fbpx
lunedì - 22 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Questa volta è diverso

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Fino a quando non ha deciso di affrontare Mosca con una minaccia militare esistenziale in Ucraina, Washington ha limitato l’uso della potenza militare americana ai conflitti che gli americani potevano permettersi di perdere, guerre con oppositori deboli nel mondo in via di sviluppo, da Saigon a Baghdad, che non rappresentavano una minaccia esistenziale alle forze statunitensi o al territorio americano. Questa volta, una guerra per procura con la Russia, è diversa.

Contrariamente alle speranze e alle aspettative iniziali di Beltway, la Russia non è crollata internamente né ha ceduto alle richieste dell’Occidente collettivo per un cambio di regime a Mosca. Washington ha sottovalutato la coesione sociale della Russia, il suo potenziale militare latente e la sua relativa immunità alle sanzioni economiche occidentali.

Di conseguenza, la guerra per procura di Washington contro la Russia sta fallendo. Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin è stato insolitamente sincero sulla situazione in Ucraina quando il 20 gennaio, presso la base aerea di Ramstein, ha detto agli alleati in Germania: “Abbiamo una finestra di opportunità ora, da qui alla primavera”, ammettendo: “Non è molto tempo.”

Alexei Arestovich, consigliere recentemente licenziato del presidente Zelensky e “Spin doctor” non ufficiale, è stato più diretto. Ha espresso i propri dubbi sul fatto che l’Ucraina possa vincere la sua guerra con la Russia e ora si chiede se l’Ucraina sopravviverà al conflitto. Le perdite ucrainealmeno 150.000 morti di cui 35.000 dispersi in azione e presunti morti – hanno fatalmente indebolito le forze ucraine risultando in una fragile posizione difensiva ucraina che probabilmente andrà in frantumi sotto il peso schiacciante dell’attacco delle forze russe nelle prossime settimane.

Le perdite materiali dell’Ucraina sono altrettanto gravi. Queste includono migliaia di carri armati e veicoli corazzati da combattimento di fanteria, sistemi di artiglieria, piattaforme di difesa aerea e armi di tutti i calibri. Questi totali includono l’equivalente di sette anni di produzione di missili Javelin. In un ambiente in cui i sistemi di artiglieria russi possono sparare quasi 60.000 colpi di tutti i tipi – razzi, missili, droni e munizioni a guscio duro – al giorno, le forze ucraine hanno difficoltà a rispondere a queste salve russe con 6.000 colpi al giorno. Nuove piattaforme e pacchetti di munizioni per l’Ucraina possono arricchire la comunità di Washington, ma non possono cambiare questa situazione.

Com’era prevedibile, la frustrazione di Washington per il fallimento collettivo dell’Occidente nell’arrestare l’ondata della sconfitta ucraina sta crescendo. In effetti, la frustrazione sta rapidamente cedendo il passo alla disperazione.

Michael Rubin, un ex incaricato di Bush e accanito sostenitore dei conflitti permanenti americani in Medio Oriente e Afghanistan, sfogò la sua frustrazione in un articolo su 1945 affermando che “se il mondo permette alla Russia di rimanere uno stato unitario, e se permette al putinismo di sopravvivere a Putin, allora dovrebbe consentire all’Ucraina di mantenere la propria deterrenza nucleare, che aderisca o meno alla NATO”. A prima vista, il suggerimento è avventato, ma la dichiarazione riflette accuratamente l’ansia nei circoli di Washington che la sconfitta ucraina sia inevitabile.

I membri della NATO non sono mai stati fermamente uniti dietro la crociata di Washington per indebolire fatalmente la Russia. I governi di Ungheria e Croazia stanno semplicemente riscontrando l’opposizione dell’opinione pubblica europea alla guerra con la Russia e la mancanza di sostegno al desiderio di Washington di posticipare la prevedibile sconfitta dell’Ucraina.

Sebbene solidale con il popolo ucraino, Berlino non ha sostenuto la guerra totale alla Russia per conto dell’Ucraina. Ora, anche i tedeschi sono a disagio per la condizione catastrofica delle forze armate tedesche.

Il generale in pensione dell’aeronautica tedesca (equivalente a quattro stelle) Harald Kujat , ex presidente del Comitato militare della NATO, ha criticato severamente Berlino per aver permesso a Washington di trascinare la Germania in conflitto con la Russia, osservando che diversi decenni di leader politici tedeschi hanno attivamente disarmato la Germania e quindi privato Berlino di autorità o credibilità in Europa. Sebbene attivamente soppressi dal governo e dai media tedeschi, i suoi commenti stanno risuonando fortemente con l’elettorato tedesco.

Il puro e semplice fatto è che nei suoi sforzi per assicurarsi la vittoria nella sua guerra per procura con la Russia, Washington ignora la realtà storica. Dal XIII secolo in poi, l’Ucraina è stata una regione dominata da potenze nazionali più grandi e potenti, siano esse lituane, polacche, svedesi, austriache o russe.

All’indomani della Prima guerra mondiale, furono concepiti progetti polacchi falliti per uno Stato ucraino indipendente allo scopo di indebolire la Russia bolscevica. Oggi la Russia non è comunista, né Mosca cerca la distruzione dello Stato polacco come fecero Trotsky, Lenin, Stalin e i loro seguaci nel 1920.

Allora, dove sta andando Washington con la sua guerra per procura contro la Russia? La domanda merita una risposta.

Domenica 7 dicembre 1941, l’ambasciatore statunitense Averell Harriman si trovava con il primo ministro Sir Winston Churchill a cena a casa di quest’ultimo quando la BBC trasmise la notizia che i giapponesi avevano attaccato la base navale statunitense a Pearl Harbor. Harriman era visibilmente scioccato. Ripeté semplicemente le parole: “I giapponesi hanno attaccato a Pearl Harbor”.

Nella Seconda guerra mondiale, Washington è stata fortunata con tempismo e alleati. Questa volta è diverso. Washington e i suoi alleati della NATO stanno sostenendo una guerra in piena regola contro la Russia, la devastazione e la disgregazione della Federazione Russa, nonché la distruzione di milioni di vite in Russia e Ucraina.

Washington si fa prendere dall’emotività. Washington non pensa, ed è anche apertamente ostile all’empirismo e alla verità. Né noi né i nostri alleati siamo pronti a combattere una guerra totale con la Russia, a livello regionale o globale. Il punto è che se scoppiasse la guerra tra Russia e Stati Uniti, gli americani non dovrebbero essere sorpresi. L’amministrazione Biden e i suoi sostenitori bipartisan a Washington stanno facendo tutto il possibile per realizzarla.

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Vivere senza menzogna

"Stiamo ormai per toccare il fondo, su tutti noi incombe la più completa rovina spirituale, sta per divampare la morte fisica che incenerirà noi...

Chi comanda il mondo: il potere oscuro esce allo scoperto

Si può definire in tanti modi: governo ombra, stato profondo, squadra segreta. Qualunque sia il nome, l’idea è semplice: dietro la facciata del governo...

Un tentativo di assassinare Putin per provocare un’escalation furiosa… a beneficio di chi?

Proprio mentre il pubblico occidentale sta diventando sempre più scettico nei confronti della guerra per procura guidata dagli Stati Uniti contro la Russia e...

Caos razziale a Baltimora: prove generali per Usa 2016

Stava durando a lungo, il silenzio dei media nostrani dagli USA, che di solito riportano ogni piccolo soffio dal loro baricentro americano. Eppure hanno...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube