivi

L'insider dei "cattivi"Autore: NamastéFonte: www.iconicon.itL’approssimarsi del momento in cui i responsabili materiali delle condizioni in cui versa il mondo verranno fermati dal compiere ulteriori misfatti...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube