fbpx
giovedì - 18 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

SALTA IL PIANO “SALVATUTTO”, WALL STREET IN PICCHIATA di Massimo Mazzucco

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Nudità velate

La cronaca di Akakor

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,700IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
La vicenda di questo mancato “bailout” (salvataggio) del sistema finanziario va necessariamente letta nel più ampio quadro delle elezioni presidenziali in corso, ed è mia forte convinzione che si sia trattato in realtà di una gigantesca trappola messa a punto e orchestrata nell’ombra da Barack Obama a discapito di John McCain.

Partito come proposta di legge dal tavolo di Bush, il progetto originario non conteneva sufficienti garanzie da parte di Wall Street nei confronti di Main Street (“la gente” in senso lato), e i democratici non hanno mancato di farlo notare. In altre parole, il progetto Bush voleva “regalare” 700 miliardi di dollari agli istituti finanziari in difficoltà, ma non prevedeva nè una supervisione bipartisan del governo, nè un eventuale beneficio per il cittadino, che si sarebbe comunque dovuto addossare la futura inflazione, ma non avrebbe avuto alcun vantaggio in caso di effettivo recupero economico.

I democratici avevano chiaramente il coltello dalla parte del manico, in quanto, da un lato, possono tranquillamente addossare le colpe del disastro al gioverno repubblicano, e dall’altro controllano la maggioranza al Senato e alla Camera (e quindi di fatto controllano tutte le commissioni parlamentari, compreso quella sull’economia. Questo è il motivo per cui Harry Reid, capo della maggioranza al Senato, e Nancy Pelosi, capo della maggioranza alla Camera, parlano ufficialmente di fronte alle telecamere).

Di contro, c’è da tenere presente che tutti i membri della Camera, e circa il 30% dei senatori, vanno incontro alla rielezione il prossimo novembre (i deputati vengono rieletti ogni 2 anni, i senatori ogni 6): tutti costoro sono quindi, prima di tutto, preoccupati di non diventare attaccabili dai loro rispettivi sfidanti, a livello locale. I democratici quindi hanno profondamente modificato l’accordo iniziale, introducendo la supervisione bipartisan, ed un eventuale recupero finanziario per il governo, nel caso di successo dell’operazione: questo ha fatto storcere la bocca a molti deputati repubblicani, che già sono contari per natura agli interventi governativi di questo tipo.

Naturale quindi che si siano rifiutati di firmare, trovando anche il supporto – curiosamente generoso e “bipartisan”, in questo caso – di alcuni democratici.

In questo modo la crisi economica potrà essere interamentre addossata al governo uscente, ed in più Obama potrà accusare McCain di non essere riuscito a mettere d’accordo i “suoi” repubblicani, mostrando quindi di non avere le qualità di leader necessarie per diventare presidente.

Con questo trappolone i democratici si sono costruiti una situazione in cui non potevano perdere: se la legge fosse passata, il merito era loro; se fosse stata silurata, la colpa è dei repubblicani. E farò molta fatica a convincermi che dietro tutto questo non ci sia una stretegia mirata ed intelligente da parte di Barack Obama e dei suoi attendenti.

 


 tratto da luogocomune
 
 
 
Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

BUSH CANCELLA I LAST MINUTE di Luca Annunziata

Roma - Agli sgoccioli del suo mandato, George W. Bush cerca di stravolgere le norme per accedere negli States. Più controlli prima, durante e...

Appuntamento con Germana Leoni

Appuntamento con l'autrice GERMANA LEONI presenta JULIAN ASSANGE - Niente è come sembra Con la partecipazione di ALBERTO BRADANINI Ex Ambasciatore d'Italia a Pechino e a Teheran Mercoledì 01...

Ricorda! Le vaccinazioni anti-influenza stagionale e suina sono pericolose!

Intervista speciale del dr Mercola a Barbara Loe Fisher, la Fondatrice del Centro Nazionale Informazione...

Stranieri alla terra – con Tom bosco

Siamo lieti di segnalarvi questo evento, che si terrà il 18 dicembre prossimo e che vede la partecipazione come relatore del nostro direttore Tom...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube