martedì - 29 Novembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Una foto vale piu’ di cento parole di Paolo n.

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Kirk Douglas, Trumbo e JFK: Quando i patrioti di Hollywood resistettero al Deep State

Negli ultimi decenni, salvo poche eccezioni, Hollywood (proprio come gran parte dei media mainstream) è diventata una branca della CIA e del più ampio...

Sull’immigrazione

La guerra elettrica

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,830IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

quotidiano “STAMPA SERA”, per la precisione il numero 167 (anno 101) di Lunedi 21 – Martedi 22 Luglio 1969.

Dove (a parte la prima riga riguardante un’ “Offensiva del
caldo: 34 gradi a Torino…” che aveva attirato la mia attenzione)


A tutta pagina vi e’ un articolo riguardante l’atterraggio sulla
Luna, con tanto di foto del LEM sulla superficie lunare.


ù

Questa
foto, mi aveva incuriosito gia’ la prima volta che la vidi, non piu’
con gli occhi di bambino (nel 1969 avevo solo 4 anni ed a malapena
sapevo cosa fossero la Luna e le stelle) negli anni 80, quando
comincio’ la mia passione per l’aviazione e l’astronautica con I
voli dello Space Shuttle (tuttoggi lavoro in un’azienda italiana
Leader nel settore).


Non riuscivo a capire a cosa potesse servire quella struttura che si
vede intorno al LEM, e perche’ tutte le foto dei LEM (comprese quelle
che riguardano il primo allunggio) mostrassero una navicella tanto
differente da quella mostrata nella foto sulla “STAMPA SERA”.

Durante questi anni, ogni tanto mi capitava sottomano quella pagina e
quella foto; e, vista la mia esperienza lavorativa nel settore, non ho
mai potuto fare a meno di pensare al fatto che quella struttura fosse
una imbragatura di sostegno per il LEM.

Tale imbragatura in “gergo” viene chiamata MGSE (Mechanical Ground
Support Equipment), ovvero un equipaggiamento che serve a sollevare il
satellite, per movimentarlo, durante le attivita’ lavorative intorno
ad esso.


Ma, ovviamente, che senso poteva avere nella foto dell’atterraggio
sulla luna….. cosi’ mi convinsi che, probabilmente, nel primo
modello del LEM, il sistema di sollevamento era integrato con la
navicella e che quindi era logico che fosse presente nella foto.

Non solo, ma, poiche’ nelle foto successive non si vedeva, sicuramente
era stato rimosso dopo l’atterraggio, in modo da liberare il modulo
abitato per il successivo rientro.

Inoltre, il LEM (presente nella foto incriminate), strutturalmente, e’
diverso da quelli ai quali siamo abituati; questo mi face pensare ad una
foto fatta da qualche angolature differente.

Comunque, come spesso accade, non ci diedi mai molto peso, poiche’ non
avevo modo di dubitare del fatto che tre uomini fossero sbarcati sulla
Luna (nonostante il film “Capricorn One” abbia cercato di insinuare
qualche sospetto).

Oggi, avendo, qualche ora di relax, mi sono
divertito a navigare nella rete senza una meta precisa.


Stavo cercando qualche nuovo articolo sulle “OOPARTS”, quando mi
sono imbattuto in un sito sui misteri e nel quale si parlava del famoso
allunaggio statunitense sul nostro Satellite.


Tra i vari links, presenti nel sito, ne ho aperto a caso alcuni e tra
essi il seguente…


http://www.geocities.com/apolloreality/

Sorpresa….


Leggendo e scorrendo le immagini, presenti nella pagina, ad un tratto la
seguente foto mi ha colpito non poco:





C’era
qualcosa di famigliare …. che non riuscivo a focalizzare….


Poi le successive:

Nonostante
fosse la prima volta che vedevo queste pagine, il soggetto delle foto lo
avevo gia’ visto… ma dove ???


E poi, il colpo di fortuna…. apro l’armadio dove tenevo la copia
della “STAMPA SERA” ed eccolo li’….


IL
LEM CON L’IMBRAGATURA DI SOLLEVAMENTO !!!!!


Ora a voi le conclusioni….


Certo la diatriba rimane sempre aperta: siamo andati sulla Luna o no?


A vedere certe fotografie, che dovrebbero essere “ufficiali”,
palesemente prese in studio, come quella sulla prima pagina della
”STAMPA SERA” si direbbe di no.



Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Lettere dal terremoto: ho visto l’Aquila di Andrea Gattinoni

Lettera a mia moglie scritta ieri notte Ho visto l’Aquila. Un silenzio spettrale, una pace irreale, le case distrutte, il gelo fra le rovine....

Cuoi e buoi dei paesi tuoi – di Eugenio Benetazzo

Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar. Chi non l'ha sentita canticchiare almeno una volta nel corso della sua vita, un...

Covid-19: stigmatizzare i non vaccinati non è giustificato

Negli Stati Uniti e in Germania, funzionari di alto livello hanno usato il termine pandemia dei non vaccinati, suggerendo che le persone che sono...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube