lunedì - 30 Gennaio, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Riflessioni su HAARP, maltempo e asteroidi…

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
9,200IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Questa storia, anche se un po’ datata al momento, è apparsa durante le mie vacanze, ed è stata notata da G.B. e F.L.M. Potresti o meno essere consapevole del fatto che durante l’ondata di brutto tempo durante le vacanze, l’installazione HAARP dell’Alaska è stata avviata dalla NASA – sì, è vero, dalla  NASA – apparentemente per eseguire la tomografia radar dell’asteroide Apophis. Ecco le due versioni della storia, quella ufficiale e un’altra versione “a medio numero di ottani”:

HAARP farà rimbalzare il segnale su un asteroide nell’esperimento della NASA

Unprecedented Christmas weather origin? HAARP to bounce signal off asteroid on December 27, 2022 in new NASA experiment to prepare the globally anticipated 2029 encounter with asteroid Apophis

Secondo il primo articolo, lo scopo dell’esperimento è utilizzare il radar a onde lunghe per sondare l’interno dell’asteroide. Antenne come l’array molto grande riceveranno il segnale, tutto ciò è necessario per imparare a difendersi dagli asteroidi:

Un esperimento per far rimbalzare un segnale radio su un asteroide il 27 dicembre servirà come test per sondare un asteroide più grande che nel 2029 passerà più vicino alla Terra rispetto ai numerosi satelliti geostazionari che orbitano attorno al nostro pianeta.

Il sito di ricerca del programma di ricerca aurorale attiva ad alta frequenza a Gakona trasmetterà segnali radio  all’asteroide 2010 XC15 , che potrebbe avere un diametro di circa 500 piedi. La University of New Mexico Long Wavelength Array vicino a Socorro, nel New Mexico, e la Owens Valley Radio Observatory Long Wavelength Array vicino a Bishop, in California, riceveranno il segnale.

Questo sarà il primo utilizzo di HAARP per sondare un asteroide.

“La novità e ciò che stiamo cercando di fare è sondare gli interni degli asteroidi con radar a onde lunghe e radiotelescopi da terra”, ha affermato Mark Haynes, ricercatore capo del progetto e ingegnere di sistemi radar presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. “Lunghezze d’onda maggiori possono penetrare all’interno di un oggetto molto meglio delle lunghezze d’onda radio utilizzate per la comunicazione.”

Sapere di più sull’interno di un asteroide, in particolare di un asteroide abbastanza grande da causare gravi danni sulla Terra, è importante per determinare come difendersi da esso.

“Se conosci la distribuzione della massa, puoi rendere un impattatore più efficace, perché saprai un po’ meglio dove colpire l’asteroide”, ha detto Haynes.

Il secondo articolo è molto meno ottimista sull’esperimento, a cominciare dalla dichiarazione che l’accensione di HAARP potrebbe essere la causa del brutto tempo festivo:

Ecco il motivo per cui  il tempo negli Stati Uniti è molto brutto in questo momento … Stanno riscaldando le macchine HAARP per un esperimento spaziale! La tecnologia del programma di ricerca aurorale attiva ad alta frequenza sta per essere utilizzata (il 27 dicembre) dalla NASA per decifrare l’interno di un asteroide…

L’affermazione che l’array di antenne HAARP potrebbe influenzare il tempo non è, ovviamente, nuova. Gli osservatori di HAARP hanno fatto questa affermazione sin da quando il Dr. Nick Begich dell’Alaska e il suo coautore Jean Manning hanno pubblicato per la prima volta il loro libro Angels Don’t Play This HAARP  negli anni ’90. Begich è apparso in molti talk show tra cui il  Coast to Coast AM notturno di Art Bell , lanciando l’allarme, e successivamente ha testimoniato davanti al parlamento europeo sui pericoli dei riscaldatori ionosferici. HAARP è stato il primo di questi (che conosciamo), e sicuramente uno degli array di antenne più potenti, con una potenza irradiata effettiva nell’ordine dei  gigawatt. Sfortunatamente per i detrattori di Begich, lui e Manning sono stati attenti a documentare le loro affermazioni sulla manipolazione meteorologica HAARP citando i brevetti effettivi del Dr. Bernard Eastland, il fisico i cui brevetti ARCO costituiscono la base del progetto del riscaldatore ionosferico HAARP. Nei brevetti originali, la modifica del clima è menzionata come un probabile uso della tecnologia, insieme a comunicazioni, interruzione delle comunicazioni, difesa missilistica strategica e – sì – tomografia radar. Naturalmente, la posizione della US Air Force all’epoca era che HAARP non potesse fare cose del genere, e questa rimane più o meno la posizione ufficiale.

E Lee Harvey Oswald ha agito da solo e non c’era alcuna cospirazione dietro l’assassinio del presidente Kennedy e anche se ci fosse stato, il governo non sarebbe stato in alcun modo coinvolto.

Ma ora abbiamo due articoli che dicono e riconoscono più o meno la stessa cosa, e lo fanno pubblicamente: HAARP è stato licenziato per fare la tomografia radar di un lontano corpo celeste.

Questo è interessante e  , come si potrebbe immaginare, è un’ammissione che porta con sé ogni sorta di implicazioni speculative ad alto numero di ottani. Per molti anni, su questo sito e nelle interviste, ho ipotizzato che questi riscaldatori ionosferici, e in particolare HAARP con la sua grande potenza irradiata effettiva, fossero probabilmente in grado di influenzare gli oggetti interplanetari tramite risonanza. Ho anche affermato di aver sospettato che manipolando la ionosfera terrestre si potesse manipolare anche la magnetosfera e, attraverso questi mezzi, si potessero produrre effetti nel Sole stesso tramite risonanza. In breve, ho creduto a lungo che i potenziali usi di HAARP includessero quelli interplanetari, usi attentamente  esclusi dai brevetti originali dell’Eastland,

Mentre Apophis è, ovviamente, un oggetto molto più piccolo e più vicino del Sole, e un oggetto di tipo molto diverso dal Sole, l’articolo almeno ammette un punto fondamentale della mia speculazione ad alto numero di ottani: HAARP ha usi interplanetari (e per estensione, così fa ogni altro riscaldatore ionosferico sul globo).

Ma ora diamo un’occhiata un po’ più da vicino all’aspetto della tomografia radar di questa ammissione, e congetturiamo ancora più selvaggiamente (e  intendo , selvaggiamente).  Alla maggior parte di noi è stato insegnato a pensare al radar come a un “rimbalzo”: le onde radio vengono irradiate, colpiscono un bersaglio e “rimbalzano” sulla luce del ricevitore come rimbalza su uno specchio, e poiché si sa che le onde radio viaggiano al velocità della luce, facendo qualche semplice calcolo relativo alla differenza di tempo tra la trasmissione del segnale e la ricezione del “rimbalzo”, si sa quanto è lontano l’oggetto che “rimbalza” con grande precisione. Da qui l’acronimo stesso RADAR: RAdio Detection And Ranging. Il problema è che questo modello non è in grado di spiegare perché il radar possa essere usato per sondare sotto la superficie.  E la risposta è semplice: il modello, sebbene utile nei libri di fisica delle scuole medie americane, non è ciò che sta effettivamente accadendo. RADAR non è un “rimbalzo”; è  un effetto secondario del trasmettitore . La corrente radio utilizzata per “dipingere” un bersaglio  stimola una corrente elettrica nell’oggetto bersaglio stesso. Quella corrente a sua volta crea i propri segnali radio (risonanti al segnale in ingresso), che sono quelli che vengono captati dal ricevitore RADAR. Quindi, con la giusta lunghezza d’onda (risonanza!) si può stimolare una corrente in quasi tutti gli oggetti, anche in materiale altamente non lineare come le rocce, cioè in materiale normale non associato a conducibilità elettrica. Ma il materiale altamente non lineare  può farlo, come ci ricordano i lampi nell’atmosfera in ogni tempesta di pioggia.

Ora arriviamo alla speculazione ad alto numero di ottani del giorno, perché sospetto fortemente che questo significhi che c’è di più – molto di più – che la semplice tomografia radar in corso con questo esperimento, perché con l’enorme potenza irradiata dell’array HAARP, è possibile che la balistica o la traiettoria dell’asteroide possa essere influenzata in misura piccola ma misurabile, cioè che la traiettoria dell’oggetto bersaglio possa essere modificata dal segnale in arrivo. E la fine di quel processo o catena di ragionamento è che la sua deviazione è possibile in una piccola misura, quindi alla fine, con una potenza irradiata sufficiente (ben oltre quella di HAARP), così è la sua distruzione… non sono necessari missili.

Se una delle mie speculazioni ad alto numero di ottani è vera o no, sospetto che non ci verrà detto (almeno, non immediatamente). Ma almeno è bello sapere ora, dopo tutti questi anni, che c’è  un uso interplanetario della tecnologia.

E questo, sospetto fortemente, era il punto fin dall’inizio.

Ci vediamo dall’altra parte…

 

Joseph P. Farrell 

Articolo originario da Giza Death Star

 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube