fbpx
lunedì - 22 Luglio, 2024

Dal 1995 l'Informazione libera ed indipendente

Elevate your accessory game with OpClock's premium selection of Rolex Replica and meticulously designed replica watches. Explore now and redefine luxury.

‘Waging Peace’: come un tour in Russia mi ha mostrato che la propaganda perverte la realtà nella mente degli americani

Data di pubblicazione:

Ultimi articoli

Nexus New Times # 165

NEXUS New Times Nr.165, atteso come sempre, è ora disponibile! Non possiamo, in questo preciso momento storico, ignorare l’incalzare della tematica bellica. E non ci riferiamo...

Articoli più letti

Sull’immigrazione

La notte di capodanno del 31 dicembre 2015 a Colonia circa un migliaio di arabi ha molestato, aggredito e derubato centinaia di donne tedesche...

Social Network

21,000FansMi piace
5,000FollowerSegui
10,600IscrittiIscriviti
spot_img
Condividi l'articolo:

Alla fine di aprile, io e mia figlia Victoria siamo partiti dall’aeroporto JFK di New York, diretti alla città siberiana di Novosibirsk, la prima destinazione di quello che sarebbe stato un tour della Russia di 26 giorni e 12 città.

Mentre lo scopo ufficiale della visita era il lavoro (stavo promuovendo il mio libro, Disarmament Race, che è stato pubblicato in lingua russa dalla casa editrice Komsomolskaya Pravda), lo scopo non ufficiale – e per me più importante – della visita era un’opportunità per capire meglio la Russia di oggi. Per fare questo, avrei scavato più a fondo nella storia russa, avrei compreso meglio la cultura e, nel frattempo, avrei cercato di comprendere l'”anima russa” nel modo più preciso possibile.

Dal mio punto di vista, entrambi gli obiettivi sono stati raggiunti. Sono propenso a credere che Komsomolskaya Pravda sia stata soddisfatta dei risultati di un tour che ha ottenuto una copertura mediatica positiva, ha portato a eventi ben frequentati che comportavano vigorose sessioni di domande e risposte e, secondo quanto riferito, ha portato alla tiratura iniziale di 10.000 libri esauriti in pochi giorni. Attraverso la considerevole interazione che ho avuto con russi di ogni ceto sociale, sono arrivato a una visione più profonda della complessità di ciò che riguarda la moderna nazione russa intorno al 2023. Tuttavia, il cercare una definizione articolabile dell’anima russa – se davvero possibile – richiede un’introspezione più profonda nella pletora di dati ed esperienze acquisite durante questo viaggio rispetto a quanto consentito dal passaggio di diversi giorni e va oltre lo scopo di questo articolo.

Sono partito per questa avventura pienamente consapevole dell’esistenza di una pandemia informativa in America nota come russofobia, e ho sempre creduto di essere realista riguardo alle sfide che avrei dovuto affrontare nel tentativo di convertire la mia esperienza russa in un vaccino basato sui fatti, per contrastare questa malattia della mente americana. Tuttavia, la portata degli ostacoli che immaginavo di dover superare impallidiva in confronto alla realtà che mi colpì letteralmente mentre scendevo dall’aereo sulla via del ritorno a casa, quando io e Victoria fummo entrambi trascinati fuori dal controllo passaporti per un’ora di interrogatorio da parte di investigatori della dogana e della protezione delle frontiere, specializzati in viaggiatori provenienti da nazioni designate come la Russia.

Inizierò sottolineando che il trattamento che mia figlia e io abbiamo ricevuto è stato professionale e cortese. Capisco la realtà politica dei tempi in cui viviamo e la necessità percepita di interrogare i cittadini statunitensi che si recano in Russia mentre le relazioni tra le nostre due nazioni sono ai minimi storici. La mia preoccupazione non è nello svolgimento dell’interrogatorio, ma piuttosto nella sostanza delle informazioni fondamentali su cui si basavano le domande che mi venivano poste. Come ha ammesso l’ufficiale del CBP, aveva intervistato centinaia di russi dopo l’inizio dell’operazione militare in Ucraina nel febbraio 2022. L’immagine che aveva della Russia era singolarmente radicata nella prospettiva dei dissidenti politici che avevano a che fare con il presidente Vladimir Putin , e la narrativa che dipingevano sulla Russia era diventata un vangelo per il CBP. Per estensione, aveva fortemente influenzato la valutazione complessiva del governo degli Stati Uniti, dal momento che questi debriefing dei dissidenti costituiscono una delle principali fonti dell’intelligence utilizzata dagli analisti della sicurezza nazionale in tutta la comunità dell’intelligence americana.

In breve, il mio interrogatorio è diventato rapidamente un dibattito tra me da un lato e una combinazione di Alexey Navalny (la figura dell’opposizione russa imprigionata che la maggior parte dei dissidenti russi sostiene, secondo l’ufficiale) e il governo ucraino dall’altro. Praticamente ogni punto che ho sollevato è stato immediatamente definito come “propaganda filo-russa”.  Ho cercato di imprimere all’ufficiale del CBP la realtà della Russia, oggi, in particolare per quanto riguarda sia l’alto livello di sostegno che le critiche di fondo al governo russo sulla campagna militare in Ucraina. Tuttavia, alla fine le mie argomentazioni e i fatti su cui si basavano sono state classificate come “punti di discussione del Cremlino”, non importa quanto ci avessi provato. Ho lasciato l’interrogatorio con una nuova valutazione di quanto siano diventate profondamente radicate nel DNA intellettuale del governo ufficiale degli Stati Uniti le narrazioni di Navalny e dell’Ucraina, e di quanto sarà difficile sradicarle.

Avevo nutrito un minimo di speranza che sarei stato in grado di impegnarmi in modo responsabile con alcuni elementi dei media mainstream sulla mia visita e su ciò che ho vissuto e, così facendo, contribuire a fare breccia nel contrastare la linea ufficiale degli Stati Uniti sulla Russia. Pertanto, quando sono stato contattato da un editorialista locale per il principale quotidiano regionale, l’ho richiamato nella speranza che fosse interessato a scrivere qualcosa che catturasse accuratamente la sostanza e il tono del mio viaggio.

Non nomino né il giornale né l’editorialista, per il semplice fatto che non so se ci sarà un articolo o quale sarebbe il contenuto effettivo. Tuttavia, quello che so è questo: conosceva molte delle interviste che ho rilasciato mentre ero in Russia (sono state pubblicate sui social media statunitensi) e, come tale, era sufficientemente autorizzato a porre domande pertinenti.

Invece, l’editorialista ha cercato di selezionare le dichiarazioni che ho fatto durante queste interviste, prive di qualsiasi contesto fattuale, per dipingermi come uno scemo filo-russo. E quando ho ribattuto, si è poi avvalso della classica tattica di tirare fuori una condanna penale passata come un modo per definire me e, per estensione, il mio viaggio. Questo, a quanto pare, è ciò che passa per giornalismo in America oggi. Spero che gli eventi mi dimostrino che ho torto, ma questo non è il mio primo rodeo mediatico: so come si gioca e come si comportano i giocatori. Purtroppo, ogni speranza che avevo riposto nel raccogliere il sostegno dei media mainstream locali, regionali e nazionali per aiutare a diffondere le mie esperienze, intuizioni e analisi russe in modo accurato ed equo sembra essere stata mal riposta.

Al mio ritorno a casa, sono stato in grado di accedere al mio account di posta elettronica, cosa che non ero in grado di fare mentre ero in Russia, e sono subito incappato in una discussione intramurale tra persone che rispetto, che possiedono un background professionale simile e inclinazioni contro la guerra. Ruotava attorno alla questione se ci fosse qualcosa di più che la Russia, e in particolare Putin, avrebbe potuto fare per evitare una guerra in Ucraina. Alcuni di questo gruppo hanno insistito sul fatto che Putin non aveva altra scelta che agire, mentre altri hanno sostenuto che c’erano sempre opzioni diverse dalla guerra che avrebbero potuto essere perseguite.

Ciò che mi ha colpito di questo dibattito è stata la realtà che, salvo pochissime eccezioni, l’analisi sottostante è stata condotta da un punto di vista americano, con poca o nessuna considerazione di ciò che sarebbe stato politicamente possibile in Russia, o quale fosse il fondamento dei problemi in discussione. L’immagine speculare delle prospettive americane sulla realtà russa ha portato alla creazione di una contro-narrativa che era tanto fondamentalmente imperfetta quanto contestata di fatto. Per coloro che sostenevano che Putin avrebbe potuto evitare la guerra, le loro argomentazioni mancavano di qualsiasi fondamento nella realtà russa o nei fatti del caso.

La mancanza di comprensione di come funziona la Russia ha creato aspettative artificiali sul comportamento russo che, una volta non soddisfatte, hanno generato angoscia tra i partecipanti per le azioni irresponsabili di Putin e del suo governo che a loro volta hanno contribuito ad alimentare una narrativa generale anti-russa. Come ha sottolineato questo dibattito, anche tra le persone ben intenzionate inclini ad avere una mente aperta sul paese, la russofobia e una generale ignoranza della realtà russa creano ostacoli intellettuali precostituiti che sono difficili da superare.

Il sottoprodotto di un approccio così fondamentalmente imperfetto verso la comprensione della Russia è la retorica piena di odio di funzionari come il senatore repubblicano della Carolina del Sud Lyndsey Graham, russofobo da sempre, che ha affermato come i dollari dei contribuenti statunitensi utilizzati per finanziare gli aiuti militari a Kiev sono “la migliore moneta che abbiamo mai speso” e gongolato di come “i russi stanno morendo” nella guerra. In circostanze normali, tale retorica raccapricciante verrebbe apertamente sfidata dalla maggior parte degli americani in quanto non riflette i nostri valori. La russofobia, tuttavia, è una malattia della mente, i cui sintomi sono la cessazione del pensiero razionale.

Il mio lavoro è fatto apposta per me. Sebbene scoraggiato dalle sfide che si sono manifestate immediatamente al mio ritorno, sono ottimista sul fatto che ci riuscirò. Rimango rafforzato e incoraggiato dalla potenza delle impressioni che ho ricavato durante il mio viaggio all’interno della Russia, in particolare dall’entusiasmo delle persone che mi hanno affidato questa esperienza. Sono anche incoraggiato dal supporto che esiste nel mondo dei social media, dove le idee che sfidano la narrativa ufficiale vengono scambiate liberamente, generando uno slancio che ha il potenziale per plasmare le menti e gli atteggiamenti di un numero significativo di miei concittadini americani.

Il tema determinante della mia visita in Russia e del viaggio di educazione e consapevolezza derivato da questo viaggio è “Waging Peace” (condurre alla pace, cercare la pace; NdT). L’assunto di fondo fatto nella scelta di questo tema è che i processi da esso immaginati comportano inevitabili conflitti di natura ideologica. Per prevalere, coloro che sono impegnati in questa campagna dovranno raccogliere tutti i possibili argomenti basati sui fatti per contrastare la narrativa mainstream sostenuta dal governo. Questo tipo di attività non può avvenire nel vuoto, ma piuttosto deve essere radicata nell’antica massima del “conosci il tuo nemico”.

Piuttosto che essere scoraggiato dalla realtà dell’interrogatorio del CBP, dall’inclinazione preconcetta dei giornalisti americani o dalla mancanza di un contesto russo praticabile nei dibattiti e nelle discussioni pertinenti sul paese che si svolgono negli Stati Uniti, in questo momento, sono rafforzato dal fatto che mi sono trovato faccia a faccia con il nemico all’inizio di questa lotta, mi sono familiarizzato con il suo modus operandi e come tale sarò in grado di apportare gli opportuni aggiustamenti nella strategia e nella tattica necessari per prevalere.

La guerra contro la russofobia non sarebbe mai stata facile. Ma per il bene del futuro dell’America, della Russia e del resto del mondo, è una guerra che deve essere vinta. “Waging Peace” non è una causa qualunque, ma bensì una lotta di proporzioni esistenziali.

Vinceremo, se non altro perché la sconfitta non è un’opzione.

L’autore:

Scott Ritter è un ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines che ha prestato servizio nell’ex Unione Sovietica attuando trattati sul controllo degli armamenti, nel Golfo Persico durante l’operazione Desert Storm e in Iraq sovrintendendo al disarmo delle armi di distruzione di massa.

Fonte: https://www.rt.com/russia/577345-russofobia-reality-us-ritter/

Condividi l'articolo:

Potrebbe interessarti anche ...

LA CINA DEPORTA ALTRI TIBETANI di Maurizio Blondet

Ufficialmente, i cinesi giustificano lo spostamento della popolazione con l’intento di avvicinare i pastori e i piccoli contadini alle strade principali, perché abbiano accesso...

Fmi contro Ue: il debito greco va tagliato

L'avevano già detto e ora rincarano la dose. Al fondo monetario non piace la dottrina tedesca e ci si sfila dalle clausole vessatorie imposte...

Ceta: Europarlamento blocca ricorso alla Corte di giustizia, mentre Trump abbandona il TPP (e il TTIP?)

Ultim’ora CETA: l’europarlamento boccia ricorso alla Corte di Giustizia Europea Aggiornato alle ore 21.00 (elenco dei votanti in fondo all’articolo) Protesta contro il CETA a Bruxelles,...

Nuova cosmologia: verso l’infinito e oltre

Il superamento della velocità della luce da parte di alcuni neutrini sparati dal CERN verso i laboratori sotto il Gran Sasso ha scosso alle...

Abbonati a Nexus

Eventi Nexus

Nessun evento futuro al momento.

Eventi Segnalati

Iscriviti alla Newsletter

Rimani sempre aggiornato sul mondo Nexus.

[mailup_form]

Conferma la tua iscrizione tramite la mail che riceverai.

Sostieni Nexus Edizioni

spot_img

YouTube