fbpx
mercoledì - 29 Maggio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

TUTTO IN UNA NOTTE di Tom Bosco

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

La grande Tartaria

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

ALL’ATTACCO!
Morte ai giornalisti di
sinistra
NON DIFFONDETE BUGIE!!!

esauriente e credibile
sull’accaduto,
vi dirò che un ex ufficiale dell’intelligence USAF (l’aviazione militare
statunitense), tale Jerry Freisa, ha dichiarato che Giuliana Sgrena
era un
obiettivo militare:

“Il
generale dell’esercito
George Casey, massima autorità militare in Iraq, ha dichiarato
come agli Stati
Uniti non risulta che gli ufficiali italiani avessero avvisato per
tempo sul
percorso del veicolo adoperato da Nicola Calipari e Giuliana Sgrena.
Come ex
ufficiale di intelligence, trovo questa affermazione assolutamente
ridicola. In
base alle capacità di raccolta di intelligence persino di
trent’anni fa, è
ragionevole presumere che gli USA intercettassero tutte le
comunicazioni
telefoniche tra gli agenti italiani in Iraq e Roma, monitorassero tale
traffico
in tempo reale e sapessero in ogni istante con precisione dove fosse il
veicolo
della Sgrena,
anche senza preavviso da parte degli ufficiali italiani.”

Freisa
ritiene che la
giornalista fosse considerata un obiettivo militare a causa delle
informazioni su
Falluja raccolte durante la sua permanenza in Iraq, con particolare
riguardo
alle armi proibite utilizzate in quella città dalle forze armate
statunitensi…

Sia quel
che sia, non
mancano certo altri spunti interessanti: secondo alcune voci non
verificabili,
fatte circolare nell’ambito di un’organizzazione chiamata
GATA (Gold Anti-Trust
Action Committee), la Russia si starebbe preparando ad una guerra in
appoggio
alla Siria e all’Iran, quest’ultimo sostenuto anche dalla Cina, e tra i
vari
preparativi avrebbe cominciato a vendere il proprio petrolio in euro
piuttosto
che in dollari, iniziativa che sarà ripresa anche da altri
paesi, innescando di
fatto una grave crisi economica negli USA. Malesia e Cina stanno per
disfarsi
di notevoli quantitativi di riserve in dollari, e presumibilmente anche
altri
paesi asiatici faranno lo stesso. Comunque sia, gli USA si starebbero
preparando ad attaccare Siria ed Iran, ma essendo a corto di truppe,
verrà
ripristinata la leva obbligatoria. Stando a queste voci, l’Iran
disporrebbe di
armi nucleari sin dal 1991. Per carità, tutto è
possibile, però quest’ultima
informazione la prenderei con le pinze.

Di fatto,
la portaerei
Roosevelt
sta attraversando l’Atlantico, apparentemente in rotta
verso il
Mediterraneo, e la Vinson quello Indiano verso il Medioriente, dove ben
presto
si troveranno ben tre portaerei di squadra, con relativa flotta al
seguito.
Venti di guerra? Staremo a vedere.

E per
finire, fra le varie
bizzarrie che imperversano in tutto il mondo, questa che vi vado a
segnalare è
piuttosto interessante.

I
residenti nello stato di
Washington, la notte del 12 marzo hanno osservato una grossa palla di
fuoco
illuminare il cielo. Migliaia di loro, abitanti a Seattle, si sono poi
ritrovati al buio in quanto mancava la corrente elettrica e quella
stessa
notte, nella zona di Olympia è stata registrata una piccola
scossa tellurica,
pari a 3,3 gradi della scala Richter. Dato che la scienza convenzionale
non
spiega come questi eventi possano essere collegati tra loro, qualcuno
ha tirato
in ballo la fisica del plasma e il fatto che i meteoriti in
realtà siano un
fenomeno di natura elettrica. Si tratta di una controversa ma
affascinante
ipotesi scientifica, della quale se siete interessati potrete leggere
sul
prossimo numero di NEXUS (55) nell’articolo intitolato “L’Universo
Elettrico”.

Alla
prossima.
Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

11 SETTEMBRE: NON E’ STATO BIN LADEN di Andrea Franzoni

{mosimage}La convinzione che Osama Bin Laden sia il responsabile degli attentati dell’11 settembre è radicata nel conscio e nell’inconscio delle persone come poche altre cose. E’...

IL FALÒ DELLE BANALITÀ di Eugenio Benetazzo

Le emittenti nazionali fanno ormai a gara ad organizzare nei loro palinsesti la tal puntata di turno incentrata sulla crisi finanziaria...

Io, pacifista alla Gino Strada di Vauro

Interventista umanitario da prima linea o prossimo leader politico girotondista-cofferatiano?...

Lettere dal sottosuolo

Molti appaltatori ed insider dell’ambiente militare affermano che gli USA ed altri paesi hanno costruito basi sotterranee e subacquee segrete, forse per garantirsi la...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube