fbpx
giovedì - 18 Aprile, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

Un’epidemia globale di demielinizzazione?

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Manipolazione della storia e delle menti

La storia la scrivono i vincitori, quindi è sempre diversa dalla realtà? Ne parliamo con Teodoro Brescia Dottore di ricerca, docente e scrittore e autore del libro...

Articoli più letti

Sai (Stratospheric aerosol Injection) for Climate Engineering: un’alternativa alle scie chimiche?

Vere scie di condensazione  di uno stormo di B-17F – le "Fortezze volanti" dell'USAF – sui cieli d'Europa durante la Seconda Guerra Mondiale (USAF photo, riportata...

Sull’immigrazione

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Il puzzle del Lungo COVID tiene prigioniero il mondo ormai da quasi tre anni. Personalmente credo che sia un grande disservizio per la scienza e per coloro che soffrono di Long COVID che la condizione non venga discussa pubblicamente. Né la sua diffusa prevalenza viene riconosciuta in modo significativo dalle organizzazioni sanitarie mondiali e nazionali.

Seguendo il corso del mio lavoro precedente, i lettori del mio Substack sanno che credo che la Proteina Spike sia un seme proteopatico invasivo capace di disgregare, distruggere e indurre prionopatie cellulari.

Se guardiamo al virus dell’epatite del topo (anche un coronavirus) c’è un altro aspetto delle capacità invasive della Spike che diventa subito evidente.

Gli studi che impiegano virus ricombinanti con una glicoproteina spike modificata (S) di MHV-JHM hanno identificato il gene S come un importante determinante della neurovirulenza.

Patogenesi dell’infezione acuta e cronica del sistema nervoso centrale con varianti del virus dell’epatite murina, ceppo JHM
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7090838/

Forse l’esito più inquietante di questa neurovirulenza è l’induzione di una malattia demielinizzante cronica. La patogenesi di questa malattia demielinizzante va di pari passo col SARS-CoV-2.

Risposte immunitarie antivirali parzialmente protettive possono provocare un’infezione persistente e una malattia demielinizzante cronica caratterizzata dalla rimozione della mielina dagli assoni del SNC e associata a una densa infiltrazione di macrofagi/microglia. La malattia demielinizzante durante l’infezione da MHV-JHM è immuno-mediata, poiché i topi privi di linfociti T non riescono a sviluppare la malattia nonostante soccombano all’encefalite con alti livelli di virus infettivo nel sistema nervoso centrale. Tuttavia, la presenza di linfociti T o di anticorpi antivirali può indurre la malattia nei topi immunodeficienti infetti. I meccanismi con cui questi effettori immunitari inducono la demielinizzazione condividono la capacità di attivare e reclutare macrofagi e microglia, aumentando così il ruolo putativo di queste cellule nella distruzione della mielina.

Patogenesi dell’infezione acuta e cronica del sistema nervoso centrale con varianti del virus dell’epatite murina, ceppo JHM
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7090838/

Analizziamolo. Il primo punto culminante non ha bisogno di commenti.

Risposte immunitarie antivirali parzialmente protettive possono causare infezioni persistenti e malattie demielinizzanti croniche…

Ugualmente, se non più inquietante, è il fatto che GLI ANTICORPI VERSO LA SARS-COV-2 (SPIKE) STESSI possono indurre la malattia. Il documento afferma che ciò accade nei topi immunodeficienti. Tuttavia, questo è SARS-CoV-2 e dobbiamo determinare se l’immunodeficienza è ancora “richiesta”. Tuttavia, non credo che lo sia, in quanto è LA PROTEINA SPIKE DEL SARS-COV-2 STESSA AD ATTIVARE LA MICROGLIA.

Ruolo dell’attivazione indotta dalla proteina Spike SARS-CoV-2 di microglia e mastociti nella patogenesi del neuro-COVID
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC10001285/

Già due anni fa, è stato osservato che la risposta immunitaria al SARS-CoV-2 può indurre la demielinizzazione. Quindi, sono quasi certo che stia accadendo. Probabile anche nei casi asintomatici.

Demielinizzazione come risultato di una risposta immunitaria in pazienti con COVID-19
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8088756/

Se si pensa a Long COVID, dovrebbe venire subito in mente la demielinizzazione.

Umore e pensiero

Potrebbero esserci cambiamenti nell’umore associati alla demielinizzazione, come molti che soffrono di depressione, ansia e irritabilità.

Potrebbero anche esserci problemi con il pensiero come problemi di memoria e perdita di concentrazione, con alcuni che impiegano più tempo per elaborare i propri pensieri.

Pressione sanguigna e cuore

In alcuni casi, la demielinizzazione può comportare che le persone abbiano un controllo più scarso sulla pressione sanguigna, oltre ad avere un battito cardiaco accelerato o palpitazioni senza causa apparente.

Demielinizzazione: sintomi, cause, diagnosi, trattamento
https://www.simplypsychology.org/demyelination.html

Inoltre, la demielinizzazione può essere la causa delle morti improvvise per miocardite non acuta.

Questi due esempi possono suonare fin troppo familiari.

Si stava prendendo in considerazione una diagnosi di sclerosi multipla e una diagnosi differenziale di spettro del disturbo della neuromielite ottica. Le era stato fissato un appuntamento in clinica per discutere la diagnosi e le opzioni terapeutiche. Nessun trattamento era stato ancora iniziato. Tuttavia, ha sviluppato un’improvvisa insorgenza di mancanza di respiro mentre era a casa ed è morta in ambulanza mentre si recava in ospedale.

La nostra diagnosi di lavoro era la sclerosi multipla con una diagnosi differenziale di spettro del disturbo della neuromielite opitica. Non siamo riusciti ad associare la sua neuropatia periferica a nessun altro disturbo. Ha sviluppato un’improvvisa insorgenza di mancanza di respiro ed è stata ricoverata all’ospedale più vicino alla sua residenza. La paziente ha sviluppato un arresto cardiorespiratorio ed è morta dopo una rianimazione fallita.

Morte improvvisa nei disturbi demielinizzanti
https://medcraveonline.com/JNSK/sudden-death-in-demyelinating-disorders.html

La proteina Spike invasiva sta infatti inducendo anticorpi parzialmente protettivi. Date le somiglianze schiaccianti con MHV, credo che dobbiamo sforzarci di scoprire se, davvero, ci troviamo nel mezzo di una catastrofica epidemia di demielinizzazione globale.

Fonte: https://wmcresearch.substack.com/p/a-global-demyelination-epidemic

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

Febbre suina del 1976 e vaccinazioni forzate: la storia si ripete – di Francesco Colafemmina

La febbre suina del 1976 è un episodio racchiuso negli archivi della storia delle presunte pandemie. Questo ceppo influenzale appariva stranamente molto simile alla...

Zika: analisi di una propaganda

L’allarme dato dall’OMS sulla perniciosità e diffusività del virus Zika, deve destare sospetto negli osservatori più smaliziati e dotati di normali capacità mnemoniche. Non...

Il “Memo di Simpsonwood”: la pistola fumante sui vaccini al mercurio – di M. Mazzucco

Il dibattito sui vaccini è tornato sulle prime pagine di tutto il mondo con l’accusa di “falso” del BMJ alla famosa ricerca di Andrew...

ANFETAMINE AI BAMBINI. STUPEFACENTE? di Davis Fiore

Come si può dare una sostanza stimolante, dagli effetti simili a quelli delle droghe pesanti, a un bambino?In base alle norme vigenti (legge Fini-Giovanardi)...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube