lunedì - 6 Febbraio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

RIFLESSI MISTERIOSI di Paolo C. Fienga

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Una vittoria russa in Ucraina non porrà fine alla guerra

Dietro il disperato appello di Washington per carri armati e altre armi letali per l'Ucraina, si profila la fastidiosa prospettiva che l'offensiva invernale della...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,240IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
Nel dettaglio dell’originale in b/n e nell’elaborazione in falsi colori – fatta dal sottoscritto – di un frame NASA-Apollo 12 (AS 12-49-7318) originale e non compresso, ottenuto dai Curatori dell’Apollo Image Atlas (costituito presso l’Istituto di Scienze Planetarie – NASA), osservando nel visore ad elevata riflettenza del Mission Commander Charles "Pete" Conrad si distingue una serie di luci allineate che ‘si librano’ a mezza altezza, proprio davanti a lui (e proprio davanti al buon Alan Laverne Bean, LM Pilot, Apollo 12, che scatta la fotografia e che si vede, anch’egli riflesso nel visore, ad una ventina di metri da Conrad).
{mosimage} {mosimage}


Quando Alan L. Bean ritornò sulla Terra, la sua vita si fece difficile: prima un esaurimento nervoso, poi gli incubi (con la Luna che “appariva in una veste distorta” – parole dell’Astronauta) e poi il divorzio.
Alla fine, l’arte: Alan Bean divenne un ‘Pittore dello Spazio’ e, attingendo dal suo talento innato, riuscì a dipingere una lunga serie di visioni ‘variopinte’ della Luna (cfr. "Apollo", il volume che raccoglie le Opere di Bean) nelle quali – in più di una a dire il vero – si vedono ‘sbuffi di luce azzurra’ che si levano dall’orizzonte e piccoli ‘arcobaleni’ che illuminano il nero cielo Lunare.
Paranoia? Voglia di stupire e di fare un business ‘nice-and-easy’?
Non credo.
Ciò che credo, dopo aver visionato tutti i 2132 frames che formano la Apollo 12 Official Collection, è che Alan Bean abbia visto qualcosa librarsi sulla superficie della Luna; qualcosa di ‘non made in USA’. Qualcosa di alieno, insomma.
Si può dedurre tutto questo da un riflesso? Certamente no: il riflesso è la ‘pennellata finale’ ad un quadro fatto di anomalie orbitali e di riflessi inspiegabili nei visori degli Astronauti (quello che presentiamo è solo il più eclatante).
Un quadro che ci racconta di una costante ‘compagnìa’, sulla Luna ed in orbita attorno alla Luna, di qualcuno o di qualcosa che, nonostante i nervi di acciaio e la preparazione eccezionale (da super-uomini), portò il Lunar Module Pilot Alan Laverne Bean sull’orlo della pazzia, quando tornò a casa. Una casa che, a quanto mi raccontano alcuni suoi amici (che non desiderano, purtroppo, essere citati), non sarebbe stata più la stessa.

{mosimage}


Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Cerchio della vita – Roma

 Acquista l'edizione 2013 in DVD de Il Cerchio della Vita  

TESLA: LIBRO DENUNCIA – (art. 1) di B O J S

L'incredibile viaggio tra le energie nascoste1^ Parte di 10 articoli a seguire TITOLO DEL LIBRO USCITO NEL 1997 "COUCOU C'EST TESLA”L'ENERGIE LIBRE (non è ancora...

Bergoglio e gli Ogm: Laudato chi?

Laudato chi?Anche in questi giorni, la mancata ratifica da parte degli USA dell'accordo sul clima di Parigi è stata un'occasione per dare risalto alla...

Siete rimasti al verde? Provate il bancomah

Siete rimasti al verde? Provate al BancomahStefano Benni - www.repubblica.itCrediamo di essere abituati alle bugie della politica e dell'economia, ma non è vero. Le bugie si...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube

Articolo precedente
Articolo successivo