domenica - 4 Dicembre, 2022

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Un’anatomia dell’egemonia globale dell’America: cosa ha portato al suo incredibile successo e cosa Causerá il suo inevitabile declino

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Articoli più letti

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
8,870IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:
Qiao Liang è un ex maggiore generale dell'Aeronautica militare dell'Esercito popolare di liberazione, divenuto famoso nel 1999 con il libro "Guerra senza restrizioni" scritto insieme al suo collega Wang Xiangsui. I media occidentali hanno immediatamente presentato lo studio come l'araldo di un nuovo tipo di guerra condotta dalla Cina contro l'America. Gli autori hanno affrontato il concetto di guerra asimmetrica contro un nemico più forte, prefigurando eventi futuri come l'attacco dell'11 settembre. Qualche anno fa Qiao scrisse un nuovo libro, “L'Arco dell'Impero”, tradotto ora per la prima volta fuori dalla Cina in italiano. Lo studio è curato dal tenente generale italiano in pensione Fabio Mini, comandante della KFOR a guida NATO in Kosovo dal 2002 al 2003. Mini ha inoltre introdotto in Italia “Unrestricted Warfare”, la sua prefazione italiana è ora tradotta nell'ultima edizione cinese. Il nuovo lavoro di Qiao è uno studio sulla superpotenza americana. Spiega il suo incredibile successo e le ragioni del suo inevitabile declino. Secondo Qiao, gli Stati Uniti hanno superato la logica colonialista imperiale dell'impero britannico del XIX secolo adottando un sistema rivoluzionario di dominio economico, che ha raggiunto il suo apice con gli accordi di Bretton Woods del 1971. Il potere del dollaro come valuta universale sostiene il primo impero finanziario della storia. La città dei padri pellegrini sulla collina amata da Reagan, l'immagine dell'eccezionalismo americano è, in realtà, La zecca sulla collina. Con questa "economia finanziaria coloniale", la ricchezza americana viene pagata dal resto del mondo. Qiao scrive che le “guerre senza fine” del Pentagono sono progettate per garantire “non solo che i dollari fluiscano senza intoppi fuori dal Paese, ma anche che i capitali che si spostano nel mondo tornino negli Stati Uniti”. Abbiamo chiesto al generale Mini di introdurre la concezione di Qiao dell'Impero degli Stati Uniti e del suo declino.
 
Durante una videoconferenza all'inizio di dicembre, il presidente cinese Xi Jinping e il presidente russo Vladimir Putin hanno sottolineato la necessità "di accelerare gli sforzi per formare un'infrastruttura finanziaria indipendente per il servizio delle operazioni commerciali tra Russia e Cina". Pensa che questo sia l'inizio della fine del sistema del dollaro?
Non lo escludo. Considerando che Qiao Liang ha scritto il libro nel 2015, gli va attribuita grande lungimiranza e influenza politica. I due leader sono concretamente interessati a porre fine all'egemonia del dollaro. Come dice Qiao, il declino del dollaro potrebbe segnare l'inizio della fine dell'egemonia economica e geopolitica degli Stati Uniti. Tuttavia, questo non significa che il tentativo avrà successo. Gli americani potrebbero minacciare o attuare ritorsioni, non necessariamente solo commerciali. Per ora, l'intenzione comune di Putin e Xi è di aggirare l'intermediazione del dollaro solo nel loro commercio bilaterale. Ma Cina e Russia dipendono fortemente dalle esportazioni e la credibilità delle loro valute non è così forte. Nonostante le minacce e le sanzioni imposte dagli Stati Uniti al suo commercio, la Cina non ha fretta. Mira a perseguire un accordo internazionale che riconosca almeno altre due valute come riferimento per gli scambi oltre al dollaro: euro e yuan. La Russia è in una situazione diversa: si rende conto che gli Stati Uniti contrastano ogni tentativo di salvaguardare la propria sovranità e interessi regionali. Quindi subisce una triplice sanzione: due in campo economico e una in campo politico. Le risorse di esportazione sono esaurite in quantità e prezzo (a causa della contrazione della domanda). Le sue importazioni sono penalizzate dai prezzi (in aumento per la minore offerta) e dai pagamenti in dollari. La terza, e più importante, è la sanzione politica: sottomettersi a ricatti esterni provoca una perdita di credibilità e influenza. La Russia ha dovuto mordere la pallottola USA-NATO nell'Europa continentale ormai da anni. Il distacco dal dollaro è diventato per Mosca una questione di sopravvivenza politica. Tuttavia, la Russia sa che questa misura è necessaria ma non sufficiente. Il Paese affronta un'offensiva USA-NATO fatta di provocazioni, erosione dei territori, destabilizzazione delle frontiere e sostegno alla sovversione interna che richiede di essere gestita sul piano della sicurezza e della potenza militare. Mentre la Cina crede di avere il tempo per agire sul piano economico e finanziario, la Russia deve dimostrare di saper opporsi a gravi provocazioni anche militarmente. I diversi atteggiamenti russi e cinesi trovano una concordanza di interessi territoriali, economici e geopolitici in Asia centrale, nel settore energetico e nella cooperazione militare-industriale. L'UE potrebbe essere la forza di bilanciamento in questa situazione, anche per Russia e Cina. L'euro potrebbe diventare la nuova valuta equivalente nel mondo. Ma attualmente, la debolezza politica interna dell'Unione, la sua sottomissione agli americani e la delega permanente della sua sicurezza alla NATO stanno rendendo impossibile questo scenario.
 
Il ritorno delle industrie spostate all'estero, evocato per la prima volta dal presidente Obama, appare strutturalmente impossibile. Qiao lo vede come un altro aspetto della decadenza americana. Anche se gli Stati Uniti sperimentano nuovi recuperi, saranno "senza lavoro". L'innovazione tecnologica e la finanza hanno raggiunto “il loro limite energetico”; ci sarà solo un calo d'ora in poi. È un giudizio realistico?
Mi sembra ragionevole, soprattutto per il periodo in cui è stato formulato. Oggi sarebbe forse rivisitato ma non del tutto scartato. Gli Stati Uniti stanno attraversando una crisi dopo l'altra, ma non frenano l'ambizione o l'avventurismo. In effetti, gran parte della produzione è persa per sempre, ma il predominio dell'IT e della tecnologia è ancora forte e quello finanziario è enorme. Il deficit commerciale USA ha due aspetti: favorisce i cinesi e, allo stesso tempo, induce Washington a contenere la Cina. Il deficit manifatturiero può essere compensato dalle esportazioni di tecnologie e dal settore energetico. Da quando è iniziata la morsa americana sulla Russia e sulle sue risorse, gli Stati Uniti hanno moltiplicato le esportazioni di gas verso l'Europa. L'osservazione che qualsiasi ripresa economica sarà “senza lavoro” è corretta per chi pensa al lavoro e all'occupazione come strumenti di crescita e prosperità. Quasi tutto il mondo è d'accordo. Ma anche gli Stati Uniti sono un'eccezione in questo. Hanno abbandonato da tempo l'idea di dare lavoro per aumentare la produzione e non hanno mai detto che la ricchezza dovrebbe essere distribuita meglio. Al contrario, la concentrazione della ricchezza in poche mani ne facilita il controllo e l'utilizzo. Hanno da tempo sostituito i benefici occupazionali con quelli dello sfruttamento e della speculazione. Il lavoro è ormai una rete di sicurezza sociale, proprio come i fondi per la cassa integrazione. La ricchezza e il successo di poche persone sono illusoriamente vissuti come beni collettivi di cui l'intero Paese dovrebbe essere orgoglioso. 
 
Una delle tesi più sorprendenti del libro è che Washington è più interessata a distruggere l'Europa dell'euro che non la Cina. Dalla guerra della NATO alla Jugoslavia all'indomani della nascita della moneta europea nel 1991 all'odierno confronto con Mosca in Ucraina, Washington persegue contemporaneamente l'obiettivo di accerchiare la Russia e danneggiare l'UE con l'aiuto degli stessi europei. La prospettiva di un rapporto economico tra Russia ed Europa, naturalmente favorita dalla geopolitica, viene così distrutta. È una teoria del complotto?
No, è un teorema dimostrato dai fatti. Sulla scia dell'offensiva tariffaria di Trump contro l'Europa, alcuni analisti europei hanno affermato che l'Unione era un'idea degli americani. Quindi gli Stati Uniti non possono volere la sua distruzione. È una falsità storica e un goffo tentativo di rassicurare gli europei quando crescono i dubbi sulla lealtà del loro più grande alleato. L'idea di sostenere la formazione di una sorta di Unione Europea è venuta agli americani quando hanno deciso di lanciare il programma di aiuti del Piano Marshall dopo la Seconda guerra mondiale. Era uno scopo di convenienza: avevano bisogno di una controparte unita per gestire gli aiuti. Inoltre, il timore che l'URSS prendesse il controllo dell'Europa è stata la ragione del sostegno iniziale all'Unione Europea. Washington si è assicurata di fermare qualsiasi iniziativa europea che non fosse a suo vantaggio. Il contrasto è rimasto per tutto il tempo della Guerra Fredda, ma sotto il radar. Apparve chiaro quando il blocco della NATO trasformò la possibile minaccia sovietica di una rappresaglia nucleare contro gli Stati Uniti in una guerra nucleare e convenzionale in Europa. Dopo l'implosione dell'URSS, il contrasto aumentò quando la NATO si assunse il duplice compito di espandersi ad Est e impedire all'Europa di acquisire una capacità di difesa autonoma. Lo stratagemma della NATO fu il programma Partnership for Peace (PFP), che offriva ai paesi non NATO la possibilità di cooperazione militare. Per alcuni anni la Russia, osservatore all'interno della NATO, ha seguito il programma con sospetto. Paesi precedentemente aderenti al Patto di Varsavia hanno aderito all'Alleanza, mentre ad altri è stato offerto di far parte dell'UE come primo passo verso l'adesione. Dall'altra parte del confine, Mosca ha trovato nuovi europei che si opponevano alla Russia e seguivano rigorosamente le direttive americane anti-russe anche a danno del resto dell'Unione. Negli ultimi dieci anni, gli Stati Uniti hanno impedito qualsiasi autonomia europea. Soprattutto, hanno scongiurato la possibilità che l'euro potesse sfidare il dollaro. Per questo l'America non perderà occasione per costringere l'Europa a tagliare le relazioni sia politiche che economiche con Mosca e Pechino. Tali manovre stanno costringendo Russia e Cina ad aumentare la loro potenza militare per spostare lo scontro a livello geopolitico e strategico, dove la deterrenza militare può contenere la minaccia economica. 
 
L'Italia ha una forte dipendenza da Washington e ospita sul suo territorio armi atomiche statunitensi. Ora un fondo americano vuole acquistare la rete di TIM, la più importante azienda di telecomunicazioni del Paese. Sembra un ottimo esempio del saccheggio dei gioielli di famiglia che, secondo Qiao, ciclicamente l'Impero del Dollaro compie a spese del resto del mondo. È così?
Ha ragione nel dire che il dollaro risucchia la ricchezza prodotta dal sudore della gente in cambio di un pezzo di pane. Sostiene che il dollaro non oscilla solo per quanto riguarda la situazione economica o geopolitica, ma segue un andamento ciclico che colpisce l'economia e la geopolitica. Questa brillante intuizione di Qiao è ora un fenomeno verificato da ricercatori giapponesi e cinesi. Questi studi hanno scoperto che l'indice del dollaro varia al ribasso per trentadue mesi e verso l'alto per un periodo equivalente. Il primo intervallo inizia con grandi quantità di denaro che entrano nel mercato finanziario, provocando un calo dei tassi di interesse, un maggiore accesso al credito e una maggiore produttività da parte di coloro che nel mondo hanno approfittato della liquidità. Quindi la ricchezza aumenta e ci sono significativi “boom economici”. Ma questa ricchezza non può essere lasciata nelle mani dei beneficiari. Inizia così l'intervallo in cui il dollaro deve tornare negli Stati Uniti. Il flusso monetario diminuisce, i tassi di interesse aumentano, i titoli americani diventano redditizi e nuovi investimenti affluiscono alle società statunitensi. Il “ciclo del dollaro” si completa in 65 mesi, durante i quali gli USA traggono profitto sia dalle “montagne russe” imposte alla finanza globale, sia dalla speculazione basata sul ritorno del capitale. Ma non dobbiamo farci illusioni, l'appropriazione della ricchezza altrui non è una caratteristica esclusiva del dollaro americano. Le grandi multinazionali cinesi stanno seguendo da vicino o forse hanno già superato le multinazionali statunitensi nell'accaparrarsi le risorse e il lavoro degli altri. Ma, anche accettando la proposta di Qiao Liang di stabilire un regime globale basato su tre valute di riferimento: dollaro, euro e yuan, il saccheggio economico non sarebbe né ridotto né eliminato. Quindi la vera natura del problema non è la moneta ma chi ne garantisce la convertibilità e la stabilità. Secondo Qiao Liang e molti altri, a fornire queste garanzie per il dollaro è un Paese che vive oltre le proprie capacità, non ammette concorrenza, esercita l'assolutismo politico. Per mantenere il proprio stile di vita, gli Stati Uniti non si fanno scrupoli a prevaricare, prevenire lo sviluppo degli altri, muovere guerra a tutti, nemici e amici, alleati e oppositori. Qiao individua nell'egemonia del dollaro la chiave per smantellare questo potere con i mezzi finanziari e le potenzialità di Internet. Il generale cinese è sbalordito da come gli Stati Uniti esercitano la loro egemonia globale: convincendo il mondo che i paesi minacciosi e guerrafondai sono la Russia e la Cina e non loro.
 
Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

I misteri dell’Iraq

Partiamo dall’incredibile affermazione che ha fatto il 30 settembre scorso il ministro dei trasporti irakeno durante una conferenza stampa per l’inaugurazione di un aeroporto...

Nexus 140: l’editoriale di Tom bosco

 5G e Intelligenza Artificiale, il futuro è ora Al giro di boa di questo nr. 140 e di questo 2019, tirando le somme, desidero innanzitutto...

Il Paese sceglie la dittatura

IL PAESE SCEGLIE LA DITTATURA: ampio consenso trasversale si raccoglie intorno alla riforma del potere contenuta nel combinato NuovoSenato-Italicum. Bisogna prendere atto della realtà:...

Mossad: dilettanti allo sbaraglio? – di Massimo Mazzucco

Sembra che il Mossad si sia fatto prendere col sorcio in bocca. I professionisti per eccellenza delle “covert operations”, i maestri a...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Le potenzialità del nostro cervello

0
Grazie alle neuroscienze, oggi possiamo governare meglio le nostre emozioni, soprattutto nelle relazioni interpersonali.A ribadirlo con straordinaria autorevolezza sarà ancora una volta il Dott....

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube