giovedì - 8 Dicembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Soros e il regime di Kiev… a cena col diavolo

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Nuove enormi crepe appaiono nell’edificio dell’Impero

Le fondamenta stesse dell'"Ordine Globale basato sulle Regole" sembrano crollareCome occidentali sappiamo che la nostra forza risiede nell’unità cementata dai nostri valori condivisi. Ma in...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,900IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Un miliardario di origine ebrea che finanzia un regime nazista in Ucraina per eseguire i suoi ordini non è al di là di ogni cinico calcolo. È il capitalismo.

Il regime di Kiev, sostenuto dalla NATO, sta promulgando nuove leggi draconiane che bandiranno tutta la libertà di parola dissenziente. Eventuali opinioni non allineate al regime sono da ritenersi traditrici e fuorilegge, nonché soggette a persecuzioni e repressioni violente.

I nuovi poteri legali sanciscono una feroce campagna contro i media indipendenti in Ucraina che ha imperversato negli ultimi quattro anni sotto il presidente Vladimir Zelensky. I partiti politici di opposizione e le testate giornalistiche sono state chiuse e giornalisti dissenzienti presi di mira con la violenza o costretti all'esilio. La tendenza tossica contro la libertà di parola può essere fatta risalire al colpo di stato di Maidan sponsorizzato dalla CIA, che ha rovesciato il governo eletto in Ucraina nel febbraio 2014.

Quel colpo di stato ha portato al potere a Kiev un regime di estrema destra che si vanta della passata collaborazione con la Germania nazista. Oltre un milione di ebrei furono sterminati dai fascisti ucraini per conto del Terzo Reich.

Le contraddizioni del regime di Kiev sono vertiginose. Secondo quanto riferito, il presidente in carica, Zelensky, è di origine ebraica. Eppure il suo regime è sostenuto da paramilitari nazisti come i battaglioni Azov e Aidar che costituiscono la spina dorsale delle forze armate ucraine. Il mecenate finanziario di Zelensky è l'oligarca ucraino Igor Kolomoisky, anch'egli ebreo, eppure Kolomoisky finanzia i paramilitari neonazisti.

I governi occidentali che affermano di essere i custodi della "democrazia" e della "libertà" hanno pompato miliardi di dollari di armi al regime fascista di Kiev guidato da un presidente ebreo. I governi e i media occidentali cercano di far quadrare questa contraddizione affermando che il regime di Zelensky è una “democrazia” e nascondendo i fatti della sua condotta nazista. L'armamento dell'Ucraina dal 2014 da parte degli Stati Uniti e di altri membri della NATO sta spingendo incautamente a una guerra mondiale con la Russia. Le cosiddette democrazie occidentali sono allineate con il fascismo in una guerra incipiente contro la Russia che potrebbe sfociare in una catastrofe nucleare. Per coloro che prestano attenzione storica alle vere cause e alla geopolitica della Seconda Guerra Mondiale – l'interazione tra le potenze occidentali e la Germania nazista – e la successiva Guerra Fredda, l'attuale confronto potrebbe non sorprendere.

Le relazioni di un personaggio pubblico occidentale con l'Ucraina sono particolarmente sbalorditive nella loro incongruenza. George Soros, il miliardario filantropo americano, è stato uno dei primi sostenitori del cambiamento politico in Ucraina dopo la sua indipendenza dall'Unione Sovietica nel 1991.

Attraverso la sua Open Society Foundation, Soros ha incanalato milioni di dollari per promuovere il colpo di stato della "rivoluzione" Maidan a Kiev. Soros ha lavorato mano nella mano con il governo degli Stati Uniti e le sue agenzie di 'cambio di regime' della CIA, come National Endowment for Democracy e USAID, per creare "gruppi della società civile" e una litania di organizzazioni dei media che hanno promosso le opinioni anti-Russia.

La Open Society Foundation di Soros ad oggi proclama di "stare con l'Ucraina" e accusa la Russia di aver intrapreso un "assalto alla democrazia". L'OSF ha un obiettivo di raccolta fondi di 45 milioni di dollari che, a suo dire, saranno utilizzati per "proteggere la società civile ucraina".

La realtà dietro la retorica virtuosa di Soros è che il regime di Kiev è dominato da quelle forze naziste che sono intente a distruggere qualsiasi dissenso e libertà di parola, come dimostrano le leggi repressive sui nuovi media.

Persino le organizzazioni non governative occidentali finanziate da Soros come Reporter senza frontiere e il Comitato per la protezione dei giornalisti con sede negli Stati Uniti hanno condannato lo scioccante attacco alla libertà di parola da parte del regime di Zelensky.

Questa non è solo una sventurata questione di frequentare cattive compagnie. Soros e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, insieme all'allora vicepresidente Joe Biden, sono stati determinanti nel portare il regime di Kiev al potere nel 2014. Sono stati determinanti nel costruirlo come una rabbiosa punta di diamante anti-Russia che ripudiò gli accordi di pace di Minsk del 2014-2015 e fomentò l'attuale guerra con la Russia.

Soros, che per molti anni ha espresso pubblicamente una profonda antipatia personale nei confronti del presidente russo Vladimir Putin, sembra aver usato abilmente l'Ucraina come terreno di gioco geopolitico per promuovere i suoi interessi personali e commerciali. Il capitalista miliardario ha gli occhi puntati sulla privatizzazione delle industrie ucraine nei settori dell'energia e dell'agricoltura. Naturalmente, gli interessi imperialisti di Washington e della NATO combaciavano perfettamente con la presunta filantropia.

Soros è stato a lungo accusato di promuovere "rivoluzioni colorate" per conto di Washington allo scopo di destabilizzarne gli avversari geopolitici, Russia e Cina in particolare.

Il caso dell'Ucraina è particolarmente convincente. Il primo coinvolgimento di Soros nella promozione del violento colpo di stato di Kiev portò direttamente alla creazione di un regime reazionario estremo che serviva diligentemente gli interessi imperialisti di Washington contro la Russia causando miseria alla maggior parte degli ucraini. La cricca di Kiev al potere è zeppa di corruzione, illegalità fascista e limitazione di una logora società civile sotto un presidente ebreo autocratico amato da Hollywood e dalle agenzie di intelligence statali occidentali.

Le grandiose affermazioni di Soros di sostenere il "giornalismo indipendente" e la "società civile" si sono rivelate putride menzogne ​​di fronte all'attuale repressione in Ucraina contro la libertà di parola.

Questo ci porta all'ultima, forse più inquietante contraddizione: George Soros (92 anni), nato nel 1930 in una famiglia ebrea, è cresciuto da adolescente in Ungheria durante l'occupazione nazista, cercando di evitare di essere mandato in una camera a gas. Ha ammesso di aver nascosto la sua identità ebraica come cristiano. C'è un'implicazione della sua collaborazione da adolescente con il regime nazista a Budapest, allorché segnalava proprietà ebraiche per la confisca. Nega di aver partecipato a qualsiasi illecito e dice di essere stato semplicemente un giovane sfortunato che accompagnava un agente immobiliare filo-nazista.

Di sicuro, alcuni membri della destra antisemita americana hanno cercato di far sembrare Soros un "nazista globalista" in un modo ridicolo.

Anni dopo la guerra, Soros emigrò in Occidente e in seguito costruì la sua vasta ricchezza come capitalista avvoltoio scommettendo contro i perdenti. È noto come "l'uomo che ha distrutto la sterlina britannica" e ha realizzato un profitto di $ 1 miliardo in un solo giorno durante un crollo del mercato nel 1992.

Diciamo solo che George Soros ha un senso soprannaturalmente acuto di opportunismo predatorio. Un miliardario di origine ebrea che finanzia un regime nazista in Ucraina affinché esegua i suoi ordini non è al di là di ogni cinico calcolo. È il capitalismo.

L'autore:

Finian Cunningham ha scritto molto sugli affari internazionali, con articoli pubblicati in diverse lingue. Si è laureato in Chimica Agraria e ha lavorato come redattore scientifico per la Royal Society of Chemistry, Cambridge, Inghilterra, prima di intraprendere la carriera nel giornalismo giornalistico. È anche musicista e cantautore. Per quasi 20 anni ha lavorato come editore e scrittore in importanti organizzazioni di media, tra cui The Mirror, Irish Times e Independent. Vincitore del Serena Shim Award for Uncompromising Integrity in Journalism (2019).

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

L’accordo segreto per privatizzare anche scuola e sanità

Tisa, accordo segreto: privatizzare anche scuola e sanitàSi chiama “Tisa”, acronimo di “Trade in services agreement”, ovvero “accordo di scambio sui servizi”. È un...

I TRE TIRANNI: PERICLE, BENITO E MATTEO

Alcune definizioni politiche:Monarchia: il potere è di una persona sola, un monarca, solitamente un re. La Monarchia può essere: Assoluta, il re ha diritto su tutto...

Cinque segnali gravi intorno a Trump

La ripresa della guerra in Donbass, prove di Rivoluzione colorata, Obama in modalità eversione, agenzie di spionaggio contro il capo, il riarmo jihadista.Primo segnale....

Sull’omosessualità

Vi proponiamo una lettura diversa ed inusuale su un argomento che negli ultimi tempi come sapete va molto di moda, soprattutto da quando si...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
A causa di motivi organizzativi ci vediamo costretti a posticipare la data del seminario con il dott. Tancredi Militano prevista per domenica 11/12/22. Le...

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube