fbpx
martedì - 27 Febbraio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Scorie nucleari? Spediamole nel Sole! di Furio Stella

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Le derive sanitarie di UE, WEF e OMS

A VISO SCOPERTO con Martina Pastorelli, Alberto Contri e Giovanni Frajese Conduce Matteo Demicheli Le derive sanitarie di UE, WEF (World Economic Forum) e OMS (Organizzazione...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Nexus New Times # 161

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,500IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

{mosimage}

Erice, 20 agosto 2001

Bel problema lo smaltimento delle scorie nucleari. L'ideale sarebbe non produrne nemmeno, ma é una soluzione troppo semplicistica, ridicolmente naif, persino offensiva dell'intelligenza del genere umano. E allora che fare? Per fortuna, in aiuto del pianeta e dei superscienziati riuniti anche quest'anno a Erice, é arrivato l'ex astronauta Usa David Scott. «Ghe pensi mi», ha detto ai cervelloni, nel suo tipico accento della West Coast, il 69enne ex comandante dell'Apollo 15. E ha tirato fuori di tasca un progetto vecchio di vent'anni e già scartato dalla Nasa: usiamo il Sole come una gigantesca pattumiera e spariamogli dei missili con dentro tutta la porcheria atomica del nostro pianeta. Un'idea geniale. Tant'è che la notizia é stata ripresa con grande enfasi un po' da tutti i nostri maggiori quotidiani, che hanno scambiato Scott per il Clint Eastwood di «Space Cowboys». Da «Odissea nello spazio» a «Odissea nell'ospizio». Curioso che quando ex astronauti come Gordon Cooper, Brian O'Leary e non ricordiamo più chi parlano pubblicamente di Ufo e civiltà extraterrestri, mai una volta che le loro dichiarazioni facciano breccia nel muro dei media («Sa, l'età…»). Ma se solo un loro coetaneo s'inventa, con un progetto da premio Alzheimer , un potenziale business per le industrie missilistico-aerospaziali, allora apriti cielo. La comunità scientifica di Erice, quella stessa che ha scomunicato il pioniere italiano della fusione fredda Roberto Monti, che sullo stesso problema delle scorie atomiche aveva proposto l'alchimia come antidoto, ha promesso che «vaglierà» il caso. Parafrasando Guzzanti, la risposta ai problemi ambientali della Terra é dentro di noi. Peccato che sia quella sbagliata.
Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Sotto il naso del Papa – l’architetto, l’astronomo e il Vaticano

      In questo articolo Robert Bauval ipotizza che il progetto di Gian Lorenzo Bernini di Piazza San Pietro, commissionatogli da Papa Alessandro VII, sia stato...

Siria, intelligence britannica ai terroristi: distruggete le prove delle armi chimiche a Khan-al-Asal

La città di Khan al-Assal è stata menzionata nei comunicati stampa per l’uso di armi chimiche, in cui esperti russi avevano prelevato e analizzato...

Acqua energizzata

Con le sue proprietà che capovolgono le teorie tradizionali della fisica, l’acqua ad alta bioenergia si può produrre per ottenere dei benefici terapeutici. di Walter...

Il profeta della quarta dimensione

Vero figlio della sua epoca, nella quale le geometrie non euclidee e le dimensioni plurime dello spazio alimentavano gli entusiasmi di matematici e fisici...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube