fbpx
lunedì - 27 Maggio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Un tentativo di assassinare Putin per provocare un’escalation furiosa… a beneficio di chi?

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

1° maggio: la Rivoluzione rovesciata

Il primo maggio si festeggia la festa dei lavoratori o Festa del Lavoro, per ricordare le conquiste in materia di orario, di retribuzione e...

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Proprio mentre il pubblico occidentale sta diventando sempre più scettico nei confronti della guerra per procura guidata dagli Stati Uniti contro la Russia e del folle aiuto militare e finanziario che viene pompato per sostenere il regime corrotto di Kiev, assistiamo a un audace attacco di droni assassini al Cremlino.

La Russia ha definito un atto di terrorismo uccidere il presidente Vladimir Putin. Il Cremlino ha anche puntato il dito contro Washington per aver organizzato l’attentato e contro il regime di Kiev per averci dentro le mani.

La Casa Bianca nega qualsiasi ruolo americano nel raid aereo così come il presidente ucraino Vladimir Zelensky. I media occidentali stanno riportando affermazioni secondo cui la Russia potrebbe aver effettuato un attacco terroristico sotto falsa bandiera contro se stessa per giustificare l’aumento della forza militare in Ucraina. Tali affermazioni fanno eco a quelle avanzate in precedenza dall’Occidente sulla Russia che ha fatto saltare in aria i gasdotti Nord Stream sotto il Mar Baltico lo scorso settembre. In entrambi i casi, l’idea di attacchi sotto falsa bandiera russi sembra assurda.

La Russia rischierebbe davvero di apparire incompetente organizzando un’audace incursione aerea sulla sede del potere politico nella sua capitale?

Due piccoli veicoli aerei senza equipaggio sarebbero stati abbattuti sul Cremlino nelle prime ore di mercoledì. Difficilmente avrebbero potuto rappresentare una seria minaccia per uccidere Putin nella sua residenza ufficiale, quindi, si può escludere che fosse un realistico tentativo di assassinio. Il Cremlino ha detto che Putin non era nemmeno nell’edificio in quel momento.

Tuttavia, il semplice fatto che droni esplosivi penetrino attraverso le iconiche mura del Cremlino e prendano di mira il Palazzo del Senato è certamente una provocazione oltraggiosa. Si può affermare che questo atto provocatorio di per sé fosse lo scopo principale.

La risposta iniziale di Mosca è stata che avrebbe reagito di conseguenza in un momento a sua scelta. Ci sono molte voci che chiedono alla Russia di uccidere Zelensky. Una reazione furiosa della Russia è comprensibile, ma è prudente?

Sembra molto pertinente che ci sia un crescente scetticismo e persino disgusto tra il pubblico occidentale per la guerra per procura guidata dagli Stati Uniti in Ucraina. I sondaggi mostrano un numero crescente di americani critici nei confronti degli “assegni in bianco” che Washington lancia come un marinaio ubriaco al regime di Kiev. Anche in tutta Europa le persone sono irritate dal denaro illimitato che inonda una cabala corrotta e dal pericolo sconsiderato di incitare una guerra a tutto campo tra NATO e Russia che potrebbe precipitare in un armageddon nucleare. Questo mentre i lavoratori occidentali vengono trascinati nella povertà e nella miseria sociale.

La “cresta” da centinaia di milioni di dollari da parte di Zelensky e dei suoi compari a Kiev sta minando la tolleranza pubblica occidentale nei confronti di questo conflitto completamente inutile. La guerra è sempre più vista come un racket per il complesso militare-industriale americano, un racket in cui Zelensky e i suoi simili si abbandonano alla loro malversazione e furto di denaro dei contribuenti occidentali.

Il conflitto ucraino viene palesemente alimentato all’infinito. C’è uno sfacciato ripudio da parte di Washington e dei suoi tirapiedi europei di qualsiasi soluzione diplomatica. Una soluzione diplomatica è stata evitata fin dall’inizio, quando le ragionevoli preoccupazioni sulla sicurezza della Russia e l’offerta di dialogo nel dicembre 2021 sulla NATO e l’Ucraina sono state respinte con arroganza dall’amministrazione Joe Biden.

Il racket della guerra è troppo redditizio per l’industria del Pentagono e le sue consociate aziende europee di armi.

Ma la narrativa della propaganda occidentale di “difendere l’Ucraina per tutto il tempo necessario” si sta esaurendo per il consumo da parte del pubblico. Il regime di Kiev sta bruciando le chiese, reprimendo spietatamente le voci politiche e mediatiche dell’opposizione, glorificando i nazisti e picchiando i propri cittadini per le strade nella coscrizione forzata per l’esercito.

Vladimir Zelensky è visto come un personaggio equivoco la cui ciotola per l’elemosina di più armi e fondi è un buco nero.

Senza il sostegno pubblico (o l’ignoranza) in Occidente, l’intera guerra per procura guidata dagli Stati Uniti contro la Russia si scolla. Le elezioni presidenziali americane si avvicinano e la debacle ucraina potrebbe diventare un fattore decisivo per gli elettori.

Per salvare la traballante situazione, quindi, cosa c’è di meglio che la Russia sferri un attacco per uccidere Zelensky? Un tale evento verrebbe sfruttato fino allo sfinimento dai docili media occidentali come “prova della barbarie russa”, dando così alla guerra per procura della NATO in Ucraina una nuova prospettiva di vita e, cosa più importante, al racket delle armi una nuova accelerazione.

Il deep state americano, la CIA e l’oligarchia aziendale del Pentagono sarebbero l’agenzia più plausibile come autore dell’attacco di droni al Cremlino, proprio come accaduto con l’esplosione degli oleodotti Nord Stream. Tecnicamente e militarmente, questa fazione ne ha le capacità. Proprio come i diversivi mediatici sugli agenti militari ucraini responsabili del sabotaggio del Nord Stream, è dubbio che il regime di Kiev avrebbe potuto portare a termine l’attacco al Cremlino, da solo.

La tempistica dell’attacco al Cremlino indica un grande calcolo per incitare una reazione selvaggia dalla Russia. Arriva pochi giorni prima della parata annuale del Giorno della Vittoria del 9 maggio nella Piazza Rossa per commemorare la sconfitta della Germania nazista nel 1945. L’ultima volta che il Cremlino è stato attaccato in un raid aereo è avvenuto nel 1942 durante l’invasione di Hitler. Aggiungiamo all’incitamento che il presidente Putin è stato preso di mira.

Probabilmente, la Russia dovrebbe spingere per sconfiggere il regime di Kiev sostenuto dalla NATO. Più a lungo sopravvive quel regime, maggiore è il pericolo per la Russia, derivante dall’instabilità incontrollata al suo confine. Ma eliminare lo spregevole Zelensky e i suoi compari in un sanguinoso assassinio? Una tale reazione potrebbe essere proprio ciò che vogliono i suoi burattinai americani.

Fonte originale: https://thealtworld.com/finian_cunningham/assassination-bid-on-putin-to-provoke-furious-escalation-for-whom?utm_source=substack&utm_medium=email

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Il “tour delle armi” di Zelensky mostra che l’appetito Occidentale per l’escalation in Ucraina non è affatto soddisfatto

MOSCA, 16 maggio. /TASS/. L'ultimo "tour delle armi" del presidente ucraino Vladimir Zelensky ha rivelato che l'Occidente, e la Gran Bretagna in particolare, sono...

Testa e croce

tutto il mondo, si è rivelato una bufala architettata dallo stesso “decapitato”, in realtà un giovane statunitense che ha voluto dimostrare quanto sia facile costruire false decapitazioni (e chissà cos’altro,...

La tettonica di espansione della Terra (2/2)

La seconda parte dell'articolo di James Maxlow, pubblicato originariamente su NEXUS New Times n.87 (per leggere la prima parte clicca qui).   Antica biogeografia Su una Terra...

Meteorologi e ministri: contradddizioni insanabili dei negazionisti delle scie chimiche – pt. I e II

PARTE I Il colonnello De Simone il 19 marzo del 2008 è apparso in televisione nel corso di una puntata della trasmissione Voyager (registrata in...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube