fbpx
mercoledì - 20 Settembre, 2023

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Riti italiani – di Paolo Cortesi

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,300IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Per il futuro antropologo che tenterà di studiare a analizzare (ma certo non potrà del tutto capire) la società italiana del 2010, ecco alcuni materiali.

Si tratta di osservazioni relative a comportamenti di massa dell’italiano videomutato (cioè prodotto di mutazione da esposizione costante a trasmissioni tv).

  1. Esasperazione parossistica di ogni espressione. L’italiano videomutato (d’ora in poi: I.V.) esprime le proprie sensazioni in modo enfatico, rumoroso e teatrale. E’ da qualche anno invalso l’uso di applaudire ai funerali: segno estremo di come si confonda la vita reale (e la morte reale) con la finzione, la recita e le leggi dello spettacolo. L’I.V. considera massimo tributo ciò che invece è un’indecente piazzata; ma per l’I.V. la massima espressione di apprezzamento è l’applauso, come gli è stato insegnato da decenni di tv. Accade dunque l’opposto di quanto avvenne per secoli: si onorava il defunto col silenzio e con un discorso; oggi lo si celebra con battimani frenetici; fra non molto avremo fischi e urla da stadio che chiuderanno le cerimonie funebri dei vip.

  2. La sub-cultura calcistica assorbe ogni altra residua traccia di cultura. Oggi l'I.V. dedica vittorie elettorali e ogni altro evento importante come si dedicano i goals delle partite di calcio.

  3. Aumento del livello di aggressività. La nevrotizzazione indotta dalla tv ha alzato notevolmente il livello di aggressività e di violenza; da una parte, infatti, la confusione tra realtà e finzione tv ha opacizzato i criteri di giudizio, per cui la violenza non è più un fatto tragico, ma un elemento spettacolare: facce sporche di sangue, esplosioni, pugni, sparatorie, braccia legate, coltelli, armi automatiche non sono più, per l'I.V., oggetti ed emblemi che negano l'umanità, ma strumenti coreografici di quella scenografia che è diventato il mondo.

  4. Rifiuto della cultura. La tv ha addestrato l'I.V. a detestare ogni forma di elaborazione culturale. Per l'I.V. leggere e pensare è una fatica ormai insopportabile, la sua mente è atrofizzata ed è divenuta un ricettacolo di tutti i messaggi che siano opportunamente veicolati dalla tv (ovvero abbastanza elementari, colorati, sonori e ripetuti per entrare nella mente dell'I.V.) L'I.V. non conosce più l'uso corretto ed efficace della lingua italiana, e questo è funzionale alla sempre più totale dipendenza dalla tv.

  5. Declino inarrestabile dell'etica civile e della politica. L'I.V. è sostanzialmente un uomo ipnotizzato 24 ore al giorno: la mancanza della facoltà i libero arbitrio impedisce l'esercizio della volontà, senza volontà e senza giudizio non esiste più vera libertà.

 

 

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

SIMBOLOGIA DELLA NATIVITÀ

I Simboli della Teofanìa o Manifestazione Divina “Ora, mentre essi si trovano in quel luogo, venne per lei il momento del parto e diede alla...

Le rivoluzioni color merda – di Gianluca Freda

tratto dal sito RipensareMarx (commento e traduzione di G.P.) Vi propongo questo articolo dell’analista...

IL PAPA, DIO E L’APOCALISSE di Paolo Cortesi

detto ciò che ha detto Giovanni Paolo II a proposito di Dio sdegnato con l'uomo e del...

CIEB – parere sull’obbligatorieta’ del vaccino anti-Covid

Il Comitato Internazionale per l'Etica della Biomedicina (CIEB) rappresenta un gruppo di docenti universitari ed esperti di diverse discipline e nazionalità, nato per...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Lavaggio sonoro a 432 Hz

0
NEXUS Eventi presenta un gradito ritorno con l'evento di Martina Crepaldi e Giordano Sandalo SLOCCO E RIPROGRAMMAZIONE Lavaggio sonoro a 432 Hz Venerdì 20 ottobre 2023 Inizio spettacolo ore...

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube

Articolo precedente
Articolo successivo