fbpx
domenica - 21 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Thomas sankarà: quando qualcuno uccise la felicità

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

“ROMANCE” (1986)

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Thomas Sankarà, come Muhammar Gheddafi, forse fu un sognatore, ma ancora oggi viene ricordato come uno dei padri del grande movimento di emancipazione dell'Africa dalla sovrastruttura economica e culturale che, attraverso l'Occidente, ha preso in ostaggio da secoli il continente nero. Una condizione di cattività che oltre alle guerre (quelle più recenti in Libia, in Mali, in Costa d'Avorio) oggi vede l'utilizzo anche degli integralisti islamici di Boko Haram come guardiani, cruenti, nel carcere della globalizzazione.


Proponiamo un documentario estremamente interessante: la storia di Thomas Sankarà, un uomo che, da presidente della sua nazione, ha deciso di decurtarsi lo stipendio, e che pagava personalmente il mutuo della propria casa. Un uomo che ha deciso di processare i corrotti, di abolire i privilegi della casta, di sostituire le auto ministeriali con normali autovetture. Un uomo che ha cercato di combattere il Fondo Monetario Internazionale, che ha nominato a ministro le prime donne africane nella storia, che ha provato a nazionalizzare le risorse del proprio paese, che ha combattuto per raggiungere la "sovranità alimentare" della sua nazione, che aveva capito come l'unica strada per la libertà di un popolo sia quella di uscire dalla schiavitù del debito. Ed è anche la storia di come quest'uomo sia stato eliminato dalla CIA e dai servizi francesi, perchè ritenuto troppo pericoloso per i colonialismo occidentale in Africa. (Ricordiamo – incidentalmente – che anche Al-Zawahiri, il braccio destro di bin Laden in Afghanistan, è un famoso "evaso" di lusso. Coincidenze?)

 

 

Fonte: luogocomune.net
Fonte del video: youtube.com

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Le forze speciali dietro le bombe di Boston?

4chan ThinkTank – Imgur. Questi due uomini, visti al traguardo della maratona di Boston poco prima delle esplosioni, indossano stivali militari per il deserto (foto...

Invalida l’ipoteca di Equitalia se l’avviso non indica le modalità per impugnare

Ogni atto notificato al contribuente da parte dell’Agente della riscossione vanno indicati i termini entro cui impugnare l’atto stesso e l’autorità presso cui depositare...

IL TERRORISMO GLOBALE NON C’È PIÙ: IL CERVELLO HA CONFESSATO di Maurizio Blondet

«Sono responsabile dell’operazione dell’11 Settembre dalla A alla Zeta»: finalmente il cervello di Al Qaeda ha confessato. Spontaneamente. A Guantanamo. In udienza a porte...

Da Molin: niente referendum nelle colonie Usa di Marco Cedolin

Un paio di giorni fa il Commissario di Governo Paolo Costa annunciava formalmente la cessione dell’area dell’aeroporto Tommaso Dal Molin agli americani, senza curarsi...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube